Ternengo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ternengo
comune
Ternengo – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Biella-Stemma.svg Biella
Amministrazione
Sindaco Francesco Vettoretto (lista civica Verso il Futuro) dal 15/04/2008
Territorio
Coordinate 45°33′N 8°06′E / 45.55°N 8.1°E45.55; 8.1 (Ternengo)Coordinate: 45°33′N 8°06′E / 45.55°N 8.1°E45.55; 8.1 (Ternengo)
Altitudine 429 m s.l.m.
Superficie 1,98 km²
Abitanti 300[1] (31-12-2010)
Densità 151,52 ab./km²
Frazioni Canei, Serracuta, Valsera, Villa
Comuni confinanti Bioglio, Pettinengo, Piatto, Ronco Biellese, Valdengo
Altre informazioni
Cod. postale 13844
Prefisso 015
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 096067
Cod. catastale L116
Targa BI
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 601 GG[2]
Nome abitanti ternenghesi
Patrono sant'Eusebio
Giorno festivo 2 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ternengo
Ternengo
Sito istituzionale

Ternengo (Tërnengh in piemontese) è un comune italiano di 297 abitanti della provincia di Biella, in Piemonte.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il suffissio -engo ne indicherebbe l'origine longobarda'.[3] Nella documentazione medioevale il paese viene citato nella forma Ternengus.[4]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale si estende sulle colline del Biellese centrale per circa 2 km in senso est-ovest e per meno di 1,5 km da nord a sud; la quota altimetrica varia dai circa 560 metri nei pressi del confine con Pettinengo ai poco più di 300 m che si toccano al confine con Piatto. Il centro comunale è situato a sud-est del Bric Moncucco (533 m s.l.m.) e nei pressi dello stesso si trovano le frazioni Canei, Serracuta e Villa; un po' più discosta verso sud-est sorge invece Valsera (387 m s.l.m.).

Idrograficamente il comune è compreso nel bacino del torrente Quargnasca.[5]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il castello
  • Castello degli Avogadro: costruito nel corso del XIII secolo esso fu ristrutturato verso la fine dell'Ottocento subendo notevoli trasformazioni.[3]
  • Chiesa parrocchiale di Sant'Eusebio: è una chiesa di antiche origini che deve la sua attuale conformazione ad un rifacimento del XVII secolo.[3]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2003 2008 Aldo Sega lista civica Sindaco
2008 in carica Francesco Vettoretto lista civica Verso il Futuro Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Ternengo, nonostante il suo territorio orograficamente sia esterno a quello della Valle del Cervo, fece parte a cominciare dal 1973 della Comunità montana Bassa Valle Cervo.[7] Tale comunità montana fu in seguito accorpata dalla Regione Piemonte con la Comunità montana Alta Valle Cervo, andando a formare la Comunità Montana Valle Cervo[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ a b c Nuova guida di Biella e Provincia; Gabriella Giovannacci Amodeo, Libreria Vittorio Giovannacci, Biella, 1994
  4. ^ Comuni della Provincia di Biella, AA.VV, Nerosubianco edizioni, Cuneo 2005
  5. ^ Carta Tecnica Regionale raster 1:10.000 (vers.3.0) della Regione Piemonte - 2007
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Anna e Giovanni Valz Blin, La valle del Cervo, Pollone, Leone Griffa, 2000, p. 9, ISBN 978-88-87751-05-5.
  8. ^ Valle del Cervo - La Bursch, cartografia ufficiale in .pdf su www.regione.piemonte.it/montagna/osservatorio[collegamento interrotto] (consultato nell'ottobre 2012)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte