Piero Pasinati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Piero Pasinati
Piero Pasinati.jpg
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1949 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1928-1939 Triestina 301 (34)
1939-1940 Milano 21 (3)
1940-1941 Novara 29 (6)
1941-1944 Triestina 67 (8)
1945-1946 Triestina 9 (0)
1946-1947 Cremonese 8 (0)
1948-1949 San Giovanni ? (?)
Nazionale
1936-1938 Italia Italia 11 (5)
Carriera da allenatore
1946-1947 Cremonese
1950-1951 Ponziana
1952 Padova
1954 Sambenedettese
1955-1957 Triestina
1957-1961 Catanzaro
1961-1962 Crotone
1962 Salernitana
1963 Sambenedettese
1963-1964 Savona[1]
???? Empoli
Palmarès
Julesrimet.gif Mondiali di calcio
Oro Francia 1938
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Pietro Pasinati detto Piero (Trieste, 21 luglio 1910Trieste, 15 novembre 2000) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo centrocampista. Con le sue 281 partite in alabardato, detiene il record di presenze nella Triestina con la quale ha anche segnato 31 reti, con la Nazionale ha vinto i Mondiali del 1938 in Francia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È nato a Trieste nel rione di San Giacomo; Nereo Rocco nascerà nel suo stesso condominio due anni dopo, il legame tra i due sarà sempre molto forte.[senza fonte]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Inizia subito a giocare nelle giovanili della Triestina, ed esordisce in prima squadra a 17 anni (stagione 1927-1928) giocando da ala destra (nel corso della sua carriera si adatterà a quasi tutti i ruoli, compreso il terzino). Già nella stagione 1929-1930, primo campionato di Serie A a girone unico, Pasinati è un titolare fisso nella Triestina, giocando da mediano destro.

L'affermazione[modifica | modifica wikitesto]

Ventenne, è leader della squadra alabardata e le prestazioni con il suo club inducono Vittorio Pozzo a convocarlo in Nazionale per la partita contro la Svizzera nel 1936 (con gli azzurri collezionerà 11 gettoni, segnando 5 reti). Il campionato 1937-1938 è quello della consacrazione sia per Pasinati che per Colaussi, grazie anche al sesto posto conquistato dalla Triestina, e i due (assieme all'aggregato Chizzo) vengono convocati per i mondiali francesi. Il contributo di Pasinati alla conquista mondiale è limitato ad una sola presenza, negli ottavi di finale contro la Norvegia, dove fornisce l'assist a Silvio Piola per la rete del 2-1.

Dopo un'altra stagione a Trieste (la dodicesima se si considera anche i campionati prima del 1929-1930), viene acquistato assieme a Chizzo dal Milan, dove gioca per un solo anno (3 reti in 21 partite), dato che a fine campionato verrà ceduto al Novara con cui retrocederà in Serie B dopo 29 presenze e 6 gol.

Il ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1941-1942 viene riacquistato dalla Triestina, e giocherà con l'Unione anche la stagione successiva, prima dell'interruzione bellica. La Triestina in quegli anni è stata una delle prime formazioni a giocare con il libero, tattica che successivamente sarà imperante in quasi tutto il mondo calcistico. Nel primo campionato del dopoguerra, 1945-1946, ormai trentacinquenne, Piero è ancora in forza alla Triestina, anche se alla fine giocherà solo poche gare.

Gli ultimi scampoli di carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel campionato seguente, 1946-1947, verrà ceduto alla Cremonese, in Serie B, e chiuderà definitivamente con il calcio giocato nel 1948-1949, con il San Giovanni, squadra dell'omonimo rione triestino militante in Serie C, all'età di 39 anni.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la carriera di allenatore con il Ponziana in quarta serie, poi allenerà Sambenedettese (nel 1962-1963), Salernitana, Padova, Triestina (con cui retrocederà in B nel 1956-1957), Catanzaro, Crotone ed Empoli.

Finita la carriera di allenatore, si dedicherà completamente alla sua vetreria di famiglia, fino a pochi mesi prima della sua morte.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
05/04/1936 Zurigo Svizzera Svizzera 1 – 2 Italia Italia Amichevole -
17/05/1936 Roma Italia Italia 2 – 2 Austria Austria Amichevole 1
31/05/1936 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 2 Italia Italia Amichevole 1
25/10/1936 Milano Italia Italia 4 – 2 Svizzera Svizzera Coppa Internazionale 1
15/11/1936 Berlino Germania Germania 2 – 2 Italia Italia Amichevole -
13/12/1936 Genova Italia Italia 2 – 0 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Amichevole 1
23/05/1937 Praga Cecoslovacchia Cecoslovacchia 0 – 1 Italia Italia Coppa Internazionale -
27/05/1937 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 3 Italia Italia Amichevole -
15/05/1938 Milano Italia Italia 6 – 1 Belgio Belgio Amichevole 1
22/05/1938 Genova Italia Italia 4 – 0 Jugoslavia Jugoslavia Amichevole -
05/06/1938 Marsiglia Norvegia Norvegia 1 – 2 dts Italia Italia Mondiali 1938 - Ottavi -
Totale Presenze 11 Reti 5

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Francia 1938

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Catanzaro: 1958-1959

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Corriere dello Sport, n. 86, 11 aprile 1964, p. 6, http://dlib.coninet.it/bookreader.php?&c=1&f=12587&p=1#page/6/mode/2up.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]