Minestrone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Minestrone
Minestrone soup.jpg
Origini
Altri nomiMenestrón
Luogo d'origineItalia Italia
DiffusioneEcuador Ecuador, Perù Perù, Venezuela Venezuela
Dettagli
Categoriaprimo piatto
Ingredienti principaliverdure, legumi
 
Minestrone con fusilli

Il minestrone è una minestra in brodo con verdure e legumi che può essere arricchita da pasta o riso.[1][2]

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Fra gli ingredienti più comuni ci sono fagioli, cipolle, carote, sedano, patate e pomodori. Il minestrone è un piatto che varia a seconda della regione e della stagione e si declina in molte variazioni rendendo impossibile definirne univocamente la ricetta.[1][2] Una generica preparazione prevede la realizzazione di un soffritto di cipolla e carote a cui vanno unite in seguito le verdure scelte, tagliate a pezzi più o meno fini e a cui va aggiunta infine acqua o brodo a ebollizione, liquido nel quale le verdure poi cuoceranno a fuoco lento. Viene spesso arricchito con parmigiano grattugiato prima di essere servito in tavola.[3]

Ingredienti, metodo di preparazione, consistenza e perfino il modo di consumarlo variano a seconda della tradizione del luogo nel quale le differenti ricette sono nate.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tradizionalmente il minestrone veniva preparato con le verdure disponibili in cucina al momento, permettendo di consumare anche quelle non freschissime, ma specialmente quelle poco digeribili senza una lunga cottura. Per questo era considerato uno dei piatti poveri per eccellenza, tipico della cucina contadina italiana. Con l'evolversi della situazione economica e delle abitudini alimentari è però con il tempo diventato un piatto apprezzato anche in altri ambienti sociali e proposto a volte anche dalla ristorazione più ricercata.[4]

La parola minestrone è anche usata in modo figurato per indicare un insieme di cose differenti e poco ordinate, come ad esempio: "Quel programma televisivo è un minestrone di notizie e servizi".[1]

Minestrone surgelato[modifica | modifica wikitesto]

Una zuppiera di minestrone

L'insieme delle verdure pulite e tagliate per la preparazione del minestrone, crude e non condite viene anche venduto come prodotto surgelato. Il vantaggio sta nella rapidità di preparazione, ma rispetto al minestrone preparato a partire da verdure fresche quello fatto di verdure congelate viene in genere considerato meno buono.[5]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Giorgio Gaber nella sua canzone Destra-Sinistra (1994) paragona il minestrone con la minestrina affermando che Una bella minestrina è di destra / il minestrone è sempre di sinistra[6].

Varianti internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Menestrón ecuadoriano[modifica | modifica wikitesto]

È una zuppa fatta con fagioli o lenticchie accompagnate da patate, tagliatelle, maccheroni, cipolle, pomodori e peperoni e guarnita con basilico e origano. Di solito si mangia a pranzo.[7]

Menestrón peruviano.

Menestrón peruviano[modifica | modifica wikitesto]

È fatto con pasta spessa, carne, cavolo, carota, cipolla, aglio, basilico e formaggio grattugiato, ai quali sono stati aggiunti ingredienti tipicamente peruviani come, tra gli altri, mais, fagioli e patate bianche.[8]

Menestrón venezuelano[modifica | modifica wikitesto]

È fatto con piselli secchi cotti in brodo. Di solito si ottiene una zuppa densa che contiene verdure (carote, patate, fagiolini), pasta piccola o riso e prodotti a base di carne (prosciutto a dadini affumicato, braciola di maiale affumicata, disossata e tagliata a pezzi, pancetta affumicata, salsicce). Di tanto in tanto vengono usati anche altri ingredienti come i piselli teneri, ceci, chicchi di granturco. In alcune case venezuelane è fatto con fagioli rossi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c minestróne, su Vocabolario – Treccani. URL consultato il 3 maggio 2016.
  2. ^ a b Minestrone, su cibo360.it. URL consultato il 3 maggio 2016.
  3. ^ Grazia Balducci, Il minestrone, in La cucina veloce, Tecniche Nuove, 2006. URL consultato il 15 settembre 2017.
  4. ^ Maria Rosario Lazzati, Simonetta Agnello Hornby, La minestra oggi, in La cucina del buon gusto, Feltrinelli, 2012. URL consultato il 15 settembre 2017.
  5. ^ Enrico Cinotti, Il minestrone surgelato, in È facile fare la spesa se sai leggere l'etichetta, Newton Compton, 2017. URL consultato il 15 settembre 2017.
  6. ^ Nicola Nosengo e Daniela Cipolloni, Compagno Darwin: l'evoluzione è di destra o di sinistra?, Sironi, 2009, pp. 11.
  7. ^ (ES) El país de las sopas - Gastronomia.com Ecuador, su ecuador.gastronomia.com. URL consultato il 19 giugno 2018.
  8. ^ (ES) Receta del Menestrón peruano [VIDEO], in La República, 11 settembre 2017. URL consultato il 19 giugno 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina