Piossasco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Piossasco
comune
Piossasco – Stemma Piossasco – Bandiera
Piossasco – Veduta
Vista con la chiesa di San Vito
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Città metropolitanaCittà metropolitana di Torino - Stemma.png Torino
Amministrazione
SindacoRoberta Maria Avola Faraci (coalizione centrosinistra, secondo mandato) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate44°59′N 7°28′E / 44.983333°N 7.466667°E44.983333; 7.466667 (Piossasco)Coordinate: 44°59′N 7°28′E / 44.983333°N 7.466667°E44.983333; 7.466667 (Piossasco)
Altitudine304 (min 260 - max 892) m s.l.m.
Superficie40,15 km²
Abitanti18 346[1] (31-3-2018)
Densità456,94 ab./km²
FrazioniI Galli, San Vito, Garola, Tetti Scaglia, Duis, Abate, Brentatori, Colomba, Lupi, Barboschi, Villaggio Nuovo, Giorda, Maritani, Mompalà, Tetti Olli, Campetto, Rivetta, Generala, Prese, Ciampetto, Gaj, Merlino.
Comuni confinantiBruino, Cumiana, Rivalta di Torino, Sangano, Trana, Volvera
Altre informazioni
Cod. postale10045
Prefisso011
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT001194
Cod. catastaleG691
TargaTO
Cl. sismicazona 3A (sismicità bassa)
Nome abitantipiossaschesi
PatronoMadonna del Carmine
Giorno festivo9 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Piossasco
Piossasco
Piossasco – Mappa
Localizzazione del comune di Piossasco nella città metropolitana di Torino.
Sito istituzionale
Il Monte San Giorgio e Torino sullo sfondo

Piossasco (Piossasch in piemontese) è un comune italiano di 18.346 abitanti della città metropolitana di Torino, in Piemonte.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Adagiato ai piedi del rilievo alpino, che s'incunea nella pianura torinese, a circa 18 chilometri ad ovest dal capoluogo, ha per confini i torrenti Chisola e Sangone. Oltre a questi due fiumi, nel comune scorre il Sangonetto, canale artificiale per il cui sfruttamento ci furono contrasti tra il comune di Piossasco e quello di Trana.

Il monte sovrastante Piossasco è chiamato monte San Giorgio (837 metri s.l.m.), diventato parco provinciale l'8 novembre 2004, e sulla cui sommità si può raggiungere la chiesetta romanica dell'XI secolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio di Piossasco si può riscontrare un clima particolarmente favorevole, grazie al quale, sin dall'età del ferro, è stato possibile lo sviluppo di insediamenti umani. Nel complesso morfologico del monte San Giorgio, della Montagnassa e del monte della Croce sono state individuate fasi di cultura materiale risalenti all'età del ferro e delle incisioni rupestri collocabili tra l'età del ferro e del bronzo. Non sono molte invece, le informazioni sul periodo pre-romano e romano.

Il toponimo deriverebbe dal prediale Platius, accostato al suffisso -ascus, che lo ricondurrebbe ad una presenza di popoli liguri [2]. Note sono anche le varianti Platuaschia, Plazasca, Plosz-ascum, Plosasco, intorno all'XI secolo. Non ci sono testimonianze di influenze celtiche, mentre sappiamo dei primi insediamenti romani nel I secolo da parte delle conquiste dell'imperatore Augusto in Piemonte, con villaggi agricoli popolati dai veterani, in modo tale da accrescerne l'affidabilità dal punto di vista militare e politico. Nonostante si riscontrino numerosi ritrovamenti dell'epoca, non è possibile collegarli a insediamenti ben precisi[3].

Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Più documentata risulta la storia medioevale, grazie ai resti del ricetto e il borgo di San Vito, con la chiesa omonima. Il più noto Castello dei Nove Merli invece, rimanda alla storia feudale del XII secolo-XIV secolo, quando la nobile e potente famiglia Merlo (già originata dai Signori di Moriana) si ramificò in quattro dinastie successive, successivamente in sei e, infine, in nove. Spiccano, in questo periodo, i rami più potenti come i Merlo-Folgore e Merlo-De Rossi (ai quali si deve un'ala del castello, tuttavia mai terminata), mentre le restanti dinastie si allearono successivamente, a difesa dell'intero territorio; questo nome è tuttora presente nello stemma cittadino, che raffigura, appunto, sei merli (intesi come sagome degli uccelli), mentre, in altri simboli araldici, tutti e nove i merli al completo.

La Marsaglia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Battaglia della Marsaglia.

I Signori di Piossasco difesero per secoli il territorio, grazie anche all'appoggio di Casa Savoia, almeno fino al XVII secolo, quando, nonostante l'aiuto delle truppe di Vittorio Amedeo II, l'antica vedetta, detta il Gran Merlone, a guardia del borgo, fu quasi interamente distrutta dall'avanzata francese, che culminò con la storica e in particolare durante il violento scontro della battaglia della Marsaglia del 1693. Tuttavia, il Castello dei Nove Merli fu difeso e risparmiato.
Dal XIX secolo circa, Piossasco divenne una semplice stazione di passaggio carrabile lungo la Strada Reale tra Torino e Pinerolo, mentre la sua attività agricola fu affiancata dall'incipiente nascita imprenditoriale dei primi liquorifici piemontesi, come ad esempio il vermouth Baudino, Reinaudi e Oberto, e della alta pasticcieria di Mondino.

Epoca recente[modifica | modifica wikitesto]

Per molti decenni, Piossasco rimase un centro prevalentemente agricolo, fino ad uno sviluppo esponenziale negli anni settanta del XX secolo di un notevole incremento demografico, con l'apertura del vicino insediamento industriale della FIAT di Rivalta, abbandonato poi dall'industria automobilistica e ora sede di diverse aziende. Negli ultimi anni, il paese gode di un crescente turismo, legato alle attività naturalistiche collegate al monte San Giorgio, e ai molti agriturismi e maneggi presenti sul territorio; è inoltre uno dei più importanti centri della cintura torinese per gli appassionati di mountain bike e volo libero (parapendio e deltaplano).

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Edifici religiosi di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Vito, situata nell'omonima località a nord-ovest rispetto al centro, e di cui il primo impianto romanico risale agli inizi dell'XI secolo, dedicato al santo martire di Lucania. Della primitiva architettura rimangono molte tracce, nonostrante i rimaneggiamenti del XII secolo. L'interno, a tre navate, termina con il grande dipinto del trionfo del santo, attribuibile a Rocco Comaneddi (XVIII secolo). Nei secoli più recenti, fu annesso anche il dormitorio, adibito quindi a Casa di Preghiera. Poco distante, la Santa Elisabetta, risultato del XIV secolo della fusione di tre precedenti cappelle contigue, dedicate allo Spirito Santo, al SS. Nome di Gesù e a Santa Elisabetta, quindi adibita a Confraternita.
  • Chiesa del Monte San Giorgio, o semplicemente di San Giorgio, anche questa risalente XI secolo, alla sommità del monte omonimo, fu poi annessa all'abbazia di Santa Maria di Pinerolo; sono presenti affreschi interni risalenti al XIV secolo, mentre sono stati recentemente rinvenuti i resti di un antico monastero benedettino annesso ad essa[4].
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Monte San Giorgio (Alpi Cozie).

Altri edifici[modifica | modifica wikitesto]

Il Castello dei Nove Merli[modifica | modifica wikitesto]

Oggi sede di lussuosi ricevimenti, in realtà esso nasce come edificio militare del X secolo, facente parte della Castellata, in funzione di vedetta all'inizio delle pendici del Monte San Giorgio. Del complesso militare faceva inizialmente parte anche il Castellaccio, avamposto posto ancor più in alto, detto anche il Gran Merlone a causa del fatto che fu proprietà della casata piossaschese del Merlo, ma andò quasi completamente distrutto dai francesi nel 1693 (Battaglia della Marsaglia), e ne rimangono oggi dei ruderi. L'attuale castello invece, lo si deve all'epoca feudale (XIII secolo) e successivi rimaneggiamenti, dovuti al forte contributo dei vari rami dinastici successivi, nove, appunto, dei nobili signori Merlo: i Merlo-Rossi (o De Rossi) di Scalenghe, i Merlo-Feys e Merlo-Federici di None, i Merlo visconti di Avigliana, i Merlo-Folgore (o De Folgore o Folgori) e Merlo-Delfina di Piossasco, i Merlo-Seyssel visconti di Moriana e Pancalieri, i Merlo-Porporato signori di Pinerolo, i Merlo-Chialamberto signori di Villarbasse. Una parte indipendente del castello fu eretta dai nobili De Rossi, ma mai ultimata.

Oltre ai già citati Signori di Piossasco, si citino anche le famiglie dei nobili Palma di Borgofranco, i Lajolo, i Piacenza, e i Filippi, di cui alcuni edifici sono ancora conservati nell'antico borgo di San Vito. I Palma di Borgofranco, ad esempio, già signori di Rivarossa, videro il loro massimo splendore nel XVII secolo, ereditando il paese di Piossasco nel XIX secolo. I Piacenza invece, costruirono una villa, poi ceduta ai salesiani nel XX secolo. Altri siti di interesse culturale e naturalistico rimangono:

  • il Parco Provinciale del Monte San Giorgio
  • Centro culturale "Il Mulino"[5]
  • villa Mirano (in centro)
  • La casa del pellegrino, che può ospitare forestieri, fu poi titolata poi a David Bertrand, volontario antincendi boschivi di Roletto che qui perse la vita durante l'incendio del Monte San Giorgio del 1999[6].
  • L'antico Borgo di San Vito, con le sue già citate abitazioni, ospita anche casa Lajolo (censimento FAI).

Altri luoghi[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi cinquant'anni, a partire dal 1961, la forte immigrazione ha portato a quadruplicare la popolazione residente.

Abitanti censiti[7]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Festa del Primo maggio con camminata sul Monte San Giorgio (1º maggio)
  • "Piossasco Jazz Festival: Note d'Autore" (secondo fine settimana di giugno)
  • Assaporando: camminata enogastronomica sul monte San Giorgio fino al parco montano (ultimo weekend di maggio)
  • Festa patronale della Madonna del Carmine nel fine settimana più vicino al 9 luglio
  • Festa del rione San Rocco : primo fine settimana di settembre
  • Festa della frazione Garola : secondo fine settimana di settembre
  • Fiera di San Martino: fine settimana più vicino all'11 novembre
  • Ideag: raduno nazionale di autori ed editori di giochi (metà gennaio)
  • "Antiche come le Montagne": manifestazione internazionale annuale (novembre) a cura del Gruppo Amici della Poesia[8]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2009 Laura Oliviero centrosinistra Sindaco
2009 2014 Roberta Maria Avola Faraci centrosinistra Sindaco
2014 in carica Roberta Maria Avola Faraci centrosinistra Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1881 al 1936 Piossasco fu servita da una tranvia a vapore per Torino, Cumiana e Pinerolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN233924740
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte