Buronzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Buronzo (disambigua).
Buronzo
comune
Buronzo – Stemma
Buronzo – Veduta
Veduta del castello e della parrocchiale
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Vercelli-Stemma.png Vercelli
Amministrazione
Sindaco Emiliano Giordano (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 45°29′N 8°16′E / 45.483333°N 8.266667°E45.483333; 8.266667 (Buronzo)Coordinate: 45°29′N 8°16′E / 45.483333°N 8.266667°E45.483333; 8.266667 (Buronzo)
Altitudine 189 m s.l.m.
Superficie 25,08 km²
Abitanti 866[1] (30-4-2017)
Densità 34,53 ab./km²
Comuni confinanti Balocco, Carisio, Castelletto Cervo (BI), Gifflenga (BI), Masserano (BI), Mottalciata (BI), Rovasenda, San Giacomo Vercellese, Villanova Biellese (BI)
Altre informazioni
Cod. postale 13040
Prefisso 0161
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 002021
Cod. catastale B280
Targa VC
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti buronzesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Buronzo
Buronzo
Sito istituzionale

Buronzo (Burons in piemontese) è un comune italiano di 866 abitanti della provincia di Vercelli in Piemonte.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Castello di Buronzo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]


Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La Stazione di Buronzo, posta lungo la ferrovia Santhià-Arona, fu attivata nel 1905[3] e dal 1912 risulta senza traffico per effetto della sospensione del servizio sulla linea imposta dalla Regione Piemonte[4].

Tra il 1890 e il 1933 Buronzo fu servito dalla tranvia Vercelli-Biella.

Persone legate a Buronzo[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2017.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  3. ^ Mario Matto, Santhià e la ferrovia, una storia che dura da 150 anni, Editrice Grafica Santhiatese, Santhià 2006. ISBN 88-87374-95-3.
  4. ^ redazionale, Servizio con autobus sulle ferrovie a bassa frequentazione, in Piemonte Informa, 16 giugno 2012. URL consultato il 17 giugno 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN235655382
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte