Claudio Pizarro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Claudio Pizarro
CSKA-Bavaria (16).jpg
Pizarro con la maglia del Bayern Monaco nel 2014.
Nome Claudio Miguel Pizarro Bosio
Nazionalità Perù Perù
Altezza 186 cm
Peso 84 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Colonia
Carriera
Giovanili
1991-1995 Academia Cantolao
Squadre di club1
1996-1997 Deportivo Pesquero 42 (11)
1998-1999 Alianza Lima 44 (25)
1999-2001 Werder Brema 56 (29)
2001-2007 Bayern Monaco 174 (71)
2007-2008 Chelsea 21 (2)
2008-2012 Werder Brema 103 (60)
2012-2015 Bayern Monaco 50 (16)
2015-2017 Werder Brema 47 (15)
2017- Colonia 3 (0)
Nazionale
1999-2016 Perù Perù 85 (20)
Palmarès
Coppa America calcio.svg Copa América
Bronzo Cile 2015
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 novembre 2017

Claudio Miguel Pizarro Bosio (Callao, 3 ottobre 1978) è un calciatore peruviano, attaccante del Colonia.

A livello individuale, Pizarro ha vinto il premio come Miglior calciatore sudamericano in Europa nel 2005, ha vinto il titolo di capocannoniere della UEFA Europa League 2009-2010 e capocannoniere della Coppa di Germania in due edizioni: nel 2005 e 2006. È il massimo realizzatore straniero di tutti i tempi nella Bundesliga con 190 reti e il quarto miglior marcatore nella storia della nazionale peruviana.

Pizarro inizia la carriera professionistica in patria nel 1996, con il Deportivo Pesquero, mentre due anni dopo passa all'Alianza Lima. Dal 1999 al 2001 gioca con il Werder Brema, in Germania, mentre in seguito militerà per sei stagioni con il Bayern Monaco sino al 2007. Si trasferisce poi in Inghilterra, al Chelsea, per il quale gioca per una sola stagione. Fa ritorno poi a Brema, dove rimane sino al 2012. Ritorna quindi per tre stagioni al Bayern, per poi tornare a vestire la maglia del Werder Brema per la terza volta dalla stagione 2015-2016.

Con la Nazionale peruviana Pizarro ha disputato 85 partite mettendo a segno 20 gol; ha preso parte a tre edizioni della Coppa America: nel 2004, nel 2007 e nel 2015.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È di origini italiane. I Bis-nonni paterni erano di Brescia, i bis-nonni materni erano di Frattaminore.

Attività imprenditoriale[modifica | modifica wikitesto]

Pizarro è proprietario della discoteca Café del Mar, a Miraflores, il quartiere più esclusivo di Lima. A seguito di ripetuti episodi di razzismo[1] – proibizione all'accesso di persone non bianche – nel luglio 2007 la discoteca ha dovuto subire la chiusura forzata per 60 giorni ed una multa di 78.000 $ USA.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Deportivo Pesquero[modifica | modifica wikitesto]

Pizarro ha iniziato a giocare nell'Academia Deportiva Cantolao a Callao. Ha iniziato la sua carriera professionale con il Deportivo Pesquero, una piccola squadra di provincia, nella città di Chimbote, nel nord del Perù, all'età di diciassette anni. La sua prima partita professionistica è stata nel 1996 contro Alianza Lima. Ha segnato i suoi primi due gol, due settimane dopo contro l'Atlético Torino con la vittoria del Deportivo Pesquero 2-1.

Alianza Lima[modifica | modifica wikitesto]

Pizarro ha segnato 25 gol in due stagioni con l'Alianza Lima, squadra che ha raggiunto il secondo posto nel Torneo Apertura del Perù nel 1999. È quindi stato acquistato dal Werder Brema, club che milita nella Bundesliga tedesca. Nello stesso anno ha guadagnato la sua prima convocazione per la squadra nazionale di calcio del Perù.

Werder Brema[modifica | modifica wikitesto]

In due stagioni con il Werder Brema Pizarro ha segnato 29 gol che lo hanno fatto diventare un giocatore ambito dai principali club europei. Il 7 giugno 2001 ha firmato un contratto con il Bayern Monaco.

Bayern Monaco[modifica | modifica wikitesto]

Pizarro con la maglia del Bayern Monaco

Pizarro iniziò bene con il Bayern Monaco segnando il suo primo gol con la squadra bavarese al quarto minuto della partita contro lo Schalke 04, seconda giornata della Bundesliga 2001-02.

Il contratto di Pizarro con i campioni tedeschi scadeva alla fine della stagione 2006-07 e le trattative su una prolungamento non furono fruttuose. Il 20 maggio 2007 il Bayern Monaco annunciò che Pizarro avrebbe lasciato il club.[2]

Chelsea[modifica | modifica wikitesto]

Pizarro durante il periodo al Chelsea.

Il 1º luglio 2007 Pizarro ha firmato un contratto quadriennale con il Chelsea.[3][4]. Pizarro, peruviano a firmare per il Chelsea, ha rivelato che la sua decisione è stata largamente influenzata dal consiglio del compagno di nazionale Nolberto Solano, che ha giocato in Inghilterra con il Newcastle, Aston Villa e West Ham United.[5]

La sua carriera al Chelsea ha avuto un buon inizio, segnando un gol al suo debutto nel fine settimana di apertura della stagione 2007-08 della Premier League. Tuttavia, dopo la partenza di José Mourinho e l'arrivo dell'attaccante francese Nicolas Anelka, Pizarro si è trovato non più necessario per il nuovo allenatore Avram Grant. Dopo aver contribuito al passaggio del Chelsea al quarto turno della FA Cup 2008 segnando una rete al QPR, ha poi segnato un altro gol solo in una partita contro il Birmingham City.

Ritorno al Werder Brema[modifica | modifica wikitesto]

Pizarro in allenamento con il Werder Brema

Nella sessione estiva del calciomercato il 15 agosto 2008 viene ceduto in prestito al Werder Brema,[6][7] dove ritrova la continuità di impiego e ricomincia a segnare con frequenza. Segna la sua prima tripletta con il Werder nella vittoria per 5-0 contro Eintracht Francoforte il 29 novembre 2008. Nell'agosto 2009 Pizarro è acquistato dal Werder Bremaa titolo definitivo. Il 23 ottobre 2010, segnando il suo gol numero 134 in Bundesliga, diventa il miglior marcatore straniero nella storia del campionato tedesco superando Giovane Elber. Il 5 novembre 2011 Pizarro ha messo a segno una tripletta che ha permesso al Werder Brema, che perdeva 2-0 alla fine della prima frazione di gara, di rimontare e vincere 3-2 contro il Colonia.[8] Il 15 maggio 2012 decide di svincolarsi dal Werder Brema.[9]

Ritorno al Bayern Monaco[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 maggio 2012 fa ritorno al Bayern Monaco dopo 5 anni firmando un contratto annuale.[10]. Segna i primi gol della nuova esperienza con la formazione bavarese in DFB-Pokal; successivamente, il 7 novembre, mette a segno una tripletta in Champions League contro i francesi del Lille. Il 30 marzo 2013, durante la ventisettesima giornata di campionato, segna ben 4 gol nel 9-2 con cui il Bayern sconfigge l'Amburgo. Il 10 aprile, durante i quarti di finale di Champions League contro la Juventus subentra a Mario Mandžukić e realizza il secondo gol per la squadra tedesca.

Dopo aver vinto la sua quarta Bundesliga (il ventitreesimo titolo dei bavaresi) con sei giornate di anticipo rispetto alla fine del campionato.[11], il 25 maggio 2013 vince per la prima volta la Champions League sconfiggendo in finale il Borussia Dortmund.[12] Il 1º giugno vince anche la sua quinta Coppa di Germania, ottenendo il treble con la compagine bavarese.[13]

La stagione 2013-2014 si apre con la vittoria della Supercoppa UEFA, ottenuta sconfiggendo ai rigori la compagine londinese del Chelsea, dopo che i tempi supplementari si erano conclusi sul 2-2.[14] Nel corso dell'annata la squadra bavarese conquista altri tre titoli, la Coppa del mondo per club,[15] la Bundesliga[16] e la Coppa di Germania.[17]

Il 26 aprile 2015 vince il terzo campionato di fila con il Bayern, il sesto della sua carriera.[18]

Complessivamente con la maglia del Bayern ha collezionato 319 presenze e 126 goal.

Terzo ritorno al Werder[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 settembre 2015 fa ritorno al Werder Brema per la terza volta.[19] Il 17 maggio 2016, dopo aver segnato 14 reti in campionato ed aver contribuito alla salvezza del club, rinnova fino al 2017.[20]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Pizarro con la fascia di capitano del Perù

Con la nazionale peruviana, di cui è capitano, ha disputato 85 partite segnando 20 gol.

Segnò la sua prima rete in una partita amichevole vinta per 2-1 contro l'Ecuador. Ha poi segnato nella Copa America del 2004, in un pareggio per 2-2 con la Bolivia (anche se dovette ritirarsi anzitempo dalla competizione per un infortunio), e in quella del 2007, con una doppietta sempre alla Bolivia in un pareggio per 2-2.

Ha segnato nell'incontro di Copa América tra Perù e Venezuela decretando la vittoria per la squadra peruviana.

Viene convocato dal ct Ricardo Gareca nella lista dei 23 giocatori per prendere parte alla Copa América 2015 (la terza in carriera).

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 29 settembre 2017.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1995 Perù Deportivo Pesquero CD 25 8 - - - - - - - - 25 8
1996 CD 17 3 - - - - - - - - - 17 3
Totale Deportivo Pasquero 42 11 0 0 - - - - 42 11
1997 Perù Alianza Lima CD 22 7 - - - CL 10 2 - - - 32 9
1998 CD 25 18 - - - - - - - - - 25 18
Totale Alianza Lima 47 25 0 0 10 2 - - 57 27
1999-2000 Germania Werder Brema BL 25 10 CG 5 2 CU 9 3 - - - 39 15
2000-2001 BL 31 19 CG 1 0 CU 5 4 - - - 37 23
2001-2002 Germania Bayern Monaco BL 30 15 CG 4 0 UCL 14 4 SU+CInt 1+1 0 50 19
2002-2003 BL 31 15 CG 6 2 UCL 7[21] 2[22] CdL 1 0 45 19
2003-2004 BL 31 11 CG 4 1 UCL 7 0 CdL 1 0 43 12
2004-2005 BL 23 11 CG 5 6 UCL 7 4 CdL 0 0 35 21
2005-2006 BL 26 11 CG 5 5 UCL 6 1 CdL 1 0 38 17
2006-2007 BL 33 8 CG 2 0 UCL 10 4 CdL 0 0 45 12
2007-2008 Inghilterra Chelsea PL 21 2 FACup+CdL 4+4 0 UCL 2 0 CS 1 0 32 2
2008-2009 Germania Werder Brema BL 26 17 CG 5 4 UCL+CU 6+9 2+5 - - - 46 28
2009-2010 BL 26 16 CG 4 1 UEL 10[23] 12[24] - - - 40 29
2010-2011 BL 22 9 CG 2 2 UCL 5[23] 3[25] - - - 29 14
2011-2012 BL 29 18 CG 0 0 - - - - - 29 18
2012-2013 Germania Bayern Monaco BL 20 6 CG 2 3 UCL 6 4 SG 0 0 28 13
2013-2014 BL 17 10 CG 2 1 UCL 5 0 SG+SU+Cmc 1+0+1 0 26 11
2014-2015 BL 13 0 CG 2 1 UCL 2 0 SG 0 0 17 1
Totale Bayern Monaco 224 87 32 20 64 19 7 0 327 126
2015-2016 Germania Werder Brema BL 28 14 CG 4 2 - - - - - - 32 16
2016-2017 BL 19 1 CG 0 0 - - - - - - 19 1
Totale Werder Brema 206 104 21 11 44 29 - - 271 144
Totale in carriera 540 229 61 31 120 50 8 0 729 310

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Bayern Monaco: 2002-2003, 2004-2005, 2005-2006, 2012-2013, 2013-2014, 2014-2015
Bayern Monaco: 2002-2003, 2004-2005, 2005-2006, 2012-2013, 2013-2014
Werder Brema: 2008-2009
Bayern Monaco: 2004, 2007
Bayern Monaco: 2012

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Bayern Monaco: 2001
Bayern Monaco: 2012-2013
Bayern Monaco: 2013
Bayern Monaco: 2013

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Problemas para Pizarro, sportsya.com, 28 giugno 2007.
  2. ^ Hargreaves set to seal Manchester United deal, FCBayern, 20 maggio 2007. URL consultato il 1º giugno 2007.
  3. ^ Pizarro is second summer signing, ChelseaFC, 1º giugno 2007. URL consultato il 1º giugno 2007.
  4. ^ (ES) "Quiero ganar la Champions League con el Chelsea", dice Pizarro luego de firmar contrato por cuatro años, ElComercioPeru, 1º giugno 2007. URL consultato il 1º giugno 2007.
  5. ^ Mike Rowbottom, Peruvian Pizarro brings a 'British' touch to Chelsea, The Independent, 25 luglio 2007. URL consultato il 21 agosto 2011.
  6. ^ (EN) PIZARRO ON LOAN TO WERDER, chelseafc.com, 15-08-08.
  7. ^ (EN) Transfer coup: Claudio Pizarro returns to Werder, werder.de, 15-08-08.
  8. ^ Bundesliga - Götze, Pizarro e Reus non mollano!, eurosport.yahoo.it, 5 novembre 2011.
  9. ^ UFFICIALE: Pizarro lascia il Werder Brema, tuttomercatoweb.com, 15 maggio 2012.
  10. ^ Bayern, UFFICIALE: Torna Claudio Pizarro, calciomercato.com, 26 maggio 2012.
  11. ^ Bayern campione di Germania con 6 turni d'anticipo: è il trionfo numero 23, gazzetta.it.
  12. ^ Borussia-Bayern 1-2, festa con Robben sul filo di lana, gazzetta.it, 25 maggio 2013. URL consultato il 28 giugno 2014.
  13. ^ Bayern nella storia: tripletta. Vince anche la Coppa di Germania, gazzetta.it, 1º giugno 2013. URL consultato il 28 giugno 2014.
  14. ^ Bayern vince la Supercoppa, Chelsea ko, gazzetta.it, 30 agosto 2013. URL consultato il 21 giugno 2014.
  15. ^ Mondiale per club: trionfa il Bayern. Raja Casablanca battuto 2-0, gazzetta.it, 21 dicembre 2013. URL consultato il 28 giugno 2014.
  16. ^ Festa Bayern Monaco: 24º titolo con 7 giornate d'anticipo, gazzetta.it, 25 marzo 2014. URL consultato il 21 giugno 2014.
  17. ^ Bayern Monaco vince Coppa di Germania, gazzetta.it, 17 maggio 2014. URL consultato il 21 giugno 2014.
  18. ^ Bundesliga, Wolfsburg battuto 1-0: il Bayern è campione di Germania, gazzetta.it, 26 aprile 2015. URL consultato il 10 maggio 2015.
  19. ^ (DE) Claudio Pizarro returns to Werder, werder.de, 7 settembre 2015.
  20. ^ (EN) ONE MORE YEAR! PIZARRO EXTENDS CONTRACT AT WERDER, werder.de, 17 maggio 2016.
  21. ^ 2 presenze nel Terzo turno preliminare.
  22. ^ 1 rete nel Terzo turno preliminare.
  23. ^ a b 2 presenze nei play-off.
  24. ^ 3 reti nei play-off.
  25. ^ 2 reti nei play-off.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]