Presidenti del Football Club Internazionale Milano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelo Moratti, presidente del club dal 1955 al 1968, e suo figlio Massimo, futuro massimo dirigente dell'Inter dal 1995 al 2004 e ancora dal 2006 al 2013.

In più di 100 anni di storia societaria, alla guida del Football Club Internazionale Milano, società calcistica italiana con sede a Milano, si sono avvicendati 20 presidenti.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il primo presidente è stato Giovanni Paramithiotti, che era anche tra i fondatori della società.[1]

Massimo Moratti è invece il presidente più longevo della storia nerazzurra, avendo guidato il club dal 18 febbraio 1995 al 15 novembre 2013: in questo periodo sono comprese le dimissioni del 6 maggio 1999[2] (poi revocate il 15 luglio seguente[3]) e quelle del 19 gennaio 2004, in seguito alle quali Giacinto Facchetti assunse l'incarico.[4] L'ex calciatore detenne la carica sino alla sua morte, avvenuta il 4 settembre 2006: a seguito di ciò, Moratti riassunse la presidenza.[5]

Tale gestione è, dal punto di vista sportivo, quella di maggior successo. Con Moratti alla guida del club, i nerazzurri hanno infatti vinto 16 trofei (di cui 11 nei periodi di presidenza): cinque campionati, quattro Coppe Italia, quattro Supercoppe italiane, una Coppa UEFA, una Champions League e una Coppa del mondo per club.[6] Ancor prima, negli anni 1960, suo padre Angelo (presidente dal 1955 al 1968) aveva contribuito all'epopea della Grande Inter, la squadra che vinse tre campionati, due Coppe dei Campioni e due Coppe Intercontinentali.

Nell'autunno 2013 Moratti è stato sostituito da Erick Thohir (eletto da un'assemblea straordinaria dei soci)[7]: l'indonesiano è diventato il primo presidente straniero nella storia del club.

Lista dei presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Presidenti dell'Inter

Titoli vinti[modifica | modifica wikitesto]

Segue l'elenco dei presidenti in ordine cronologico con i trofei ufficiali vinti alla guida dell'Inter.

Nome Campionati italiani Coppe Italia Supercoppe italiane Coppe dei Campioni/Champions League Coppa UEFA/Europa League Coppa Intercontinentale Mondiale per club Totale
De Medici, Carlo Carlo De Medici 1 1
Hülss, Giorgio Giorgio Hülss 1 1
Simonotti, Oreste Oreste Simonotti 1 1
Pozzani, Ferdinando Ferdinando Pozzani 2 1 3
Masseroni, Carlo Carlo Masseroni 2 2
Moratti, Angelo Angelo Moratti 3 2 2 7
Fraizzoli, Ivanoe Ivanoe Fraizzoli 2 2 4
Pellegrini, Ernesto Ernesto Pellegrini 1 1 2 4
Moratti, Massimo Massimo Moratti 4 2 2 1 1 1 11
Facchetti, Giacinto Giacinto Facchetti 1 2 2 5
Totale 18 7 5 3 3 2 1 39

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stefano Petrucci, La storia dell'Inter, L'Airone Editrice, 2005, p. 7, ISBN 88-7944-723-8.
  2. ^ Luca Curino e Nicola Cecere, Scossa di Moratti per amore dell'Inter, in La Gazzetta dello Sport, 7 maggio 1999.
  3. ^ Nicola Cecere, Inter, sicuro il Moratti-bis, in La Gazzetta dello Sport, 15 luglio 1999.
  4. ^ Inter, Moratti si dimette e propone Facchetti presidente, repubblica.it, 19 gennaio 2004.
  5. ^ Inter, Moratti torna alla presidenza "Dopo Facchetti, poteva toccare solo a me", repubblica.it, 6 novembre 2006.
  6. ^ Roberto Omini, Moratti, 18 anni di passione e 16 trofei, sportmediaset.mediaset.it, 15 ottobre 2013.
  7. ^ Tiziana Cairati, Inter, Thohir eletto nuovo presidente. Moratti: "Lascio a persone responsabili", repubblica.it, 15 novembre 2013.
  8. ^ Dal libro Inter 1908-2008: un secolo di passione nerazzurra, di Federico Pistone, pag. 119 «Torrusio lascia la presidenza a Oreste Simonotti che inventa la figura del "direttore sportivo" affidando ad Aldo Molinari la gestione della società».
  9. ^ Dal libro Inter 1908-2008: un secolo di passione nerazzurra, di Federico Pistone, pag. 129 dove si dice che il nuovo Presidente decide il cambio di denominazione «[...] per gli annali nasce l'Ambrosiana-Inter. Spariscono dalle casacche gli scacchi bianconeri della Milanese. E comincia il campionato.».
  10. ^ Durante la presidenza di Giacinto Facchetti, la proprietà del club resta di Massimo Moratti, cfr. Inter, Moratti si dimette e propone Facchetti presidente, repubblica.it, 19 gennaio 2004. URL consultato il 19 aprile 2017.