Associazione Italiana Arbitri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Associazione Italiana Arbitri
Logo
Logo
 
DisciplineFootball pictogram.svg Calcio
Futsal pictogram.svg Calcio a 5
Beach soccer pictogram.svg Beach soccer
Fondazione1911
NazioneItalia Italia
Sezioni207
SedeItalia Roma
PresidenteItalia Vacante
Duccio Baglioni f.f.
Sito ufficialewww.aia-figc.it

L'Associazione Italiana Arbitri (spesso citata con l'acronimo AIA) è la componente della Federazione Italiana Giuoco Calcio che si occupa del reclutamento, della formazione, della gestione tecnica, associativa e disciplinare degli arbitri di calcio italiani.

È stata fondata nel 1911 e ha il compito di designare gli arbitri per la direzione delle gare di calcio, svolte sotto l'egida della FIGC. Il regolamento della FIGC prevede infatti che tutte le gare di calcio disputate in Italia in modo ufficiale o comunque in ogni caso organizzate o autorizzate dalla FIGC o dalle sue articolazioni, incluse quelle di calcio a 5 e il beach soccer, siano dirette da ufficiali di gara (Arbitro e i suoi assistenti) designati dal competente Organo Tecnico dell'AIA.

Al 30 giugno 2020 conta 30537 associati, di cui 1724 donne[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Giulio Campanati, presidente AIA dal 1972 al 1990

L'Associazione Italiana Arbitri fu fondata il 27 agosto 1911 presso il "Ristorante Orologio"[2] di Milano[3], oggi ha sede in via Campania 47, a Roma.

Negli anni settanta e ottanta, la presidenza dell'Associazione fu tenuta da Giulio Campanati, che la presiedette dal 1972 al 1990. Nel 1992 fu eletto presidente Salvatore Lombardo, che era stato vice di Campanati e, dopo le sue dimissioni, era stato nominato commissario dalla FIGC. Gli succedette, nel 1997, Sergio Gonella, prima come commissario e poi da presidente, che resse l'Associazione fino al 2000, quando alla presidenza fu eletto Tullio Lanese,[4]. Nel marzo 2006, raggiunto da un avviso di garanzia per lo scandalo di Calciopoli, Lanese si autosospese e l'associazione fu retta dappria dal vicepresidente Cesare Sagrestani in qualità di reggente e poi dal commissario straordinario Luigi Agnolin, ex arbitro internazionale. La gestione commissariale di Agnolin fu poco apprezzata, tanto che una larga maggioranza dei responsabili delle articolazioni territoriali dell'AIA sottoscrissero un appello per chiedere al commissario straordinario della FIGC, Luca Pancalli, la fine del commissariamento e l'immediato ritorno a elezioni. Nelle susseguenti elezioni, il 25 novembre 2006, il dirigente benemerito FIGC Cesare Gussoni prevalse su Marcello Nicchi con il 58% dei voti.[5]

Il mandato di Gussoni ha avuto termine nel 2009: nell'assemblea generale del 6 marzo fu eletto alla presidenza proprio Marcello Nicchi, che venne confermato anche nel 2012 e nel 2016, per un totale di tre mandati. In occasione dell'assemblea elettiva del 14 febbraio 2021 Nicchi venne tuttavia sconfitto da Alfredo Trentalange, anch'egli ex arbitro internazionale.[6]

Marcello Nicchi, presidente AIA dal 2009 al 2021

Il 18 dicembre 2022 Trentalange si è dimesso da presidente dell'AIA.[7]

L'Associazione Italiana Arbitri è editore della rivista L'arbitro, fondata nel 1924 da Giovanni Mauro e Ottorino Barassi.

Presidenti recenti[modifica | modifica wikitesto]

Organizzazione territoriale[modifica | modifica wikitesto]

L'AIA è organizzata in 18 Comitati Regionali (C.R.A.), 2 Comitati Provinciali Autonomi (Bolzano e Trento) e in 207 sezioni arbitrali, come di seguito:[10]

Organi tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Gli organi tecnici (O.T.), distinti in organi tecnici nazionali e periferici, si occupano delle designazioni degli ufficiali di gara arbitri, assistenti ed osservatori nelle gare di loro competenza.

Organi Tecnici Nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Sono organi tecnici Nazionali:

  • la Commissione Arbitri Nazionale (dal 2010 al 2020 distinta in CAN A e CAN B), che si occupa della designazione degli ufficiali di gara per i campionati di Serie A e Serie B.
  • la Commissione Arbitri Nazionale Serie C (CAN C), precedentemente nota come CAN Pro, che si occupa delle designazioni degli ufficiali di gara per il campionato di Serie C, quando ritenuto opportuno del quarto uomo in Serie B, dell Campionato Primavera, e le fasi finali del Torneo Berretti. Gli arbitri per essere immessi in C.A.N. C devono rispettare alcuni requisiti, tra gli altri, non aver compiuto il 32º anno di età alla data del 30 giugno. Coloro che dopo quattro stagioni sportive non siano stati promossi in C.A.N. A-B saranno avvicendati.[11]
  • la Commissione Arbitri Nazionale Serie D (CAN D) designa gli arbitri e assistenti in Serie D, Allievi e Giovanissimi Nazionali. Gli arbitri per essere immessi in C.A.N. D devono rispettare alcuni requisiti, tra i quali non aver compiuto il 30º anno di età. Coloro che entro tre stagioni sportive non ottengano il passaggio alla C.A.N. PRO saranno avvicendati.[11]
  • la Commissione Arbitri Interregionale (CAI), nota anche come Commissione scambi, designa arbitri per alcune partite di Eccellenza, Promozione, Juniores Nazionali oltre a il Campionato di Calcio Femminile Serie C. È prassi che alcune designazioni di Juniores Nazionali e campionati nazionali femminili vengano delegate interamente ai C.R.A. competenti per territorio. Questa commissione ha la particolarità di non avere assistenti arbitrali in organico, che vengono designati da altri Organi Tecnici (solitamente le regioni). Gli arbitri per essere immessi nella CAI devono rispettare alcuni requisiti, tra i quali non aver compiuto il 29º anno di età.[11]
  • la Commissione Arbitri Nazionale Calcio a 5 (CAN 5) designa gli arbitri per le partite di Serie A, A2, B e Under 21 di calcio a 5. Gli arbitri per essere immessi in C.A.N. 5 devono rispettare alcuni requisiti, tra gli altri: non aver compiuto il 35º anno di età.[11]
  • Commissione Arbitri Nazionale Beach Soccer (CAN BS) designa gli arbitri per le partite del Campionato italiano di beach soccer. Gli arbitri per essere immessi in C.A.N. BS devono rispettare alcuni requisiti, tra i quali avere un'età compresa tra i 25 e i 34 anni[11]

Organi Tecnici Periferici[modifica | modifica wikitesto]

Gli organi tecnici periferici hanno competenza a livello regionale. Essi comprendono:

  • i Comitati Regionali Arbitri / Organo Tecnico Regionale (CRA/OTR) che, fatte salve peculiarità regionali, solitamente designa gli ufficiali di gara per i campionati di Eccellenza, Promozione, Prima Categoria, Seconda Categoria e Calcio Femminile Serie C e D, oltre agli Assistenti in serie A e B femminili. Designa anche, dove presenti i campionati di C1 e C2 di calcio a 5 e i cronometristi per alcune gare di competenza della C.A.N. 5. Entrano a far parte dell'organico del C.R.A. gli arbitri ritenuti meritevoli sulla base dei voti ottenuti dagli osservatori e dagli O.T., su proposta del presidente di sezioni.[11]
  • gli Organi Tecnici Sezionali (OTS), fino al 2011 noti come Organi Tecnici Provinciali (OTP), si occupano delle designazioni per Terza Categoria, Juniores Provinciali e Regionali, Allievi e Giovanissimi sia Provinciali che Regionali e, dove previsti, Esordienti. Nell'ambito del calcio a 5, invece, provvede alle designazioni del Campionato Serie D, nonché delle categorie giovanili (Giovanissimi e Allievi). Entrano a far parte dell'O.T.S. gli arbitri effettivi non appena ottenuta la qualifica.[11]

Inquadramento degli associati[modifica | modifica wikitesto]

Gli arbitri dell'AIA sono inquadrati in vari ruoli.[12]

Per essere avviati all'esercizio del ruolo di arbitro occorre frequentare un apposito corso, al quale si può essere ammessi dai 14 ai 35 anni. Il superamento dell'esame finale attribuisce la qualifica di arbitro effettivo. Gli arbitri effettivi sono abilitati alla direzione di gare di calcio a 11 e vengono inseriti d'ufficio nell'organico dell'Organo Tecnco Sezionale. In base al merito e all'anzianità gli arbitri effettivi possono essere promossi all'Organo Tecnico Regionale o agli organi tecnici superiori. Speciali inquadramenti sono attribuiti agli arbitri di calcio a 5 e di beach soccer. La qualifica di assistente arbitrale si ottiene a domanda, dopo tre anni di anzianità arbitrale e previo il superamento di un corso di qualificazione.

Le prestazioni di arbitri e assistenti arbitrali sono valutate dagli osservatori arbitrali, che hanno il compito di redigere delle relazioni sui singoli arbitraggi. Esse concorrono alla valutazione del merito dei singoli ufficiali di gara, anche per gli avanzamenti alle categorie superiori.

Ottengono automaticamente la qualifica di arbitro benemerito gli associati che siano stati a disposizione delle massime commissioni arbitri nazionali o che siano stati tesserati da cinquanta anni. Tale qualifica può inoltre essere ottenuta anche da chi abbia svolto incarichi direttivi o maturato venti anni di anzianità o sia stato qualificato per operare da osservatore arbitrale. Una speciale qualifica è inoltre quella di dirigenti benemeriti.

Loghi[modifica | modifica wikitesto]

Sponsorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Dagli anni 1990 lo sponsor tecnico dell'AIA è stata l'azienda veneta Diadora, sostituita dall'azienda campana Legea a partire dalla stagione 2019-2020.[13] Inoltre, dal 2004 al 2007 le divise arbitrali hanno recato il logo dell'istituto di credito Ing Direct e dal 2016 dell'agenzia assicurativa Eurovita.[14] Dalla stagione 2019-2020 tale ruolo viene ricoperto da Net Insurance.[15]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AIA | Associazione Italiana Arbitri | Comitati Regionali, su www.aia-figc.it. URL consultato il 24 febbraio 2021.
  2. ^ A.I.A. 75 anni di storia, p. 18, qui correttamente trascritto, non come erroneamente indicato da altre fonti come "L'Orologio".
  3. ^ AIA | Associazione Italiana Arbitri | Nicchi e Abete aprono le celebrazioni per il centenario dell'AIA
  4. ^ Arbitri, Lanese eletto presidente, in Corriere della Sera, 12 novembre 2000, p. 43. URL consultato il 24 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2015).
  5. ^ Associazione Italiana Arbitri - Sezione di Milano - Gussoni è il nuovo Presidente dell'A.I.A[collegamento interrotto]
  6. ^ Elezioni Aia, finisce l'era Nicchi: Trentalange nuovo presidente, su ilmessaggero.it, 14 febbraio 2021. URL consultato il 14 febbraio 2021.
  7. ^ Alfredo Trentalange si è dimesso da presidente dell'AIA, su aia-figc.it, 18 dicembre 2022. URL consultato il 18 dicembre 2022.
  8. ^ Vicepresidente nel 1990, commissario nel 1991, presidente effettivo dal 1992.
  9. ^ Commissario nel 1997, poi presidente effettivo.
  10. ^ Numero delle Sezioni dal sito ufficiale dell'AIA
  11. ^ a b c d e f g Norme di funzionamento degli organi tecnici
  12. ^ Regolamento AIA (pdf).
  13. ^ LEGEA nuovo Sponsor Tecnico della FIGC per l'Associazione Italiana Arbitri, su aia-figc.it. URL consultato l'11 marzo 2019.
  14. ^ Eurovita Assicurazioni è il nuovo sponsor: domani la presentazione, su aia-figc.it. URL consultato l'11 marzo 2019.
  15. ^ Net Insurance è il nuovo sponsor ufficiale degli Arbitri italiani di calcio, su netinsurance.it, 23 maggio 2019. URL consultato il 3 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2019).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • "Associazione italiana degli arbitri" (A.I.A.). "Statuto" (approvato nella seduta del 27 agosto 1911). Treviglio. Tipografia Messaggi. 1911. p. 12.
  • AA.VV., Associazione Italiana Arbitri - 75 anni di storia, Milano, Vallardi & Associati, aprile 1987.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio