Supercoppa di Lega di Seconda Divisione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Supercoppa di Lega di Seconda Divisione
Logo della competizione
Sport Football pictogram.svg Calcio
Tipo Club
Federazione FIGC
Paese Italia Italia
Organizzatore Lega Pro
Cadenza Annuale
Apertura maggio
Partecipanti 3 (2006-2011)
2 (2012-2014)
Formula Triangolare (2006-2011)
Scontro diretto A/R (2012-2014)
Storia
Fondazione 2006
Soppressione 2014
Numero edizioni 9
Ultimo vincitore Bassano Virtus

La Supercoppa di Lega di Seconda Divisione è stato un trofeo calcistico italiano organizzato dal 2006 al 2014 dalla Lega Italiana Calcio Professionistico. Veniva assegnato annualmente, al termine dei campionati, tra le squadre vincenti dei gironi della Serie C2/Lega Pro Seconda Divisione.

Storia e formula[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante tale supercoppa di categoria sia stata istituita a livello ufficiale nel 2006, un primo esperimento ufficioso di manifestazione similare si era avuto già nel 2003 quando, al "Franchi" di Firenze, la Florentia Viola organizzò un triangolare amichevole fra le squadre trionfatrici nei gironi dell'allora Serie C2.[1]

Alla sua nascita il trofeo era noto come Supercoppa di Lega di Serie C2, mantenendo tale denominazione sino all'edizione del 2008. Dall'anno successivo, con la riforma dei campionati di Lega Pro – che aveva portato alla trasformazione della C2 in Seconda Divisione –, la competizione ha assunto il nome di Supercoppa di Lega di Seconda Divisione, portato avanti fino all'ultima edizione disputata, quella del 2014.

Fino al 2011, la Supercoppa vedeva di fronte le formazioni prime classificate dei tre gironi della quarta serie calcistica nazionale, le quali si giocavano il successo in un triangolare con sfide di sola andata. Dall'edizione del 2012 sino all'abolizione – vista la contemporanea riduzione dei gironi di Seconda Divisione da tre a due –, la formula cambiava in una finale a due, con gare di andata e ritorno, fra le vincenti dei due gironi.

Dalla stagione calcistica 2014-2015, con la nuova riforma della Lega Pro che ha visto l'unificazione tra Seconda e Prima Divisione in una nuova serie, scompare anche la manifestazione, di fatto accorpata nella gemella Supercoppa di Lega di Prima Divisione nella nuova Supercoppa di Lega Pro.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

2006 – Cavese[modifica | modifica wikitesto]

Venezia
14 maggio 2006
Finale – 1ª giornata
Venezia 1 – 2 Cavese Stadio Pier Luigi Penzo

Cava de’ Tirreni
17 maggio 2006
Finale – 2ª giornata
Cavese 1 – 1 Gallipoli Stadio Simonetta Lamberti

Gallipoli
21 maggio 2006
Finale – 3ª giornata
Gallipoli 0 – 0 Venezia Stadio Antonio Bianco

2007 – Sorrento[modifica | modifica wikitesto]

Legnano
Finale – 1ª giornata
Legnano 1 – 0 Foligno Stadio Giovanni Mari

Foligno
Finale – 2ª giornata
Foligno 0 – 0 Sorrento Stadio Enzo Blasone

Sorrento
Finale – 3ª giornata
Sorrento 1 – 0 Legnano Stadio Italia

2008 – Reggiana[modifica | modifica wikitesto]

Reggio nell'Emilia
Finale – 1ª giornata
Reggiana 2 – 1 Benevento Stadio Giglio

Benevento
Finale – 2ª giornata
Benevento 2 – 0 Pergocrema Pergocrema Stadio Santa Colomba

[[Crema]]
Finale – 3ª giornata
Pergocrema Pergocrema 0 – 1 Reggiana Stadio Giuseppe Voltini

2009 – Figline[modifica | modifica wikitesto]

Varese
24 maggio 2009, ore 18:00 CEST
Finale – 1ª giornata
Varese 2 – 2
referto
Figline Stadio Franco Ossola (600 spett.)
Arbitro Barbiero

Cosenza
31 maggio 2009, ore 20:30 CEST
Finale – 2ª giornata
Cosenza 1 – 2
referto
Varese Stadio San Vito
Arbitro Roccasalvo

Figline Valdarno
4 giugno 2009, ore 18:00 CEST
Finale – 3ª giornata
Figline 3 – 0
referto
Cosenza Stadio Goffredo Del Buffa
Arbitro Donati

2010 – Lucchese[modifica | modifica wikitesto]

Castellammare di Stabia
16 maggio 2010, ore 17:00 CEST
Finale – 1ª giornata
Juve Stabia 2 – 1
referto
Südtirol Stadio Romeo Menti (512 spett.)
Arbitro De Benedictis

Bolzano
23 maggio 2010, ore 16:00 CEST
Finale – 2ª giornata
Südtirol 0 – 3
referto
Lucchese Stadio Druso
Arbitro Manera

Lucca
26 maggio 2010, ore 16:00 CEST
Finale – 3ª giornata
Lucchese 4 – 2
referto
Juve Stabia Stadio Porta Elisa
Arbitro Trentalange

2011 – Tritium[modifica | modifica wikitesto]

Latina
15 maggio 2011, ore 16:00 CEST
Finale – 1ª giornata
Latina Latina 0 – 1
referto
Tritium Stadio Domenico Francioni (1500 spett.)
Arbitro Ros

Reggio nell'Emilia
25 maggio 2011, ore 16:00 CEST
Finale – 2ª giornata
Carpi 1 – 0 Latina Latina Stadio Giglio
Arbitro Ripa

Trezzo sull'Adda
28 maggio 2011, ore 16:00 CEST
Finale – 3ª giornata
Tritium 0 – 0 Carpi Stadio comunale "La Rocca"
Arbitro Bolano

2012 – Perugia[modifica | modifica wikitesto]

Treviso
13 maggio 2012, ore 15:00 CEST
Finale – Andata
Treviso 1 – 2
referto
Perugia Stadio Omobono Tenni
Arbitro Marini (Roma)

Perugia
20 maggio 2012, ore 16:00 CEST
Finale – Ritorno
Perugia 0 – 1
referto
Treviso Stadio Renato Curi
Arbitro Merlino (Udine)

2013 – Salernitana[modifica | modifica wikitesto]

Busto Arsizio
19 maggio 2013, ore 16:00 CEST
Finale – Andata
Pro Patria 0 – 3
referto
Salernitana Stadio Carlo Speroni (2.500 spett.)
Arbitro Oliveri (Palermo)

Salerno
25 maggio 2013, ore 17:00 CEST
Finale – Ritorno
Salernitana 2 – 1
referto
Pro Patria Stadio Arechi (3.343 spett.)
Arbitro Albertini

2014 – Bassano Virtus[modifica | modifica wikitesto]

Bassano del Grappa
11 maggio 2014, ore 15:00 CEST
Finale – Andata
Bassano Virtus 2 – 0
referto
Messina Stadio Rino Mercante (800 spett.)
Arbitro Tardino (Milano)

Messina
18 maggio 2014, ore 15:00 CEST
Finale – Ritorno
Messina 1 – 2
referto
Bassano Virtus Stadio San Filippo (1.500 spett.)
Arbitro Martinelli (Roma 2)

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Club Titoli
Cavese 1
Sorrento 1
Reggiana 1
Figline 1
Lucchese 1
Tritium 1
Perugia 1
Salernitana 1
Bassano Virtus 1

Albo d'oro per regioni d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Regione Titoli Anni
Campania 3 2006, 2007, 2013
Toscana 2 2009, 2010
Emilia-Romagna 1 2008
Lombardia 1 2011
Umbria 1 2012
Veneto 1 2014

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Nessuna squadra ha partecipato a più di una edizione del torneo, che ha quindi visto nove differenti vincitori nelle sue nove edizioni disputate. Il Perugia è l'unica squadra ad aver vinto sia la Supercoppa di Seconda che quella di Prima Divisione; il Gallipoli, la Salernitana e il Treviso hanno anche loro partecipato alle due competizioni, senza tuttavia vincerle entrambe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessio Ronchi, Della Valle, amore viola, in La Gazzetta dello Sport, 15 maggio 2003.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]