Gifflenga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gifflenga
comune
Gifflenga – Stemma Gifflenga – Bandiera
Gifflenga – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Biella-Stemma.svg Biella
Amministrazione
SindacoElisa Pollero (lista civica Insieme per Gifflenga) dal 26-5-2014
Territorio
Coordinate45°29′N 8°16′E / 45.483333°N 8.266667°E45.483333; 8.266667 (Gifflenga)
Altitudine187 m s.l.m.
Superficie2,26 km²
Abitanti104[1] (31-12-2021)
Densità46,02 ab./km²
FrazioniCanton Bonda, Canton Castellazzo
Comuni confinantiBuronzo (VC), Castelletto Cervo, Mottalciata
Altre informazioni
Cod. postale13874
Prefisso0161
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT096027
Cod. catastaleE024
TargaBI
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 548 GG[3]
Nome abitantigifflenghesi
Patronosan Martino
Giorno festivo11 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gifflenga
Gifflenga
Gifflenga – Mappa
Sito istituzionale

Gifflenga (Giflenga in piemontese) è un comune italiano di 104 abitanti della provincia di Biella in Piemonte.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo, derivante dal termine germanico ghiffa, o "palo di confine", è attestato per la prima volta in un documento del 926 e sempre nel X secolo vi è menzionata la pieve di San Martino (frazione Bonda).

Il centro, situato sulla strada tra Vercelli e Biella, lungo il torrente Cervo, appartenne inizialmente al vescovo di Vercelli e nel XIII secolo fu feudo di Ardizzone dei conti di San Martino. Nel 1407 entrò a far parte dei domini di casa Savoia, prima nel feudo di Castellengo poi come possesso delle famiglie Avogadro e de Rege.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del comune di Gifflenga è stato concesso con decreto del presidente della Repubblica del 28 novembre 2018.[4]

«Semitroncato partito: nel primo, d'azzurro, alle tre losanghe accollate, poste in fascia, d'oro, col capo dello stesso, alla fascia di rosso; nel secondo, d'argento, calzato di rosso, alla spada posta in palo, con l'impugnatura in punta, di nero; nel terzo, d'argento, alle tre piante di riso unite, al naturale, accompagnate in punta dalla gemella ondata, posta in fascia, d'azzurro. Ornamenti esteriori da Comune.»

Nella prima partizione sono presenti elementi ripresi dai blasoni delle storiche famiglie feudatarie del luogo: gli Avogadro della Motta (che portavano uno scudo fasciato d'oro e di rosso, di dieci pezzi) ed i Parella di San Martino. Nella seconda è raffigurato simbolicamente un mantello rosso diviso da una spada per ricordare il gesto di san Martino, titolare della pieve medievale di Gifflenga, attuale chiesa parrocchiale. Nella terza sono rappresentate le risorse agricole del paese: le piante di riso (tre come il numero dei cantoni nei quali è suddiviso il comune), e la gemella ondata per le acque del torrente Cervo.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa parrocchiale venne costruita nel "cantone di Mezzo", attuale "canton Chiesa" nel XVII secolo, in sostituzione della pieve di San Martino, ricordata già nel X secolo come chiesa dotata di fonte battesimale e distrutta nel 1648 da un'inondazione. Vi fu aggiunto in seguito il portico davanti alla facciata e il campanile fu dotato di un orologio pubblico nel 1905.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia del comune si basa principalmente sull'agricoltura e in particolare sulla coltivazione del riso, sviluppatasi a partire dal XVIII secolo e in particolare dopo le opere di bonifica e canalizzazione realizzate nel XX secolo. Vi si coltiva in particolare la varietà del riso di Baraggia.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2009 Marco Pichetto Fratin lista civica Insieme per Gifflenga Sindaco
2009 2014 Marco Pichetto Fratin lista civica Insieme per Gifflenga Sindaco II mandato
2014 in carica Elisa Pollero lista civica Insieme per Gifflenga Sindaco II mandato

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Gifflenga fa parte dell'unione di comuni della Comunità Collinare tra Baraggia e Bramaterra.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2021 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Gifflenga (Biella) D.P.R. 28.11.2018 concessione di stemma e gonfalone, su presidenza.governo.it. URL consultato il 5 novembre 2021.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte