Erick Thohir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Erick Thohir
Erick Thohir.jpg

Ministro per gli affari economici
In carica
Inizio mandato 23 ottobre 2019
Presidente Joko Widodo
Predecessore Rini Soemarno

Dati generali
Università National University

Erick Thohir (Giacarta, 30 maggio 1970) è un imprenditore e politico indonesiano, dal 23 ottobre 2019 ministro per gli affari economici su nomina del presidente dell'Indonesia Joko Widodo[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È figlio di Teddy Thohir (1935-2016)[2], nato a Giacarta, il quale è stato uno dei fondatori e azionisti di Astra International, una holding company a capo di molte aziende nei più svariati settori industriali e commerciali, e ha una sorella e un fratello, Rika e Garibaldi.

La famiglia Thohir attraverso la sua holding, TNT Group (TriNugraha Thohir Group), controlla molte partecipazioni azionarie di aziende in molteplici settori, come l'automotive, la raffinazione di gas naturale, la ristorazione, l'immobiliare, i mass media e, in particolare, nel settore della produzione di carbone (l'Indonesia è il quarto produttore mondiale di carbone). Nel 2015 il TNT Group ha avuto un fatturato di 1,1 miliardi di dollari.[3] Con il 13% di azioni, il 6,2% direttamente detenuto da Garibaldi, fratello maggiore di Erick, e il restante 7,8% detenuto da TNT group (attraverso la propria quota nella holding PT Adaro Strategic Investment[4]) la famiglia Thohir è una degli azionisti di maggioranza di Adaro Energy Tbk, la seconda azienda privata di estrazione e commercio di carbone in Indonesia con un fatturato di 3,28 miliardi di dollari nel 2013.[5]

Thohir ha studiato negli Stati Uniti per cinque anni, conseguendo la laurea in economia al Glendale Community College e un master alla National University.[6]

È sposato con Elizabeth Tjandra ed è padre di quattro figli. È di religione islamica.[6]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Imprenditore nel campo dell'editoria e della televisione,[7] nel 1993 ha creato il Mahaka Group,[7] il cui fatturato si aggira sui 255 miliardi di rupie (circa 16,5 milioni di euro al cambio del 5 aprile 2014).[8] Nel 2011 è diventato il proprietario del quotidiano indonesiano Republika, oltreché della televisione JakTV.[7] Si è assicurato tutti i diritti relativi alla competizione continentale, al campionato indonesiano e la Coppa del Mondo in Brasile.[9]

Nel 2013, insieme al fratello Garibaldi e altri investitori indonesiani, ha acquistato il 35% dell'azienda di telecomunicazioni PT Hutchison 3 Indonesia, sussidiaria del gruppo Hutchison Whampoa.[10]

Dal 2011 fino a luglio 2014[11] ha ricoperto la carica di Presidente del gruppo Visi Media Asia, attivo nel settore dei media con i canali televisivi TVone e Antv e con la piattaforma online VIVA.co.id. L'azionista di maggioranza del gruppo Visi Media Asia è la famiglia Bakrie, mentre la famiglia Thohir detiene una quota di minoranza (il 4,16% di azioni[12]).

Il 31 ottobre 2015 è stato eletto presidente del Comitato Olimpico Indonesiano: Thohir, il quale aveva presentato la sua candidatura nell'ultimo giorno utile,[13] ha ottenuto 59 voti mentre il suo principale avversario si è fermato a 46 preferenze.[14]

Investimenti nello sport[modifica | modifica wikitesto]

Appassionato di pallacanestro, è nel consiglio di amministrazione della federbasket indonesiana e della federazione pallacanestro del Sud-Est asiatico, nonché comproprietario di due squadre locali: il Satria Muda BritAma e l'Indonesia Warriors. Nel 2011 ha fatto parte della cordata di imprenditori che ha acquistato i Philadelphia 76ers, squadra militante nell'NBA.

Per quanto riguarda il calcio, è proprietario del Persib Bandung, squadra militante nel massimo campionato indonesiano e tra il 2012 e il 2018 è stato azionista al 78% del D.C. United, squadra della MLS fondata nel 1995. Il 15 novembre 2013, insieme a Rosan Roeslani e Handy Soetedjo, ha acquisito il 70% delle quote societarie dell'Inter, diventandone parimenti il presidente.[15] Il 6 giugno 2016 una parte delle sue quote, insieme a quella di proprietà di Massimo Moratti, è stata ceduta al Suning Holdings Group dell'imprenditore cinese Zhang Jindong per un totale pari al 68,55% delle azioni; l'imprenditore indonesiano è rimasto come socio di minoranza con il 31,05% delle azioni, nonché come presidente della società.[16] Il 26 ottobre 2018 ha lasciato la carica di presidente a Steven Zhang,[17] mentre il 25 gennaio 2019 ha ceduto il suo 31,05% alla LionRock Capital, un fondo d'investimento di Hong Kong, uscendo definitivamente dal club.[18]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Erick Thohir, l'ex presidente dell'Inter diventa ministro in Indonesia, Sky Sport, 23 ottobre 2019. URL consultato il 14 dicembre 2019.
  2. ^ Inter, è morto il padre di Thohir, gazzetta.it, 31 ottobre 2016.
  3. ^ Globe Asia, TOP100 Groups Indonesia 2016, su epaper.thejakartaglobe.com (archiviato dall'url originale il 14 settembre 2016).
  4. ^ Jakarta Globe - Big Adaro Shareholders Create Holding Company, su thejakartaglobe.beritasatu.com (archiviato dall'url originale il 14 febbraio 2015).
  5. ^ www.indonesia-investments.com - Adaro Energy, su indonesia-investments.com.
  6. ^ a b Inter, ecco i piani di Thohir: "Vuol vincere a lungo", La Gazzetta dello Sport, 9 luglio 2013
  7. ^ a b c Inter e Moratti: chi è Erick Thohir?, Giornalettismo.com, 1º giugno 2013. URL consultato il 27 giugno 2013.
  8. ^ (EN) Mahaka Media Tbk PT, ABBA:JKT profile, Financial Times, 25 novembre 2013.
  9. ^ Inter, chi è Erick Thohir?, su fantagazzetta.com, 25 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).
  10. ^ TPG Unit, Coal Tycoon Brothers Buy Stake In Telecom Co. - Law360, su www.law360.com. URL consultato il 24 agosto 2015.
  11. ^ Thohir: Lascia la presidenza di VIVA, su calciomercato.com.
  12. ^ The Jakarta Post, Viva's Owner approaches potential buyers, su thejakartapost.com.
  13. ^ KOI, Thohir si candida alla presidenza: due i rivali, tuttomercatoweb.com, 30 ottobre 2015.
  14. ^ Gioia per Thohir: è stato eletto presidente del Comitato Olimpico Indonesiano, fcinter1908.it, 31 ottobre 2015.
  15. ^ Luca Taidelli, "Inter, Moratti-Thohir: ecco le firme", gazzetta.it, 15 ottobre 2013. URL consultato il 15 ottobre 2013.
  16. ^ Inter, Suning si prende il 68,55%, Moratti lascia dopo 21 anni, gazzetta.it, 6 giugno 2016.
  17. ^ Inter, ufficiale: Steven Zhang nuovo presidente. "Io sono pronto. E voi?", su gazzetta.it, 26 ottobre 2018.
  18. ^ LionRock Capital acquisisce il 31,05% di FC Internazionale Milano S.p.A., su FC Internazionale - Inter Milan. URL consultato il 26 gennaio 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN170350695 · ISNI (EN0000 0001 1916 7423 · LCCN (ENn2010163435 · WorldCat Identities (ENlccn-n2010163435