Amedeo Biavati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amedeo Biavati
Amedeo Biavati.jpg
Biavati in nazionale
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1955 - giocatore
1970 - allenatore
Carriera
Giovanili
1930-1932 Bologna
Squadre di club1
1932-1934 Bologna 16 (6)
1934-1935 Catania 30 (9)
1935-1947 Bologna 203 (58)
1948-1949 Reggina ? (?)
1949-1950 Imolese ? (?)
1950-1951 Magenta ? (?)
1951-1952 Manduria ? (?)
1953-1954 Molfetta 1+ (1+)
1954-1955 Belluno 9+ (3+)
Nazionale
1938-1947 Italia Italia 18 (8)
Carriera da allenatore
1949-1950 Imolese
1950-1951 Magenta
1951-1952 Manduria
1953-1954 Molfetta
1954-1955 Belluno
19?? Città di Castello
19?? Fano
19?? Boca San Lazzaro
1969-1970 Rovereto [1]
Palmarès
Julesrimet.gif Mondiali di calcio
Oro Francia 1938
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Amedeo Biavati (Bologna, 4 aprile 1915Bologna, 22 aprile 1979) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo centrocampista. Campione del mondo con la nazionale italiana nel 1938.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

« Qualcuno sostiene che già Mumo Orsi eseguiva quel finto passo per raccogliere la palla con la seconda gamba, ma io debbo dire che lo abbozzava appena. Biavati è stato l'attaccante che ha portato il passo doppio alla perfezione. Il pubblico ormai lo aspettava, ad ogni sua fuga sulla linea laterale. E lo aspettava anche l'avversario costretto a fronteggiarlo. Ma non c'era niente da fare. A tutta velocità Medeo eseguiva una specie di saltino per aria, sembrava che volesse passare la palla indietro di tacco. Il difensore rallentava un attimo, Biavati lo saltava toccando la palla col secondo piede e se ne andava. »

(Vittorio Pozzo)

Ala destra celeberrima per il suo "doppio passo[2]", era veloce ed elegante, un gran dribblatore nonostante il problema dei piedi piatti[3]. Le sue incursioni sulla fascia lo portarono anche a segnare parecchi gol, 73 in 249 partite di campionato.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Crebbe nel Bologna, squadra della sua città, con la quale disputò gran parte della sua carriera.

Esordì diciottenne il 21 maggio 1933, schierato mezzala in una gara di campionato contro il Casale finita 7-0; realizzò una doppietta in due minuti e replicò due settimane dopo con altri due gol al Milan. Nonostante le ottime prestazioni di quella prima stagione tornò a svolgere il ruolo di comprimario al ritorno dei titolari Sansone e Maini.

Biavati (in piedi, terzo da destra) nel Bologna campione d'Italia 1938-1939

Dopo una stagione in Serie B al Catania (1934-1935), tornò al Bologna dove ancora faticò per trovare posto fra i titolari. Riuscì lentamente a sfondare: in rossoblu conquistò lo scudetto del 1936-1937 per la prima volta con presenze all'attivo e, dopo un'altra stagione di buon livello, esordì in nazionale il 12 giugno 1938 in occasione della gara dei quarti di finale dei mondiali contro la Francia. La buona prestazione convinse Vittorio Pozzo a schierarlo al posto del triestino Piero Pasinati fino alla vittoriosa finale.

Da Campione del Mondo conquistò poi col Bologna il suo terzo scudetto personale nel 1938-39. A Milano, in nazionale, il 13 maggio 1939 realizzò quello che è considerato il suo gol più bello, contro l'Inghilterra: dopo aver dribblato con eleganza il difensore e capitano britannico Hapgood e il portiere Woodley, depositò il pallone nella porta vuota, ottenendo i complimenti degli avversari[4].

Giuseppe Meazza e Biavati nel 1946

A Bologna conquistò anche lo scudetto del 1940-41, mentre la sua carriera azzurra subì un lungo stop a causa del conflitto mondiale. Alla ripresa dei campionati e delle competizioni internazionali Biavati giocò ancora 3 partite in nazionale, per chiudere la carriera in azzurro nel 1947, sostituito ormai dal torinista Romeo Menti. L'ultima partita, disputata a Vienna contro l'Austria il 9 novembre 1947, rappresentò l'unica sconfitta del centrocampista bolognese in nazionale; aveva segnato i suoi ultimi gol in azzurro contro la Svizzera, nel 1945: dal 2-2 portò l'Italia al 4-2, ma gli azzurri furono poi raggiunti sul pareggio 4-4[5].

Chiuse la carriera con il Bologna nel 1948, avendo disputato in rossoblu 258 partite di campionato segnando 70 reti (compreso il campionato di guerra 1943-44 e il girone Alta Italia 1945-46).

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1948 prese parte al film Undici uomini e un pallone di Giorgio Simonelli, nella parte di se stesso.

Abbracciò quindi l'avventura di calciatore-allenatore in alcune squadre minori di varie parti d'Italia, come Magenta nella Serie C 1950-1951, Manduria nella Promozione 1951-1952[6][7], Imola, Molfetta (in IV Serie, con il doppio ruolo di allenatore-giocatore),[8][9][10] Città di Castello, e allenò anche in Libia[11]. Al termine della carriera calcistica trovò poco spazio nei quadri tecnici del Bologna, e divenne poi dipendente comunale con l'incarico di supervisore degli impianti sportivi.

Morì nel 1979, a 64 anni. Venne sepolto nel Cimitero monumentale della Certosa di Bologna.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
12-6-1938 Parigi Francia Francia 1 – 3 Italia Italia Mondiali 1938 - Quarti -
16-6-1938 Marsiglia Brasile Brasile 1 – 2 Italia Italia Mondiali 1938 - Semifinali -
19-6-1938 Parigi Ungheria Ungheria 2 – 4 Italia Italia Mondiali 1938 - Finale - 2º Titolo Mondiale
20-11-1938 Bologna Italia Italia 2 – 0 Svizzera Svizzera Amichevole -
4-12-1938 Napoli Italia Italia 1 – 0 Francia Francia Amichevole 1
26-3-1939 Firenze Italia Italia 3 – 2 Germania Germania Amichevole 1
13-5-1939 Milano Italia Italia 2 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole 1
4-6-1939 Belgrado Jugoslavia Jugoslavia 1 – 2 Italia Italia Amichevole -
8-6-1939 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 3 Italia Italia Amichevole -
11-6-1939 Bucarest Romania Romania 0 – 1 Italia Italia Amichevole -
14-4-1940 Roma Italia Italia 2 – 1 Romania Romania Amichevole 1
5-5-1940 Milano Italia Italia 3 – 2 Germania Germania Amichevole 1
1-12-1940 Genova Italia Italia 1 – 1 Ungheria Ungheria Amichevole -
5-4-1942 Genova Italia Italia 4 – 0 Croazia Croazia Amichevole 1
19-4-1942 Milano Italia Italia 4 – 0 Spagna Spagna Amichevole -
11-11-1945 Zurigo Svizzera Svizzera 4 – 4 Italia Italia Amichevole 2
1-12-1946 Milano Italia Italia 3 – 2 Austria Austria Amichevole -
9-11-1947 Vienna Austria Austria 5 – 1 Italia Italia Amichevole -
Totale Presenze 18 Reti (39º posto) 8

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Bologna: 1935/1936, 1936/1937, 1938/1939, 1940/1941
Bologna
Bologna: 1946

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Italia: Francia 1938

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco Illustrato del calcio 1971, Modena, Panini, p. 262.
  2. ^ Ultime notizie sportive - La Gazzetta dello Sport
  3. ^ Pubblicazione del "Carlino" per i 100 anni
  4. ^ Dizionario bibliografico enciclopedico di un secolo di calcio italiano Archiviato il 24 febbraio 2015 in Internet Archive.
  5. ^ Dal Museo di Pignaca di Gianfranco Ronchi[collegamento interrotto]
  6. ^ Edizioni CENIDA, Il calcio italiano - vol. 4, CENIDA Editore, 1974, pag. 671
  7. ^ Quando indossava la casacca biancoverde un certo Amedeo Biavati manduriaoggi.it
  8. ^ Amedeo Biavati medaglie d'oro.org - URL consultato il 22 gennaio 2015 -
  9. ^ Amedeo Biavati nel Molfetta nella stagione 1953-1954 la Molfetta Sportiva: fan page di Facebook - URL consultato il 22 gennaio 2015 -
  10. ^ Storia: gli anni '40 e '50 passione biancorossa.wix.com: il sito del tifo molfettese - URL consultato il 22 gennaio 2015 -
  11. ^ Welcome FortuneCity Customers | Dotster Archiviato il 23 luglio 2001 in Internet Archive.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN313410073