Clamoroso al Cibali!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Catania-Inter 2-0
Clamorosoalcibali.jpg
I tifosi del Catania portano in trionfo Giuseppe Gaspari al termine della partita.
Dettagli evento
Competizione Serie A 1960-1961
Data 4 giugno 1961
Città Catania
Impianto di gioco Stadio Cibali
Spettatori 30.000
Risultato
Catania
2
Inter
0
Arbitro Italia Bruno De Marchi

Clamoroso al Cibali! è una celebre locuzione attribuita al radiocronista italiano Sandro Ciotti, coniata domenica 4 giugno 1961 durante la cronaca di Catania-Inter giocata allo stadio Cibali, valevole per l'ultima giornata del campionato di Serie A 1960-1961, a Tutto il calcio minuto per minuto.

Contrariamente ai pronostici la squadra siciliana vinse 2-0 e la frase, benché non esistano resoconti radiofonici che consentano di verificare se essa fu effettivamente pronunciata,[1] entrò comunque nel gergo calcistico italiano per indicare un risultato a sorpresa, in cui è la formazione sfavorita a prevalere.[2]

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

Catania-Inter si disputò il 4 giugno 1961, in occasione dell'ultima giornata del campionato di Serie A. I milanesi, secondi a due lunghezze dalla Juventus, si erano visti annullare a sorpresa il giorno prima la vittoria ottenuta a tavolino, per invasione di campo dei tifosi bianconeri, nello scontro diretto del 16 aprile precedente. I nerazzurri, malgrado si fossero ritrovati di punto in bianco dall'essere primi in classifica, in coabitazione con i torinesi, al secondo posto con due punti di ritardo, erano ancora in gioco per la conquista dello scudetto dovendo recuperare proprio la suddetta gara contro gli juventini, per la quale la Federcalcio aveva disposto la ripetizione.[3] I neopromossi etnei, rivelazione della stagione, avevano invece già raggiunto un'agevole salvezza grazie all'ottavo posto finale, ritrovandosi coinvolti a metà torneo perfino nella lotta per il tricolore.[4]

I pronostici davano per scontata la vittoria dei meneghini contro una squadra che non aveva ormai più nulla da chiedere al campionato. Tuttavia i calciatori catanesi covavano propositi di rivalsa dopo l'incontro di andata del 29 gennaio perso 0-5 a San Siro, con ben 4 autogol.[5] Nelle interviste successive alla suddetta gara, il tecnico nerazzurro Helenio Herrera aveva irriverentemente definito i rossazzurri «una squadra di postelegrafonici»; a quelle parole, di fatto i siciliani se la legarono al dito: «per come avevamo giocato forse aveva pure ragione, quattro autoreti sono un po' troppe. Ma ci siamo guardati in faccia promettendoci vendetta», affermò anni dopo il capitano catanese Adelmo Prenna. In tal senso, nei giorni precedenti la sfida di ritorno i giocatori etnei rifiutarono compatti un doppio premio offerto dalla loro dirigenza, per lasciare la vittoria ai lombardi: «"no, ci dispiace. Ce la giochiamo". E giocammo alla morte», ricordò Giorgio Michelotti.[2]

La partita[modifica | modifica wikitesto]

Il primo gol degli etnei, segnato da Mario Castellazzi.

« Quella partita l'abbiamo preparata noi giocatori. Abbiamo mandato tutti fuori, Di Bella, i dirigenti, ci tenevamo troppo. »

(Giuseppe Gaspari[6])

L'Inter era demoralizzata da quello che riteneva un ingiusto annullamento della vittoria di aprile contro la Juventus, ma era altresì convinta di trovarsi davanti un avversario non ostile e senza ambizioni di classifica.[3] Il Catania, tuttavia, giocò all'attacco per l'intera gara e si portò in vantaggio con la rete di Mario Castellazzi al 25': su un tiro dal centro dell'area respinto da Bengt Lindskog si avventò proprio l'ala sinistra rossazzurra, spostatasi nel frattempo a destra, che stoppò di petto, tirò al volo e infilò alle spalle di Da Pozzo con un tiro all'incrocio dei pali.[6][7] Al gol della punta etnea si levò un grido da uno spettatore: «Questo è il vero sport!».[7] I nerazzurri provarono una timida reazione, ma un tiro di Firmani terminò sopra la traversa mentre continuarono gli attacchi degli etnei, cosa che obbligò gli ospiti a chiudersi in difesa senza mai cercare il tiro in porta, se si esclude un rasoterra di Lindskog bloccato dal portiere siciliano.[7] Nella ripresa il Catania aumentò ulteriormente il ritmo degli attacchi, colpendo due pali con Prenna e Castellazzi.

Il secondo gol degli etnei, segnato da Salvador Calvanese.

Lo stesso Castellazzi, dalla sinistra, segnò con un tiro a giro il virtuale raddoppio per il Catania, annullato dall'arbitro De Marchi.[7] L'Inter provò ancora a reagire, ma la sterile manovra nerazzurra portò solo al tentativo di Lindskog, finito fuori, e al cross di Morbello, che non arrivò a nessun compagno.[7] Calvanese sciupò un'occasione in contropiede, ma poco dopo, al 70', ancora su di una ripartenza lo stesso Calvanese s'involò solitario verso la porta, raggiunto da Facchetti che stese l'attaccante etneo e il portiere meneghino: il più veloce a rialzarsi fu il giocatore del Catania, che recuperò il pallone e segnò a porta sguarnita.[7][8] L'Inter provò a reagire, colpendo una traversa con Morbello e non trovando il gol con Lindskog.[7] Poco dopo le squadre rimasero entrambe in dieci, causa la doppia espulsione di Balleri e Giavara (il nerazzurro colpì al volto il rossazzurro, che reagì),[7] e non venne concesso un rigore ai siciliani: al momento del fallo, Calvanese era in procinto di segnare da facile posizione; l'arbitro non ritenne che sussistessero gli estremi per la massima punizione, causando l'ira dei tifosi di casa.[7]

A fine gara i tifosi rossazzurri, per vendicarsi dei dirigenti interisti che avevano preso in giro i giocatori etnei dando per scontato il risultato, fecero risonare nello stadio il coro «Viva la Juventus», che sapeva di beffa per i nerazzurri.[7] A seguito del contestuale pareggio interno, per 1-1, contro il Bari, proprio i bianconeri del Trio Magico ampliarono a tre i punti di margine sui rivali, laureandosi matematicamente campioni d'Italia[9] e rendendo di fatto ininfluente il recupero dell'incontro con l'Inter, disputato sei giorni più tardi.

Tabellino[modifica | modifica wikitesto]

Catania
4 giugno 1961
34ª giornata
Catania 2 – 0
referto
Inter Stadio Cibali (30 000 spett.)
Arbitro De Marchi (Pordenone)

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Catania
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Inter
Catania
P 1 Italia Giuseppe Gaspari
D 2 Italia Giorgio Michelotti
D 3 Italia Franco Giavara Red card.svg
D 4 Italia Amilcare Ferretti
D 5 Italia Elio Grani
D 6 Italia Mario Corti
C 7 Italia Ferruccio Caceffo
C 8 Italia Alvaro Biagini
A 9 Argentina Salvador Calvanese Gol 70’
A 10 Italia Adelmo Prenna (Capitano)
A 11 Italia Mario Castellazzi Gol 25’
Allenatore:
Italia Carmelo Di Bella
Inter
P 1 Italia Mario Da Pozzo
D 2 Italia Armando Picchi
D 3 Italia Giacinto Facchetti (Capitano)
C 4 Italia Bruno Bolchi
D 5 Italia Aristide Guarneri
D 6 Italia Costanzo Balleri Red card.svg
A 7 Italia Mauro Bicicli
C 8 Svezia Bengt Lindskog
A 9 Italia Eddie Firmani
A 10 Italia Mario Corso
A 11 Italia Egidio Morbello
Allenatore
Argentina Helenio Herrera

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesco Saverio Intorcia, E la radio cantò “Clamoroso al Cibali”. Quando Ameri e Ciotti litigavano in diretta, su bologna.repubblica.it, 13 giugno 2011. URL consultato il 13 luglio 2014.
  2. ^ a b Giuseppe Bagnati, Quel giorno che… “Clamoroso al Cibali!”, su gazzetta.it, 3 febbraio 2008. URL consultato il 31 ottobre 2011.
  3. ^ a b Boniperti e quel 9-1 all'Inter: «Fu Sivori a voler infierire», in Corriere della Sera, 25 ottobre 2001, p. 47. URL consultato il 22 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 1º giugno 2015).
  4. ^ Si conclude la prima parte del campionato con l'interessante confronto Inter-Catania, in La Stampa, 28 gennaio 1961, p. 6.
  5. ^ Paolo Bertoldi, Troppe autoreti del Catania: l'Inter si afferma per 5 a 0, in Stampa Sera, 30 gennaio 1961, p. 4.
  6. ^ a b Calcio Catania: la storia, su mimmorapisarda.it. URL consultato il 21 luglio 2014.
  7. ^ a b c d e f g h i j Vittorio Pozzo, L'Inter non ha saputo reagire ai decisi attacchi del Catania: 2-0, in Stampa Sera, 5 giugno 1961, p. 5. URL consultato il 18 luglio 2014.
  8. ^ Vittorio Pozzo, Il Catania ha imposto l'alt ai sogni di scudetto dell’Inter, in Stampa Sera, 5 giugno 1961, p. 18. URL consultato il 13 luglio 2014.
  9. ^ La Juventus è campione d'Italia, in Stampa Sera, 5 giugno 1961, p. 5. URL consultato il 13 luglio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio