San Pietro Val Lemina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
San Pietro Val Lemina
comune
San Pietro Val Lemina – Stemma
San Pietro Val Lemina – Bandiera
San Pietro Val Lemina – Veduta
San Pietro Val Lemina – Veduta
La chiesa parrocchiale
Localizzazione
StatoItalia Italia
Regione Piemonte
Città metropolitana Torino
Amministrazione
SindacoAnna Balangero (lista civica) dal 7-6-2009 (3º mandato dal 27-5-2019)
Territorio
Coordinate44°55′N 7°19′E / 44.916667°N 7.316667°E44.916667; 7.316667 (San Pietro Val Lemina)
Altitudine451 m s.l.m.
Superficie12,44 km²
Abitanti1 440[1] (31-7-2022)
Densità115,76 ab./km²
FrazioniCrò
Comuni confinantiPinasca, Pinerolo, Porte, Villar Perosa
Altre informazioni
Cod. postale10060
Prefisso0121
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT001250
Cod. catastaleI090
TargaTO
Cl. sismicazona 3s (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 924 GG[3]
Nome abitantisampietrini
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Pietro Val Lemina
San Pietro Val Lemina
San Pietro Val Lemina – Mappa
San Pietro Val Lemina – Mappa
Localizzazione del comune di San Pietro Val Lemina nella città metropolitana di Torino.
Sito istituzionale

San Pietro Val Lemina ([lè-mi-na], San Pé in piemontese, San Piere in occitano) è un comune italiano di 1 440 abitanti della città metropolitana di Torino in Piemonte.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

San Pietro si trova al centro della piccola Val Lemina, la quale prende il nome dal torrente Lemina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma comunale è stato concesso con decreto del presidente della Repubblica del 12 gennaio 2007.[4]

«Di cielo, alla spada in palo, di argento, la punta all'ingiù, attraversata dalle chiavi di San Pietro, decussate, con gli ingegni all'insù, la chiave in banda d'oro, la chiave in sbarra di argento, questa attraversante, il tutto sormontato dalla stella di sei raggi d'oro, accompagnata dalle lettere maiuscole S P di rosso, una a destra, l'altra a sinistra, poste nei cantoni del capo. Ornamenti esteriori da Comune.»

Il gonfalone è un drappo di giallo con la bordatura di azzurro.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • La chiesa parrocchiale è dedicata ai Santi Pietro e Paolo Apostoli.
  • Il Monumento "Ai Piemontesi nel mondo"[5] in piazza Piemonte, inaugurato nel luglio 1974, opera dello scultore Gioachino Chiesa.[6]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1983 1985 Nino Berger lista civica Sindaco [8]
28 maggio 1990 24 aprile 1995 Nino Berger Democrazia Cristiana Sindaco [8]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Nino Berger centro Sindaco [8]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Domenico La Grotteria lista civica Sindaco [8]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Nino Berger lista civica Sindaco [8]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Anna Balangero lista civica Sindaco [8]
26 maggio 2014 27 maggio 2019 Anna Balangero lista civica Voi e noi con buon senso Sindaco [8]
27 maggio 2019 in carica Anna Balangero lista civica Voi e noi con buon senso Sindaco [8]

Il comune faceva parte della Comunità montana Pinerolese Pedemontano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio demografico anno 2022 (dati provvisori), su demo.istat.it.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ San Pietro Val Lemina (Torino) D.P.R. 12.01.2007 concessione di stemma e gonfalone, su presidenza.governo.it. URL consultato il 27 settembre 2021.
  5. ^ Denominazione per esteso: "Agli emigrati piemontesi di ogni tempo e in ogni Nazione".
  6. ^ Monumento ai Piemontesi, su piemontesinelmondo.org.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte