Football Club Internazionale Milano 2014-2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Football Club Internazionale Milano
Dnepr-Inter (1).jpg
La formazione dell'Inter scesa in campo il 18 settembre 2014 in Europa League
Stagione 2014-2015
AllenatoreItalia Walter Mazzarri
Italia Roberto Mancini[1]
All. in secondaItalia Nicolò Frustalupi
Italia Giulio Nuciari[2]
PresidenteIndonesia Erick Thohir
Serie A8º posto
Coppa ItaliaQuarti di finale
Europa LeagueOttavi di finale
Maggiori presenzeCampionato: Handanovič (36)
Totale: Icardi (45)
Miglior marcatoreCampionato: Icardi (22)
Totale: Icardi (27)
Maggior numero di spettatori74 022 vs. Milan (19 aprile 2015)
Minor numero di spettatori27 314 vs. Hellas Verona (9 novembre 2014)
Media spettatori37 270¹
¹ considera le partite giocate in casa in campionato.
Dati aggiornati al 31 maggio 2015

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Football Club Internazionale Milano nelle competizioni ufficiali della stagione 2014-2015.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Pablo Osvaldo, uno dei volti nuovi della campagna acquisti nerazzurra.

L'estate 2014 si apre con il rinnovo contrattuale di Walter Mazzarri, che prolunga la durata del proprio accordo fino al 2016.[3][4] Tramite le dichiarazioni rese alla stampa, il presidente Erick Thohir promette una rivoluzione dal punto di vista sportivo ma anche societario.[5][6] Concluso il rapporto con i protagonisti del Triplete, la squadra punta su nuovi volti che accendono ancor più l'entusiasmo della tifoseria, desiderosa di assistere ad un «anno zero» o «nuova era».[6] Assicurata «carta bianca» al tecnico in fatto di mercato, si vestono di nerazzurro: in difesa il terzino Dodô e il centrale Nemanja Vidić; a centrocampo il mediano Gary Medel e il duttile Yann M'Vila, mentre per l'attacco viene scelto Pablo Osvaldo.[7] Gli unici «reduci» del 2009-10 sono Rene Krhin e Joel Obi, entrambi di ritorno dai prestiti (anche se il nigeriano, nella suddetta annata, non scese mai in campo).[7] La nuova stagione, che prende il via dopo i Mondiali in Brasile, vede l'Inter qualificarsi per la fase a gironi di Europa League (grazie alla doppia vittoria contro l'islandese Stjarnan nei play-off) partecipando al gruppo F.[8][9][10] Alla sosta di ottobre, l'Inter ha disputato (tra campionato e coppa) 10 partite con un bilancio di 6 vittorie, 2 pareggi ed altrettante sconfitte (consecutive, in A, contro Cagliari e Fiorentina).[11][12][13][14] Le statistiche - traccianti nel loro complesso un quadro poco rassicurante - e la polemica con l'ex presidente Moratti riaccendono le contestazioni intorno al tecnico[15], additato in negativo dai tifosi al di là dei risultati.[16][17] Sconfitto dal Parma (fanalino di coda) in campionato e avvicinata la qualificazione in Europa[18][19], l'allenatore viene esonerato durante la pausa di novembre.[20] Al suo attivo si contano 25 vittorie in 58 partite totali, numeri che non soddisfano il popolo interista.[21] La scelta del suo sostituto ricade su Roberto Mancini, che fu ingaggiato per la prima volta 10 anni addietro (nell'estate 2004).[22] Pur con i comprensibili problemi causati dall'allenare una formazione non progettata da lui[23], lo jesino tenta subito di dare un'impronta maggiormente propositiva al gioco passando dal 3-5-2 (adottato in pianta pressoché stabile dal predecessore) al 4-3-1-2.[23] Complice anche il cambio in corsa, la squadra fatica ad ingranare e fino al termine del 2014 ottiene soltanto 2 vittorie in 7 uscite.[24][25][26][27] [28][29]

Mauro Icardi si laurea miglior marcatore del campionato, a pari merito con Luca Toni: 22 reti per entrambi.

Per ovviare alle difficoltà di formazione, Mancini approfitta della finestra invernale di mercato con l'obiettivo di creare un undici titolare che maggiormente risponda alle sue idee: vengono così presi il centrocampista Marcelo Brozović, la mezzala Xherdan Shaqiri e la punta Lukas Podolski mentre il terzino Davide Santon fa ritorno al club che - 6 anni prima - lo lanciò tra i professionisti.[30] Almeno all'inizio, i nuovi innesti non forniscono giovamento all'economia del gioco[31]: la sconfitta con il Sassuolo fa inoltre montare l'ennesima contestazione dei fan, che prendono di mira in particolare Fredy Guarín e Mauro Icardi.[32] Il controverso episodio pare, tuttavia, fungere da «scossa» per i due giocatori: l'argentino realizza una doppietta nel 3-0 con il Palermo[33], mentre il colombiano (già in gol contro i rosanero) fa altrettanto nel 4-1 contro l'Atalanta.[34] Oltre a sconfiggere i siciliani e gli orobici, l'Inter batte il Cagliari ritrovando un filotto di 3 vittorie consecutive che non si verificava dall'anno di Andrea Stramaccioni (2012-13): in queste settimane, viene anche superato il sedicesimo di Europa League contro lo scozzese Celtic.[35][36][37] Nel volgere di poche gare, tuttavia, i nerazzurri buttano via quanto di buono costruito: in campionato perdono ulteriore terreno dalle prime posizioni[38][39], mentre in coppa concludono la loro avventura facendosi battere dal Wolfsburg.[40][41] Rimasta senza obiettivi di coppa, l'Inter tenta - a questo punto - di raggiungere in campionato un piazzamento che le garantirebbe la partecipazione all'Europa League nel 2015-16.[42] Il ritardo accumulato in classifica è però tale da costringere la squadra a lottare fino alla fine[43], peraltro in condizioni di svantaggio.[44][45] Il campionato va in archivio con il successo, per 4-3, contro l'Empoli: segnando in questa gara, Icardi (in gol con una doppietta) chiude al comando la classifica dei marcatori in compagnia del veronese Luca Toni, anch'egli autore di 22 reti.[46] L'Inter si classifica all'ottavo posto, preceduta dalla Sampdoria che entra in Europa grazie al mancato ottentimento della licenza Uefa da parte del Genoa: un'indagine che vedeva coinvolti i blucerchiati aveva inizialmente fatto sperare i milanesi nel ripescaggio, poi non concretizzatosi a seguito dell'assoluzione della società ligure.[47][48]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Le presentazioni sono cominciate a partire dall'8 luglio 2014. La prima maglia, completamente rivoluzionata, presenta un colletto a polo prevalentemente nero con una rifinitura azzurra sulla parte superiore, strisce nere più strette definite da tredici pinstripes azzurre, quasi a ricordare un elegante gessato. Le maniche seguono la trama principale per poi finire con una striscia sottile azzurra e una banda di colore nero ai bordi. Il 25 luglio 2014 è stata invece svelata la seconda maglia, tutta in grigio chiaro con diverse strisce orizzontali di un grigio più scuro che, sulla parte anteriore della casacca, si interrompono formando la croce di San Giorgio simbolo della città di Milano. Gli sponsor e i dettagli sono colorati di rosso. La terza divisa, ufficializzata il 16 settembre 2014, è completamente azzurra con una linea nera su entrambi i lati.[49]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1ª divisa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2ª divisa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
3ª divisa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1ª portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2ª portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
3ª portiere

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

  • Presidente: Erick Thohir.
  • Presidente onorario: Massimo Moratti[50]
  • Vicepresidenti: Angelomario Moratti[50] Javier Zanetti.
  • Consiglio di Amministrazione: Erick Thohir, Handy Soetedjo, Grant Ferguson, Nicola Volpi, Michael Bolingbroke, Alberto Manzonetto, Carlo D'Urso, Gerardo Braggiotti (dal 21 novembre 2014[51]).
  • Collegio sindacale. Sindaci Effettivi: Giovanni Luigi Camera, Giorgio Rusticali e Fabrizio Angelelli.
  • Advisory Board: Milly Moratti e Nicola Volpi.
  • Direttore Generale: Marco Fassone.
  • Amministratore delegato: Michael Bolingbroke.
  • Direttore Marketing: Claire Lewis.
  • Direttore Global Partnership: Dan Chard.
  • Direttore Area Amministrativa, Finanza e Controllo: Michael Williamson.
  • Direttore Commerciale: Giorgio Ricci.
  • Responsabile Segreteria Sportiva Prima Squadra: Monica Volpi.
  • Team Manager: Giuseppe Santoro[52]
  • Direttore Settore Giovanile: Roberto Samaden.
  • Responsabile Area Ricerca e Selezione Sett. Giovanile: Pierluigi Casiraghi.
  • Responsabile Organizzativo Settore Giovanile: Alberto Celario.
  • Direttore Amministrazione: Paolo Pessina.
  • Direttore Pianificazione Strategica e Controllo di Gestione: Mark van Huuksloot.
  • Direttore del Personale: Sergio Zanetta.
  • Real Estate Operations: Mauro Ferrara.
  • Responsabile ufficio legale: Francesca Muttini.

Area comunicazione

  • Responsabile Information Technology: Giovanni Valerio.
  • Responsabile Rapporti con la stampa: Edoardo Caldara.
  • Responsabili Ufficio Stampa: Leo Picchi e Luigi Crippa.
  • Direttore responsabile Inter Channel: Roberto Scarpini.
  • Ufficio Stampa: Daria Nicoli, Andreina Renna, Davide Civoli.
  • Presidente Onorario Inter Club: Bedy Moratti.

Area tecnica

  • Direttore Sportivo: Piero Ausilio.
  • Allenatore: Walter Mazzarri,[52] Roberto Mancini.
  • Allenatore in seconda: Nicolò Frustalupi,[52] Giulio Nuciari.
  • Collaboratore tecnico: Sylvinho.
  • Collaboratore tecnico: Fausto Salsano.
  • Collaboratore tecnico: José Duqué.
  • Responsabile preparatori atletici: Ivan Carminati.
  • Responsabile addetto agli arbitri: Andrea Romeo.
  • Allenatore portieri: Adriano Bonaiuti.
  • Match analyst: Michele Salzarulo.
  • Coordinatore staff medico: Piero Volpi.
  • Medico sociale: Daniele Casalini.
  • Medico: Simone Porcelli.
  • Medico Primavera: Alessandro Corsini.
  • Preparatore atletico: Andrea Scanavino.
  • Responsabile recupero infortunati: Giannicola Bisciotti.
  • Preparatore di recupero: Massimiliano Marchesi.
  • Coordinatore fisioterapisti: Marco Dellacasa.
  • Fisioterapisti: Massimo Dellacasa, Andrea Belli, Marco Frigerio e Matteo Perasso.

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Rosa e numerazione aggiornate al 3 febbraio 2015.[53]

N. Ruolo Giocatore
1 Slovenia P Samir Handanovič
2 Brasile D Jonathan
5 Brasile D Juan Jesus
6 Italia D Marco Andreolli
7 Italia A Pablo Osvaldo[54]
8 Argentina A Rodrigo Palacio
9 Argentina A Mauro Icardi
10 Croazia C Mateo Kovačić
11 Germania A Lukas Podolski[55]
13 Colombia C Fredy Guarín
14 Argentina D Hugo Campagnaro
15 Serbia D Nemanja Vidić
17 Serbia C Zdravko Kuzmanović
18 Cile C Gary Medel
19 Argentina A Rubén Botta[56]
N. Ruolo Giocatore
20 Nigeria C Joel Obi
21 Italia D Davide Santon[55]
22 Brasile D Dodô
23 Italia D Andrea Ranocchia (capitano)
25 Senegal D Ibrahima Mbaye[54]
26 Brasile D Felipe[55]
30 Argentina P Juan Pablo Carrizo
33 Italia D Danilo D'Ambrosio
44 Slovenia C Rene Krhin[54]
46 Italia P Tommaso Berni
55 Giappone D Yūto Nagatomo (vicecapitano)
77 Croazia C Marcelo Brozović[55]
88 Brasile C Hernanes
90 Francia C Yann M'Vila[54]
91 Svizzera C Xherdan Shaqiri[55]

Aggregati dalla Primavera[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
24 Italia D Giacomo Sciacca
27 Costa d'Avorio C Assane Gnoukouri
28 Romania A George Pușcaș
29 Guinea C Gaston Camara
54 Ghana D Isaac Donkor
92 Italia A Enrico Baldini
N. Ruolo Giocatore
93 Italia D Federico Dimarco
94 Costa d'Avorio D Guy Eloge Yao
95 Italia P Davide Costa
96 Italia C Andrea Palazzi
97 Italia A Federico Bonazzoli
98 Romania P Ionuț Radu
99 Guinea-Bissau A José Zé Turbo Correia

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva (dall'1/7 al 2/9)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Francesco Bardi Livorno fine prestito
P Vid Belec Olhanense fine prestito
P Tommaso Berni Torino svincolato
P Raffaele Di Gennaro Cittadella fine prestito
D Andrea Bandini Bologna definitivo
D Simone Benedetti Padova fine prestito
D Cristiano Biraghi Cittadella risoluzione comproprietà
D Mirko Crociati Giana Erminio definitivo
D Dodô Roma prestito
D Marco Ferrara Pergolettese risoluzione comproprietà
D Matteo Frigerio Renate definitivo
D Jacobo Galimberti Monza fine prestito
D Yao Guffi Parma definitivo
D Ibrahima Mbaye Livorno fine prestito
D Simone Pasa Padova fine prestito
D Giorgio Piacentini AlbinoLeffe prestito
D Matías Silvestre Milan fine prestito
D Lukas Spendlhofer Varese fine prestito
D Nemanja Vidić Manchester Utd svincolato
D Giovanni Zaro Castiglione risoluzione comproprietà
C Rodrigo Alborno Cittadella fine prestito
C Niccolò Belloni Modena fine prestito
C Marco Benassi Livorno fine prestito
C Daniel Bessa Sparta Rotterdam fine prestito
C Mattia Bonetto Montebelluna definitivo
C Lorenzo Crisetig Parma risoluzione comproprietà
C Alessandro Cannataro Livorno fine prestito
C Alfred Duncan Livorno fine prestito
C Gianmarco Gabbianelli Pro Patria fine prestito
C Assane Gnoukouri Marano definitivo
C Rene Krhin Bologna riscatto (1,2 milioni €)
C Diego Laxalt Bologna fine prestito
C Gary Medel Cardiff City definitivo
C Yann M'Vila Rubin Kazan' prestito (1 milione €)
C Joel Obi Parma fine prestito
C Ezequiel Schelotto Parma fine prestito
C Andrea Romanò Bologna risoluzione comproprietà
C Stefano Tonsi Novese fine prestito
A Ishak Belfodil Livorno fine prestito
A Riccardo Bocalon Venezia fine prestito
A Bocar Djurmo Oțelul Galați fine prestito
A Adama Fofana Brescia definitivo
A Zate Wilfried Gnoukouri Marano definitivo
A Youssou Lo Vicenza definitivo
A Samuele Longo Rayo Vallecano fine prestito
A Davide Mariani Enotria prestito
A Diego Mella Pro Patria fine prestito
A Pablo Osvaldo Southampton prestito
A Ismael Sanogo Spezia fine prestito
A Tidjane Baldé Modena fine prestito
A Christian Silenzi Athletic Soccer Academy definitivo
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Francesco Bardi Chievo prestito
P Vid Belec Konyaspor prestito
P Luca Castellazzi Torino svincolato
P Raffaele Di Gennaro Latina prestito
P Raffaele Delle Vedove Lumezzane definitivo
P Alessandro Feleppa Pontisola prestito
P Ivica Ivusic Prato prestito
P Giovanni Ranieri SPAL prestito
D Andrea Bandini Prato prestito
D Simone Bandini Chievo prestito
D Simone Benedetti Cagliari definitivo
D Cristiano Biraghi Chievo prestito
D Riccardo Bisceglia Inveruno prestito
D Francis Boateng Verona prestito
D Andrea Bondioli Brescia definitivo
D Enrico Boschi Reggiana definitivo
D Alessandro Cannataro Pro Patria prestito
D Mirko Crociati Chievo prestito
D Stefano Dalla Riva Marano prestito
D Fabio Eguelfi Prato prestito
D Jacopo Galimberti Savona prestito
D Simone Golia Bologna definitivo
D Davide Guglielmotti Pro Patria definitivo
D Leonardo Longo Grosseto prestito
D Alex Manolache Sacilese prestito
D Lorenzo Paramatti Bologna definitivo
D Simone Pasa Prato prestito
D Simone Pecorini Cittadella definitivo
D Rolando Porto fine prestito
D Walter Samuel Basilea svincolato
D Matías Silvestre Sampdoria prestito
D Federico Simonato Varese prestito
D Lukas Spendlhofer Sturm Graz prestito
D Wallace Chelsea fine prestito
D Javier Zanetti fine carriera
C Ricky Álvarez Sunderland prestito
C Niccolò Belloni Pro Vercelli prestito
C Marco Benassi Torino comproprietà
C Daniel Bessa Bologna prestito
C Rubén Botta Chievo prestito
C Esteban Cambiasso Leicester City svincolato
C Lorenzo Crisetig Cagliari prestito
C Lorenzo Degeri Cremonese definitivo
C Alfred Duncan Sampdoria prestito
C Gianmarco Gabbianelli Prato prestito
C Riccardo Gaiola Cesena prestito
C Morten Knudsen Prato prestito
C Diego Laxalt Empoli prestito
C McDonald Mariga Parma svincolato
C Frank Emmanuel Didiba Mboke Parma prestito
C Andrea Mira Renate prestito
C Gaby Mudingayi Elche svincolato
C Valeriano Nchama Marano prestito
C Mirko Nufi Pergolettese prestito
C Andrea Romanò Prato prestito
C Ezequiel Schelotto Chievo prestito
C Demetrio Steffè Chievo prestito
C Saphir Taïder Sassuolo prestito
C Lorenzo Tassi Prato prestito
C Pierre Desire Zebli Perugia prestito
A Ishak Belfodil Parma risoluzione comproprietà
A Francesco Bigotto Pergolettese prestito
A Riccardo Bocalon Prato prestito
A Alessandro Capello Bologna risoluzione comproprietà
A Mattia Casale Pro Vercelli definitivo
A Tidjane Baldé Virtus Entella prestito
A Matteo Colombi Savona prestito
A Gianluca D'Auria Napoli definitivo
A Yago Del Piero Cesena definitivo
A Bocar Djurmo Sliema Wanderers prestito
A Adama Fofana Prato prestito
A Francesco Forte Forlì prestito
A Nicolò Gazzetti Carpi prestito
A Manuel Gullotta Brescia risoluzione comproprietà
A Marko Livaja Atalanta risoluzione comproprietà
A Youssou Lo Mosta prestito
A Geremy Lombardi Parma prestito
A Samuele Longo Cagliari prestito
A Giuseppe Maiorano Sassuolo prestito
A Diego Mella Pro Piacenza prestito
A Diego Milito Racing Club svincolato
A Lorenzo Mitta Parma prestito
A Roberto Ogunseye Prato prestito
A Andy Polo Millonarios comproprietà
A Alessandro Ponti Genoa definitivo
A Salvatore Russo Spezia definitivo
A Ismael Sanogo Pro Piacenza prestito
A Giovanni Terrani Monza definitivo

Sessione invernale (dal 5/1 al 2/2)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Vid Belec Konyaspor fine prestito
D Felipe Parma svincolato
D Alvaro Pereira San Paolo fine prestito
D Davide Santon Newcastle Utd prestito (0 €) con diritto di riscatto (3,8 milioni)
D Diego Laxalt Empoli fine prestito
D Italo Santos Vasco da Gama definitivo (0 €)[57]
D Simone Bandini Chievo fine prestito
C Patrick Olsen Strømsgodset fine prestito
C Marcelo Brozović Dinamo Zagabria prestito (3 milioni) con obbligo di riscatto (5 milioni)[58]
C Thilo Kehrer Schalke 04 definitivo (0 €)[57]
C Xherdan Shaqiri Bayern Monaco prestito (0 €) con obbligo di riscatto (15 milioni)[59]
A José Correia Sporting Lisbona definitivo (0 €)[57]
A Lukas Podolski Arsenal prestito (0,6 milioni)[60]
A Tidjane Baldé Virtus Entella fine prestito
Cessioni
R. Nome a Modalità
D Ibrahima Mbaye Bologna prestito (0,5 milioni) con diritto di riscatto (2,75 milioni)
D Alvaro Pereira Estudiantes (LP) prestito con obbligo di riscatto (3 milioni)
D Simone Bandini Lecco definitivo
C Rene Krhin Cordova prestito (0,5 milioni)
C Diego Laxalt Genoa prestito (0,5 milioni) con diritto di riscatto (2,5 milioni)
C Patrick Olsen Haugesund svincolato
C Yann M'Vila Rubin Kazan' fine prestito
A Tidjane Baldé Cardiff City prestito con diritto di riscatto (0,2 milioni)
A Pablo Osvaldo Boca Jrs. prestito

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 2014-2015.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Torino
31 agosto 2014, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Torino 0 – 0
referto
Inter Stadio Olimpico (25.824 spett.)
Arbitro Doveri (Roma 1)

Milano
14 settembre 2014, ore 15:00 CEST
2ª giornata
Inter 7 – 0
referto
Sassuolo Stadio Giuseppe Meazza (34.549 spett.)
Arbitro Calvarese (Teramo)

Palermo
21 settembre 2014, ore 20:45 CEST
3ª giornata
Palermo 1 – 1
referto
Inter Stadio Renzo Barbera (18.292 spett.)
Arbitro Valeri (Roma)

Milano
24 settembre 2014, ore 20:45 CEST
4ª giornata
Inter 2 – 0
referto
Atalanta Stadio Giuseppe Meazza (29.535 spett.)
Arbitro Gervasoni (Mantova)

Milano
28 settembre 2014, ore 15:00 CEST
5ª giornata
Inter 1 – 4
referto
Cagliari Stadio Giuseppe Meazza (36.925 spett.)
Arbitro Banti (Livorno)

Firenze
5 ottobre 2014, ore 20:45 CEST
6ª giornata
Fiorentina 3 – 0
referto
Inter Stadio Artemio Franchi (34.279 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Milano
19 ottobre 2014, ore 20:45 CEST
7ª giornata
Inter 2 – 2
referto
Napoli Stadio Giuseppe Meazza (40.383 spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Cesena
26 ottobre 2014, ore 18:00 CEST
8ª giornata
Cesena 0 – 1
referto
Inter Stadio Dino Manuzzi (22.917 spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Milano
29 ottobre 2014, ore 20:45 CEST
9ª giornata
Inter 1 – 0
referto
Sampdoria Stadio Giuseppe Meazza (28.057 spett.)
Arbitro Russo (Nola)

Parma
1º novembre 2014, ore 20:45 CET
10ª giornata
Parma 2 – 0
referto
Inter Stadio Ennio Tardini (13.539 spett.)
Arbitro Rizzoli (Bologna)

Milano
9 novembre 2014, ore 20:45 CET
11ª giornata
Inter 2 – 2
referto
Verona Stadio Giuseppe Meazza (27.314 spett.)
Arbitro Rocchi (Firenze)

Milano
23 novembre 2014, ore 20:45 CET
12ª giornata
Milan 1 – 1
referto
Inter Stadio Giuseppe Meazza (79.173 spett.)
Arbitro Guida (Torre Annunziata)

Roma
30 novembre 2014, ore 20:45 CET
13ª giornata
Roma 4 – 2
referto
Inter Stadio Olimpico (41.701 spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Milano
7 dicembre 2014, ore 20:45 CET
14ª giornata
Inter 1 – 2
referto
Udinese Stadio Giuseppe Meazza (34.912 spett.)
Arbitro Gervasoni (Mantova)

Verona
15 dicembre 2014, ore 21:00 CET
15ª giornata
Chievo 0 – 2
referto
Inter Stadio Marcantonio Bentegodi (15.000 spett.)
Arbitro Massa (Imperia)

Milano
21 dicembre 2014, ore 20:45 CET
16ª giornata
Inter 2 – 2
referto
Lazio Stadio Giuseppe Meazza (36.344 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Torino
6 gennaio 2015, ore 21:00 CET
17ª giornata
Juventus 1 – 1
referto
Inter Juventus Stadium (38.791 spett.)
Arbitro Banti (Livorno)

Milano
11 gennaio 2015, ore 12:30 CET
18ª giornata
Inter 3 – 1
referto
Genoa Stadio Giuseppe Meazza (37.525 spett.)
Arbitro Russo (Nola)

Empoli
17 gennaio 2015, ore 18:00 CET
19ª giornata
Empoli 0 – 0
referto
Inter Stadio Carlo Castellani (13.449 spett.)
Arbitro Doveri (Roma 1)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Milano
25 gennaio 2015, ore 15:00 CET
20ª giornata
Inter 0 – 1
referto
Torino Stadio Giuseppe Meazza (34.209 spett.)
Arbitro Irrati (Pistoia)

Reggio Emilia
1º febbraio 2015, ore 12:30 CET
21ª giornata
Sassuolo 3 – 1
referto
Inter Mapei Stadium-Città del Tricolore (18.446 spett.)
Arbitro Valeri (Roma)

Milano
8 febbraio 2015, ore 20:45 CET
22ª giornata
Inter 3 – 0
referto
Palermo Stadio Giuseppe Meazza (30.085 spett.)
Arbitro Guida (Torre Annunziata)

Bergamo
15 febbraio 2015, ore 15:00 CET
23ª giornata
Atalanta 1 – 4
referto
Inter Stadio Atleti Azzurri d'Italia (13.765 spett.)
Arbitro Banti (Livorno)

Cagliari
23 febbraio 2015, ore 21:00 CET
24ª giornata
Cagliari 1 – 2
referto
Inter Stadio Sant'Elia (14.000 spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Milano
1º marzo 2015, ore 18:00 CET
25ª giornata
Inter 0 – 1
referto
Fiorentina Stadio Giuseppe Meazza (39.310 spett.)
Arbitro Massa (Imperia)

Napoli
8 marzo 2015, ore 20:45 CET
26ª giornata
Napoli 2 – 2
referto
Inter Stadio San Paolo (36.646 spett.)
Arbitro Rocchi (Firenze)

Milano
15 marzo 2015, ore 20:45 CET
27ª giornata
Inter 1 – 1
referto
Cesena Stadio Giuseppe Meazza (28.549 spett.)
Arbitro Gervasoni (Mantova)

Genova
22 marzo 2015, ore 20:45 CET
28ª giornata
Sampdoria 1 – 0
referto
Inter Stadio Luigi Ferraris (22.865 spett.)
Arbitro Valeri (Roma)

Milano
4 aprile 2015, ore 15:00 CEST
29ª giornata
Inter 1 – 1
referto
Parma Stadio Giuseppe Meazza (33.175 spett.)
Arbitro Peruzzo (Schio)

Verona
11 aprile 2015, ore 20:45 CEST
30ª giornata
Verona 0 – 3
referto
Inter Stadio Marcantonio Bentegodi (20.645 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Milano
19 aprile 2015, ore 20:45 CEST
31ª giornata
Inter 0 – 0
referto
Milan Stadio Giuseppe Meazza (74.022 spett.)
Arbitro Banti (Livorno)

Milano
25 aprile 2015, ore 20:45 CEST
32ª giornata
Inter 2 – 1
referto
Roma Stadio Giuseppe Meazza (37.695 spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Udine
28 aprile 2015, ore 20:45 CEST
33ª giornata
Udinese 1 – 2
referto
Inter Stadio Friuli (8.901 spett.)
Arbitro Rocchi (Firenze)

Milano
3 maggio 2015, ore 15:00 CEST
34ª giornata
Inter 0 – 0
referto
Chievo Stadio Giuseppe Meazza (33.144 spett.)
Arbitro Guida (Torre Annunziata)

Roma
10 maggio 2015, ore 20:45 CEST
35ª giornata
Lazio 1 – 2
referto
Inter Stadio Olimpico (37.367 spett.)
Arbitro Massa (Imperia)

Milano
16 maggio 2015, ore 18:00 CEST
36ª giornata
Inter 1 – 2
referto
Juventus Stadio Giuseppe Meazza (60.362 spett.)
Arbitro Doveri (Roma)

Genova
23 maggio 2015, ore 20:45 CEST
37ª giornata
Genoa 3 – 2
referto
Inter Stadio Luigi Ferraris (27.161 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Milano
31 maggio 2015, ore 20:45 CEST
38ª giornata
Inter 4 – 3
referto
Empoli Stadio Giuseppe Meazza (32.036 spett.)
Arbitro Damato (Barletta)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2014-2015.

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Milano
21 gennaio 2015, ore 21:00 CET
Partita Unica
Inter 2 – 0
referto
Sampdoria Stadio Giuseppe Meazza (38.497 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Napoli
4 febbraio 2015, ore 20:45 CET
Partita Unica
Napoli 1 – 0
referto
Inter Stadio San Paolo (48.740 spett.)
Arbitro Massa (Imperia)

UEFA Europa League[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: UEFA Europa League 2014-2015.

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Reykjavík
20 agosto 2014, ore 21:00 UTC
Andata
Stjarnan 0 – 3
referto
Inter Laugardalsvöllur (9.829 spett.)
Arbitro Croazia Strahonja

Milano
28 agosto 2014, ore 20:45 CEST
Ritorno
Inter 6 – 0
referto
Stjarnan Stadio Giuseppe Meazza (45.660 spett.)
Arbitro Austria Lechner

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Kiev
18 settembre 2014, ore 19:00 CEST
1ª giornata
Dnipro 0 – 1
referto
Inter Stadio Olimpico di Kiev (25.200/15.712 spett.)
Arbitro Germania Zwayer

Milano
2 ottobre 2014, ore 21:05 CEST
2ª giornata
Inter 2 – 0
referto
Qarabağ Stadio Giuseppe Meazza (28.435 spett.)
Arbitro Bielorussia Kulbakov

Milano
23 ottobre 2014, ore 21:05 CEST
3ª giornata
Inter 0 – 0
referto
Saint-Étienne Stadio Giuseppe Meazza (33.379 spett.)
Arbitro Inghilterra Taylor

Saint-Étienne
6 novembre 2014, ore 19:00 CET
4ª giornata
Saint-Étienne 1 – 1
referto
Inter Stadio Geoffroy Guichard (36.411 spett.)
Arbitro Slovenia Vincic

Milano
27 novembre 2014, ore 21:05 CET
5ª giornata
Inter 2 – 1
referto
Dnipro Stadio Giuseppe Meazza (29.150 spett.)
Arbitro Scozia Madden

Baku
11 dicembre 2014, ore 19:00 CET
6ª giornata
Qarabağ 0 – 0
referto
Inter Tofiq Bahramov Stadium (31.200/29.858 spett.)
Arbitro Rep. Ceca Zelinka

Sedicesimi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Glasgow
19 febbraio 2015, ore 21:05 CET
Andata
Celtic 3 – 3
referto
Inter Celtic Park (58.500 spett.)
Arbitro Ungheria Vad

Milano
26 febbraio 2015, ore 19:00 CET
Ritorno
Inter 1 – 0
referto
Celtic Stadio Giuseppe Meazza (39.711 spett.)
Arbitro Slovacchia Kruzaliak

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Wolfsburg
12 marzo 2015, ore 19:00 CET
Andata
Wolfsburg 3 – 1
referto
Inter Volkswagen Arena (25.374 spett.)
Arbitro Polonia Marciniak

Milano
19 marzo 2015, ore 21:05 CET
Ritorno
Inter 1 – 2
referto
Wolfsburg Stadio Giuseppe Meazza (42.041 spett.)
Arbitro Inghilterra Clattenburg

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 31 maggio 2015.

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR QR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A 55 19 7 7 5 33 23 19 7 6 6 26 25 38 14 13 11 59 48 + 11 1,23
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia - 1 1 0 0 2 0 1 0 0 1 0 1 2 1 0 1 2 1 + 1 2
Coppauefa.png Europa League - 6 4 1 1 12 3 6 2 3 1 9 7 12 6 4 2 21 10 + 11 2,1
Totale - 26 12 8 6 46 24 26 9 9 8 35 32 52 21 17 14 82 59 + 23 1,39

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38
Luogo T C T C C T C T C T C T T C T C T C T C T C T T C T C T C T C C T C T C T C
Risultato N V N V P P N V V P N N P P V N N V N P P V V V P N N P N V N V V N V P P V
Posizione 12 4 6 4 5 8 8 6 6 7 7 7 11 12 11 11 11 10 10 9 13 9 9 6 8 9 7 9 9 9 9 7 7 9 7 8 8 8

Fonte: Serie A – Classifiche, Sky Sport.
Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Serie A Coppa Italia Europa League Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Andreolli, M. M. Andreolli 60001000600013000
Berni, T. T. Berni 0-0000-0000-0000-000
Bonazzoli, F. F. Bonazzoli 3010100020006010
Campagnaro, H. H. Campagnaro 100000000500015000
Carrizo, J. J. Carrizo 1−1002-0009−80012000
D'Ambrosio, D. D. D'Ambrosio 220401000630029340
Dodô, Dodô 200202000620028220
Donkor, I. I. Donkor 2001000010003001
Guarín, F. F. Guarín 276401000610034740
Handanovič, S. S. Handanovič 36−43100-0003-10039-110
Hernanes, Hernanes 255401000700033540
Icardi, M. M. Icardi 35221021008400452710
Jonathan, Jonathan 2000000030005000
Juan Jesus, Juan Jesus 3109020009020420110
Kovačić, M. M. Kovačić 345311000630041831
Krhin, R. R. Krhin 3000000020005000
Medel, G. G. Medel 350612000501042071
M'Vila, Y. Y. M'Vila 80000000600014000
Nagatomo, Y. Y. Nagatomo 130311000301017041
Obi, J. J. Obi 111001000500017100
Osvaldo, P. P. Osvaldo 125100000720019710
Palacio, R. R. Palacio 3583000006400411230
Ranocchia, A. A. Ranocchia 332701000600140271
Vidić, N. N. Vidić 231310000401027141
Kuzmanovic, Z. Z. Kuzmanovic 140001000811023110
Botta, R. R. Botta 0000000010001000
Mbaye, I. I. Mbaye 4000000030007000
Camara, G. G. Camara 2000000000002000
Palazzi, A. A. Palazzi 0000000010001000
Podolski, L. L. Podolski 161201000000017120
Shaqiri, X. X. Shaqiri 141202100210018320
Pușcaș, G. G. Pușcaș 3000200010006000
Brozović, M. M. Brozović 141501000000015150
Baldini, E. E. Baldini 0000000010001000
Dimarco, F. F. Dimarco 1000000010002000
Santon, D. D. Santon 90001000300013000
Felipe, Felipe 4010000000004010
Gnoukouri, A. A. Gnoukouri 5010000000005010

Giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Subentrato alla 12ª giornata.
  2. ^ Subentrato alla 14ª giornata.
  3. ^ Matteo Dalla Vite, Inter, Thohir e il rinnovo di Mazzarri: "Avanti con lui altri 2 anni", su gazzetta.it, 28 giugno 2014.
  4. ^ Tiziana Cairati, Inter, ufficiale il rinnovo di Mazzarri: insieme fino al 2016, su repubblica.it, 2 luglio 2014.
  5. ^ Matteo Politanò e Selene Biffi, L'Inter riparte: nuova stagione, vecchi dubbi, su panorama.it, 4 luglio 2014.
  6. ^ a b Andrea Sorrentino, Inter, rivoluzione Thohir dai dirigenti ai medici così ha chiuso l'era Moratti, in la Repubblica, 7 agosto 2014, p. 45.
  7. ^ a b Inter, Dodò: "Il Triplete è il passato, ora tocca a noi fare la storia", su gazzetta.it, 17 agosto 2014.
  8. ^ Gianluca Strocchi, Europa League, Stjarnan-Inter 0-3: Icardi, Dodò e D'Ambrosio spingono i nerazzurri, su repubblica.it, 21 agosto 2014.
  9. ^ Emanuele Gamba, Toro in festa, basta un rigore l'Inter si diverte, tris di Kovacic, in la Repubblica, 29 agosto 2014, p. 50.
  10. ^ Napoli, Inter e Fiorentina facile. Torino, provaci, in La Gazzetta dello Sport, 30 agosto 2014.
  11. ^ Andrea Sorrentino, Inter, pomeriggio esagerato Sassuolo travolto da Icardi ma l'anima nerazzurra è Medel, in la Repubblica, 15 settembre 2014, p. 34.
  12. ^ Andrea Sorrentino, Inter sotto shock a San Siro travolta dai ragazzi di Zeman, in la Repubblica, 29 settembre 2014, p. 36.
  13. ^ Matteo Brega, Europa League, Inter-Qarabag 2-0: gol di D'Ambrosio e Icardi. Mazzarri in fuga, su gazzetta.it, 2 ottobre 2014.
  14. ^ Sandro Bocchio, L'Inter di Mazzarri e i numeri di una disfatta, su ilfoglio.it, 6 ottobre 2014.
  15. ^ Marco Azzi, Callejon non basta il Napoli si fa riprendere con l'Inter finisce pari, in la Repubblica, 20 ottobre 2014, p. 5.
  16. ^ Luca Taidelli, Cesena-Inter 0-1: decide Icardi su rigore. Mazzarri respira, su gazzetta.it, 26 ottobre 2014.
  17. ^ Filippo Grimaldi, Inter-Sampdoria 1-0: decide Icardi su rigore. Traversa di Duncan, su gazzetta.it, 29 ottobre 2014.
  18. ^ Andrea Sorrentino, Inter da incubi, il Parma rinasce Mazzarri vede sempre più nero, in la Repubblica, 2 novembre 2014, p. 58.
  19. ^ Francesco Carci, Saint Etienne-Inter 1-1, per i nerazzurri qualificazione vicina, su repubblica.it, 6 novembre 2014.
  20. ^ Andrea Sorrentino, Ma San Siro fischia ancora Icardi non basta vincere, in la Repubblica, 10 novembre 2014, p. 32.
  21. ^ Beppe Ruggiero, Inter, l'addio di Mazzarri: un amore mai nato. Moratti: "Ha deciso Thohir", su gazzetta.it, 14 novembre 2014.
  22. ^ Tiziana Cairati, Inter, Mazzarri esonerato; torna Mancini: "Una nuova sfida". Thohir: "Con lui al top in Europa", su repubblica.it, 14 novembre 2014.
  23. ^ a b 4 cose sulla prima Inter di Mancini, su ilpost.it, 15 novembre 2014.
  24. ^ Jacopo Manfredi, Milan-Inter 1-1, Obi risponde a Menez, su repubblica.it, 23 novembre 2014.
  25. ^ Francesco Carci, Inter-Dnipro 2-1: la rimonta vale il passaggio del turno e il primo posto, super Handanovic, su repubblica.it, 27 novembre 2014.
  26. ^ Enrico Sisti, La Roma non si butta giù festa del gol con l'Inter Pjanic scaccia gli incubi, in la Repubblica, 1 dicembre 2014, p. 38.
  27. ^ Matteo Brega, Inter-Udinese 1-2, gol di Icardi, Bruno Fernandes, Thereau. Che errore Palacio, su gazzetta.it, 7 dicembre 2014.
  28. ^ Max Cristina, Europa League, Qarabag-Inter 0-0: azeri fuori con un gol annullato ingiustamente, su sportmediaset.mediaset.it, 11 dicembre 2014.
  29. ^ Andrea Sorrentino, Perla Kovacic, scossa Palacio l'Inter riprende la Lazio illusa dallo show di Anderson, in la Repubblica, 22 dicembre 2014, p. 36.
  30. ^ L'Inter si riprende Santon. Tutto fatto: poker servito, su gazzetta.it, 1 febbraio 2015.
  31. ^ Andrea Sorrentino, Inter, la babele di Mancini: in campo undici nazionalità diverse, su repubblica.it, 2 febbraio 2015.
  32. ^ Inter, lo scontro Icardi-tifosi a Sassuolo visto e vissuto in Curva, su sportmediaset.mediaset.it, 2 febbraio 2015.
  33. ^ Andrea Sorrentino, Irresistibile Icardi, l'Inter si rialza, in la Repubblica, 9 febbraio 2015, p. 31.
  34. ^ Andrea Sorrentino, Guarin trascina l'Inter, sfatato il tabù Atalanta, in la Repubblica, 16 febbraio 2015, p. 38.
  35. ^ Alex Frosio, Inter, ma sei pazza? Domina, fa regali subisce il pari al 93', in La Gazzetta dello Sport, 20 febbraio 2015.
  36. ^ Luca Taidelli, Cagliari-Inter 1-2: gol di Kovacic e Icardi, autorete di Carrizo, su gazzetta.it, 23 febbraio 2015.
  37. ^ Francesco Carci, Inter-Celtic 1-0, Guarin firma la qualificazione agli ottavi, su repubblica.it, 26 febbraio 2015.
  38. ^ Matteo Brega, Inter-Fiorentina 0-1: Salah ferma la corsa di Mancini, su gazzetta.it, 1 marzo 2015.
  39. ^ Andrea Ghislandi, Serie A, Napoli-Inter 2-2: Azzurri spreconi, rimonta nerazzurra, su sportmediaset.mediaset.it, 8 marzo 2015.
  40. ^ Andrea Sorrentino, Torna l'Inter dei regali il Wolfsburg ringrazia dopo l'illusione Palacio, in la Repubblica, 13 marzo 2015, p. 56.
  41. ^ Valerio Clari, Delusione Inter: eliminata dal Wolfsburg. Addio all'ultimo obiettivo, su gazzetta.it, 19 marzo 2015.
  42. ^ Roberto Omini, Samp-Inter 1-0: magia di Eder, depressione Mancini, su sportmediaset.mediaset.it, 22 marzo 2015.
  43. ^ Ivan Palumbo, Inter-Milan 0-0: un gol annullato per parte, Diego Lopez para tutto nel finale, su gazzetta.it, 19 aprile 2015.
  44. ^ Andrea Sorrentino, Lazio, due rossi e tanta rabbia Hernanes la colpisce al cuore, in la Repubblica, 11 maggio 2015, p. 28.
  45. ^ Francesco Oddi, Inter-Juventus 1-2: papera di Handanovic, decide Morata, su gazzetta.it, 16 maggio 2015.
  46. ^ Andrea Sorrentino, Inter, vittoria con sofferenza ma Icardi raggiunge Toni, in la Repubblica, 1 giugno 2015, p. 39.
  47. ^ Sampdoria indagata dalla Uefa: ora l'Inter vede l'Europa League, su gazzetta.it, 11 giugno 2015.
  48. ^ Jennifer Lorenzini, La Sampdoria giocherà in Europa League, su ilpost.it, 18 giugno 2015.
  49. ^ Matteo Perri, Due toni di azzurro per la terza maglia dell’Inter 2014-2015, passionemaglie.it, 16 settembre 2014. URL consultato il 16 settembre 2014.
  50. ^ a b Fino al 23 ottobre 2014.
  51. ^ Fino al 23 ottobre 2014 il Consiglio di Amministrazione era composto da Erick Thohir, Grant Ferguson, Handy Soetedjo, Thomas Shreve, Hioe Isenta, Angelomario Moratti, Rinaldo Ghelfi e Alberto Manzonetto.
  52. ^ a b c Fino al 14 novembre 2014.
  53. ^ Squadra, inter.it. URL consultato il 26 gennaio 2015.
  54. ^ a b c d Ceduto durante la sessione invernale del calciomercato.
  55. ^ a b c d e Acquistato durante la sessione invernale del calciomercato.
  56. ^ Ceduto durante la sessione estiva del calciomercato.
  57. ^ a b c Inter, tris di colpi per la cantera: Ze Turbo, Kehrer e Italo Santos, su interfans.org.
  58. ^ È ufficiale, Brozovic all'Inter, in ANSA, 26 gennaio 2015.
  59. ^ Inter, Shaqiri arriva in prestito gratuito: ecco tutte le cifre dell'operazione, , gianlucadimarzio.com.
  60. ^ Lukas Podolski - Transfermarkt, su transfermarkt.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio