Football Club Internazionale Milano 2014-2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
F.C. Internazionale Milano
Dnepr-Inter (1).jpg
L'undici nerazzurro sceso in campo il 18 settembre 2014, per l'apertura della fase a gruppi di Europa League.
Stagione 2014-2015
Allenatore Italia Walter Mazzarri
Italia Roberto Mancini[1]
All. in seconda Italia Nicolò Frustalupi
Italia Giulio Nuciari[2]
Presidente Indonesia Erick Thohir
Serie A 8º posto
Coppa Italia Quarti di finale
Europa League Ottavi di finale
Maggiori presenze Campionato: Handanovič (36)
Totale: Icardi (45)
Miglior marcatore Campionato: Icardi (22)
Totale: Icardi (27)
Maggior numero di spettatori 74 022 vs. Milan (19 aprile 2015)
Minor numero di spettatori 27 314 vs. Hellas Verona (9 novembre 2014)
Media spettatori 37 270¹
¹ considera le partite giocate in casa in campionato.
Dati aggiornati al 31 maggio 2015

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Football Club Internazionale Milano nelle competizioni ufficiali della stagione 2014-2015.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Pablo Osvaldo, uno dei volti nuovi della campagna acquisti nerazzurra.

Dopo i numerosi addii dell'anno precedente - che, di fatto, chiudono l'era del post "Triplete" -, l'estate 2014 inizia con il rinnovo contrattuale di Walter Mazzarri.[3] La rosa conosce nuovi innesti (Medel, M'Vila, Dodô, Osvaldo, Vidić) oltre ai ritorni di Obi e Krhin, i soli reduci della trionfale stagione 2009-10.[3][4] L'inizio ufficiale della stagione 2014-15 è nel play-off di Europa League, con l'islandese Stjarnan battuto in entrambi gli incontri: 3-0 all'andata,[5] 6-0 al ritorno.[6] All'indomani del sorteggio per la fase a gironi, avviene l'esordio in campionato:[7] contro il Torino, reduce a sua volta dai preliminari e che sbaglia un rigore, finisce 0-0.[3][8]

Alla 2ª giornata, il Sassuolo viene battuto per 7-0.[9] Arrivano poi una vittoria in coppa,[10] un pari a Palermo e il 2-0 interno sull'Atalanta[11][12] prima della sconfitta contro il Cagliari, autore di un 4-1 a San Siro.[13] Anche il turno successivo vede un k.o. (stavolta ad opera della Fiorentina), che fa seguito ai 3 punti ottenuti in Europa.[14][15]

L'Inter pareggia quindi contro il Napoli - rimontando un doppio svantaggio nei minuti conclusivi -[16] e il Saint-Étienne,[17] ritrovando la vittoria a fine ottobre: le gare con Cesena e Sampdoria sono infatti decise da Icardi, autore di 2 reti dal dischetto.[18][19] Il 2-0 subìto dal Parma, fanalino di coda, riaccende però le polemiche attorno all'allenatore.[20] Dopo il pareggio con i francesi, che avvicina la qualificazione europea,[21] l'Inter non batte neanche l'Hellas Verona (2-2).[22] Il 14 novembre, a un anno dall'insediamento alla presidenza, Thohir decide per l'esonero:[3] la squadra è così affidata al rientrante Mancini, già in panchina dal 2004 al 2008.[3][23] Lo jesino debutta pareggiando nel derby,[24] ottenendo poi la qualificazione per i sedicesimi di Europa League nel giorno del 50º compleanno.[25] In campionato, la formazione viene però sconfitta da Roma e Udinese.[26][27] Chiude il girone di coppa pareggiando in casa del Qarabag (che si vede annullare un gol regolare, mancando una storica qualificazione):[28] nel posticipo della 15ª giornata vince a Verona, ritrovando i 3 punti dopo 5 turni.[29] Nella partita con la Lazio, l'ultima del 2014, Palacio torna invece al gol dopo 7 mesi: finisce 2-2.[30]

Mauro Icardi si laurea come miglior marcatore del campionato, a pari merito con Toni.

Nel mercato di gennaio, la società provvede a nuovi acquisti: arrivano Podolski, Shaqiri e successivamente Brozović.[3][31] Il 2015 inizia con l'1-1 in casa della Juventus,[32] proseguendo con una vittoria sul Genoa e un pareggio a Empoli.[33][34] L'ottavo di finale di Coppa Italia viene superato ai danni della Sampdoria, sconfitta per 2-0.[35] Il girone di ritorno inizia, al contrario, con 2 pesanti sconfitte.[36] In particolare, dopo il 3-1 rimediato sul campo del Sassuolo, la tifoseria prende di mira i calciatori e la dirigenza con insulti e proteste.[3][37] Alla già difficile situazione in campionato, si aggiunge l'eliminazione dalla coppa nazionale: il Napoli prevale al 90'.[38] L'Inter si rialza battendo 3-0 il Palermo, con Icardi autore di una doppietta: soltanto la domenica precedente, l'argentino era stato bersaglio della contestazione.[39] I nerazzurri sembrano rilanciarsi, con altre 2 vittorie in A e il contestuale superamento dei sedicesimi in Europa League (sconfiggendo lo scozzese Celtic, con un totale di 4-3).[40][41][42] La sconfitta con la Fiorentina, tuttavia, apre l'ennesima crisi:[43] al doppio pareggio in campionato (con Napoli e Cesena) si accompagna infatti l'uscita dall'Europa per mano dei tedeschi del Wolfsburg, vincitori di entrambi i confronti.[44][45] Alla sosta di marzo la squadra ha totalizzato lo stesso numero di vittorie e sconfitte, 9.[46]

La deludente annata conosce un nuovo capitolo con il derby di ritorno, risoltosi in uno 0-0 che annichilisce le speranze di entrambe le milanesi di entrare in Europa.[47] A pesare sulla classifica nerazzurra sono i molti punti persi con formazioni della colonna destra, anche in impegni casalinghi.[48][49] Il campionato termina con l'ottavo posto, mentre Icardi vince il titolo di miglior marcatore (alla pari con il veronese Toni) grazie alle 22 marcature (di cui 4 su rigore).[50] A torneo concluso, il coinvolgimento della Sampdoria (che, in caso di arrivo a pari punti, sarebbe stata superata per differenza-reti) nelle indagini dell'UEFA tiene aperta un'ultima porta per l'ingresso nelle coppe continentali, definitivamente chiusa dall'accoglimento del ricorso blucerchiato a metà giugno.[51]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Le presentazioni sono cominciate a partire dall'8 luglio 2014. La prima maglia, completamente rivoluzionata, presenta un colletto a polo prevalentemente nero con una rifinitura azzurra sulla parte superiore, strisce nere più strette definite da tredici pinstripes azzurre, quasi a ricordare un elegante gessato. Le maniche seguono la trama principale per poi finire con una striscia sottile azzurra e una banda di colore nero ai bordi. Il 25 luglio 2014 è stata invece svelata la seconda maglia, tutta in grigio chiaro con diverse strisce orizzontali di un grigio più scuro che, sulla parte anteriore della casacca, si interrompono formando la croce di San Giorgio simbolo della città di Milano. Gli sponsor e i dettagli sono colorati di rosso. La terza divisa, ufficializzata il 16 settembre 2014, è completamente azzurra con una linea nera su entrambi i lati.[52]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1ª divisa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2ª divisa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
3ª divisa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1ª portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2ª portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
3ª portiere

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

  • Presidente: Erick Thohir.
  • Presidente onorario: Massimo Moratti[53]
  • Vicepresidenti: Angelomario Moratti[53] Javier Zanetti.
  • Consiglio di Amministrazione: Erick Thohir, Handy Soetedjo, Grant Ferguson, Nicola Volpi, Michael Bolingbroke, Alberto Manzonetto, Carlo D'Urso, Gerardo Braggiotti (dal 21 novembre 2014[54]).
  • Collegio sindacale. Sindaci Effettivi: Giovanni Luigi Camera, Giorgio Rusticali e Fabrizio Angelelli.
  • Advisory Board: Milly Moratti e Nicola Volpi.
  • Direttore Generale: Marco Fassone.
  • Amministratore delegato: Michael Bolingbroke.
  • Direttore Marketing: Claire Lewis.
  • Direttore Global Partnership: Dan Chard.
  • Direttore Area Amministrativa, Finanza e Controllo: Michael Williamson.
  • Direttore Commerciale: Giorgio Ricci.
  • Responsabile Segreteria Sportiva Prima Squadra: Monica Volpi.
  • Team Manager: Giuseppe Santoro[55]
  • Direttore Settore Giovanile: Roberto Samaden.
  • Responsabile Area Ricerca e Selezione Sett. Giovanile: Pierluigi Casiraghi.
  • Responsabile Organizzativo Settore Giovanile: Alberto Celario.
  • Direttore Amministrazione: Paolo Pessina.
  • Direttore Pianificazione Strategica e Controllo di Gestione: Mark van Huuksloot.
  • Direttore del Personale: Sergio Zanetta.
  • Real Estate Operations: Mauro Ferrara.
  • Responsabile ufficio legale: Francesca Muttini.

Area comunicazione

  • Responsabile Information Technology: Giovanni Valerio.
  • Responsabile Rapporti con la stampa: Edoardo Caldara.
  • Responsabili Ufficio Stampa: Leo Picchi e Luigi Crippa.
  • Direttore responsabile Inter Channel: Roberto Scarpini.
  • Ufficio Stampa: Daria Nicoli, Andreina Renna, Davide Civoli.
  • Presidente Onorario Inter Club: Bedy Moratti.

Area tecnica

  • Direttore Sportivo: Piero Ausilio.
  • Allenatore: Walter Mazzarri,[55] Roberto Mancini.
  • Allenatore in seconda: Nicolò Frustalupi,[55] Giulio Nuciari.
  • Collaboratore tecnico: Sylvinho.
  • Collaboratore tecnico: Fausto Salsano.
  • Collaboratore tecnico: José Duqué.
  • Responsabile preparatori atletici: Ivan Carminati.
  • Responsabile addetto agli arbitri: Andrea Romeo.
  • Allenatore portieri: Adriano Bonaiuti.
  • Match analyst: Michele Salzarulo.
  • Coordinatore staff medico: Piero Volpi.
  • Medico sociale: Daniele Casalini.
  • Medico: Simone Porcelli.
  • Medico Primavera: Alessandro Corsini.
  • Preparatore atletico: Andrea Scanavino.
  • Responsabile recupero infortunati: Giannicola Bisciotti.
  • Preparatore di recupero: Massimiliano Marchesi.
  • Coordinatore fisioterapisti: Marco Dellacasa.
  • Fisioterapisti: Massimo Dellacasa, Andrea Belli, Marco Frigerio e Matteo Perasso.

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Rosa e numerazione aggiornate al 3 febbraio 2015.[56]

N. Ruolo Giocatore
1 Slovenia P Samir Handanovič
2 Brasile D Jonathan
5 Brasile D Juan Jesus
6 Italia D Marco Andreolli
7 Italia A Pablo Osvaldo[57]
8 Argentina A Rodrigo Palacio
9 Argentina A Mauro Icardi
10 Croazia C Mateo Kovačić
11 Germania A Lukas Podolski[58]
13 Colombia C Fredy Guarín
14 Argentina D Hugo Campagnaro
15 Serbia D Nemanja Vidić
17 Serbia C Zdravko Kuzmanović
18 Cile C Gary Medel
19 Argentina A Rubén Botta[59]
20 Nigeria C Joel Obi
21 Italia D Davide Santon[58]
22 Brasile D Dodô
23 Italia D Andrea Ranocchia (capitano)
N. Ruolo Giocatore
25 Senegal D Ibrahima Mbaye[57]
26 Brasile D Felipe[58]
27 Costa d'Avorio C Assane Gnoukouri[60]
28 Romania A George Pușcaș[60]
29 Guinea C Gaston Camara[60]
30 Argentina P Juan Pablo Carrizo
33 Italia D Danilo D'Ambrosio
44 Slovenia C Rene Krhin[57]
46 Italia P Tommaso Berni
54 Ghana D Isaac Donkor[60]
55 Giappone D Yūto Nagatomo (vicecapitano)
77 Croazia C Marcelo Brozović[58]
88 Brasile C Hernanes
90 Francia C Yann M'Vila[57]
91 Svizzera C Xherdan Shaqiri[58]
92 Italia A Enrico Baldini[60]
93 Italia D Federico Dimarco[60]
96 Italia C Andrea Palazzi[60]
97 Italia A Federico Bonazzoli[60]

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva (dall'1/7 al 2/9)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Francesco Bardi Livorno fine prestito
P Vid Belec Olhanense fine prestito
P Tommaso Berni Torino svincolato
P Raffaele Di Gennaro Cittadella fine prestito
D Andrea Bandini Bologna definitivo
D Simone Benedetti Padova fine prestito
D Cristiano Biraghi Cittadella risoluzione comproprietà
D Mirko Crociati Giana Erminio definitivo
D Dodô Roma prestito
D Marco Ferrara Pergolettese risoluzione comproprietà
D Matteo Frigerio Renate definitivo
D Jacobo Galimberti Monza fine prestito
D Yao Guffi Parma definitivo
D Ibrahima Mbaye Livorno fine prestito
D Simone Pasa Padova fine prestito
D Giorgio Piacentini AlbinoLeffe prestito
D Matías Silvestre Milan fine prestito
D Lukas Spendlhofer Varese fine prestito
D Nemanja Vidić Manchester Utd svincolato
D Giovanni Zaro Castiglione risoluzione comproprietà
C Rodrigo Alborno Cittadella fine prestito
C Niccolò Belloni Modena fine prestito
C Marco Benassi Livorno fine prestito
C Daniel Bessa Sparta Rotterdam fine prestito
C Mattia Bonetto Montebelluna definitivo
C Lorenzo Crisetig Parma risoluzione comproprietà
C Alessandro Cannataro Livorno fine prestito
C Alfred Duncan Livorno fine prestito
C Gianmarco Gabbianelli Pro Patria fine prestito
C Assane Gnoukouri Marano definitivo
C Rene Krhin Bologna riscatto (1,2 milioni €)
C Diego Laxalt Bologna fine prestito
C Gary Medel Cardiff City definitivo
C Yann M'Vila Rubin Kazan' prestito (1 milione €)
C Joel Obi Parma fine prestito
C Ezequiel Schelotto Parma fine prestito
C Andrea Romanò Bologna risoluzione comproprietà
C Stefano Tonsi Novese fine prestito
A Ishak Belfodil Livorno fine prestito
A Riccardo Bocalon Venezia fine prestito
A Bocar Djurmo Oțelul Galați fine prestito
A Adama Fofana Brescia definitivo
A Zate Wilfried Gnoukouri Marano definitivo
A Youssou Lo Vicenza definitivo
A Samuele Longo Rayo Vallecano fine prestito
A Davide Mariani Enotria 1908 prestito
A Diego Mella Pro Patria fine prestito
A Pablo Osvaldo Southampton prestito
A Ismael Sanogo Spezia fine prestito
A Tidjane Baldé Modena fine prestito
A Christian Silenzi Athletic Soccer Academy definitivo
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Francesco Bardi Chievo prestito
P Vid Belec Konyaspor prestito
P Luca Castellazzi Torino svincolato
P Raffaele Di Gennaro Latina prestito
P Raffaele Delle Vedove Lumezzane definitivo
P Alessandro Feleppa Pontisola prestito
P Ivica Ivusic Prato prestito
P Giovanni Ranieri SPAL prestito
D Andrea Bandini Prato prestito
D Simone Bandini Chievo prestito
D Simone Benedetti Cagliari definitivo
D Cristiano Biraghi Chievo prestito
D Riccardo Bisceglia Inveruno prestito
D Francis Boateng Verona prestito
D Andrea Bondioli Brescia definitivo
D Enrico Boschi Reggiana definitivo
D Alessandro Cannataro Pro Patria prestito
D Mirko Crociati Chievo prestito
D Stefano Dalla Riva Marano prestito
D Fabio Eguelfi Prato prestito
D Jacopo Galimberti Savona prestito
D Simone Golia Bologna definitivo
D Davide Guglielmotti Pro Patria definitivo
D Leonardo Longo Grosseto prestito
D Alex Manolache Sacilese prestito
D Lorenzo Paramatti Bologna definitivo
D Simone Pasa Prato prestito
D Simone Pecorini Cittadella definitivo
D Rolando Porto fine prestito
D Walter Samuel Basilea svincolato
D Matías Silvestre Sampdoria prestito
D Federico Simonato Varese prestito
D Lukas Spendlhofer Sturm Graz prestito
D Wallace Chelsea fine prestito
D Javier Zanetti fine carriera
C Ricky Álvarez Sunderland prestito
C Niccolò Belloni Pro Vercelli prestito
C Marco Benassi Torino comproprietà
C Daniel Bessa Bologna prestito
C Rubén Botta Chievo prestito
C Esteban Cambiasso Leicester City svincolato
C Lorenzo Crisetig Cagliari prestito
C Lorenzo Degeri Cremonese definitivo
C Alfred Duncan Sampdoria prestito
C Gianmarco Gabbianelli Prato prestito
C Riccardo Gaiola Cesena prestito
C Morten Knudsen Prato prestito
C Diego Laxalt Empoli prestito
C McDonald Mariga Parma svincolato
C Frank Emmanuel Didiba Mboke Parma prestito
C Andrea Mira Renate prestito
C Gaby Mudingayi Elche svincolato
C Valeriano Nchama Marano prestito
C Mirko Nufi Pergolettese prestito
C Andrea Romanò Prato prestito
C Ezequiel Schelotto Chievo prestito
C Demetrio Steffè Chievo prestito
C Saphir Taïder Sassuolo prestito
C Lorenzo Tassi Prato prestito
C Pierre Desire Zebli Perugia prestito
A Ishak Belfodil Parma risoluzione comproprietà
A Francesco Bigotto Pergolettese prestito
A Riccardo Bocalon Prato prestito
A Alessandro Capello Bologna risoluzione comproprietà
A Mattia Casale Pro Vercelli definitivo
A Tidjane Baldé Virtus Entella prestito
A Matteo Colombi Savona prestito
A Gianluca D'Auria Napoli definitivo
A Yago Del Piero Cesena definitivo
A Bocar Djurmo Sliema Wanderers prestito
A Adama Fofana Prato prestito
A Francesco Forte Forlì prestito
A Nicolò Gazzetti Carpi prestito
A Manuel Gullotta Brescia risoluzione comproprietà
A Marko Livaja Atalanta risoluzione comproprietà
A Youssou Lo Mosta prestito
A Geremy Lombardi Parma prestito
A Samuele Longo Cagliari prestito
A Giuseppe Maiorano Sassuolo prestito
A Diego Mella Pro Piacenza prestito
A Diego Milito Racing Club svincolato
A Lorenzo Mitta Parma prestito
A Roberto Ogunseye Prato prestito
A Andy Polo Millonarios comproprietà
A Alessandro Ponti Genoa definitivo
A Salvatore Russo Spezia definitivo
A Ismael Sanogo Pro Piacenza prestito
A Giovanni Terrani Monza definitivo

Sessione invernale (dal 5/1 al 2/2)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Vid Belec Konyaspor fine prestito
D Felipe Parma svincolato
D Alvaro Pereira San Paolo fine prestito
D Davide Santon Newcastle Utd prestito (0 €) con diritto di riscatto (3,8 milioni)
D Diego Laxalt Empoli fine prestito
D Italo Santos Vasco da Gama definitivo (0 €)[61]
D Simone Bandini Chievo fine prestito
C Patrick Olsen Strømsgodset fine prestito
C Marcelo Brozović Dinamo Zagabria prestito (3 milioni) con obbligo di riscatto (5 milioni)[62]
C Thilo Kehrer Schalke 04 definitivo (0 €)[61]
C Xherdan Shaqiri Bayern Monaco prestito (0 €) con obbligo di riscatto (15 milioni)[63]
A José Correia Sporting Lisbona definitivo (0 €)[61]
A Lukas Podolski Arsenal prestito (0,6 milioni)[64]
A Tidjane Baldé Virtus Entella fine prestito
Cessioni
R. Nome a Modalità
D Ibrahima Mbaye Bologna prestito (0,5 milioni) con diritto di riscatto (2,75 milioni)
D Alvaro Pereira Estudiantes prestito con obbligo di riscatto (3 milioni)
D Simone Bandini Lecco definitivo
C Rene Krhin Córdoba prestito (0,5 milioni)
C Diego Laxalt Genoa prestito (0,5 milioni) con diritto di riscatto (2,5 milioni)
C Patrick Olsen Haugesund svincolato
C Yann M'Vila Rubin Kazan' fine prestito
A Tidjane Baldé Cardiff City prestito con diritto di riscatto (0,2 milioni)
A Pablo Osvaldo Boca Juniors prestito

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Serie A 2014-2015.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Torino
31 agosto 2014, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Torino 0 – 0
referto
Inter Stadio Olimpico (25.824 spett.)
Arbitro Doveri (Roma 1)

Milano
14 settembre 2014, ore 15:00 CEST
2ª giornata
Inter 7 – 0
referto
Sassuolo Stadio Giuseppe Meazza (34.549 spett.)
Arbitro Calvarese (Teramo)

Palermo
21 settembre 2014, ore 20:45 CEST
3ª giornata
Palermo 1 – 1
referto
Inter Stadio Renzo Barbera (18.292 spett.)
Arbitro Valeri (Roma)

Milano
24 settembre 2014, ore 20:45 CEST
4ª giornata
Inter 2 – 0
referto
Atalanta Stadio Giuseppe Meazza (29.535 spett.)
Arbitro Gervasoni (Mantova)

Milano
28 settembre 2014, ore 15:00 CEST
5ª giornata
Inter 1 – 4
referto
Cagliari Stadio Giuseppe Meazza (36.925 spett.)
Arbitro Banti (Livorno)

Firenze
5 ottobre 2014, ore 20:45 CEST
6ª giornata
Fiorentina 3 – 0
referto
Inter Stadio Artemio Franchi (34.279 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Milano
19 ottobre 2014, ore 20:45 CEST
7ª giornata
Inter 2 – 2
referto
Napoli Stadio Giuseppe Meazza (40.383 spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Cesena
26 ottobre 2014, ore 18:00 CEST
8ª giornata
Cesena 0 – 1
referto
Inter Stadio Dino Manuzzi (22.917 spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Milano
29 ottobre 2014, ore 20:45 CEST
9ª giornata
Inter 1 – 0
referto
Sampdoria Stadio Giuseppe Meazza (28.057 spett.)
Arbitro Russo (Nola)

Parma
1º novembre 2014, ore 20:45 CET
10ª giornata
Parma 2 – 0
referto
Inter Stadio Ennio Tardini (13.539 spett.)
Arbitro Rizzoli (Bologna)

Milano
9 novembre 2014, ore 20:45 CET
11ª giornata
Inter 2 – 2
referto
Verona Stadio Giuseppe Meazza (27.314 spett.)
Arbitro Rocchi (Firenze)

Milano
23 novembre 2014, ore 20:45 CET
12ª giornata
Milan 1 – 1
referto
Inter Stadio Giuseppe Meazza (79.173 spett.)
Arbitro Guida (Torre Annunziata)

Roma
30 novembre 2014, ore 20:45 CET
13ª giornata
Roma 4 – 2
referto
Inter Stadio Olimpico (41.701 spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Milano
7 dicembre 2014, ore 20:45 CET
14ª giornata
Inter 1 – 2
referto
Udinese Stadio Giuseppe Meazza (34.912 spett.)
Arbitro Gervasoni (Mantova)

Verona
15 dicembre 2014, ore 21:00 CET
15ª giornata
Chievo 0 – 2
referto
Inter Stadio Marcantonio Bentegodi (15.000 spett.)
Arbitro Massa (Imperia)

Milano
21 dicembre 2014, ore 20:45 CET
16ª giornata
Inter 2 – 2
referto
Lazio Stadio Giuseppe Meazza (36.344 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Torino
6 gennaio 2015, ore 21:00 CET
17ª giornata
Juventus 1 – 1
referto
Inter Juventus Stadium (38.791 spett.)
Arbitro Banti (Livorno)

Milano
11 gennaio 2015, ore 12:30 CET
18ª giornata
Inter 3 – 1
referto
Genoa Stadio Giuseppe Meazza (37.525 spett.)
Arbitro Russo (Nola)

Empoli
17 gennaio 2015, ore 18:00 CET
19ª giornata
Empoli 0 – 0
referto
Inter Stadio Carlo Castellani (13.449 spett.)
Arbitro Doveri (Roma 1)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Milano
25 gennaio 2015, ore 15:00 CET
20ª giornata
Inter 0 – 1
referto
Torino Stadio Giuseppe Meazza (34.209 spett.)
Arbitro Irrati (Pistoia)

Reggio Emilia
1º febbraio 2015, ore 12:30 CET
21ª giornata
Sassuolo 3 – 1
referto
Inter Mapei Stadium-Città del Tricolore (18.446 spett.)
Arbitro Valeri (Roma)

Milano
8 febbraio 2015, ore 20:45 CET
22ª giornata
Inter 3 – 0
referto
Palermo Stadio Giuseppe Meazza (30.085 spett.)
Arbitro Guida (Torre Annunziata)

Bergamo
15 febbraio 2015, ore 15:00 CET
23ª giornata
Atalanta 1 – 4
referto
Inter Stadio Atleti Azzurri d'Italia (13.765 spett.)
Arbitro Banti (Livorno)

Cagliari
23 febbraio 2015, ore 21:00 CET
24ª giornata
Cagliari 1 – 2
referto
Inter Stadio Sant'Elia (14.000 spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Milano
1º marzo 2015, ore 18:00 CET
25ª giornata
Inter 0 – 1
referto
Fiorentina Stadio Giuseppe Meazza (39.310 spett.)
Arbitro Massa (Imperia)

Napoli
8 marzo 2015, ore 20:45 CET
26ª giornata
Napoli 2 – 2
referto
Inter Stadio San Paolo (36.646 spett.)
Arbitro Rocchi (Firenze)

Milano
15 marzo 2015, ore 20:45 CET
27ª giornata
Inter 1 – 1
referto
Cesena Stadio Giuseppe Meazza (28.549 spett.)
Arbitro Gervasoni (Mantova)

Genova
22 marzo 2015, ore 20:45 CET
28ª giornata
Sampdoria 1 – 0
referto
Inter Stadio Luigi Ferraris (22.865 spett.)
Arbitro Valeri (Roma)

Milano
4 aprile 2015, ore 15:00 CEST
29ª giornata
Inter 1 – 1
referto
Parma Stadio Giuseppe Meazza (33.175 spett.)
Arbitro Peruzzo (Schio)

Verona
11 aprile 2015, ore 20:45 CEST
30ª giornata
Verona 0 – 3
referto
Inter Stadio Marcantonio Bentegodi (20.645 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Milano
19 aprile 2015, ore 20:45 CEST
31ª giornata
Inter 0 – 0
referto
Milan Stadio Giuseppe Meazza (74.022 spett.)
Arbitro Banti (Livorno)

Milano
25 aprile 2015, ore 20:45 CEST
32ª giornata
Inter 2 – 1
referto
Roma Stadio Giuseppe Meazza (37.695 spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Udine
28 aprile 2015, ore 20:45 CEST
33ª giornata
Udinese 1 – 2
referto
Inter Stadio Friuli (8.901 spett.)
Arbitro Rocchi (Firenze)

Milano
3 maggio 2015, ore 15:00 CEST
34ª giornata
Inter 0 – 0
referto
Chievo Stadio Giuseppe Meazza (33.144 spett.)
Arbitro Guida (Torre Annunziata)

Roma
10 maggio 2015, ore 20:45 CEST
35ª giornata
Lazio 1 – 2
referto
Inter Stadio Olimpico (37.367 spett.)
Arbitro Massa (Imperia)

Milano
16 maggio 2015, ore 18:00 CEST
36ª giornata
Inter 1 – 2
referto
Juventus Stadio Giuseppe Meazza (60.362 spett.)
Arbitro Doveri (Roma)

Genova
23 maggio 2015, ore 20:45 CEST
37ª giornata
Genoa 3 – 2
referto
Inter Stadio Luigi Ferraris (27.161 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Milano
31 maggio 2015, ore 20:45 CEST
38ª giornata
Inter 4 – 3
referto
Empoli Stadio Giuseppe Meazza (32.036 spett.)
Arbitro Damato (Barletta)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2014-2015.

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Milano
21 gennaio 2015, ore 21:00 CET
Partita Unica
Inter 2 – 0
referto
Sampdoria Stadio Giuseppe Meazza (38.497 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Napoli
4 febbraio 2015, ore 20:45 CET
Partita Unica
Napoli 1 – 0
referto
Inter Stadio San Paolo (48.740 spett.)
Arbitro Massa (Imperia)

UEFA Europa League[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: UEFA Europa League 2014-2015.

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Reykjavík
20 agosto 2014, ore 21:00 UTC
Andata
Stjarnan 0 – 3
referto
Inter Laugardalsvöllur (9.829 spett.)
Arbitro Croazia Strahonja

Milano
28 agosto 2014, ore 20:45 CEST
Ritorno
Inter 6 – 0
referto
Stjarnan Stadio Giuseppe Meazza (45.660 spett.)
Arbitro Austria Lechner

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Kiev
18 settembre 2014, ore 19:00 CEST
1ª giornata
Dnipro 0 – 1
referto
Inter Stadio Olimpico di Kiev (25.200/15.712 spett.)
Arbitro Germania Zwayer

Milano
2 ottobre 2014, ore 21:05 CEST
2ª giornata
Inter 2 – 0
referto
Qarabağ Stadio Giuseppe Meazza (28.435 spett.)
Arbitro Bielorussia Kulbakov

Milano
23 ottobre 2014, ore 21:05 CEST
3ª giornata
Inter 0 – 0
referto
Saint-Étienne Stadio Giuseppe Meazza (33.379 spett.)
Arbitro Inghilterra Taylor

Saint-Étienne
6 novembre 2014, ore 19:00 CET
4ª giornata
Saint-Étienne 1 – 1
referto
Inter Stadio Geoffroy Guichard (36.411 spett.)
Arbitro Slovenia Vincic

Milano
27 novembre 2014, ore 21:05 CET
5ª giornata
Inter 2 – 1
referto
Dnipro Stadio Giuseppe Meazza (29.150 spett.)
Arbitro Scozia Madden

Baku
11 dicembre 2014, ore 19:00 CET
6ª giornata
Qarabağ 0 – 0
referto
Inter Tofiq Bahramov Stadium (31.200/29.858 spett.)
Arbitro Rep. Ceca Zelinka

Sedicesimi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Glasgow
19 febbraio 2015, ore 21:05 CET
Andata
Celtic 3 – 3
referto
Inter Celtic Park (58.500 spett.)
Arbitro Ungheria Vad

Milano
26 febbraio 2015, ore 19:00 CET
Ritorno
Inter 1 – 0
referto
Celtic Stadio Giuseppe Meazza (39.711 spett.)
Arbitro Slovacchia Kruzaliak

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Wolfsburg
12 marzo 2015, ore 19:00 CET
Andata
Wolfsburg 3 – 1
referto
Inter Volkswagen Arena (25.374 spett.)
Arbitro Polonia Marciniak

Milano
19 marzo 2015, ore 21:05 CET
Ritorno
Inter 1 – 2
referto
Wolfsburg Stadio Giuseppe Meazza (42.041 spett.)
Arbitro Inghilterra Clattenburg

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 31 maggio 2015.

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR QR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A 55 19 7 7 5 33 23 19 7 6 6 26 25 38 14 13 11 59 48 + 11 1,23
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia - 1 1 0 0 2 0 1 0 0 1 0 1 2 1 0 1 2 1 + 1 2
Coppauefa.png Europa League - 6 4 1 1 12 3 6 2 3 1 9 7 12 6 4 2 21 10 + 11 2,1
Totale - 26 12 8 6 46 24 26 9 9 8 35 32 52 21 17 14 82 59 + 23 1,39

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38
Luogo T C T C C T C T C T C T T C T C T C T C T C T T C T C T C T C C T C T C T C
Risultato N V N V P P N V V P N N P P V N N V N P P V V V P N N P N V N V V N V P P V
Posizione 12 4 6 4 5 8 8 6 6 7 7 7 11 12 11 11 11 10 10 9 13 9 9 6 8 9 7 9 9 9 9 7 7 9 7 8 8 8

Fonte: Serie A – Classifiche, Sky Sport.
Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Serie A Coppa Italia Europa League Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Andreolli, M. M. Andreolli 6 0 0 0 1 0 0 0 6 0 0 0 13 0 0 0
Berni, T. T. Berni 0 -0 0 0 0 -0 0 0 0 -0 0 0 0 -0 0 0
Bonazzoli, F. F. Bonazzoli 3 0 1 0 1 0 0 0 2 0 0 0 6 0 1 0
Campagnaro, H. H. Campagnaro 10 0 0 0 0 0 0 0 5 0 0 0 15 0 0 0
Carrizo, J. J. Carrizo 1 −1 0 0 2 -0 0 0 9 −8 0 0 12 0 0 0
D'Ambrosio, D. D. D'Ambrosio 22 0 4 0 1 0 0 0 6 3 0 0 29 3 4 0
Dodô, Dodô 20 0 2 0 2 0 0 0 6 2 0 0 28 2 2 0
Donkor, I. I. Donkor 2 0 0 1 0 0 0 0 1 0 0 0 3 0 0 1
Guarín, F. F. Guarín 27 6 4 0 1 0 0 0 6 1 0 0 34 7 4 0
Handanovič, S. S. Handanovič 36 −43 1 0 0 -0 0 0 3 -1 0 0 39 -1 1 0
Hernanes, Hernanes 25 5 4 0 1 0 0 0 7 0 0 0 33 5 4 0
Icardi, M. M. Icardi 35 22 1 0 2 1 0 0 8 4 0 0 45 27 1 0
Jonathan, Jonathan 2 0 0 0 0 0 0 0 3 0 0 0 5 0 0 0
Juan Jesus, Juan Jesus 31 0 9 0 2 0 0 0 9 0 2 0 42 0 11 0
Kovačić, M. M. Kovačić 34 5 3 1 1 0 0 0 6 3 0 0 41 8 3 1
Krhin, R. R. Krhin 3 0 0 0 0 0 0 0 2 0 0 0 5 0 0 0
Medel, G. G. Medel 35 0 6 1 2 0 0 0 5 0 1 0 42 0 7 1
M'Vila, Y. Y. M'Vila 8 0 0 0 0 0 0 0 6 0 0 0 14 0 0 0
Nagatomo, Y. Y. Nagatomo 13 0 3 1 1 0 0 0 3 0 1 0 17 0 4 1
Obi, J. J. Obi 11 1 0 0 1 0 0 0 5 0 0 0 17 1 0 0
Osvaldo, P. P. Osvaldo 12 5 1 0 0 0 0 0 7 2 0 0 19 7 1 0
Palacio, R. R. Palacio 35 8 3 0 0 0 0 0 6 4 0 0 41 12 3 0
Ranocchia, A. A. Ranocchia 33 2 7 0 1 0 0 0 6 0 0 1 40 2 7 1
Vidić, N. N. Vidić 23 1 3 1 0 0 0 0 4 0 1 0 27 1 4 1
Kuzmanovic, Z. Z. Kuzmanovic 14 0 0 0 1 0 0 0 8 1 1 0 23 1 1 0
Botta, R. R. Botta 0 0 0 0 0 0 0 0 1 0 0 0 1 0 0 0
Mbaye, I. I. Mbaye 4 0 0 0 0 0 0 0 3 0 0 0 7 0 0 0
Camara, G. G. Camara 2 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 2 0 0 0
Palazzi, A. A. Palazzi 0 0 0 0 0 0 0 0 1 0 0 0 1 0 0 0
Podolski, L. L. Podolski 16 1 2 0 1 0 0 0 0 0 0 0 17 1 2 0
Shaqiri, X. X. Shaqiri 14 1 2 0 2 1 0 0 2 1 0 0 18 3 2 0
Pușcaș, G. G. Pușcaș 3 0 0 0 2 0 0 0 1 0 0 0 6 0 0 0
Brozović, M. M. Brozović 14 1 5 0 1 0 0 0 0 0 0 0 15 1 5 0
Baldini, E. E. Baldini 0 0 0 0 0 0 0 0 1 0 0 0 1 0 0 0
Dimarco, F. F. Dimarco 1 0 0 0 0 0 0 0 1 0 0 0 2 0 0 0
Santon, D. D. Santon 9 0 0 0 1 0 0 0 3 0 0 0 13 0 0 0
Felipe, Felipe 4 0 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 4 0 1 0
Gnoukouri, A. A. Gnoukouri 5 0 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0 5 0 1 0

Giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Subentrato alla 12ª giornata.
  2. ^ Subentrato alla 14ª giornata.
  3. ^ a b c d e f g Federico Pistone, Inter la leggenda. Dalle origini al ritorno di Mancini, Milano, Sperling & Kupfer, 2015, p. 348, ISBN 8820058898.
  4. ^ Matteo Politanò e Selene Biffi, L'Inter riparte: nuova stagione, vecchi dubbi, su panorama.it, 4 luglio 2014.
  5. ^ Gianluca Strocchi, Europa League, Stjarnan-Inter 0-3: Icardi, Dodò e D'Ambrosio spingono i nerazzurri, su repubblica.it, 21 agosto 2014.
  6. ^ Emanuele Gamba, Toro in festa, basta un rigore l'Inter si diverte, tris di Kovacic, in la Repubblica, 29 agosto 2014, p. 50.
  7. ^ Napoli, Inter e Fiorentina facile. Torino, provaci, in La Gazzetta dello Sport, 30 agosto 2014.
  8. ^ Francesco Carci, Torino-Inter 0-0, nerazzurri senza sprint. Handanovic para un rigore a Larrondo, su repubblica.it, 31 agosto 2014.
  9. ^ Andrea Sorrentino, Inter, pomeriggio esagerato Sassuolo travolto da Icardi ma l'anima nerazzurra è Medel, in la Repubblica, 15 settembre 2014, p. 34.
  10. ^ Francesco Carci, Dnipro-Inter 0-1, D'Ambrosio regala tre punti d'oro ai nerazzurri, su repubblica.it, 18 settembre 2014.
  11. ^ Marco Gaetani, Palermo-Inter 1-1: Kovacic risponde a Vazquez, passo indietro dei nerazzurri, su repubblica.it, 21 settembre 2014.
  12. ^ Luca Taidelli, Serie A, Inter-Atalanta 2-0, decidono i capolavori di Osvaldo e Hernanes, su gazzetta.it, 24 settembre 2014.
  13. ^ Fabio Licari, Inter fatta a pezzi da un bel Cagliari Mazzarri affonda San Siro contesta, in La Gazzetta dello Sport, 29 settembre 2014.
  14. ^ Francesco Carci, Inter-Qarabag 2-0, qualificazione in tasca per i nerazzurri, su repubblica.it, 2 ottobre 2014.
  15. ^ Francesco Carci, Fiorentina-Inter 3-0; dominio viola per la prima vittoria casalinga, nerazzurri mai in partita, su repubblica.it, 5 ottobre 2014.
  16. ^ Antonio Farinola, Inter-Napoli 2-2: Callejon illude gli azzurri, Hernanes salva Mazzarri, su repubblica.it, 19 ottobre 2014.
  17. ^ Francesco Carci, Inter-Saint-Etienne 0-0: vince la noia, ma i nerazzurri vedono la qualificazione, su repubblica.it, 23 ottobre 2014.
  18. ^ Francesco Carci, Cesena-Inter 0-1: Icardi non sbaglia dal dischetto, Mazzarri respira, su repubblica.it, 26 ottobre 2014.
  19. ^ Francesco Carci, Inter-Sampdoria 1-0, Icardi regala il primo dispiacere a Mihajlovic, su repubblica.it, 29 ottobre 2014.
  20. ^ Andrea Sorrentino, Inter da incubi, il Parma rinasce Mazzarri vede sempre più nero, in la Repubblica, 2 novembre 2014, p. 58.
  21. ^ Francesco Carci, Saint Etienne-Inter 1-1, per i nerazzurri qualificazione vicina, su repubblica.it, 6 novembre 2014.
  22. ^ Andrea Sorrentino, Ma San Siro fischia ancora Icardi non basta vincere, in la Repubblica, 10 novembre 2014, p. 32.
  23. ^ Matteo Politanò, Mancini torna all'Inter: le reazioni nerazzurre su Twitter, su panorama.it, 14 novembre 2014.
  24. ^ Jacopo Manfredi, Milan-Inter 1-1, Obi risponde a Menez, su repubblica.it, 23 novembre 2014.
  25. ^ Francesco Carci, Inter-Dnipro 2-1: la rimonta vale il passaggio del turno e il primo posto, super Handanovic, su repubblica.it, 27 novembre 2014.
  26. ^ Antonio Farinola, Roma-Inter 4-2: i giallorossi danno spettacolo, su repubblica.it, 30 novembre 2014.
  27. ^ Matteo Brega, Inter-Udinese 1-2, gol di Icardi, Bruno Fernandes, Thereau. Che errore Palacio, su gazzetta.it, 7 dicembre 2014.
  28. ^ Francesco Carci, Qarabag-Inter 0-0: i nerazzurri salvano l'imbattibilità, azeri 'scippati' al 94', su repubblica.it, 11 dicembre 2014.
  29. ^ Marco Gaetani, Chievo-Inter 0-2, primo successo in campionato per Mancini, su repubblica.it, 15 dicembre 2014.
  30. ^ Francesco Carci, Inter-Lazio 2-2, Kovacic e Palacio rispondono a un super Felipe Anderson, su repubblica.it, 21 dicembre 2014.
  31. ^ Nicolò Schira, Inter, fatta per Podolski. Ora Ausilio spinge per Shaqiri, su panorama.it, 2 gennaio 2015.
  32. ^ Jacopo Manfredi, Juventus-Inter 1-1, Icardi fa un favore alla Roma, su repubblica.it, 6 gennaio 2015.
  33. ^ Marco Gaetani, Inter-Genoa 3-1, seconda vittoria per Mancini, su repubblica.it, 11 gennaio 2015.
  34. ^ Antonio Farinola, Empoli-Inter 0-0: i nerazzurri rallentano al Castellani, su repubblica.it, 17 gennaio 2015.
  35. ^ Marco Gaetani, Coppa Italia: Inter-Sampdoria 2-0, primo squillo per Shaqiri, su repubblica.it, 21 gennaio 2015.
  36. ^ Diego Costa, Inter-Torino 0-1, Moretti apre la crisi dei nerazzurri, su repubblica.it, 25 gennaio 2015.
  37. ^ Luca Taidelli, Sassuolo-Inter 3-1, a segno Zaza, Sansone, Berardi (rig) e Icardi, su gazzetta.it, 1º febbraio 2015.
  38. ^ Francesco Carci, Napoli-Inter 1-0, azzurri in semifinale: Higuain decide in extremis, su repubblica.it, 4 febbraio 2015.
  39. ^ Andrea Sorrentino, Irresistibile Icardi, l'Inter si rialza, in la Repubblica, 9 febbraio 2015, p. 31.
  40. ^ Alex Frosio, Inter, ma sei pazza? Domina, fa regali subisce il pari al 93', in La Gazzetta dello Sport, 20 febbraio 2015.
  41. ^ Luca Taidelli, Cagliari-Inter 1-2: gol di Kovacic e Icardi, autorete di Carrizo, su gazzetta.it, 23 febbraio 2015.
  42. ^ Francesco Carci, Inter-Celtic 1-0, Guarin firma la qualificazione agli ottavi, su repubblica.it, 26 febbraio 2015.
  43. ^ Francesco Carci, Inter-Fiorentina 0-1, blitz viola firmato Salah, su repubblica.it, 1º marzo 2015.
  44. ^ Andrea Sorrentino, Torna l'Inter dei regali il Wolfsburg ringrazia dopo l'illusione Palacio, in la Repubblica, 13 marzo 2015, p. 56.
  45. ^ Francesco Carci, Inter-Wolfsburg 1-2: super Palacio, ma la difesa tradisce ancora, su repubblica.it, 19 marzo 2015.
  46. ^ Francesco Carci, Sampdoria-Inter 1-0, Eder festeggia con una perla la Nazionale, su repubblica.it, 22 marzo 2015.
  47. ^ Antonio Farinola, Inter-Milan 0-0: senza emozioni il derby delle deluse, su repubblica.it, 19 aprile 2015.
  48. ^ Matteo Brega, Inter-Chievo 0-0: Icardi colpisce il palo e Biraghi sfiora il colpaccio, su gazzetta.it, 3 maggio 2015.
  49. ^ Fabio Bianchi, Inter, capriole per l'Europa, in La Gazzetta dello Sport, 11 maggio 2015.
  50. ^ Fabio Bianchi, Inter, tutto su Icardi Ma Mihajlovic spegne l'ultima speranza di andare in Europa, in La Gazzetta dello Sport, 1º giugno 2015.
  51. ^ Andrea Turano, Arriva l'OK per la Sampdoria: niente Europa League per l'Inter, su internews.it, 18 giugno 2015. URL consultato il 23 giugno 2016.
  52. ^ Matteo Perri, Due toni di azzurro per la terza maglia dell’Inter 2014-2015, passionemaglie.it, 16 settembre 2014. URL consultato il 16 settembre 2014.
  53. ^ a b Fino al 23 ottobre 2014.
  54. ^ Fino al 23 ottobre 2014 il Consiglio di Amministrazione era composto da Erick Thohir, Grant Ferguson, Handy Soetedjo, Thomas Shreve, Hioe Isenta, Angelomario Moratti, Rinaldo Ghelfi e Alberto Manzonetto.
  55. ^ a b c Fino al 14 novembre 2014.
  56. ^ Squadra, inter.it. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  57. ^ a b c d Ceduto durante la sessione invernale del calciomercato.
  58. ^ a b c d e Acquistato durante la sessione invernale del calciomercato.
  59. ^ Ceduto durante la sessione estiva del calciomercato.
  60. ^ a b c d e f g h Aggregato dalla formazione Primavera.
  61. ^ a b c Inter, tris di colpi per la cantera: Ze Turbo, Kehrer e Italo Santos, interfans.org.
  62. ^ È ufficiale, Brozovic all'Inter, in ANSA, 26 gennaio 2015.
  63. ^ Inter, Shaqiri arriva in prestito gratuito: ecco tutte le cifre dell'operazione, , gianlucadimarzio.com.
  64. ^ Lukas Podolski - Transfermarkt, transfermarkt.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio