Busano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Busano
comune
Busano – Stemma Busano – Bandiera
Busano – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Città metropolitanaCittà metropolitana di Torino - Stemma.png Torino
Amministrazione
SindacoGianbattistino Chiono (lista civica) dall'8-6-2009 (3º mandato dal 27-5-2019)
Territorio
Coordinate45°19′45.98″N 7°39′20.64″E / 45.329439°N 7.655732°E45.329439; 7.655732 (Busano)
Altitudine317 m s.l.m.
Superficie5,06 km²
Abitanti1 611[1] (31-8-2021)
Densità318,38 ab./km²
FrazioniGrangiasa, Pomata
Comuni confinantiBarbania, Favria, Front, Oglianico, Rivara, San Ponso, Valperga, Vauda Canavese
Altre informazioni
Cod. postale10080
Prefisso0124
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT001043
Cod. catastaleB284
TargaTO
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 620 GG[3]
Nome abitantiBusanesi
Patronosantissimo nome di Maria
Giorno festivo13 di agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Busano
Busano
Busano – Mappa
Localizzazione del comune di Busano nella città metropolitana di Torino.
Sito istituzionale

Busano (Busan in piemontese) è un comune italiano di 1 611 abitanti della città metropolitana di Torino in Piemonte, nella zona del Canavese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fino al 1948 Busano è stato frazione del comune di Rivara.
Nel 1960, la sede del vecchio comune, è crollata, causando la perdita di numerosi documenti.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone del comune di Busano sono stati concessi con decreto del presidente della Repubblica del 18 ottobre 1955.[4]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1019 venne fondato un importante monastero benedettino femminile, voluto da Emerico, signore di Barbania, Corio, Busano e Rocca. La prima badessa fu Libania (†1064), figlia del signore del luogo, successivamente beatificata.[5] Durante il XIV secolo il territorio venne inglobato nel feudo dei conti Valperga, ramo di Rivara, mentre entrò successivamente a far parte della giurisdizione del Marchesato del Monferrato. Nel 1631, anno del trattato di Cherasco, il comune passò definitivamente sotto i duchi di Savoia.[6]

Il monastero era circondato da fossato e ponte levatoio di cui si scorgono ancora i resti, dalla piazza della chiesa, sulla facciata della torre, che era l'ingresso alla parte fortificata ed al ricetto.
L'antico orologio della torre, con contrappesi e pendolo in pietra, è stato sostituito negli anni sessanta con un meccanismo moderno.
Sono presenti sul territorio tre chiese:

  • Chiesa di San Tommaso Apostolo (1500), originariamente cappella di un monastero femminile
  • Chiesa della Santissima Trinità (1700 circa)
  • Chiesa di San Rocco

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2017, i cittadini stranieri residenti a Busano sono 127[8], così suddivisi per nazionalità, elencando per le presenze più significative[9]:

  1. Romania, 48
  2. Marocco, 48

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
6 giugno 1985 22 maggio 1990 Giambattistino Chiono Democrazia Cristiana Sindaco [10]
22 maggio 1990 24 aprile 1995 Giambattistino Chiono Democrazia Cristiana Sindaco [10]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Giambattistino Chiono centro-sinistra Sindaco [10]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Giambattistino Chiono centro-destra Sindaco [10]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Eugenio Matteis lista civica Sindaco [10]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Giambattistino Chiono lista civica Sindaco [10]
26 maggio 2014 27 maggio 2019 Giambattistino Chiono lista civica Obiettivo comune Sindaco [10]
27 maggio 2019 in carica Giambattistino Chiono lista civica Obiettivo comune Sindaco [10]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio demografico anno 2021 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Busano, decreto 1955-10-18 DPR, concessione di stemma e gonfalone, su dati.acs.beniculturali.it. URL consultato l'11 dicembre 2021.
  5. ^ Beata Libania di Busano Badessa, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.
  6. ^ http://www.italiapedia.it/comune-di-busano_Storia-001-043
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 31-12-2019.
  8. ^ Dato Istat al 31 dicembre 2017, su demo.istat.it. URL consultato il 27 agosto 2018.
  9. ^ Dati superiori alle 20 unità
  10. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN239644611
  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte