Giacinto Facchetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giacinto Facchetti
Giacinto Facchetti.jpg
Facchetti con l'Inter nel 1967
Nazionalità Italia Italia
Altezza 188 cm
Peso 85 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Termine carriera 7 maggio 1978
Carriera
Giovanili
1956non conosciuta Zanconti G.S.D. Treviglio
1957-1960Trevigliese
Squadre di club1
1960-1978Inter475 (59)[1]
Nazionale
1964Italia Italia U-211 (0)
1963-1977Italia Italia94 (3)
Palmarès
Julesrimet.gif Mondiali di calcio
Argento Messico 1970
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Oro Italia 1968
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giacinto Facchetti (Treviglio, 18 luglio 1942Milano, 4 settembre 2006) è stato un calciatore e dirigente sportivo italiano, di ruolo difensore.

Legò il proprio nome a quello dell'Inter, della quale fu giocatore dal 1960 al 1978 – collezionando in totale 634 presenze e 75 reti – e presidente dal gennaio 2004 al settembre 2006. Con la maglia nerazzurra ha conquistato nove trofei, vincendo sia a livello nazionale con quattro campionati e una Coppa Italia che internazionale con due Coppe dei Campioni e due Coppe Intercontinentali. Sotto la sua presidenza, l'Inter ha vinto un campionato, due Coppe Italia e due Supercoppe italiane.

Capitano della nazionale italiana dal 1966 al 1977, ha partecipato alla vittoriosa edizione del campionato d'Europa del 1968, che rappresenta il primo e unico successo dell'Italia nella competizione. Con la maglia azzurra ha preso parte anche a tre edizioni del campionato del mondo (Inghilterra 1966, Messico 1970, Germania Ovest 1974) laureandosi vicecampione nel 1970 e totalizzando 94 presenze; tra il 1971[2] e il 1981[3] è stato il recordman per partite disputate in maglia azzurra, prima di essere superato da Dino Zoff.

Considerato un innovatore del ruolo per via della sua costante partecipazione al gioco d'attacco,[4][5][6] è ritenuto uno dei migliori giocatori nella storia del calcio italiano.[7] Occupa la 90ª posizione nella speciale classifica dei migliori calciatori del XX secolo pubblicata dalla rivista World Soccer. Nel 2004 è stato inserito nella FIFA 100, una lista dei 125 più grandi giocatori viventi redatta da Pelé e dalla FIFA in occasione del centenario dalla sua fondazione, mentre nel 2006 è stato insignito dalla stessa Federazione del Presidential Award postumo per il contributo offerto al mondo del calcio sia da giocatore che da dirigente.[8] Nel 2018 la rivista France Football lo ha inserito nella lista dei 100 giocatori più importanti nella storia dei Mondiali, ricordando le sue prestazioni nell'edizione 1970.[9]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Treviglio (BG), da padre ferroviere e madre casalinga, aveva scelto di vivere a Cassano d'Adda (MI). Era legato a Giovanna, dalla quale ha avuto quattro figli: Barbara (divenuta capo delegazione della nazionale femminile italiana al Mondiale 2019), Vera, Gianfelice e Luca.[7] All'inizio della sua militanza nell'Inter fu ribattezzato Cipe, nomignolo che lo accompagnò per tutta la vita:[10] l'opinione più diffusa è che tale soprannome sia nato in seguito a un errore di Helenio Herrera, che storpiò il cognome di Facchetti in Cipelletti; tuttavia, c'è chi ritiene che la sua origine vada attribuita al portiere Lorenzo Buffon, e non all'allenatore argentino.[11]

È deceduto il 4 settembre 2006 dopo una lunga malattia.[7][12] Sepolto nel cimitero di Treviglio,[13] il suo nome è iscritto nel Famedio del cimitero monumentale di Milano.[14] Le esequie, celebrate nella basilica di Sant'Ambrogio a Milano dal vescovo di Lodi Giuseppe Merisi, conterraneo di Facchetti, hanno visto la presenza di molte autorità sportive e politiche nonché di gente comune.[15]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Facchetti in azione all'Inter negli anni 1970

Terzino sinistro con spiccate propensioni offensive,[16] Facchetti mise in mostra tali doti fin dalle giovanili dell'Inter, allenato da Giuseppe Meazza, riuscendo a confermarle anche una volta approdato in Serie A: nel massimo campionato italiano mise a segno 59 gol (peraltro tutti su azione),[17] record assoluto per un difensore;[18] a detta del giornalista Gianni Mura, tra i motivi della sua prolificità vi era la tendenza a convergere verso il centro per cercare la porta, caratteristica insolita anche per i terzini di spinta.[19]

La sua confidenza con l'azione offensiva era tale che Helenio Herrera lo schierò in alcune occasioni come centravanti,[20] salvo poi accorgersi che il giocatore dava il meglio di sé da fluidificante:[17] ciò anche in virtù della sua abilità in fase difensiva,[16] che a fine carriera, insieme alla bravura nel gioco aereo,[16] gli permise di adattarsi ai ruoli di stopper e libero.[17] Facchetti era inoltre dotato di notevoli qualità tecniche, fisiche e atletiche:[4][16] nel 1958 vinse a Bergamo i campionati studenteschi dei 100 metri con il tempo di 11".[21]

Il giornalista Gianni Brera lo soprannominò Giacinto Magno, a sottolinearne l'elevata statura e l'autorevolezza conquistata in campo.[11]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

«Calciatore, dirigente, presidente. Una vita dedicata ai nostri colori. Ma Giacinto Facchetti è stato molto di più. Esempio di integrità morale, di onore e lealtà sportiva. Leggenda del calcio nazionale ed internazionale, simbolo dello stile nerazzurro, dentro e fuori dal campo.»

(F.C. Internazionale, 2015[22])

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Facchetti con la maglia dell'Inter nel giugno 1968.

Dopo aver mosso i primi passi nella squadra di calcio del suo paese natale, la Zanconti, nel 1957 entro nel settore giovanile della Trevigliese, giocando nel ruolo di attaccante. Venne scoperto da Helenio Herrera che lo portò all'Inter per il finale di stagione 1960-1961, trasformandolo in un terzino d'attacco, primo nel suo genere insieme a Vittorio Calvani (anche se quest'ultimo non era un realizzatore di reti); proprio a Calvani è legato il suo destino: il 14 giugno 1961 l'Inter giocò un'amichevole contro il Fluminense, e Facchetti, che ben impressionò, venne schierato al posto di Calvani poiché quest'ultimo era alle prese con un fastidioso callo.[23]

L'esordio in Serie A avvenne il 21 maggio del 1961, in un Roma-Inter conclusosi con la vittoria dei nerazzurri per 2-0.[24] Facchetti rappresentò l'Inter fino al 1978 vincendo la Coppa dei Campioni nel 1964 e nel 1965 e il campionato italiano nel 1963, 1965, 1966 e 1971. Con la squadra nerazzurra vinse anche due Coppe Intercontinentali ed una Coppa Italia. Con l'Inter in 634 partite realizzò 75 gol: fu nel 1965-1966 il primo difensore a segnare 10 reti nel campionato italiano.

Disputò la sua ultima partita il 7 maggio 1978, a 36 anni, in Inter-Foggia (2-1): la rete degli ospiti scaturì tra l'altro da un suo autogol.[25] L'8 giugno, pur non scendendo in campo nella finale contro il Napoli (Facchetti era in Argentina per accompagnare la spedizione italiana ai campionati mondiali), conquistò l'ultimo trofeo della sua carriera, la Coppa Italia.[26]

Si rivelò fondamentalmente corretto in campo, venendo espulso solo una volta nell'arco di tutta la sua carriera, per un applauso al direttore di gara Vannucchi in Inter-Fiorentina (1-0) del 13 aprile 1975.[27]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

«Ho vissuto con Facchetti cento e più partite in azzurro, io attaccante lui capitano. Giorni belli e meno belli ma comunque con una costante: Giacinto era una persona straordinaria, pulita, onesta. Per noi tutti era un esempio, un punto di riferimento costante, era il nostro angelo.»

(Luigi Riva[28])
Facchetti, capitano dell'Italia, celebra la vittoria del campionato d'Europa 1968.

Facchetti venne convocato per la prima volta in nazionale dal commissario tecnico Edmondo Fabbri, ed esordì il 27 marzo 1963, a 20 anni, nell'incontro valido per le qualificazioni al campionato d'Europa 1964 disputato ad Istanbul contro la Turchia in cui l'Italia vinse per 1-0.[29]

Divenne subito titolare, e realizzò il suo primo gol in nazionale il 4 novembre 1964 nella partita Italia-Finlandia (6-1) disputata a Genova. Partecipò al campionato del mondo 1966 in Inghilterra, dove l'Italia venne eliminata al primo turno. Dopo il campionato del mondo, a soli 24 anni ereditò la fascia di capitano da Sandro Salvadore.[30]

Con il selezionatore Ferruccio Valcareggi vinse da capitano il campionato d'Europa 1968,[31] alzando la Coppa Henri Delaunay il 10 giugno 1968 allo stadio Olimpico di Roma dopo la ripetizione della finale vinta per 2-0 contro la Jugoslavia.

Partecipò quindi al campionato del mondo 1970 dove, dopo la storica semifinale vita per 4-3 sulla Germania Ovest, l'Italia si arrese solo al Brasile di Pelé nella finale disputata allo stadio Azteca di Città del Messico.

Facchetti in una delle sue classiche sortite offensive, durante l'amichevole tra Italia e Germania Est del 22 novembre 1969.

Facchetti prese parte da titolare anche al campionato del mondo 1974 in Germania Ovest, dove gli Azzurri vicecampioni del mondo furono eliminati al primo turno. Successivamente, nonostante l'ampio ricambio generazionale avvenuto sotto le gestioni di Fulvio Bernardini ed Enzo Bearzot, Facchetti mantenne il suo posto e partecipò sia alle qualificazioni al campionato d'Europa 1976 che a quelle per il campionato del mondo 1978.

Tuttavia nel maggio del 1978, poco prima della fase finale del mundial in Argentina, comunicò all'allora citì Bearzot la sua intenzione di non partecipare alla rassegna iridata, dato che non si sentiva al meglio fisicamente essendo reduce da un infortunio; con grande spirito di squadra Facchetti partecipò comunque alla spedizione azzurra come capitano non giocatore.[26] Chiuse con 94 presenze e 3 reti in nazionale, stabilendo all'epoca il record di presenze, e la sua ultima partita in nazionale rimase quella disputata il 16 novembre 1977 a Wembley contro l'Inghilterra.[32]

Con Tarcisio Burgnich, Facchetti ha formato il duo difensivo più longevo nella storia della nazionale: undici anni, dal 1963 al 1974; insieme disputarono 58 partite. È stato inoltre il più longevo capitano della nazionale (undici anni, dal 1966 al 1977) e il primo giocatore degli Azzurri a disputare due mondiali consecutivi da capitano (Messico 1970 e Germania Ovest 1974).

Dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Facchetti alla presentazione di Javier Zanetti e Sebastián Rambert nell'estate del 1995.

Subito dopo il suo addio al calcio prese parte con la nazionale italiana al campionato del mondo 1978 in Argentina, formalmente come dirigente accompagnatore, vista la stima e la vicinanza con il commissario tecnico e i giocatori che erano stati suoi compagni fino a poche settimane prima.

Dopo esser divenuto rappresentante all'estero per l'Inter, divenne vicepresidente dell'Atalanta nel 1980, per poi tornare ai meneghini dal 1995, in coincidenza con l'inizio della presidenza di Massimo Moratti,[33] col il ruolo di direttore generale prima e di direttore sportivo poi.

Nominato vicepresidente della Beneamata nel novembre 2001, poco prima della morte di Giuseppe Prisco,[34] assunse l'incarico presidenziale nel gennaio 2004 dopo le dimissioni di Moratti.[35] Fu l'unico ex calciatore dei nerazzurri a rivestire tale carica dirigenziale,[36] mantenendola fino alla morte.[37]

Durante il periodo di presidenza ha vinto uno scudetto (assegnato a tavolino agli interisti per le sentenze di Calciopoli), due Coppe Italia e altrettante Supercoppe italiane.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

È rimasto oggetto di dibattito il ruolo di Facchetti all'interno delle vicende di Calciopoli. Presidente nell'estate 2006 della società interista beneficiaria delle decisioni della giustizia sportiva, tuttavia nel luglio 2011 il procuratore federale Stefano Palazzi presentò una relazione sull'inchiesta Calciopoli bis, originata da fatti emersi nel relativo procedimento penale di Napoli e a suo tempo giudicati non rilevanti nel processo sportivo di cinque anni prima, in cui, tra gli altri, si contestava a Facchetti la violazione dell'articolo 6 dell'allora Codice di Giustizia Sportiva, configurando un illecito consistente in «una rete consolidata di rapporti, di natura non regolamentare, diretti ad alterare i principi di terzietà, imparzialità e indipendenza del settore arbitrale»,[38] azioni «certamente dirette ad assicurare un vantaggio in classifica all'Inter».[39]

La sopraggiunta prescrizione circa gli eventuali atti commessi indusse lo stesso Palazzi a dichiarare l'impossibilità nel procedere e verificare le accuse.[38][39] Nell'immediato la figura di Facchetti, nel frattempo scomparso, fu difesa in primis da Massimo Moratti — «senza processo si può dire ciò che si vuole ma io non l'accetto e l'Inter non l'accetta. [...] Considerare Facchetti come nelle accuse della Procura federale è offensivo, grave e stupido»[38] — oltreché da compagni di squadra, avversari ed esponenti del dibattito pubblico italiano.[28][40]

Nel merito della vicenda, già nel 2010 l'ex direttore generale juventino Luciano Moggi, tra i condannati di Calciopoli, aveva pubblicamente accusato Facchetti di simili condotte illecite:[41] querelato per diffamazione da Gianfelice Facchetti, figlio di Giacinto, nel 2015 il tribunale di Milano assolse in primo grado Moggi[41] rimarcando, nelle motivazioni, di avere riscontrato «con certezza una buona veridicità» nelle sue affermazioni e di avere altresì rilevato l'esistenza di «una sorta di intervento di lobbying da parte dell'allora presidente dell'Inter nei confronti della classe arbitrale [...] significative di un rapporto di tipo amicale [e] preferenziale [con] vette non propriamente commendevoli».[42] La sentenza venne confermata in appello nel 2018[43] e passò in giudicato l'anno seguente.[44]

Riconoscimenti postumi[modifica | modifica wikitesto]

«Simbolo dello sport italiano, ha saputo dimostrare nel corso della sua lunga carriera non soltanto le doti tecniche di calciatore ma anche la correttezza, la compostezza e la professionalità come dirigente.»

(Giorgio Napolitano, 2006[45])
Facchetti nel 1969 con la sua iconica maglia numero tre, ritirata postuma dall'Inter nel 2006.

In seguito alla sua morte, l'Inter ha deciso di ritirare la maglia numero tre.[46][47] Qualche settimana dopo, Facchetti è stato insignito dalla Federazione Internazionale del Calcio (FIFA) del Presidential Award postumo per il contributo offerto al mondo del calcio sia da giocatore che da dirigente.[8]

Per omaggiare i grandi valori etici e sportivi espressi nel corso di un'intera carriera, la Lega Nazionale Professionisti ha deciso di intitolare a suo nome il Campionato Primavera, mentre La Gazzetta dello Sport ha istituito un omonimo riconoscimento internazionale onde promuovere e premiare i comportamenti all'insegna della correttezza e dei valori.

Tra le numerose vie intitolategli in tutto il Paese, la prima è stata quella del Comune di Monte San Vito, in provincia di Ancona, alla presenza della moglie Giovanna e del figlio Gianfelice, di Bedy Moratti in rappresentanza della famiglia, dei genitori di Roberto Mancini e delle più alte autorità locali.[48] Una piazza gli è stata dedicata a Cesano Maderno mentre a Lettomanoppello gli è stato intestato il Belvedere Facchetti. Altre vie e numerosi impianti sportivi in tutta Italia portano il suo nome; tra essi, oltre al Palazzetto dello Sport "PalaFacchetti", nella sua città natale Treviglio anche a Matera, Cassano d'Adda, Trezzano sul Naviglio, Rosolini, Solaro.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

A Facchetti è ispirato il personaggio di Giacinto in Azzurro tenebra (1977), romanzo di Giovanni Arpino dedicato all'avventura della nazionale italiana al campionato del mondo 1974. Altro importante riferimento letterario si trova nel Il prete lungo (1971), racconto di Luciano Bianciardi nel quale il giocatore nerazzurro viene citato come esempio di rettitudine morale.

Alla 64ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia del 2007 è stato proiettato Il Capitano, un documentario realizzato da Alberto D'Onofrio per il programma televisivo La Storia siamo noi della Rai.[49]

Il 26 agosto 2011 è stato pubblicato dal gruppo degli Stadio il singolo Gaetano e Giacinto, dedicato a due grandi figure del calcio italiano, come Gaetano Scirea e appunto Giacinto Facchetti.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nel club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1960-1961 Italia Inter A 3 1 - - - CdF 1 0 - - - 4 1
1961-1962 A 15 0 - - - CdF 6 0 - - - 21 0
1962-1963 A 31 4 CI 2 0 - - - - - - 33 4
1963-1964 A 32+1[50] 4 - - - CC 9 0 - - - 42 4
1964-1965 A 32 2 CI 3 0 CC 6 1 CInt 3 0 44 3
1965-1966 A 32 10 CI 1 0 CC 5 2 CInt 2 0 40 12
1966-1967 A 34 4 CI 2 0 CC 10 2 - - - 46 6
1967-1968 A 28 7 CI 9 2 - - - - - - 37 9
1968-1969 A 30 6 CI 3 1 - - - - - - 33 7
1969-1970 A 28 5 CI 6 1 CdF 8 0 - - - 42 6
1970-1971 A 30 5 CI 3 0 CdF 2 0 CAI+TP 2+3 0+1 40 6
1971-1972 A 27 4 CI 8 1 CC 9 1 - - - 44 6
1972-1973 A 29 1 CI 10 3 CU 5 0 - - - 44 4
1973-1974 A 28 2 CI 7 0 CU 2 0 - - - 37 2
1974-1975 A 23 0 CI 8 1 CU 3 0 - - - 34 1
1975-1976 A 28 3 CI 10 0 - - - - - - 38 3
1976-1977 A 27 1 CI 9 1 CU 1 0 - - - 37 2
1977-1978 A 18 0 CI 4 0 CU 1 0 - - - 23 0
Totale carriera 475+1 59 85 10 68 6 10 1 639 76

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
27-3-1963 Istanbul Turchia Turchia 0 – 1 Italia Italia Qual. Euro 1964 -
12-5-1963 Milano Italia Italia 3 – 0 Brasile Brasile Amichevole -
9-6-1963 Vienna Austria Austria 0 – 1 Italia Italia Amichevole -
13-10-1963 Mosca Unione Sovietica Unione Sovietica 2 – 0 Italia Italia Qual. Euro 1964 -
10-11-1963 Roma Italia Italia 1 – 1 Unione Sovietica Unione Sovietica Qual. Euro 1964 -
11-4-1964 Firenze Italia Italia 0 – 0 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Amichevole -
10-5-1964 Losanna Svizzera Svizzera 1 – 3 Italia Italia Amichevole -
4-11-1964 Genova Italia Italia 6 – 1 Finlandia Finlandia Qual. Mondiali 1966 1
5-12-1964 Bologna Italia Italia 3 – 1 Danimarca Danimarca Amichevole -
18-4-1965 Varsavia Polonia Polonia 0 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 1966 -
16-6-1965 Malmö Svezia Svezia 2 – 2 Italia Italia Amichevole -
23-6-1965 Helsinki Finlandia Finlandia 0 – 2 Italia Italia Qual. Mondiali 1966 -
27-6-1965 Budapest Ungheria Ungheria 2 – 1 Italia Italia Amichevole -
1-11-1965 Roma Italia Italia 6 – 1 Polonia Polonia Qual. Mondiali 1966 -
9-11-1965 Glasgow Scozia Scozia 1 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 1966 -
7-12-1965 Napoli Italia Italia 3 – 0 Scozia Scozia Qual. Mondiali 1966 1
19-3-1966 Parigi Francia Francia 0 – 0 Italia Italia Amichevole -
14-6-1966 Bologna Italia Italia 6 – 1 Bulgaria Bulgaria Amichevole -
18-6-1966 Milano Italia Italia 1 – 0 Austria Austria Amichevole - Uscita al 45’ 45’
22-6-1966 Torino Italia Italia 3 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
29-6-1966 Firenze Italia Italia 5 – 0 Messico Messico Amichevole -
13-7-1966 Sunderland Italia Italia 2 – 0 Cile Cile Mondiali 1966 - 1º turno -
16-7-1966 Sunderland Unione Sovietica Unione Sovietica 1 – 0 Italia Italia Mondiali 1966 - 1º turno -
19-7-1966 Middlesbrough Corea del Nord Corea del Nord 1 – 0 Italia Italia Mondiali 1966 - 1º turno -
1-11-1966 Milano Italia Italia 1 – 0 Unione Sovietica Unione Sovietica Amichevole - cap.
26-11-1966 Napoli Italia Italia 3 – 1 Romania Romania Qual. Euro 1968 - cap.
22-3-1967 Nicosia Cipro Cipro 0 – 2 Italia Italia Qual. Euro 1968 1 cap.
27-3-1967 Roma Italia Italia 1 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole - cap.
25-6-1967 Bucarest Romania Romania 0 – 1 Italia Italia Qual. Euro 1968 - cap.
1-11-1967 Cosenza Italia Italia 5 – 0 Cipro Cipro Qual. Euro 1968 - cap.
18-11-1967 Berna Svizzera Svizzera 2 – 2 Italia Italia Qual. Euro 1968 - cap.
23-12-1967 Cagliari Italia Italia 4 – 0 Svizzera Svizzera Qual. Euro 1968 - cap.
6-4-1968 Sofia Bulgaria Bulgaria 3 – 2 Italia Italia Qual. Euro 1968 - cap.
20-4-1968 Napoli Italia Italia 2 – 0 Bulgaria Bulgaria Qual. Euro 1968 - cap.
5-6-1968 Napoli Italia Italia 0 – 0 dts Unione Sovietica Unione Sovietica Euro 1968 - Semifinale - cap.
8-6-1968 Roma Italia Italia 1 – 1 dts Jugoslavia Jugoslavia Euro 1968 - Finale - cap.
10-6-1968 Roma Italia Italia 2 – 0 Jugoslavia Jugoslavia Euro 1968 - Finale (ripetizione) - cap. 1º titolo europeo
23-10-1968 Cardiff Galles Galles 0 – 1 Italia Italia Qual. Mondiali 1970 - cap.
1-1-1969 Città del Messico Messico Messico 2 – 3 Italia Italia Amichevole - cap.
5-1-1969 Città del Messico Messico Messico 1 – 1 Italia Italia Amichevole - cap.
29-3-1969 Berlino Est Germania Est Germania Est 2 – 2 Italia Italia Qual. Mondiali 1970 - cap.
24-5-1969 Torino Italia Italia 0 – 0 Bulgaria Bulgaria Amichevole - cap.
4-11-1969 Roma Italia Italia 4 – 1 Galles Galles Qual. Mondiali 1970 - cap.
22-11-1969 Napoli Italia Italia 3 – 0 Germania Est Germania Est Qual. Mondiali 1970 - cap.
21-2-1970 Madrid Spagna Spagna 2 – 2 Italia Italia Amichevole - cap.
10-5-1970 Lisbona Portogallo Portogallo 1 – 2 Italia Italia Amichevole - cap.
3-6-1970 Toluca Italia Italia 1 – 0 Svezia Svezia Mondiali 1970 - 1º turno - cap.
6-6-1970 Puebla Italia Italia 0 – 0 Uruguay Uruguay Mondiali 1970 - 1º turno - cap.
11-6-1970 Toluca Italia Italia 0 – 0 Israele Israele Mondiali 1970 - 1º turno - cap.
14-6-1970 Toluca Italia Italia 4 – 1 Messico Messico Mondiali 1970 - Quarti di finale - cap.
17-6-1970 Città del Messico Italia Italia 4 – 3 dts Germania Ovest Germania Ovest Mondiali 1970 - Semifinale - cap.
21-6-1970 Città del Messico Brasile Brasile 4 – 1 Italia Italia Mondiali 1970 - Finale - cap. 2º posto
17-10-1970 Berna Svizzera Svizzera 1 – 1 Italia Italia Amichevole - cap.
31-10-1970 Vienna Austria Austria 1 – 2 Italia Italia Qual. Euro 1972 - cap.
8-12-1970 Firenze Italia Italia 3 – 0 Irlanda Irlanda Qual. Euro 1972 - cap.
20-2-1971 Cagliari Italia Italia 1 – 2 Spagna Spagna Amichevole - cap.
10-5-1971 Dublino Irlanda Irlanda 1 – 2 Italia Italia Qual. Euro 1972 - cap.
9-6-1971 Stoccolma Svezia Svezia 0 – 0 Italia Italia Qual. Euro 1972 - cap.
25-9-1971 Genova Italia Italia 2 – 0 Messico Messico Amichevole - cap.
9-10-1971 Milano Italia Italia 3 – 0 Svezia Svezia Qual. Euro 1972 - cap.
20-11-1971 Roma Italia Italia 2 – 2 Austria Austria Qual. Euro 1972 - cap.
4-3-1972 Atene Grecia Grecia 2 – 1 Italia Italia Amichevole - cap.
29-4-1972 Milano Italia Italia 0 – 0 Belgio Belgio Qual. Euro 1972 - cap.
13-5-1972 Bruxelles Belgio Belgio 2 – 1 Italia Italia Qual. Euro 1972 - cap.
25-2-1973 Istanbul Turchia Turchia 0 – 1 Italia Italia Qual. Mondiali 1974 - cap.
31-3-1973 Genova Italia Italia 5 – 0 Lussemburgo Lussemburgo Qual. Mondiali 1974 - cap.
9-6-1973 Roma Italia Italia 2 – 0 Brasile Brasile Amichevole - cap. Uscita al 45’ 45’
14-6-1973 Torino Italia Italia 2 – 0 Inghilterra Inghilterra Amichevole - cap.
29-9-1973 Milano Italia Italia 2 – 0 Svezia Svezia Amichevole - cap.
20-10-1973 Roma Italia Italia 2 – 0 Svizzera Svizzera Qual. Mondiali 1974 - cap.
14-11-1973 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 1 Italia Italia Amichevole - cap.
26-2-1974 Roma Italia Italia 0 – 0 Germania Ovest Germania Ovest Amichevole - cap.Uscita al 18’ 18’
8-6-1974 Vienna Austria Austria 0 – 0 Italia Italia Amichevole - cap.
15-6-1974 Monaco Italia Italia 3 – 1 Haiti Haiti Mondiali 1974 - 1º turno - cap.
19-6-1974 Stoccarda Italia Italia 1 – 1 Argentina Argentina Mondiali 1974 - 1º turno - cap.
23-6-1974 Stoccarda Polonia Polonia 2 – 1 Italia Italia Mondiali 1974 - 1º turno - cap.
28-9-1974 Zagabria Jugoslavia Jugoslavia 1 – 0 Italia Italia Amichevole - cap.
19-4-1975 Roma Italia Italia 0 – 0 Polonia Polonia Qual. Euro 1976 - cap.
5-6-1975 Helsinki Finlandia Finlandia 0 – 1 Italia Italia Qual. Euro 1976 - cap.
8-6-1975 Mosca Unione Sovietica Unione Sovietica 1 – 0 Italia Italia Amichevole - cap.
27-9-1975 Roma Italia Italia 0 – 0 Finlandia Finlandia Qual. Euro 1976 - cap.
26-10-1975 Varsavia Polonia Polonia 0 – 0 Italia Italia Qual. Euro 1976 - cap.
22-11-1975 Roma Italia Italia 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1976 - cap.
7-4-1976 Torino Italia Italia 3 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole -
23-5-1976 Washington Stati Uniti Stati Uniti 0 – 4 Italia Italia Torneo del Bicentenario - cap.
28-5-1976 New York Inghilterra Inghilterra 3 – 2 Italia Italia Torneo del Bicentenario - cap.
31-5-1976 New Haven Brasile Brasile 4 – 1 Italia Italia Torneo del Bicentenario - cap.
5-6-1976 Milano Italia Italia 4 – 2 Romania Romania Amichevole - cap.
16-10-1976 Lussemburgo Lussemburgo Lussemburgo 1 – 4 Italia Italia Qual. Mondiali 1978 - cap.
17-11-1976 Roma Italia Italia 2 – 0 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 1978 - cap.
8-6-1977 Helsinki Finlandia Finlandia 0 – 3 Italia Italia Qual. Mondiali 1978 - cap.
8-10-1977 Berlino Ovest Germania Ovest Germania Ovest 2 – 1 Italia Italia Amichevole - cap.
15-10-1977 Torino Italia Italia 6 – 1 Finlandia Finlandia Qual. Mondiali 1978 - cap.
16-11-1977 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 1978 - cap. Uscita al 83’ 83’
Totale Presenze (10º posto) 94 Reti 3

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Messico 1970
2004
2006 (postumo)
2006 (postumo)
2015 (riconoscimento alla memoria)

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Giacinto Facchetti, La rabbia del gol, Milano, Edint, 1970.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 476 (59) se si considera lo spareggio per la vittoria finale del campionato, giocato a Roma il 7 giugno 1964.
  2. ^ Giovanni Arpino, Facchetti, terzino-record, in La Stampa, 24 settembre 1971, p. 18.
  3. ^ Hanno rovinato il record a Zoff, in La Stampa, 15 novembre 1981, p. 25.
  4. ^ a b Lo Presti, p. 683.
  5. ^ Gianni Mura, Il gigante buono che amava fare gol, su repubblica.it, 5 settembre 2006. URL consultato il 27 maggio 2016.
  6. ^ Simeone pronto a entrare in un club esclusivo, su it.uefa.com, 23 maggio 2016.
  7. ^ a b c Gianluca Oddenino, Il calcio piange Facchetti. Addio bandiera nerazzurra, su gazzetta.it, 4 settembre 2006. URL consultato il 27 maggio 2016.
  8. ^ a b (EN) Presidential Award (PDF), su fifa.com.
  9. ^ (FR) Joffrey Pointlane, Giacinto Facchetti (Italie), nouvel épisode de nos 100 joueurs qui ont marqué l'histoire de la Coupe du monde, su francefootball.fr, 29 marzo 2018.
  10. ^ Caro Cipe, con un filo di voce mi parlavi ancora dell'Inter, su repubblica.it, 4 settembre 2006. URL consultato il 21 settembre 2015.
  11. ^ a b Arcidiacono, p. 139.
  12. ^ Andrea Sorrentino, Addio Facchetti, in la Repubblica, 5 settembre 2006, p. 16.
  13. ^ Andrea Sorrentino, La tomba a Treviglio, paese natale, in la Repubblica, 7 settembre 2006, p. 53.
  14. ^ Luigi Bolognini, I 14 milanesi illustri del Famedio, in la Repubblica, 23 ottobre 2006, p. 2.
  15. ^ Grande folla in Sant'Ambrogio per l'omaggio a Facchetti, su repubblica.it, 6 settembre 2006.
  16. ^ a b c d Panini, Il personaggio: Giacinto Facchetti (Internazionale), p. 499.
  17. ^ a b c Claudio Gregori, «Uno Zico davanti alla difesa», in La Gazzetta dello Sport, 27 settembre 2002.
  18. ^ Giuseppe Bagnati, I difensori e il vizio del gol. Facchetti il top, poi Matrix, su gazzetta.it, 27 ottobre 2009. URL consultato il 25 settembre 2015.
  19. ^ La Storia siamo noi, a 18:39.
  20. ^ Claudio Gregori, "Taca la bala", in La Gazzetta dello Sport, 14 novembre 1997.
  21. ^ Luigi Bolognini, "Io, da terzino volante a manager in doppio petto", in la Repubblica, 15 novembre 2001, p. 26.
  22. ^ Buon compleanno Giacinto, su inter.it, 18 luglio 2015.
  23. ^ Bagnati, p. 81.
  24. ^ Quattro scudetti e due coppe dei campioni, su corriere.it, 4 settembre 2006. URL consultato il 28 maggio 2016.
  25. ^ Il calcio piange Facchetti, addio bandiera nerazzurra, su gazzetta.it. URL consultato il 2 giugno 2020.
  26. ^ a b Fabio Monti, Giacinto Facchetti in 333 date, su giacintofacchetti.org.
  27. ^ Gianni Piva, Fuori Facchetti, in la Repubblica, 27 febbraio 1995, p. 39.
  28. ^ a b Lo scudetto della discordia, Riva: "Facchetti un angelo", su repubblica.it, 5 luglio 2011.
  29. ^ Vittorio Pozzo, Abbiamo proprio giocato male, in Stampa Sera, 28 marzo 1963, p. 9.
  30. ^ 16 novembre 1977, ultima da capitano per Giacinto Facchetti, su glieroidelcalcio.com, 16 novembre 2018. URL consultato il 21 dicembre 2020.
  31. ^ Vitali, Targa, p. 16.
  32. ^ Italia-Inghilterra, ho scelto cinque fette, su eurosport.it, 30 marzo 2015. URL consultato il 21 dicembre 2020.
  33. ^ Gianni Piva, Vecchia Inter con Moratti, in la Repubblica, 21 febbraio 1995, p. 26.
  34. ^ Il consiglio di amministrazione dell'Inter nomina Facchetti vice-presidente, su inter.it, 13 novembre 2001.
  35. ^ Inter, Moratti si dimette e propone Facchetti presidente, su repubblica.it, 19 gennaio 2004.
  36. ^ Inter, ora Facchetti è ufficiale, su gazzetta.it, 30 gennaio 2004.
  37. ^ Inter, Moratti torna alla presidenza, su repubblica.it, 6 novembre 2006.
  38. ^ a b c La prescrizione salva l'Inter. Facchetti, fu illecito sportivo, su repubblica.it, 4 luglio 2011.
  39. ^ a b Ruggiero Palombo, Inter spalle al muro, in La Gazzetta dello Sport, 5 luglio 2011.
  40. ^ Alessandro De Felice, Travaglio: "Abissale differenza tra Moggi e Facchetti. Prescrizione? Rinunci la Juve", su fcinter1908.it, 6 luglio 2011.
  41. ^ a b Calciopoli, Moggi assolto: "Non diffamò Facchetti", su repubblica.it, 15 luglio 2015.
  42. ^ Luca Fazzo, Il tribunale riscrive Calciopoli, "Anche l'Inter faceva lobbing", su ilgiornale.it, 9 settembre 2015.
  43. ^ Luciano Moggi, Giacinto Facchetti e gli arbitri: l'ultima sentenza conferma tutto, su liberoquotidiano.it, 31 marzo 2018.
  44. ^ Luciano Moggi: "Le perle di Calciopoli che nessuno ricorda più", su liberoquotidiano.it, 13 gennaio 2019.
  45. ^ Mazzola: "Compagno meraviglioso sempre pronto a lottare", su repubblica.it, 4 settembre 2006.
  46. ^ Luigi Bolognini, L'Inter ritira la maglia numero 3, in la Repubblica, 8 settembre 2006, p. 10.
  47. ^ Lega e Uefa: ritirata maglia nº 3, su inter.it, 8 settembre 2006.
  48. ^ Mimmo Cugini, Nelle Marche una via intitolata a Facchetti, in La Gazzetta dello Sport, 14 marzo 2007.
  49. ^ Il Festival di Venezia ricorda Facchetti, su inter.it, 2 settembre 2007.
  50. ^ Spareggio per la vittoria finale del campionato, giocato a Roma il 7 giugno 1964, Bologna-Inter 2-0
  51. ^ (EN) All-Star Team, su football.sporting99.com (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2016).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco illustrato del calcio 2005, Modena, Panini, 2004.
  • Massimo Arcidiacono, I personaggi: Giacinto Facchetti, in Cento Inter, La Gazzetta dello Sport, 2008, pp. 138-141.
  • Giuseppe Bagnati, Vito Maggio e Vincenzo Prestigiacomo, Il Palermo racconta: storie, confessioni e leggende rosanero, Palermo, Grafill, 2004, ISBN 88-8207-144-8.
  • Salvatore Lo Presti, FACCHETTI, Giacinto, in Enciclopedia dello sport, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2002.
  • Cristian Vitali e Maurizio Targa, UndiciMetri. Storie di Rigore, Ravenna, SensoInverso Edizioni, 2020.

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN62708437 · ISNI (EN0000 0000 4716 576X · SBN IT\ICCU\RAVV\033489 · LCCN (ENno2006121068 · GND (DE132421143 · WorldCat Identities (ENlccn-no2006121068