Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Zhang Jindong

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Zhang Jindong[1] (張近東T, 张近东S, Zhāng JìndōngP; Anhui, 28 marzo 1963) è un imprenditore cinese, presidente di Suning Holdings Group, di Suning Commerce Group e di Suning Real Estate. È proprietario del 100% di Suning Holdings Group, del 65% di Suning Real Estate, del 48,1% di Suning Appliance Group e del 68,55% dell'Inter.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È nato nel 1963 in Cina, ad Anhui, la più povera delle province nel corso del fiume Azzurro dell'est. Dopo essersi laureato in letteratura cinese all'Università di Nanchino, ha lavorato in una fabbrica di tessuti dal 1985 al 1989. Nel 1990 decide di cambiare strada e di mettersi in proprio poco lontano da casa, aprendo con il fratello Zhang Guiping un negozio di elettrodomestici.

Mentre il fratello Guiping si sposta nel settore immobiliare, Zhang espande progressivamente la sua attività grazie ad intelligenti accordi di distribuzione e produzione. In questo modo il negozio di Jindong si trasforma così in Suning, multinazionale da 1700 negozi e 13 000 dipendenti tra Cina, Giappone e Hong Kong che fattura oltre 15 miliardi di euro, nona azienda di tutta la Cina. Quotata in borsa nel 2004, è stata la prima società straniera di sviluppo e ricerca a posizionarsi nella Silicon Valley nel 2013 ed è proprietaria del 20% di tutto il mercato cinese dei prodotti elettronici.

Tra le proprietà attuali di Jindong c'è anche PPTV, popolare televisione online cinese che trasmette soprattutto show ed eventi sportivi in cui il ricco imprenditore ha investito oltre 350 milioni di euro. Nel gennaio del 2017 PPTV acquista i diritti per trasmettere la Premier League in Cina nei successivi tre anni per la cifra di 564 milioni di sterline.

Oltre a Suning e a PPTV Zhang Jindong ha investito anche in una società online di servizi di fornitura di materie prime, la Citicall (鐳射T, LéishèP, LASER), società di commercio al dettaglio con base ad Hong Kong, nella Laox, società di commercio al dettaglio, e nella Red Baby, azienda dedicata ai prodotti per bimbi e mamme. Nel 2017 secondo hurun global rich list 2017 (la più autorevole lista riguardo ai milionari cinesi) dispone di un patrimonio di 11 miliardi di $ mentre secondo Forbes ha un patrimonio personale stimato in 4.1 miliardi di dollari, cifra che lo rende il 427 esimo uomo più ricco del mondo e il 34esimo uomo più ricco della Cina[2] secondo la rivista americana Forbes.[3]

Nel gennaio 2016 si è conclusa la transazione con Alibaba, colosso dell’e-commerce gestito da Jack Ma, che ha portato quest’ultimo a possedere il 20% di Suning e Zhang a possedere l’1,1% di Alibaba.

Il 28 giugno 2016 Zhang Jindong ha acquistato il 68,55% dell'Inter attraverso Suning Holdings Group, diventando così l'azionista di maggioranza del club calcistico milanese. Il figlio Steven Zhang fa parte del consiglio di amministrazione della società nerazzurra.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica cinese il cognome precede il nome. "Zhang" è il cognome.
  2. ^ Zhang Jindong, su Forbes. URL consultato il 06 giugno 2016.
  3. ^ (EN) Zhang Jindong, in Forbes. URL consultato il 20 marzo 2017.
  4. ^ Assemblea degli azionisti di F.C. Internazionale Milano, inter.it, 28 giugno 2016. URL consultato il 7 luglio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie