Tifoseria del Football Club Internazionale Milano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tifosi dell'Inter allo stadio Giuseppe Meazza.
« Essere nerazzurri è un traguardo, un segno di eccellenza. Vi chiedo di urlare forza Inter con passione, ma senza rabbia »
(Giacinto Facchetti, Inter 1908-2008: un secolo di passione nerazzurra)

Nella presente pagina sono riportate informazioni sulla storia, evoluzione, demografia nonché dati riguardanti alla formazione e orientamento politico dei gruppi organizzati di tifosi relativi al Football Club Internazionale, società calcistica italiana con sede a Milano e meglio nota come Inter.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La cultura popolare voleva che il tifo per l'Inter fosse per i borghesi, a differenza della sua rivale cittadina, il Milan, supportata invece dalle classi popolari. Infatti, i tifosi dell'Inter soprannominavano i sostenitori rivali del Milan casciavìt, che in milanese significa cacciaviti, proprio per indicare l'origine proletaria e operaia di larga parte dei tifosi rossoneri. A loro volta i tifosi milanisti chiamavano i cugini nerazzurri baùscia, termine milanese che significa sbruffone, per indicare uno degli stereotipi classici dei milanesi, essendo allora la tifoseria nerazzurra composta perlopiù dalle classi medie e altolocate, di origine prettamente meneghina.[1][2][3][4] Questo divario andò appianandosi già negli anni sessanta del secolo passato e oggi i due soprannomi appaiono anacronistici e quasi desueti.

Cenni demografici[modifica | modifica wikitesto]

La tifoseria dell'Inter festeggia la vittoria del campionato 2007-2008.

Il Football Club Internazionale Milano, secondo un sondaggio della società Demos & Pi effettuato nel settembre 2014, l'Inter risulta essere il secondo club più sostenuto del Paese, avendo riscosso la preferenza del 18% del campione esaminato.[5]

Secondo un rapporto della società tedesca di indagini sul mercato sportivo Sport+Markt del 2010, l'Inter potrebbe altresì contare su un bacino potenziale di circa 17,5 milioni di sostenitori in Europa[6] e di 9,3 milioni di simpatizzanti in Sudamerica (secondo un altro rapporto della stessa società del 2009).[7]

Orientamento politico[modifica | modifica wikitesto]

Politicamente, i gruppi di tifo organizzato dell'Inter sono schierati su posizioni prevalentemente di destra o estrema destra.[8] Tuttavia, fuori dalle frange organizzate, l'orientamento politico della tifoseria, in ragione della sua eterogeneità sociale e territoriale, risulta non discostarsi in misura significativa da quelli più diffusi genericamente a livello di popolazione nazionale.

Fan club[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente un buon numero di sostenitori si organizza in fan club e associazione di tifosi. Il principale è il Centro Coordinamento Inter Club (CCIC), che ha più di 1065 club riconosciuti ufficialmente dall'Inter.[9]

La società nerazzurra vanta numerosi club sparsi in tutte le regioni d'Italia e in trenta paesi nel resto del mondo.[10]

La tifoseria organizzata[modifica | modifica wikitesto]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

I Boys-San in una foto scattata nel 1969.

Il concetto di tifoseria organizzata allo stadio è stato introdotto a Milano da Helenio Herrera negli anni sessanta ai tempi della Grande Inter, la prima formazione capace di attrarre a sé il tifo organizzato.[11] La Curva Nord di San Siro è il settore dello stadio dove la tifoseria interista si schiera durante le partite casalinghe. I sostenitori dell'Inter sono divisi in vari gruppi ultras, tra cui: Boys San 1969, Ultras 1975, Viking 1984[12], Irriducibili 1988, Bulldogs 1988, Brianza Alcoolica 1985 e Milano Nerazzurra 1977.[13] I primi gruppi di tifosi organizzati per sostenere la squadra nerazzurra furono i Moschettieri prima e gli Aficionados poi, proprio nell'era della Grande Inter.[14]

Un altro storico gruppo ultras fu quello degli Skins, creato nel 1987, si sciolse tre anni più tardi, nel 1990, a causa di disguidi con le altre fazioni della Curva Nord e, soprattutto, per la repressione derivata dall'estrema violenza del gruppo.

Attualmente il gruppo interista più antico e importante tra quelli sopravvissuti a quell'epoca è proprio quello dei Boys-San, fondato nel 1969.[14] Il gruppo nacque dalla defezione di alcuni ragazzi dall'Inter Club Fossati, il cui presidente tra il 1966 e il 1968 era Carlo Cerquetti, e prese il nome da Boy, un ragazzino dispettoso protagonista di alcuni fumetti pubblicati sul giornale della società interista. La data di nascita esatta è il 26 gennaio 1969, quando, di ritorno da una trasferta a Bologna, alcuni sostenitori in disaccordo con la presidenza del club Fossati si distaccarono e formarono un gruppo autonomo. Il nome originario fu 11 assi, Boys - Le furie nerazzurre e il primo striscione comparve nel marzo del 1970 a Roma, in un incontro che vedeva la squadra milanese opposta alla Lazio. Tornati a San Siro, il mese successivo il gruppo prese posto nell'attuale secondo anello arancione, spostato nella metà del settore che dà verso nord.[15]

Tifosi interisti in festa nel 2008, dopo la vittoria dello scudetto.

Negli anni settanta nacquero le prime tensioni e i primi scontri con gli altri gruppi di tifosi, su tutti quelli della Juventus, dell'Atalanta, della Sampdoria e soprattutto del Milan. Con questi ultimi gli scontri erano feroci e il posizionamento delle opposte tifoserie non era d'aiuto: entrambe prendevano posto all'interno del secondo anello arancione, gli interisti nella metà a nord e i milanisti nella metà a sud. Con i lavori di ristrutturazione i gruppi presero posto nelle due opposte curve: l'Inter nella Nord e il Milan nella Sud. La soluzione è adottata ancora oggi, tanto che le due curve sono ormai diventate il simbolo dei gruppi di tifosi che le occupano.[16]

Nel 1981 si assistette al cambio del nome del gruppo, che divenne l'attuale Boys-San, ovvero Boys-Squadre d'Azione Nerazzurre (l'acronimo SAN si riferisce alle Squadre d’azione di Benito Mussolini).[14][17] Anche durante gli anni ottanta gli scontri con le altre tifoserie furono molto violenti. In occasione del Mundialito 1983 le opposte tifoserie milanesi stipularono un patto di non aggressione che tuttora vige e che, insieme all'arrivo delle prime diffide da parte della Polizia, spostò l'attenzione delle curve verso un aspetto di maggior interesse: le coreografie.[18] Nate già negli anni settanta come semplici striscioni o sventolio di bandiere, negli anni ottanta si sono evolute fino a diventare, ai giorni nostri, un importante argomento di sfida tra le tifoserie. È ormai consuetudine giornalistica aprire i servizi dedicati alle sfide calcistiche (il derby di Milano su tutte) presentando le due opposte coreografie. Risale, inoltre, al 1985 il primo bandierone copricurva dell'Inter.[16]

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Derby di Milano, Derby calcistici in Lombardia e Derby d'Italia.
Gemellaggio tra tifosi laziali e interisti il 2 maggio 2009 con l'omaggio a Gabriele Sandri, tifoso biancoceleste morto l'11 novembre 2007.

Le tifoserie gemellate storicamente con quella dell'Inter sono quelle del Varese (per la rivalità con i tifosi comaschi, gemellati col Milan),[16] del Valencia,[19] sull'asse Boys-Yomus[16] e soprattutto della Lazio.[16] Quello con i laziali è sicuramente uno dei gemellaggi più solidi e importanti d'Italia, dato che affonda le proprie radici intorno alla metà degli anni ottanta in risposta all'antico gemellaggio (poi rotto) fra Roma e Milan.[16] Il legame è stato rinsaldato nella finale di Coppa UEFA 1997-1998 a Parigi, il 5 maggio 2002 e il 2 maggio 2010 all'Olimpico, quando i tifosi laziali augurarono agli interisti la conquista del tricolore contro i comuni rivali della Roma.[16]

Il 20 ottobre 2010 durante la partita di Champions League tra l'Inter e i londinesi del Tottenham, è avvenuto un gemellaggio con la Kop, frangia storica dei tifosi del Liverpool, quando i supporters nerazzurri hanno ospitato quelli dei Reds nella propria curva. Questi ultimi hanno anche esposto uno striscione di ringraziamento per il loro ex tecnico Rafa Benítez, all'epoca allenatore dei meneghini.[20]

Dalla stagione 2013-2014 è diventato ufficiale il gemellaggio con gli ultras del Nizza.

Tra i gemellaggi oggi sciolti si ricordano quello con la Fiorentina nel 1987 per l'acquisto da parte dell'Inter dell'ex viola Nicola Berti,[15] con il Cagliari nel 1994 dopo le semifinali di Coppa UEFA, con la Sampdoria nel 1992 per aver sconfitto i nerazzurri nello scontro diretto nella stagione 1990-91, e avendo così spento le speranze nerazzurre di vincere lo scudetto,[15] e con il Verona nel 2001, a causa di dissidi con il direttivo della curva gialloblù.[15][16][21][22]. In passato sono esistiti anche rapporti di amicizia con gli ultras di Bari, Udinese, Cremonese, Furth, Borussia Dortmund, Lione, Sturm Graz e Catania.

Le rivalità più accese sono soprattutto con le tifoserie della Juventus, con cui fin dagli anni sessanta l'Inter dà vita al derby d'Italia,[23][24][25] e con la rivale cittadina, il Milan, con cui i nerazzurri disputano il derby di Milano, detto anche derby della Madonnina. È in questi due match che le presenze allo stadio arrivano di solito all'apice, fino quasi all'esaurimento dei posti. Altre forti rivalità sussistono con le tifoserie del Napoli, dell'Atalanta e della Roma: quest'ultima si è accentuata soprattutto negli anni 2006-2011, di pari passo con la crescente rivalità sportiva.[16][21]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Spavaldo sì ma non borioso Come Mourinho, Il Giornale, 29-9-2008. URL consultato il 18-1-2009.
  2. ^ C'è solo l'Inter...da 100 anni, TGcom, 27-2-2008. URL consultato il 17-9-2008.
  3. ^ (EN) AC Milan vs. Inter Milan, FootballDerbies.com. URL consultato il 17-9-2008.
  4. ^ Originalità e differenze La Milano-story nerazzurra, Corriere della Sera, 4-3-2011. URL consultato il 27-2-2012. (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  5. ^ Osservatorio Capitale Sociale – Il tifo calcistico, in Demos & Pi, 19 settembre 2014. URL consultato il 19 settembre 2014.
  6. ^ (EN) «Europe's Top 20 – the most popular football clubs», in Sport+Markt AG, 9 settembre 2010.
  7. ^ (PDF(EN) Man United chasing Spanish top clubs (PDF), in Sport+Markt AG, 11 febbraio 2009. URL consultato il 5-3-2009.
  8. ^ (PDFXXXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli italiani – Il tifo calcistico in Italia (PDF), in Demos & Pi, 18 settembre 2012, pp. 4, 7. URL consultato il 18 settembre 2012.
  9. ^ Inter Club 2010/2011, interclub.inter.it. URL consultato il 01-08-2010.
  10. ^ Inter club: le origini, interclub.inter.it. URL consultato il 01-08-2010.
  11. ^ Il sito inter.it scrive: "[...] Nascono in questo periodo gli Inter Club, l'istituzione del tifoso organizzato [...]"
  12. ^ Storia Viking Inter - TUTTOCURVE, tuttocurve.com. URL consultato il 23 giugno 2015.
  13. ^ Gruppi della Nord, curvanordmilano.net. URL consultato il 7-5-2010.
  14. ^ a b c Andrea Ferreri, Ultras. I ribelli del calcio. Quarant'anni di antagonismo e passione, books.google.it. URL consultato il 29-3-2010.
  15. ^ a b c d Boys San Milano 1969, boys-san.it. URL consultato il 7-5-2010.
  16. ^ a b c d e f g h i Inter: Gli Ultras avversari, rangers.it. URL consultato il 7-10-2009.
  17. ^ Calcio, la mappa del tifo neonazi d'Italia, 2-11-2013. URL consultato il 18-9-2014.
  18. ^ Inter-Milan, è la febbre del sabato sera, corriere.it, 22-11-97. URL consultato il 10-8-2009 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  19. ^ Padova Nerazzurra, padovanerazzurra.it. URL consultato il 7-10-2009.
  20. ^ E' gemellaggio tra la Curva Nord e la Kop del Liverpool. E Benitez..., fcinter1908.it. URL consultato il 7-11-2010.
  21. ^ a b Inter, amici e rivali, tifonet.it. URL consultato il 7-10-2009.
  22. ^ Inter-Verona, ecco perché si è rotto il gemellaggio, in fcinternews.it, 13 dicembre 2012. URL consultato il 21-2-2014.
  23. ^ Juve-Inter, storia di una rivalità, in Tuttosport, 22 settembre 2008. URL consultato il 26-7-2009.
  24. ^ All'Inter il derby d'Italia, repubblica.it, 22-11-2008. URL consultato il 7-10-2009.
  25. ^ Inter-Juve, il derby d’Italia si gioca già fuori dal campo, sportmain.it, 17-11-2008. URL consultato il 7-10-2009.
Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio