Campo di Ripa Ticinese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 45°26′53.4″N 9°09′35.6″E / 45.448167°N 9.159889°E45.448167; 9.159889

Campo di Ripa Ticinese
Campo di Ripa Ticinese
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneV. Ripa di Porta Ticinese / V. Carlo D'Adda, Milano
Inizio lavori1908
Inaugurazione11 ottobre 1908
Chiusura17 novembre 1912
StrutturaRettangolare
Mat. del terrenoErba per campo
Uso e beneficiari
CalcioInter (1908-1912)
Italia (1908-1912)
Mappa di localizzazione

Coordinate: 45°26′53.4″N 9°09′35.6″E / 45.448167°N 9.159889°E45.448167; 9.159889{{#coordinates:}}: non è possibile avere più di un tag principale per pagina

Il campo di Ripa Ticinese[1] fu lo stadio dell'Inter dal 1908 al 1912. Via Ripa di Porta Ticinese 115, presso la quale era ubicato, è nelle vicinanze della Stazione di Milano Porta Genova ed era servito dal tram 19.[1][2]

Il campo di Ripa Ticinese nel 1910.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Prima era stato il campo della Società Pattinatori. L'Inter usò questo campo per giocare le sue partite interne e, in alternativa per le partite più importanti, utilizzò l'Arena Civica che, essendo patrimonio di proprietà del Comune di Milano, doveva essere affittato.

Non è conosciuta la data ufficiale di inaugurazione e, a differenza di quanto segnalato dal sito dell'Inter[1], i nerazzurri risultano aver esordito in amichevole l'11 ottobre 1908 sul proprio campo contro la Libertas Milano II battendola 4-2.[3]

L'ingresso del campo era ubicato al civico 115 situato prima dell'angolo destro[2] dell'isolato che faceva angolo con via D'Adda. Malgrado fosse fornito di un'alta palizzata dietro la porta vicina al Naviglio Grande, molto spesso i palloni finivano ugualmente nel canale e un omino preposto alla raccolta dei palloni lo prendeva prima che la corrente lo portasse via.[1]

Il campo non ospitò gare particolarmente significative, tranne che la seconda partita di selezione di domenica 8 dicembre 1910 per stabilire i calciatori che la Commissione Tecnica avrebbe messo in campo la domenica successiva contro la Francia facendo disputare qui la partita fra i probabili e i possibili (terminata 4-2 per i probabili).[4]

Questo campo fu utilizzato fino all'inizio della stagione 1912-1913 allorquando fu approntato il campo di via Goldoni, che fu inaugurato il 2 gennaio 1913.

A distanza di più di 70 anni, l'Inter fece erigere in via Carlo D'Adda un cartello significativo che spiegava che su questo lato della via D'Adda sorgeva il primo campo nerazzurro.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Mura amiche: le case dell'Inter, su fcinternews.it. URL consultato l'8 settembre 2017.
  2. ^ a b Guida Savallo & Fontana.
  3. ^ Fontanelli 1909.
  4. ^ Fontanelli 1909-10.
  5. ^ Il cartello che mostra dove sorgeva il primo campo del F.C. Internazionale Milano (JPG), su storiainter.com. URL consultato il 9 settembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guida Commerciale Savallo & Fontana, Milano, Società Editrice Savallo di Fontana e C. S.a.s., dal 1908 al 1922, contiene la mappa stradale della città con segnalati tutti i numeri civici (il 115 era prima dell'angolo con via D'Adda che all'epoca non aveva lo stesso nome). Consultabile in cartaceo presso la Biblioteca Nazionale Braidense di Milano.
  • Carlo Fontanelli, Doppio scudetto - I campionati italiani della stagione 1909, Empoli (FI), Geo Edizioni S.r.l., dicembre 2001, p. 95.
  • Carlo Fontanelli, Un gioco da ragazzi - I campionati italiani della stagione 1909-1910, Empoli (FI), Geo Edizioni S.r.l., ottobre 2006, p. 90.