Borgaro Torinese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Borgaro Torinese
comune
Borgaro Torinese – Stemma Borgaro Torinese – Bandiera
Borgaro Torinese – Veduta
Municipio
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Città metropolitanaCittà metropolitana di Torino - Stemma.png Torino
Amministrazione
SindacoClaudio Gambino (lista civica) dal 26-5-2014 (2º mandato dal 27-5-2019)
Territorio
Coordinate45°09′N 7°39′E / 45.15°N 7.65°E45.15; 7.65 (Borgaro Torinese)
Altitudine240 m s.l.m.
Superficie11,18[1] km²
Abitanti11 871[2] (31-8-2021)
Densità1 061,81 ab./km²
FrazioniVillaretto
Comuni confinantiCaselle Torinese, Mappano, Settimo Torinese, Torino, Venaria Reale
Altre informazioni
Cod. postale10071
Prefisso011
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT001028
Cod. catastaleA990
TargaTO
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[3]
Cl. climaticazona E, 2 639 GG[4]
Nome abitantiborgaresi
Patronosanti Cosma e Damiano
Giorno festivoultima domenica di settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Borgaro Torinese
Borgaro Torinese
Borgaro Torinese – Mappa
Localizzazione del comune di Borgaro Torinese nella città metropolitana di Torino.
Sito istituzionale

Borgaro Torinese ([bór-ga-ro]; Borghi[5] in piemontese) è un comune italiano di 11 871 abitanti della città metropolitana di Torino in Piemonte. Il comune fa parte dell'area metropolitana del capoluogo piemontese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa parrocchiale

Nel 774 d.C., con l'arrivo dei Franchi di Carlo Magno, vi è l'annessione del territorio di Borgaro al territorio di Caselle e di Altessano Inferiore, ora Venaria Reale.
Nel 1600 il feudo Borgaro era suddiviso fra tre famiglie: i Birago di Vische, gli Havard di Senantes ed i Provana di Druent. Nel 1630 e 1660 il paese fu duramente colpito dalle epidemie di peste. Successivamente i Birago riuscirono lentamente ad espandere e consolidare il loro potere sul territorio, finché nell'anno 1746 tutta Borgaro divenne feudo dei Birago, che presero il titolo di "Conti di Borgaro".

Nel XIX secolo re Carlo Alberto di Savoia separa nuovamente Altessano da Borgaro, e, successivamente, il territorio viene incorporato nei beni del Duca di Chiablese (Chablais) fino alla creazione dello Stato Sabaudo.[6]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone di Borgaro Torinese sono stati concessi con decreto del presidente della Repubblica del 20 settembre 1955.[7]

«Stemma d'argento, a tre fasce doppiomerlate di rosso, intercalate da due file, ognuna di quattro gruppi di tre punte di lancia di nero, le punte convergenti verso la destra in basso. Ornamenti esteriori da Città.»

Le fasce doppiomerlate di rosso in campo d'argento provengono dal blasone della famiglia Birago.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Titolo di Città - nastrino per uniforme ordinaria Titolo di Città
— agosto 2003

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Castello di Santa Cristina[modifica | modifica wikitesto]

Situato ad est rispetto al concentrico, c'è il Castello di Santa Cristina, realizzato nel XVII° secolo, ed attualmente sede di un'azienda agricola privata. La storia del Castello di Santa Cristina è legata alla presenza del nobile francese François Havard de Sènantes, trasferitosi in Piemonte al servizio dei Savoia. Con il passare del tempo la sua reputazione a Corte crebbe, tanto da permettergli di acquistare diverse cascine e terre annesse, concentrate tutte nella stessa zona, a costituire un insediamento idoneo alla costruzione di un castello.
L'edificio era completamente e pregevolmente affrescato; cariatidi, medaglioni, e putti caratteristici del tardo barocco, completavano l'apparato decorativo.
Oggi il Castello di Santa Cristina è di proprietà privata, ma posto sotto vincolo monumentale.[8][9]

Aree verdi[modifica | modifica wikitesto]

Pista ciclabile all'interno del Parco Chico Mendes

Il Parco intitolato a Chico Mendes si estende per circa 100 ettari, confinando con i territori di Torino e Venaria e con il fiume Stura di Lanzo, ed è attraversato da percorsi pedonali e ciclabili, che portano a Caselle Torinese e verso le Valli di Lanzo.
Durante i mesi estivi il parco viene utilizzato per lo svolgimento di manifestazioni e concerti musicali.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi cinquant'anni, a partire dall'anno 1961, la forte immigrazione ha portato ad un aumento pari a sei volte della popolazione residente.

Abitanti censiti[10]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2020, i cittadini stranieri residenti a Borgaro Torinese sono 497[11], pari al 4,2 % della popolazione totale, così suddivisi per nazionalità, elencando per le presenze più significative[12]:

  1. Romania, 328

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è servito dalla Ferrovia Torino-Ceres, e da due autobus di linea.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

La podista[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1995 è stata installato un monumento allo sport di fronte al centro sportivo comunale. La statua in marmo nuvolato del Piemonte è stata progettata e realizzata da Nicola Scaramella, e rappresenta una figura femminile, una podista, nell'atto di esprimere, attraverso la posa e il senso di serenità, l'amore per lo sport.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 è stata inaugurata l'installazione in acciaio Corten, realizzata dallo scultore Michele Privileggi.

Monumento al Grande Torino[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio del 2018 è stato scoperto il nuovo monumento raffigurante la squadra del Grande Torino, il quale riporta una frase celebrativa dello scrittore Giovanni Arpino in piemontese: "T'las vinciù 'l mund...".[13] L'opera è una rivisitazione del monumento precedente, pesantemente danneggiata.[14]

Fiat 500 "Topolino"[modifica | modifica wikitesto]

La 500 Topolino sulla rotonda

Nel giugno 2015 è stata installato su una delle rotonde di Via Lanzo un modello di Fiat 500 "Topolino".

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1946 1968 Edoardo Defassi PCI Sindaco
1968 1975 Antonio Formento centro-sinistra Sindaco
1975 1990 Claudio Sola PCI Sindaco
1990 1995 Giuseppe Vallone PCI Sindaco
1995 1999 Giuseppe Vallone centro-sinistra Sindaco II mandato
1999 2004 Giuseppe Vallone centro-sinistra Sindaco III mandato
2004 2009 Vincenzo Barrea centro-sinistra Sindaco
2009 2014 Vincenzo Barrea centro-sinistra Sindaco II mandato
2014 2019 Claudio Gambino centro-sinistra Sindaco
2019 in carica Claudio Gambino centro-sinistra Sindaco II mandato

Sport[modifica | modifica wikitesto]

  • La prima squadra cittadina di calcio è il Borgaro 1965, che nel 2015 ha compiuto e festeggiato i primi cinquant'anni di attività[15], e che milita attualmente in Eccellenza.
  • La squadra di pallavolo femminile è la "Labor volley".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Superficie ricalcolata in seguito all'istituzione del comune di Mappano, il cui territorio comprende porzioni precedentemente ricadenti entro i confini dei comuni di Caselle Torinese, Borgaro Torinese, Leini e Settimo Torinese.
  2. ^ Bilancio demografico anno 2021 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  5. ^ NB: la "o" piemontese si legge come la "u" italiana.
  6. ^ Copia archiviata, su comune.borgaro-torinese.to.it. URL consultato il 1º dicembre 2015 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2015).
  7. ^ Borgaro Torinese, decreto 1955-09-20 DPR, concessione di stemma e gonfalone, su dati.acs.beniculturali.it. URL consultato il 9 dicembre 2021.
  8. ^ http://www.leterredimargherita.it/cms/index.php?option=com_content&view=article&id=70&Itemid=85
  9. ^ http://www.geoplan.it/luoghi-interesse-italia/monumenti-provincia-torino/cartina-monumenti-borgaro-torinese/monumenti-borgaro-torinese-castello-di-santa-cristina.htm
  10. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  11. ^ Dato Istat al 31 dicembre 2020, su demo.istat.it.
  12. ^ Dati superiori alle 20 unità
  13. ^ Traduzione: "Hai vinto il mondo..." (si noti che, in realtà, sulla base alle regole grafiche del piemontese andrebbe scritta come "It l'has vinciù 'l mond...").
  14. ^ Idioti sfasciano il monumento del Grande Torino, su quotidianocanavese.it.
  15. ^ http://www.fcborgaro1965.it/index.php?option=com_content&view=article&id=25:storia&catid=17&Itemid=119

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN129970765
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte