Football Club Internazionale Milano 1998-1999

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Football Club Internazionale Milano
Rosa completa Inter 1998-1999.jpg
La rosa al completo della stagione 1998-1999
Stagione 1998-1999
AllenatoreItalia Luigi Simoni
Romania Mircea Lucescu[1]
Italia Luciano Castellini[2]
Inghilterra Roy Hodgson[3]
All. in secondaItalia Sergio Pini
Italia Luciano Castellini
PresidenteItalia Massimo Moratti
Italia Giacinto Facchetti
Serie A8º posto
Coppa ItaliaSemifinali
Champions LeagueQuarti di finale
Maggiori presenzeCampionato: J. Zanetti (34)
Totale: J. Zanetti (50)
Miglior marcatoreCampionato: Ronaldo (14)
Totale: Ronaldo (15)
StadioGiuseppe Meazza (San Siro)
Abbonati58 410[4]
Maggior numero di spettatori80 372 vs. Juventus (27 febbraio 1999)[4]
Minor numero di spettatori62 705 vs. Bologna (23 maggio 1999)[4]
Media spettatori68 516[4]¹
¹ considera le partite giocate in casa in campionato.
Dati aggiornati al 30 maggio 1999

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Football Club Internazionale Milano nelle competizioni ufficiali della stagione 1998-1999.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

La vittoria della Coppa UEFA e lo Scudetto sfiorato pochi mesi prima indirizzarono verso l'Inter i pronostici di favorita per la stagione 1998-99.[5] A concentrare ancor più nella formazione nerazzurra la palma di candidati alla vittoria finale fu il mercato, sul quale Massimo Moratti si adoperò per rinforzare l'organico[5]; gli acquisti dai nomi altisonanti e le speranze della tifoseria crearono un pattern ripropostosi annualmente nelle stagioni a venire.[5] Si vestirono di nerazzurro il trentunenne Roberto Baggio[6], oltre a diversi giovani: gli italiani Ventola e Pirlo furono seguiti dai francesi Dabo e Silvestre.[7][8] L'alto numero di calciatori presenti in rosa - la maggior parte dei quali di nazionalità straniere[5] - costrinse l'allenatore Simoni ad un ampio turnover.[9] Partita con l'obiettivo di confermarsi in Serie A, la squadra milanese sconfisse i lettoni dello Skonto Riga nel preliminare di Champions League.[10][11] Il sorteggio della fase a gruppi inserì i lombardi in un girone con il Real Madrid (campione in carica, avendo battuto la Juventus nel maggio precedente): a completare il quartetto furono l'abbordabile Sturm Graz e l'incognita Spartak Mosca, eliminata in semifinale di Coppa UEFA l'anno prima.[12]

Il nuovo acquisto Roberto Baggio, in posa assieme al dirigente Facchetti.

Già dai primi risultati la panchina di Simoni fu in discussione[13], principalmente per una qualità di gioco non ritenuta sufficientemente buona da Moratti.[14][15] Il tecnico pagò inoltre la condizione precaria di Ronaldo, ancora reduce dai problemi fisici lamentati dopo il Mondiale.[16] In campionato, dopo quattro giornate, l'Inter condivideva la seconda piazza con Milan e Roma[17]: un filotto negativo di tre sconfitte, due delle quali davanti ai propri tifosi per mano di Lazio e Bari, comportò il distacco dalle zone di vertice.[18][19] Mentre in Europa i nerazzurri parvero riprendersi, conquistando 7 punti dopo aver perso all'esordio contro i Blancos[20], il 3-1 subìto in casa della Fiorentina alla decima giornata rappresentò il definitivo addio ai sogni tricolore.[21] Nel penultimo incontro della fase a gironi di Champions League, il Real venne sconfitto a San Siro: il 3-1 finale, sul quale pesò in maniera determinante la doppietta di Baggio, valse la qualificazione per il turno successivo.[22] Un'altra vittoria con la Salernitana, giunta in rimonta grazie alle reti di Simeone e Javier Zanetti, ridusse ad appena 5 punti il ritardo dalla vetta in campionato[23]: all'indomani, Simoni fu però esonerato tra le polemiche.[24][25] Pur dichiarandosi amareggiato della decisione, il tecnico non contestò la scelta del presidente Moratti.[26] La panchina venne quindi affidata al romeno Lucescu[27], con la situazione europea già favorevole[28]; in Coppa Italia (dove nei turni precedenti aveva battuto il Cesena e il Castel di Sangro) l'Inter eliminò i detentori della Lazio[29], arrendendosi poi in semifinale ai futuri vincitori del Parma.[30]

Il percorso continentale toccò l'ultima tappa contro il Manchester United, che nell'andata dei quarti di finale si impose 2-0 sul proprio terreno[31]: al ritorno l'Inter passò in vantaggio con Ventola e colpì un palo con Zanetti, prima che il pareggio di Scholes ponesse fine alle speranze.[32] Anche l'esperienza di Lucescu era ormai prossima al capolinea, tanto che dopo l'ennesima sconfitta (4-0 dalla Sampdoria) fu rimpiazzato da Luciano Castellini.[33][34] Quest'ultimo rimase alla guida nel solo mese di aprile, raccogliendo 4 punti in altrettante uscite[35][36], prima di venire sostituito da Roy Hodgson.[37] Nel maggio 1999 Moratti abbandonò inoltre l'incarico presidenziale[38][39], circostanza cui fece seguito l'ottavo posto in campionato.[40] Uno spareggio contro il Bologna sarebbe potuto valere l'accesso alla Coppa UEFA, ma la duplice sconfitta riportata ad opera dei felsinei (vincitori per 2-1 sia in casa che fuori) certificò l'esclusione interista dalle competizioni europee per l'anno seguente.[41][42]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Nicola Ventola, Paulo Sousa e Andrea Pirlo posano con le tre divise interiste della stagione.

Lo sponsor tecnico per la stagione 1998-1999 fu la Nike, al debutto con il club interista[43][44], mentre lo sponsor ufficiale fu Pirelli.

Per la prima e seconda divisa, venne confermata la tradizione del club[45]: classico template palato nerazzurro per le sfide a San Siro, abbinato ad altrettanto canonici pantaloncini e calzettoni neri, e similmente un completo bianco per le trasferte, quest'ultimo solo arricchito da due sottili strisce nerazzurre a circoscrivere il jersey sponsor sul petto.[45] Per la terza uniforme ci fu invece la novità di una casacca «twilight blue» con fascia nera.[45]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1ª divisa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2ª divisa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
3ª divisa

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

Area comunicazione

  • Responsabile area comunicazione: Gino Franchetti
  • Ufficio Stampa: Sandro Sabatini

Area tecnica

Area sanitaria

  • Medici sociali: Piero Volpi e Fabio Forloni
  • Fisioterapista: Marco Chaulan
  • Massaggiatori: Massimo Della Casa e Marco Della Casa

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito la rosa.[49]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Gianluca Pagliuca (vice capitano)
2 Italia D Giuseppe Bergomi (capitano)
3 Italia D Francesco Colonnese
4 Argentina D Javier Zanetti
5 Italia D Fabio Galante
6 Francia C Youri Djorkaeff
7 Italia D Salvatore Fresi[50]
8 Paesi Bassi C Aron Winter
9 Brasile A Ronaldo
10 Italia A Roberto Baggio
11 Italia A Nicola Ventola
12 Italia P Andrea Mazzantini[50]
13 Brasile C Zé Elias
14 Argentina C Diego Simeone
15 Francia C Benoît Cauet
16 Nigeria D Taribo West
N. Ruolo Giocatore
17 Italia C Francesco Moriero
1+8 Cile A Iván Zamorano
19 Portogallo C Paulo Sousa
20 Uruguay A Álvaro Recoba[50]
20 Brasile D Gilberto Melo[51]
21 Italia A Andrea Pirlo
22 Francia P Sébastien Frey
23 Croazia D Dario Šimić
23 Italia D Cristiano Zanetti[50]
24 Francia D Mikaël Silvestre
25 Italia D Mauro Milanese
26 Francia D Zoumana Camara[50]
27 Francia D Ousmane Dabo[50]
28 Italia D Luca Mezzano[50]
29 Nigeria A Nwankwo Kanu[50]
30 Italia P Raffaele Nuzzo

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva (dall'1/7 al 31/8)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti[52]
R. Nome da Modalità
P Sébastien Frey Cannes fine prestito
P Giorgio Frezzolini Fidelis Andria fine prestito
D Zoumana Camara Saint-Étienne definitivo
D Matteo Ferrari Genoa fine prestito
D Mikaël Silvestre Rennes definitivo
C Ousmane Dabo Rennes definitivo
C Andrea Pirlo Brescia definitivo
C Cristiano Zanetti Reggiana definitivo
A Roberto Baggio Bologna definitivo
A Mohammed Kallon Bologna fine prestito
A Alonso Piola Internacional fine prestito
A Gionatha Spinesi Castel di Sangro riscatto
A Nicola Ventola Bari definitivo
Cessioni[52]
R. Nome a Modalità
P Giorgio Frezzolini Cosenza/Milan prestito
D Matteo Ferrari Lecce prestito
D Martín Rivas Perugia prestito
D Luigi Sartor Parma definitivo
D Massimo Tarantino Bologna rinnovo compartecipazione
A Mohammed Kallon Cagliari prestito
A Gionatha Spinesi Bari compartecipazione
A Samuel Ipoua Tolosa definitivo

Sessione autunnale[modifica | modifica wikitesto]

Cessioni[52]
R. Nome a Modalità
D Salvatore Fresi Salernitana prestito (a novembre)
C Cristiano Zanetti Cagliari prestito (a ottobre)
C Ousmane Dabo Vicenza prestito (a ottobre)
A Nwankwo Kanu Arsenal definitivo (a ottobre)

Sessione invernale (dal 2/1 all'1/2)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti[52]
R. Nome da Modalità
D Gilberto Cruzeiro definitivo
D Dario Šimić Dinamo Zagabria definitivo
Cessioni[52]
R. Nome a Modalità
P Andrea Mazzantini Perugia
D Zoumana Camara Empoli prestito
D Luca Mezzano Perugia prestito
A Álvaro Recoba Venezia prestito

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1998-1999.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Cagliari
13 settembre 1998, ore 16:00 CEST
1ª giornata
Cagliari2 – 2
referto
InterStadio Sant'Elia
Arbitro:  Treossi (Forlì)

Milano
20 settembre 1998, ore 20:30 CEST
2ª giornata
Inter1 – 0
referto
PiacenzaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Pellegrino (Barcellona Pozzo di Gotto)

Empoli
27 settembre 1998, ore 16:00 CEST
3ª giornata
Empoli1 – 2
referto
InterStadio Carlo Castellani
Arbitro:  Racalbuto (Gallarate)

Milano
4 ottobre 1998, ore 15:30 CEST
4ª giornata
Inter2 – 0
referto
PerugiaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Milano
18 ottobre 1998, ore 20:30 CEST
5ª giornata
Inter3 – 5
referto
LazioStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Boggi (Salerno)

Torino
25 ottobre 1998, ore 20:30 CET
6ª giornata
Juventus1 – 0
referto
InterStadio delle Alpi
Arbitro:  Messina (Bergamo)

Milano
1º novembre 1998, ore 14:30 CET
7ª giornata
Inter2 – 3
referto
BariStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Milano
8 novembre 1998, ore 20:30 CET
8ª giornata
Milan2 – 2
referto
InterStadio Giuseppe Meazza (80.814 spett.)
Arbitro:  Tombolini (Ancona)

Milano
15 novembre 1998, ore 14:30 CET
9ª giornata
Inter3 – 0
referto
SampdoriaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Trentalange (Torino)

Firenze
22 novembre 1998, ore 14:30 CET
10ª giornata
Fiorentina3 – 1
referto
InterStadio Artemio Franchi
Arbitro:  Rodomonti (Teramo)

Milano
29 novembre 1998, ore 14:30 CET
11ª giornata
Inter2 – 1
referto
SalernitanaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Rodomonti (Teramo)

Vicenza
6 dicembre 1998, ore 14:30 CET
12ª giornata
Vicenza1 – 1
referto
InterStadio Romeo Menti
Arbitro:  Racalbuto (Gallarate)

Udine
13 dicembre 1998, ore 14:30 CET
13ª giornata
Udinese0 – 1
referto
InterStadio Friuli
Arbitro:  Messina (Bergamo)

Milano
20 dicembre 1998, ore 20:30 CET
14ª giornata
Inter4 – 1
referto
RomaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Pellegrino (Barcellona Pozzo di Gotto)

Parma
6 gennaio 1999, ore 14:30 CET
15ª giornata
Parma1 – 0
referto
InterStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Trentalange (Torino)

Milano
10 gennaio 1999, ore 14:30 CET
16ª giornata
Inter6 – 2
referto
VeneziaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Borriello (Mantova)

Bologna
17 gennaio 1999, ore 14:30 CET
17ª giornata
Bologna2 – 0
referto
InterStadio Renato Dall'Ara
Arbitro:  Boggi (Salerno)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Milano
24 gennaio 1999, ore 14:30 CET
18ª giornata
Inter5 – 1
referto
CagliariStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Trentalange (Torino)

Piacenza
31 gennaio 1999, ore 14:30 CET
19ª giornata
Piacenza0 – 0
referto
InterStadio Leonardo Garilli
Arbitro:  Messina (Bergamo)

Milano
7 febbraio 1999, ore 14:30 CET
20ª giornata
Inter5 – 1
referto
EmpoliStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Tombolini (Ancona)

Perugia
14 febbraio 1999, ore 15:00 CET
21ª giornata
Perugia2 – 1
referto
InterStadio Renato Curi (25.000 spett.)
Arbitro:  Racalbuto (Gallarate)

Roma
21 febbraio 1999, ore 15:00 CET
22ª giornata
Lazio1 – 0
referto
InterStadio Olimpico
Arbitro:  Cesari (Genova)

Milano
27 febbraio 1999, ore 20:30 CET
23ª giornata
Inter0 – 0
referto
JuventusStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Tombolini (Ancona)

Bari
7 marzo 1999, ore 15:00 CET
24ª giornata
Bari1 – 0
referto
InterStadio San Nicola
Arbitro:  Trentalange (Torino)

Milano
13 marzo 1999, ore 20:30 CET
25ª giornata
Inter2 – 2
referto
MilanStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Collina (Viareggio)

Genova
21 marzo 1999, ore 16:00 CET
26ª giornata
Sampdoria4 – 0
referto
InterStadio Luigi Ferraris
Arbitro:  Tombolini (Ancona)

Milano
3 aprile 1999, ore 20:30 CEST
27ª giornata
Inter2 – 0
referto
FiorentinaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Trentalange (Torino)

Salerno
11 aprile 1999, ore 16:00 CEST
28ª giornata
Salernitana2 – 0
referto
InterStadio Arechi
Arbitro:  Ceccarini (Livorno)

Milano
18 aprile 1999, ore 16:00 CEST
29ª giornata
Inter1 – 1
referto
VicenzaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Borriello (Mantova)

Milano
25 aprile 1999, ore 16:00 CEST
30ª giornata
Inter1 – 3
referto
UdineseStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Racalbuto (Gallarate)

Roma
2 maggio 1999, ore 20:30 CEST
31ª giornata
Roma4 – 5
referto
InterStadio Olimpico
Arbitro:  Collina (Viareggio)

Milano
9 maggio 1999, ore 20:30 CEST
32ª giornata
Inter1 – 3
referto
ParmaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Racalbuto (Gallarate)

Venezia
16 maggio 1999, ore 16:30 CEST
33ª giornata
Venezia3 – 1
referto
InterStadio Pierluigi Penzo
Arbitro:  De Santis (Tivoli)

Milano
23 maggio 1999, ore 16:30 CEST
34ª giornata
Inter3 – 1
referto
BolognaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Rodomonti (Teramo)

Spareggio[modifica | modifica wikitesto]

Milano
27 maggio 1999
Spareggio - Andata
Inter1 – 2BolognaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Boggi (Salerno)

Bologna
30 maggio 1999
Spareggio - Ritorno
Bologna2 – 1InterStadio Renato Dall'Ara
Arbitro:  Cesari (Genova)

Champions League[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: UEFA Champions League 1998-1999.

Terzo turno preliminare[modifica | modifica wikitesto]

Pisa
12 agosto 1998, ore 20:30 CEST
Andata
Inter4 – 0SkontoArena Garibaldi (16.000 spett.)
Arbitro: Austria Stuchlik

Riga
26 agosto 1998, ore 20:30 CEST
Ritorno
Skonto1 – 3InterSkonto Stadium (6.500 spett.)
Arbitro: Grecia Bikas

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Siviglia
16 settembre 1998, ore 20:30 CET
1ª giornata
Real Madrid2 – 0InterStadio Ramón Sánchez Pizjuán (40.000 spett.)
Arbitro: Scozia Dallas

Milano
30 settembre 1998, ore 20:45 CET
2ª giornata
Inter1 – 0Sturm GrazStadio Giuseppe Meazza (24.791 spett.)
Arbitro: Norvegia Pedersen

Milano
21 ottobre 1998, ore 20:45 CET
3ª giornata
Inter2 – 1
referto
Spartak MoscaStadio Giuseppe Meazza (44.199 spett.)
Arbitro: Francia Batta

Mosca
4 novembre 1998, ore 20:30 CET
4ª giornata
Spartak Mosca1 – 1InterStadio Lužniki (75.000 spett.)
Arbitro: Svizzera Meier

Milano
25 novembre 1998, ore 20:45 CET
5ª giornata
Inter3 – 1Real MadridStadio Giuseppe Meazza (77.820 spett.)
Arbitro: Germania Merk

Graz
9 dicembre 1998, ore 20:30 CET
6ª giornata
Sturm Graz0 – 2InterArnold Schwarzenegger-Stadion Graz-Liebenau (12.685 spett.)
Arbitro: Polonia Granat

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Manchester
3 marzo 1999
Manchester Utd2 – 0InterOld Trafford (54.430 spett.)
Arbitro: Germania Krug

Milano
17 marzo 1999
Inter1 – 1Manchester UtdStadio Giuseppe Meazza (79.528 spett.)
Arbitro: Francia Veissière

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 1998-1999.
Milano
9 settembre 1998, ore 20:30 CET
Sedicesimi di finale - Andata
Inter1 – 0CesenaStadio Giuseppe Meazza (23.772 spett.)
Arbitro:  Trentalange (Torino)

Cesena
24 settembre 1998, ore 20:30 CET
Sedicesimi di finale - Ritorno
Cesena0 – 0InterStadio Dino Manuzzi
Arbitro:  Rodomonti (Teramo)

Milano
28 ottobre 1998, ore 20:30 CET
Ottavi di finale - Andata
Inter1 – 0Castel di SangroStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Tombolini (Ancona)

Castel di Sangro
11 novembre 1998, ore 20:30 CET
Ottavi di finale - Ritorno
Castel di Sangro1 – 1InterStadio Teofilo Patini
Arbitro:  Tombolini (Ancona)

Roma
3 dicembre 1998, ore 20:30 CET
Quarti di finale - Andata
Lazio2 – 1
referto
InterStadio Olimpico
Arbitro:  Ceccarini (Livorno)

Milano
27 gennaio 1999, ore 20:30 CET
Quarti di finale - Ritorno
Inter5 – 2
referto
LazioStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Ceccarini (Livorno)

Milano
17 febbraio 1999, ore 20:30 CET
Semifinale - Andata
Inter0 – 2
referto
ParmaStadio Giuseppe Meazza (15.053 spett.)
Arbitro:  Braschi (Prato)

Parma
9 marzo 1999, ore 20:30 CET
Semifinale - Ritorno
Parma2 – 1
referto
InterStadio Ennio Tardini
Arbitro:  De Santis (Tivoli)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 30 maggio 1999.

Competizione Punti In casa In trasferta Totale Gf Gs DR
G V N P G V N P G V N P
Scudetto.svg Serie A 46 17 10 3 4 17 3 4 10 34 13 7 14 59 54 5
Spareggio - 1 0 0 1 1 0 0 1 2 0 0 2 2 4 −2
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia - 4 3 0 1 4 0 2 2 8 3 2 3 10 9 1
Coppacampioni.png Champions League 13 5 4 1 0 5 2 1 2 10 6 2 2 17 9 8
Totale - 27 17 4 6 27 5 7 15 54 22 11 21 88 76 12

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Sono in corsivo i calciatori che hanno lasciato la società a stagione in corso.

Giocatore Serie A[53] Coppa Italia Champions League Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Baggio, R. R. Baggio 23+25+1??40??64??3510??
Bergomi, G. G. Bergomi 23+01+0??50??90??371??
Camara, Z. Z. Camara 0+00+00020??00??200+0+
Cauet, B. B. Cauet 28+21+0??71??90??462??
Colonnese, F. F. Colonnese 28+11+0??50??60??401??
Dabo, O. O. Dabo 5+00+0??30??00??80??
Djorkaeff, Y. Y. Djorkaeff 25+08+0??64??52??3614??
Fresi, S. S. Fresi 1+00+0??10??30??50??
Frey, S. S. Frey 7+-0-10+-0??2-1??00??9-11??
Galante, F. F. Galante 17+00+0??30??91??291??
Gilberto, Gilberto 2+00+0??10??00??30??
Kanu, N. N. Kanu 1+00+0??10??00??20??
Mazzantini, A. A. Mazzantini 0+0-0+-0000-0000-0000000
Mezzano, L. L. Mezzano 0+00+00020??00??200+0+
Milanese, M. M. Milanese 7+10+0??40??30??150??
Moriero, F. F. Moriero 11+01+0??31??40??182??
Nuzzo, R. R. Nuzzo 1+0-0+-0??0-0000-000100+0+
Pagliuca, G. G. Pagliuca 29+2-44+-4??6-8??10-9??47-65??
Pirlo, A. A. Pirlo 18+20+0??50??70??320??
Recoba, A. A. Recoba 1+00+0??10??20??40??
Ronaldo, Ronaldo 19+114+0??20??61??2815??
Silvestre, M. M. Silvestre 18+21+0??50??60??311??
Simeone, D. D. Simeone 27+15+0??70??92??447??
Šimić, D. D. Šimić 17+22+0??20??00??212??
Sinigaglia, D. D. Sinigaglia 1+00+0??00000000100+0+
Sousa, P. P. Sousa 10+20+0??40??30??190??
Ventola, N. N. Ventola 21+26+1??71??73??3711??
West, T. T. West 21+20+0??40??30??300??
Winter, A. A. Winter 28+11+0??60??70??421??
Zamorano, I. I. Zamorano 25+09+0??32??103??3814??
Zanetti, C. C. Zanetti 0+00+00010??10??200+0+
Zanetti, J. J. Zanetti 34+23+0??50??91??504??
Zé Elias, Zé Elias 13+10+0??51??40??231??

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Subentrato alla 12ª giornata.
  2. ^ Subentrato dalla 27ª giornata.
  3. ^ Subentrato dalla 31ª giornata.
  4. ^ a b c d (EN) Andrea Bovone e Lorenzo Calvelli, Statistiche Spettatori Serie A 1998-1999, su stadiapostcards.com.
  5. ^ a b c d Stefano Petrucci, La storia dell'Inter, L'Airone Editore, 2009, p. 127, ISBN 9788879449533.
  6. ^ Enrico Currò e Benedetto Ferrara, Tra Baggio e l'Inter firma prima di partire, in la Repubblica, 28 maggio 1998, p. 45.
  7. ^ Andrea Elefante, Inter, accordo definitivo per Ventola, in La Gazzetta dello Sport, 18 giugno 1998.
  8. ^ Corrado Zunino, Ecco Pirlo, la star dell'estate, in la Repubblica, 6 agosto 1998, p. 39.
  9. ^ Calcio in stile Zaccheroni, in la Repubblica, 10 agosto 1998, p. 36.
  10. ^ Corrado Zunino, Baggio, è subito festa Inter, in la Repubblica, 13 agosto 1998, p. 40.
  11. ^ Gessi Adamoli, Djorkaeff, il piacere del gol, in la Repubblica, 27 agosto 1998, p. 50.
  12. ^ Sorteggio Champions League È subito sfida Real-Inter, su repubblica.it, 27 agosto 1998.
  13. ^ Uno-due di Ventola, l'Inter è salva, in la Repubblica, 14 settembre 1998, p. 42.
  14. ^ Andrea Elefante, Lodovico Maradei e Luca Curino, "Credo ancora a un'Inter a tre punte, ma contro il Real non eravamo pronti", in La Gazzetta dello Sport, 18 settembre 1998.
  15. ^ Gianni Piva, Moratti è con Simoni Ma voglio spettacolo, in la Repubblica, 22 settembre 1998, p. 52.
  16. ^ Stop a Baggio e Ronaldo, in la Repubblica, 24 settembre 1998, p. 46.
  17. ^ Mattia Chiusano, Lazio, finalmente la festa, in la Repubblica, 5 ottobre 1998, p. 48.
  18. ^ Lodovico Maradei, Umiliante sconfitta dei nerazzurri, crollati in difesa, in La Gazzetta dello Sport, 19 ottobre 1998.
  19. ^ Claudio Gregori e Andrea Elefante, L'Inter è come il Titanic, in La Gazzetta dello Sport, 2 novembre 1998.
  20. ^ Andrea Elefante e Luca Curino, "Come se avessimo vinto", in La Gazzetta dello Sport, 5 novembre 1998.
  21. ^ Gianni Mura, L'illusione Baggio poi è solo Fiorentina, in la Repubblica, 23 novembre 1998, p. 38.
  22. ^ Gianni Piva, Baggio mondiale, San Siro esplode, in la Repubblica, 26 novembre 1998, p. 50.
  23. ^ Nicola Cecere e Luca Curino, L'Inter non fischia mai la fine, in La Gazzetta dello Sport, 30 novembre 1998.
  24. ^ Clamoroso all'Inter: esonerato Simoni, su repubblica.it, 30 novembre 1998.
  25. ^ Licia Granello e Monica Colombo, Inter spietata, via Simoni, in la Repubblica, 1º dicembre 1998, p. 50.
  26. ^ Simoni: "Esonero contro natura", su repubblica.it, 1º dicembre 1998.
  27. ^ Nicola Cecere e Valerio Piccioni, Scopriamo l'Inter di Lucescu, in La Gazzetta dello Sport, 3 dicembre 1998.
  28. ^ Alberto Cerruti, L'Inter si scalda a Graz, in La Gazzetta dello Sport, 10 dicembre 1998.
  29. ^ Corrado Sannucci, L'Inter dà spettacolo, la Lazio s'illude ed esce, in la Repubblica, 28 gennaio 1999, p. 46.
  30. ^ Gianni Piva, L'Inter perde la testa e saluta la Coppa Italia, su repubblica.it, 18 febbraio 1999.
  31. ^ Licia Granello, Manchester spezza il sogno Inter, in la Repubblica, 4 marzo 1999, p. 49.
  32. ^ Gianni Mura, Juve in semifinale, Inter fuori, in la Repubblica, 18 marzo 1999, p. 1.
  33. ^ Stefano Zaino, Tre Montella contro i fantasmi, in la Repubblica, 22 marzo 1999, p. 38.
  34. ^ Gianni Piva, Castellini lavora per Lippi, in la Repubblica, 23 marzo 1999, p. 52.
  35. ^ Maurizio Crosetti, Effetto Ronaldo Inter fuori dal buio, in la Repubblica, 4 aprile 1999, p. 47.
  36. ^ Gianni Piva, Inter, i tifosi contestano Ronaldo, in la Repubblica, 26 aprile 1999, p. 39.
  37. ^ Inter, ancora un cambio ora tocca a Hodgson, su repubblica.it, 27 aprile 1999.
  38. ^ Luca Curino e Nicola Cecere, Scossa di Moratti per amore dell'Inter, in La Gazzetta dello Sport, 7 maggio 1999.
  39. ^ Licia Granello, Dimissioni choc, Inter nel caos, su repubblica.it, 7 maggio 1999.
  40. ^ Gianni Mura, Juventus e Inter le vere delusioni, in la Repubblica, 24 maggio 1999, p. 51.
  41. ^ Gianni Piva, L'Inter sprofonda a San Siro, in la Repubblica, 28 maggio 1999, p. 55.
  42. ^ Giovanni Egidio, La furia di Mazzone, Bologna in Europa, in la Repubblica, 31 maggio 1999, p. 42.
  43. ^ Luca Curino, Maxiaccordo tra Inter e Nike: è l'assicurazione per Ronaldo, in La Gazzetta dello Sport, 22 maggio 1998.
  44. ^ Luca Curino, Inter Nike, un contratto oltre Ronaldo, in La Gazzetta dello Sport, 28 maggio 1998.
  45. ^ a b c Andrea Elefante, Baggio cura Ronaldo, in La Gazzetta dello Sport, 22 luglio 1998.
  46. ^ a b Fino al 30 novembre 1998.
  47. ^ Fino al 22 marzo 1999.
  48. ^ Fino al 27 aprile 1999.
  49. ^ Panini, 22-25
  50. ^ a b c d e f g h Ceduto durante la sessione invernale di calciomercato.
  51. ^ Acquistato durante la sessione invernale di calciomercato.
  52. ^ a b c d e Acquisti e cessioni dell'Inter 1998/99, su storiainter.com. URL consultato il 6 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2011).
  53. ^ Al computo viene aggiunto il doppio spareggio per la Coppa UEFA.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Calciatori 1998-99, Modena-Milano, Panini-L'Unità.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]