Enrico Chiesa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enrico Chiesa
Enrico Chiesa - UC Sampdoria 1992-93.jpg
Chiesa alla Sampdoria nel 1992
Nazionalità Italia Italia
Altezza 176[1] cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 9 maggio 2010 - giocatore
Carriera
Giovanili
1986-1987 Pontedecimo
Squadre di club1
1986-1987 Pontedecimo 2 (0)
1987-1990 Sampdoria 1 (0)
1990-1991 Teramo 31 (5)
1991-1992 Chieti 24 (6)
1992-1993 Sampdoria 26 (1)
1993-1994 Modena 36 (14)
1994-1995 Cremonese 34 (14)
1995-1996 Sampdoria 27 (22)
1996-1999 Parma 92 (33)
1999-2002 Fiorentina 59 (34)
2002-2003 Lazio 12 (2)
2003-2008 Siena 129 (32)
2008-2010 Figline 32 (7)
Nazionale
1996-2001 Italia Italia 17 (7)
Carriera da allenatore
2010 Figline
2012-2013 Sampdoria Allievi Naz. B
2013-2015 Sampdoria Primavera
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 13 giugno 2015

Enrico Chiesa (Genova, 29 dicembre 1970) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Autore di 138 reti in Serie A, nel corso della sua carriera ha conquistato una Coppa delle Coppe con la maglia della Sampdoria (1989-1990, senza scendere in campo), una Coppa Italia e una Coppa UEFA nelle file del Parma (entrambe nella stagione 1998-1999, laureandosi inoltre capocannoniere della competizione europea) e un'ulteriore Coppa Italia con la Fiorentina (2000-2001).

Tra il 1996 e il 2001 ha fatto parte della nazionale, disputando l'Europeo 1996 e il Mondiale 1998. In maglia azzurra conta 17 presenze e 7 reti.

Dopo aver militato per 14 stagioni consecutive nella massima serie italiana, nel 2008 si è trasferito al Figline, nella seconda divisione della Lega Pro, conquistando un campionato (2008-2009) e una Supercoppa di categoria (2009).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originario del comune di Mignanego, nell'entroterra genovese, è padre di Federico, anche lui calciatore.[2]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Solitamente impiegato come centravanti o seconda punta, durante la sua militanza nella Sampdoria ha ricoperto anche il ruolo di esterno destro.[3] Ottimo esecutore di calci di punizione,[3] era un attaccante abile con entrambi i piedi, rapidissimo nello scatto e nella conclusione a rete.[4] Fabio Capello lo descrisse come un incrocio tra Paolo Rossi e Gigi Riva;[5] lo stesso Riva affermò di rivedersi in lui sul piano tecnico e caratteriale.[5]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Sampdoria e vari prestiti[modifica | modifica wikitesto]
Chiesa alla Cremonese nella stagione 1994-1995

Cresciuto nelle giovanili della Sampdoria, viene ceduto in prestito a Teramo e Chieti, per rientrare in blucerchiato nella stagione 1992-1993. In questa annata viene utilizzato con buona frequenza nella massima serie come esterno di centrocampo, mettendo a segno anche un gol. Viene quindi nuovamente prestato in Serie B al Modena, dove giocando da attaccante realizza 14 gol, insufficienti a evitare la retrocessione degli emiliani.

Passa quindi sempre in prestito alla Cremonese in Serie A, e con 14 gol risulta stavolta decisivo per la salvezza dei grigiorossi. Rientra alla Sampdoria per la stagione 1995-1996, durante la quale segna 22 gol in 27 partite affiancando in attacco Roberto Mancini.

Parma e Fiorentina[modifica | modifica wikitesto]

Si trasferisce poi al Parma per 25 miliardi di lire,[6] per fare coppia in avanti con Hernán Crespo. Nel triennio in Emilia vince una Coppa UEFA e una Coppa Italia, diventando con 16 gol il miglior marcatore della squadra nelle coppe europee.

Chiesa al Parma nel 1996

Nel 1999 si trasferisce alla Fiorentina, dove va a affiancare Gabriel Omar Batistuta, in concorrenza con Predrag Mijatović; a fine anno i gol segnati sono 7. L'anno successivo, grazie anche alla partenza di Batistuta, Chiesa ne mette a segno 22 in 30 partite, contribuendo inoltre al trionfo della squadra in Coppa Italia. La stagione successiva si chiude per lui anzitempo, dopo aver riportato la rottura dei legamenti del ginocchio nel match contro il Venezia alla quinta giornata. A fine campionato la Fiorentina retrocede in Serie B, prima di essere declassata in Serie C2 per dichiarato fallimento.

Lazio e Siena[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 2002 approda alla Lazio, dove, reduce dall'infortunio della stagione precedente, colleziona 12 gare e 2 gol.

Nell'estate del 2003 passa alla neopromossa Siena, con cui a fine stagione avrà collezionato 10 gol (tra cui la tripletta rifilata ai rivali dell'Empoli nel primo storico incontro tra le due toscane in Serie A), contribuendo alla salvezza dei bianconeri anche con numerosi assist per il partner d'attacco Tore Andre Flo. L'anno successivo inizia a segnare dopo l'esonero dell'allenatore Luigi Simoni: 11 gol nel solo girone di ritorno anche grazie a un attacco rinforzato dall'arrivo di Massimo Maccarone. Con il terzo anno consecutivo del Siena in massima serie, Chiesa ottiene la fascia di capitano. In tale stagione forma un tridente d'attacco con Tomas Locatelli e l'albanese Erjon Bogdani, mettendo a segno altri 11 gol.

Per un certo periodo di tempo, in seguito al ritiro dall'attività agonistica di Roberto Baggio e Giuseppe Signori, Chiesa risulta essere il maggior realizzatore in attività in Serie A, giungendo a collezionare 138 marcature complessive nel corso della stagione 2005-2006.

Ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nelle successive due stagioni non trova la continuità degli anni precedenti, giocando solo spezzoni di partita.

Il 10 giugno 2008 annuncia il suo addio al Siena e alla Serie A, per ricominciare in Seconda Divisione (l'ex Serie C2) con il Figline.[7] All'esordio con la formazione toscana, il 31 agosto 2008, realizza una rete nel successo interno contro la Cisco Roma. In questa stagione segna 5 gol in 21 partite, in un campionato che si conclude con la storica promozione in Prima Divisione. Mette la firma anche sulla conquista della Supercoppa realizzando una doppietta nel 3-0 finale al Cosenza. Il 1º novembre 2009, al 16' della gara Sorrento-Figline, subisce un infortunio al ginocchio destro riportando la lacerazione del tendine rotuleo; tornerà in campo il 9 maggio 2010 per l'ultima giornata di campionato.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Convocato da Arrigo Sacchi, debutta nella nazionale italiana il 29 maggio 1996, in occasione di un'amichevole contro il Belgio, finita 2-2, in cui realizza anche una rete. Nel mese successivo disputa il campionato d'Europa, ottenendo due presenze e una rete, messa a segno nella gara persa contro la Repubblica Ceca, che non consente all'Italia di superare la fase a gironi.

Durante la gestione di Cesare Maldini, viene aggregato come ventitreesimo uomo[8] all'elenco dei convocati per il Mondiale 1998; inizialmente destinato a non partecipare al torneo, vi viene incluso in extremis a causa dell'indisponibilità di Fabrizio Ravanelli,[9] scendendo in campo in due occasioni. Il cammino dell'Italia si interrompe ai quarti di finale contro i padroni di casa della Francia.

Impiegato da Dino Zoff in diverse gare di qualificazione per l'Europeo 2000, non partecipò alla manifestazione continentale. Il 25 marzo 2001, chiamato da Giovanni Trapattoni, disputò la sua ultima gara in maglia azzurra, un'amichevole contro il Sudafrica.

In nazionale conta 17 presenze e 7 reti.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Frequentato nel 2010 il corso per allenatori di Coverciano, Chiesa deve rinunciare al primo incarico come guida del Figline per la stagione 2010/2011, a causa del sopravvenuto fallimento e la mancata iscrizione del club al campionato.[10][11]

Nella stagione 2012-2013 viene nominato allenatore degli Allievi Nazionali "B" della Sampdoria.[12] A fine stagione viene "promosso" e nominato nuovo allenatore della Primavera blucerchiata.[13] Conquista due volte di fila il 5º posto e i quarti di finale in campionato, mentre in Coppa Italia si ferma il primo anno agli ottavi e il secondo al 2º turno eliminatorio.

Il 13 giugno 2015 decide di lasciare la panchina della Primavera per intraprendere la carriera da allenatore di prima squadra.[14]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Tra club e nazionale maggiore, Chiesa ha giocato globalmente 616 partite segnando 223 reti, alla media di 0,33 gol a partita.

Statistiche aggiornate al 5 aprile 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1987-1988 Italia Sampdoria A - - CI - - - - - - - - - -
1988-1989 A 1 0 CI - - CdC - - - - - 1 0
1989-1990 A 0 0 CI 1 0 CdC 0 0 - - - 1 0
1990-1991 Italia Teramo C2 31 5 CI-C 4 2 - - - - - - 35 7
1991-1992 Italia Chieti C1 24 6 CI-C 3 1 - - - - - - 27 7
1992-1993 Italia Sampdoria A 26 1 CI 0 0 - - - - - - 26 1
1993-1994 Italia Modena B 36 14 CI 1 0 - - - - - - 37 14
1994-1995 Italia Cremonese A 34 14 CI 4 0 - - - - - - 38 14
1995-1996 Italia Sampdoria A 27 22 CI 0 0 - - - - - - 27 22
Totale Sampdoria 54 23 1 0 0 0 55 23
1996-1997 Italia Parma A 29 14 CI 0 0 CU 2 2 - - - 31 16
1997-1998 A 33 10 CI 5 5 UCL 8 6 - - - 46 21
1998-1999 A 30 9 CI 5 1 CU 8 8 - - - 43 18
Totale Parma 92 33 10 6 18 16 120 55
1999-2000 Italia Fiorentina A 24 7 CI 4 1 UCL 11 4 - - - 33 12
2000-2001 A 30 22 CI 5 5 CU 4 0 - - - 39 27
2001-2002 A 5 5 CI 0 0 CU 2 1 SI 1 0 8 6
Totale Fiorentina 59 34 9 6 17 5 1 0 86 45
2002-2003 Italia Lazio A 12 2 CI 6 1 CU 11 4 - - - 29 7
2003-2004 Italia Siena A 30 10 CI 1 0 - - - - - - 31 10
2004-2005 A 36 11 CI 0 0 - - - - - - 36 11
2005-2006 A 38 11 CI 2 1 - - - - - - 40 12
2006-2007 A 23 0 CI 2 1 - - - - - - 25 1
2007-2008 A 2 0 CI 0 0 - - - - - - 2 0
Totale Siena 129 32 5 2 134 34
2008-2009 Italia Figline SD 21 5 CI-LP 2 1 - - - SL-2D 2 2 25 8
2009-2010 PD 11 2 CI 2 0 - - - - - - 13 2
Totale Figline 32 7 4 1 2 2 38 10
Totale carriera 503 170 47 19 46 25 3 2 599 216

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
29/05/1996 Cremona Italia Italia 2 – 2 Belgio Belgio Amichevole 1
14/06/1996 Liverpool Rep. Ceca Rep. Ceca 2 – 1 Italia Italia Euro 1996 - 1º Turno 1
19/06/1996 Manchester Italia Italia 0 – 0 Germania Germania Euro 1996 - 1º Turno -
05/10/1996 Chișinău Moldavia Moldavia 1 – 3 Italia Italia Qual. Mondiali 1998 -
06/11/1996 Sarajevo Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 2 – 1 Italia Italia Amichevole 1
11/10/1997 Roma Italia Italia 0 – 0 Inghilterra Inghilterra Qual. Mondiali 1998 -
28/01/1998 Catania Italia Italia 3 – 0 Slovacchia Slovacchia Amichevole -
11/06/1998 Bordeaux Italia Italia 2 – 2 Cile Cile Mondiali 1998 - 1º Turno -
27/06/1998 Marsiglia Italia Italia 1 – 0 Norvegia Norvegia Mondiali 1998 - Ottavi -
18/11/1998 Salerno Italia Italia 2 – 2 Spagna Spagna Amichevole -
16/12/1998 Roma Italia Italia 6 – 2 World Stars World Stars Amichevole 3
10/02/1999 Pisa Italia Italia 0 – 0 Norvegia Norvegia Amichevole -
27/03/1999 Copenaghen Danimarca Danimarca 1 – 2 Italia Italia Qual. Euro 2000 -
31/03/1999 Ancona Italia Italia 1 – 1 Bielorussia Bielorussia Qual. Euro 2000 -
05/06/1999 Bologna Italia Italia 4 – 0 Galles Galles Qual. Euro 2000 1
09/06/1999 Losanna Svizzera Svizzera 0 – 0 Italia Italia Qual. Euro 2000 -
25/04/2001 Perugia Italia Italia 1 – 0 Sudafrica Sudafrica Amichevole -
Totale Presenze 17 Reti (49º posto) 7

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Parma: 1998-1999
Fiorentina: 2000-2001
Parma: 1999
Figline: 2008-2009 (girone B)
Figline: 2009
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Sampdoria: 1989-1990[15]
Parma: 1998-1999

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1995-1996
1998-1999 (8 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enrico Chiesa - Carriera - stagioni, presenze, goal - TuttoCalciatori.Net - Schede calciatori con carriera, gol, della serie A, serie B, serie C, serie C1 e serie C2, lega pro...
  2. ^ Jacopo Gerna, Juve-Fiorentina, Chiesa junior debutta in serie A: somiglia proprio al papà..., su gazzetta.it, 20 agosto 2016. URL consultato il 18 giugno 2017.
  3. ^ a b Emanuele Atturo, Quanto era forte Chiesa, su ultimouomo.com, 23 luglio 2015. URL consultato il 18 giugno 2017.
  4. ^ Luca Calamai e Andrea Schianchi, Toldo-Buffon, le 20 meraviglie, in La Gazzetta dello Sport, 15 ottobre 1999. URL consultato il 18 giugno 2017.
  5. ^ a b Luca Valdiserri, Riva spiega il '68 agli azzurri, in Corriere della Sera, 23 maggio 1996, p. 43. URL consultato il 18 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2014).
  6. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 13 (1996-1997), Panini, 30 luglio 2012, p. 10.
  7. ^ Chiesa dalla A alla C2: "Due anni e poi smetto", su gazzetta.it, 11 giugno 2008. URL consultato il 18 giugno 2017.
  8. ^ Quello del 1998 fu l'ultimo Mondiale a prevedere 22 convocati; a partire dal 2002 l'elenco fu esteso a 23. Cfr. (EN) Squad rules explained, BBC Sport, 24 maggio 2002. URL consultato il 18 giugno 2017.
  9. ^ Fabio Monti, Ravanelli a casa, Chiesa acciuffa l'ultimo tram, in Corriere della Sera, 11 giugno 1998, p. 40. URL consultato il 28 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2014).
  10. ^ Ivan Cardia, Ufficiale: Enrico Chiesa nuovo tecnico del Figline, su tuttomercatoweb.com, 11 giugno 2010. URL consultato il 18 giugno 2017.
  11. ^ Luca Cellini, Figline, Chiesa deluso: "Ma continuerò ad allenare", su calciomercato.com, 6 agosto 2010. URL consultato il 18 giugno 2017.
  12. ^ Il "memories" di Enrico Chiesa nel giovedì di Samp Tv, sampdoria.it, 20 settembre 2012. URL consultato il 18 giugno 2017.
  13. ^ Settore giovanile: definiti gli staff tecnici per la stagione 2013/14, sampdoria.it, 27 giugno 2013. URL consultato il 18 giugno 2017.
  14. ^ Chiesa saluta: «Grazie Samp, ora provo con il calcio dei grandi, sampdoria.it, 13 giugno 2015. URL consultato il 18 giugno 2017».
  15. ^ In rosa ma mai sceso in campo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]