Sant'Antonino di Susa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sant'Antonino di Susa
comune
Sant'Antonino di Susa – Stemma Sant'Antonino di Susa – Bandiera
Sant'Antonino di Susa – Veduta
Panorama dal Truc del Serro
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Città metropolitanaCittà metropolitana di Torino - Stemma.png Torino
Amministrazione
SindacoSusanna Preacco (lista civica) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate45°06′00″N 7°17′00″E / 45.1°N 7.283333°E45.1; 7.283333 (Sant'Antonino di Susa)Coordinate: 45°06′00″N 7°17′00″E / 45.1°N 7.283333°E45.1; 7.283333 (Sant'Antonino di Susa)
Altitudine380 (min 374 - max 1 659) m s.l.m.
Superficie9,79 km²
Abitanti4 218[1] (31-8-2018)
Densità430,85 ab./km²
FrazioniCresto, Mareschi, Vignassa
Comuni confinantiBorgone Susa, Coazze, Condove, Vaie, Villar Focchiardo
Altre informazioni
Cod. postale10050
Prefisso011
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT001256
Cod. catastaleI296
TargaTO
Cl. sismicazona 3s (sismicità bassa)
Cl. climaticazona E, 2 924 GG[2]
Nome abitantisantantoninesi
Patronosant'Antonino di Apamea
Giorno festivoprimo lunedì di settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sant'Antonino di Susa
Sant'Antonino di Susa
Sant'Antonino di Susa – Mappa
Localizzazione del Comune di Sant'Antonino di Susa nella Città metropolitana di Torino.
Sito istituzionale

Sant'Antonino di Susa (San-Tunin in piemontese, Santantunin in francoprovenzale, Saint Antonin in francese) è un comune italiano di 4.218 abitanti della Città metropolitana di Torino, in Piemonte. Il comune è situato sul versante orografico destro della Dora Riparia. Si trova in bassa Val di Susa.

Via Francigena[modifica | modifica wikitesto]

La parrocchiale

Per il centro abitato di Sant'Antonino di Susa passa il percorso storico della Via Francigena, ramo del Moncenisio, dirigendosi successivamente verso Vaie e Sant'Ambrogio di Torino.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Industria[modifica | modifica wikitesto]

Il nome di Sant'Antonino di Susa è legato all'impianto nell'anno 1900 dell'industria cotoniera "Wild & Abegg" su terreni ceduti a prezzo agevolato dal Comune, industria che successivamente nel 1914 assunse il nome di "Cotonificio Vallesusa" e che aveva gran parte delle maestranze provenienti dall'area circostante.
Il disastroso tracollo finanziario alla fine degli anni '60 portò ad una crisi occupazionale molto grave nella zona e nei comuni limitrofi.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 353 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
12 luglio 1985 30 maggio 1990 Roberto Martoglio Partito Comunista Italiano Sindaco [4]
30 maggio 1990 24 aprile 1995 Giancarlo Martoia Democrazia Cristiana Sindaco [4]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Gianpaolo Corciarino - Sindaco [4]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Gianpaolo Corciarino Unione Democratica Sindaco [4]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Antonio Ferrentino lista civica Sindaco [4]
8 giugno 2009 27 maggio 2014 Antonio Ferrentino lista civica Sindaco [4]
27 maggio 2014 in carica Susanna Preacco lista civica: Sant'Antonino per te Sindaco [4]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune faceva parte della Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2018.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN148095093
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte