Stadio Domenico Francioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stadio Domenico Francioni
Comunale
Stadio Italo Balbo
Latina Stadio Comunale.jpg
Lo stadio nelle sue fattezze originarie, con solo una tribuna scoperta
Informazioni generali
StatoItalia Italia
UbicazionePiazzale Natale Prampolini, 4
Latina
Inizio lavori1932
Inaugurazione1935
Ristrutturazione2013-2015
ProprietarioComune di Latina
GestoreLatina Calcio 1932
ProgettoOriolo Frezzotti
Informazioni tecniche
Posti a sedere9.310
StrutturaPianta ellittica
CoperturaTribuna centrale
Pista d’atleticaSmantellata
Mat. del terrenoerba naturale
Dim. del terreno105 x 68 m
Uso e beneficiari
CalcioLatina
Mappa di localizzazione
Coordinate: 41°27′49″N 12°53′56″E / 41.463611°N 12.898889°E41.463611; 12.898889

Lo stadio Domenico Francioni (anche noto come Campo sportivo Domenico Francioni) è un impianto calcistico ubicato nella città italiana di Latina.

Principale arena scoperta della città laziale, ospita le gare interne della maggiore squadra locale, il Latina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tifosi del Latina Calcio nella curva nord

La costruzione di uno stadio polisportivo era prevista fin dal primo piano regolatore dell'allora città di Littoria, stilato nel 1932. Il progetto fu affidato all'architetto Oriolo Frezzotti su committenza dell'Opera Nazionale dei Combattenti e Reduci; già nel 1935 lo Stadio Littorio[1] (denominazione piuttosto comune tra le arene sportive del tempo) fu inaugurato.

Lo stadio era originariamente provvisto di pista d'atletica leggera[2] e di un'unica tribuna sul lato occidentale del campo. Col passare dei decenni la pista andò in rovina e venne smantellata, mentre le tribune vennero progressivamente ampliate.

Divenuto Stadio Comunale nel secondo dopoguerra, l'impianto fu poi intitolato a Italo Balbo (un alpino caduto in guerra, solo omonimo del celebre gerarca ed aviatore fascista); infine dal dicembre 1996 gli è associata la memoria del defunto presidente del Latina Domenico Francioni[3].

Il livello non altissimo del calcio cittadino ha fatto sì che lo stadio sia rimasto per decenni privo di significativi interventi di potenziamento e ammodernamento: lo stesso ampliamento degli spalti fu condotto in modo parziale e la curva sud rimase per diverso tempo limitata ad un unico spicchio di gradinate a latere della tribuna scoperta (sotto il quale vennero inoltre ricavati gli spogliatoi), il quale fu peraltro successivamente inibito all'accesso. Tra gli anni 1980 e 1990, a integrazione di tale lacuna, sul lato sud venne aggiunta una prima gradinata in ferrotubi; al contempo la tribuna centrale fu dotata di una tettoia metallica[3].

Solo a seguito della promozione del Latina in Serie B, negli anni 2010 lo stadio è stato interessato da incisivi lavori di ampliamento e adeguamento[4], che ne hanno portato la capienza a circa 9000 posti a sedere. In particolare si è provveduto a risanare gli spalti esistenti, riverniciandone le facciate e dotandoli in buona parte di seggiolini individuali; in un secondo momento si è provveduto ad ampliare la tribuna scoperta mediante l'aggiunta di un secondo livello di gradinate (costruito in ferrotubi) e a raddoppiare la curva sud posando due distinte gradinate metalliche sfalsate[5]. Quest'ultimo intervento venne condotto con modalità ritenute irregolari dalle autorità giudiziarie, che nel 2014 posero la curva sud sotto sequestro[6], il quale fu definitivamente revocato solo quattro anni più tardi[7].

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Particolare dell'ingresso monumentale

A seguito dell'ampliamento completato nel 2015[4], lo stadio di Latina ha una capienza massima di 9.310 posti a sedere, così suddivisi:

  • 2.232 in tribuna centrale coperta;
  • 3.920 in tribuna scoperta;
  • 1.658 in curva nord ("sede" dei gruppi della tifoseria organizzata locale);
  • 1.500 in curva sud (dedicata alle tifoserie ospiti)[8].

Sebbene gli spalti (la cui forma e posizione, in buona misura, rispecchia la smantellata pista di atletica leggera) siano alquanto distanti dai bordi del terreno di gioco, la buona visibilità è garantita dall'assenza di barriere alte dinnanzi ai settori dei tifosi casalinghi, protetti unicamente da basse ringhiere[9]. Tutti i posti sono a sedere, numerati e in gran parte dotati di seggiolino.

Caratteristica architettonica peculiare dell'impianto è la monumentale cancellata d'ingresso di piazzale Serratore, costruita nello stile razionalista proprio dell'epoca fascista; essa è situata perpendicolarmente a via Duca del Mare, uno dei principali assi viari cittadini, che la congiunge alla centrale piazza del Popolo. Subito dietro la tribuna centrale si staglia la torre idrica facente parte dell'acquedotto comunale.

Peculiare è altresì la collocazione degli spogliatoi, non nelle tribune laterali ma presso la curva sud.

Incontri internazionali ospitati[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 gennaio 1993, lo stadio di Latina ha ospitato la gara amichevole tra le nazionali Under 21 di Italia e Romania, terminato 1-0 con gol di Christian Panucci.

Negli anni 1990, poi, lo stadio ospitò anche un'amichevole tra le selezioni U-18 di Italia e Ungheria.

Altre manifestazioni ospitate[modifica | modifica wikitesto]

All'esterno dello stadio, nei pressi dell'ingresso monumentale, nel 1973 furono girate alcune scene del film Polvere di stelle di Alberto Sordi.

Il 29 settembre 1991 si tenne presso lo stadio di Latina il saluto di Papa Giovanni Paolo II alla comunità pontina, in occasione della visita pastorale per il centenario della nascita di Santa Maria Goretti.[10]

Nel 2003 lo stadio accolse anche un incontro calcistico di beneficenza tra la nazionale di calcio dei piloti e quella dei giornalisti di Rai Sport[11].

Il 13 giugno 2007 ha ospitato il primo concerto del tour musicale Vasco Live 2007 del cantante Vasco Rossi, con un pubblico di circa 20 000 spettatori.[12]

Nel maggio del 2009 fu uno dei luoghi scelti per l'adunata nazionale degli alpini[13].

Il 21 luglio 2018 lo stadio ha ospitato un concerto di Calcutta, il primo di soli due in programma per l'estate.[14]

Nella stagione 2022/2023 ospita le partita casalinghe della Associazione Sportiva Roma (femminile) inserita nel gruppo B della UEFA Women's Champions League 2022-2023

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco siti PHOTOMAARC2021 - architettilombardia.com
  2. ^ COME ERAVAMO - borghidilatina.it
  3. ^ a b Latina - Pescara, i precedenti - pescaranews.net, 11 feb 2015
  4. ^ a b Stadio Francioni, partono i lavori - radioluna.it, 29 giu 2015
  5. ^ Video/Calcio, ecco il nuovo stadio Francioni - latina24ore.it, 30 ago 2013
  6. ^ via @lunanotizie Stadio Francioni: falso collaudo alle tribune ospiti. Due denunce e il sequestro - radioluna.it, 9 set 2014
  7. ^ Latina, Stadio Francioni: dissequestrata la tribuna ospiti - lecodellitorale.it, 20 lug 2018
  8. ^ Latina Today, su latinatoday.it.
  9. ^ Tifo e calcio, straordinaria novità al Francioni di Latina per la sfida con il Vicenza - sportavellino.it, 13 mag 2016
  10. ^ Visita Pastorale a Latina: Alla popolazione di Latina (29 settembre 1991) | Giovanni Paolo II, su w2.vatican.va. URL consultato il 3 agosto 2018.
  11. ^ Maurilio Rigo, Latina accoglie lo Schumacher calciatore, in la Repubblica, 29 agosto 2003. URL consultato il 16 giugno 2014.
  12. ^ Eventi - Vasco Rossi a Latina 2007, su Sezze Web.
  13. ^ Luana de Francisco, Sfilano gli alpini, l’Italia saluta la Julia, in Messaggero Veneto, 11 maggio 2009. URL consultato il 16 maggio 2014.
  14. ^ Rockol.com s.r.l., √ Concerti, Calcutta: due date estive a Latina e all’Arena di Verona, in Rockol. URL consultato il 24 gennaio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Stadio, su uslatinacalcio.it. URL consultato il 26 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2015).