Tradizione sportiva FIGC

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Tradizione sportiva)
Jump to navigation Jump to search

Il concetto di tradizione sportiva è un criterio concepito in Italia dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), l'organo di governo sportivo nazionale concernente il calcio, e applicato in circostanze quali i casi di ripescaggio in ognuna delle tre divisioni a carattere professionistico[1] e nella ripartizione dei diritti televisivi.[2]

I dati statistici presenti nella voce sono aggiornati al 26 maggio 2019.

Criteri di punteggio[modifica | modifica wikitesto]

La Federcalcio definisce la «tradizione sportiva della città» come il punteggio risultante della sommatoria del valore ottenuto dalle partecipazioni ai campionati e i titoli vinti da ogni società. In caso di parità, prevarrà quella che avrà disputato il maggior numero di campionati di Serie A dalla sua istituzione nella stagione 1929-30. Nel caso permanga tale parità, prevarrà la società con il maggior numero di campionati disputati in Serie B e, in caso di ulteriore bisogno, quella col maggior numero totale di partecipazioni al campionato di Serie C o C1 e in subordine al campionato di Serie C2, ricorrendo in ultima istanza al sorteggio.[3]

Nel caso di città che ospitano diversi club nel calcio professionistico, «si terrà conto della tradizione sportiva del singolo club, cumulando, per il singolo club, i meriti sportivi conseguiti negli anni anche attraverso soggetti giuridici diversi».[4]

Partecipazioni ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene la prima regolamentazione professionistica italiana risalga al 1926 con la ratifica della Carta di Viareggio, la FIGC inizia i suoi conteggi statistici sulle partecipazioni ai campionati nazionali dalla stagione 1929-1930, la prima in cui vi sono al debutto la Serie A e la Serie B strutturate a girone unico. Le stagioni sportive 1943-1944, 1944-1945 e 1945-1946 non vengono calcolate: le prime due per la mancata disputa di campionati ufficiali e la terza per le proprie diversità strutturali rispetto al caratteristico girone nazionale dei campionati di A e di B.[5] Anche la Prima Divisione, antenata del campionato di Serie C dal 1929 al 1935, non viene tenuta in considerazione a causa della sua apertura alle formazioni Riserva. Di conseguenza, i criteri adottati dalla federazione sono:[6]

  • 10 punti per la partecipazione a ogni edizione della Serie A dalla sua introduzione nella stagione 1929-30;
  • 7 punti per la partecipazione a ogni edizione della Serie B dalla sua introduzione nella stagione 1929-30;
  • 4 punti per la partecipazione a ogni edizione della Serie C/Lega Pro dalla sua introduzione nella stagione 1935-36 alla stagione 1977-78 e dalla reintroduzione del 2014-15;
  • 4 punti per la partecipazione a ogni edizione della Serie C1/Lega Pro Prima Divisione dalla sua introduzione nella stagione 1978-79 alla stagione calcistica 2013-14;
  • 2 punti per la partecipazione a ogni edizione della Serie C2/Lega Pro Seconda Divisione dalla sua introduzione nella stagione 1978-79 alla stagione calcistica 2013-14;

Di seguito vengono riportate le prime 100 squadre nella classifica di presenze. In caso di parità, prevale il club che ha disputato il maggior numero di campionati secondo il summenzionato ordinamento:

Serie Montante
# Squadra Pro A B C C2 A B C C2 TOTALE
1 Inter 87 87 - - - 870 - - - 870
2 Juventus 87 86 1 - - 860 7 - - 867
2 Roma 87 86 1 - - 860 7 - - 867
4 Milan 87 85 2 - - 850 14 - - 864
5 Fiorentina 87 81 5 - 1 810 35 - 2 847
6 Lazio 87 76 11 - - 760 77 - - 837
7 Torino 87 75 12 - - 750 84 - - 834
8 Napoli 87 73 12 2 - 730 84 8 - 822
9 Bologna 87 72 12 3 - 720 84 12 - 816
10 Sampdoria[7] 86 70 16 - - 700 112 - - 812
11 Atalanta 87 58 28 1 - 580 196 4 - 780
12 Genoa 87 52 33 2 - 520 231 8 - 759
13 Verona 87 28 53 6 - 280 371 24 - 675
14 Brescia 87 22 61 4 - 220 427 16 - 663
15 Udinese 83 46 18 19 - 460 126 76 - 662
16 Bari 84 30 46 8 - 300 322 32 - 654
17 Palermo 84 29 44 10 1 290 308 40 2 640
18 Cagliari 79 39 29 11 - 390 203 44 - 637
19 Vicenza 83 30 35 18 - 300 245 72 - 617
20 Modena 86 13 50 22 1 130 350 88 2 570
21 Parma 79 25 27 27 - 250 189 108 - 547
22 Padova 86 16 38 28 4 160 266 112 8 546
23 Triestina 78 26 22 24 6 260 154 96 12 522
24 Catania 80 17 34 25 4 170 238 100 8 516
25 Livorno 85 18 26 34 7 180 182 136 14 512
26 Como 78 13 34 30 1 130 238 120 2 490
27 Lecce 80 15 26 39 - 150 182 156 - 488
28 Novara 87 13 34 19 21 130 238 76 42 486
29 SPAL 82 18 21 36 7 180 147 144 14 485
30 Venezia 80 12 35 23 10 120 245 92 20 477
31 Cremonese 82 7 28 43 4 70 196 172 8 446
32 Foggia 76 11 25 35 5 110 175 140 10 435
33 Cesena 65 13 32 20 - 130 224 80 - 434
34 Empoli 74 13 20 41 - 130 140 164 - 434
35 Alessandria 82 13 20 32 17 130 140 128 34 432
36 Pisa 75 7 32 33 3 70 224 132 6 432
37 Ascoli 67 16 22 29 - 160 154 116 - 430
38 Perugia 70 13 26 28 3 130 182 112 6 430
39 Pescara 69 7 37 25 - 70 259 100 - 429
40 Reggiana 78 3 33 39 3 30 231 154 6 421
41 Monza 79 - 38 36 5 - 266 144 10 420
42 Salernitana 80 2 28 49 1 20 196 196 2 414
43 Piacenza 74 8 18 47 1 80 126 188 2 396
44 Catanzaro 76 7 28 23 18 70 196 92 36 394
45 Reggina 69 9 22 36 2 90 154 144 4 392
46 Messina 69 5 32 24 8 50 224 96 16 386
47 Pro Patria 75 12 13 31 19 120 91 124 38 373
48 Lucchese 71 8 19 36 8 80 133 144 16 373
49 Taranto 70 - 31 35 5 - 217 140 10 367
50 Spezia 76 - 26 40 10 - 182 160 20 362
51 Siena 70 9 13 40 8 90 91 160 16 357
52 Avellino 60 10 19 30 1 100 133 120 2 355
53 Varese 67 7 21 26 13 70 147 104 26 347
54 Mantova 71 7 14 33 17 70 98 132 34 334
55 Ternana 62 2 27 28 5 20 189 112 10 331
56 Ancona 66 2 21 38 5 20 147 152 10 329
57 Cosenza 66 - 20 41 5 - 140 164 10 314
58 Sambenedettese 63 - 21 40 2 - 147 160 4 311
59 Arezzo 66 - 16 48 2 - 112 192 4 308
60 Pistoiese 62 1 19 37 5 10 133 148 10 301
61 Legnano 70 3 14 33 20 30 98 132 40 300
62 Treviso 65 1 16 40 8 10 112 160 16 298
63 Prato 76 - 10 48 18 - 70 192 36 298
64 Pro Vercelli 63 6 13 20 24 60 91 80 48 279
65 Rimini 69 - 9 43 17 - 63 172 34 269
66 Lecco 61 3 11 33 14 30 77 132 28 267
67 Chievo 33 17 8 5 3 170 56 20 6 252
68 Crotone 53 2 13 31 7 20 91 124 14 249
69 Siracusa 57 - 7 40 10 - 49 160 20 229
70 Ravenna 57 - 7 39 11 - 49 156 22 227
71 Carrarese 59 - 2 43 14 - 14 172 28 214
72 Casale 46 4 4 26 12 40 28 104 24 196
73 Pavia 55 - 4 32 19 - 28 128 38 194
74 Benevento 50 1 2 37 10 10 14 148 20 192
75 Chieti 52 - - 37 15 - - 148 30 178
76 Juve Stabia 47 - 4 31 12 - 28 124 24 176
77 Barletta 43 - 4 34 5 - 28 136 10 174
78 Marzotto Valdagno 37 - 10 24 3 - 70 96 6 172
79 Trapani 45 - 4 30 11 - 28 120 22 170
80 Savona 45 - 5 27 13 - 35 108 26 169
81 Potenza 46 - 5 26 15 - 35 104 30 169
82 Casertana 43 - 2 36 5 - 14 144 10 168
83 Grosseto 40 - 6 27 7 - 42 108 14 164
84 Biellese 45 - 2 31 12 - 14 124 24 162
85 Frosinone 39 2 8 13 16 20 56 52 32 160
86 Carpi 35 1 5 25 4 10 35 100 8 153
87 Sanremese 40 - 3 29 8 - 21 116 16 153
88 Forlì 46 - 1 28 17 - 7 112 34 153
89 Brindisi 38 - 6 21 11 - 42 84 22 148
90 L'Aquila 39 - 3 27 9 - 21 108 18 147
91 Fanfulla 31 - 12 12 7 - 84 48 14 146
92 Mestre 43 - 1 27 15 - 7 108 30 145
93 Vigevano 28 - 11 16 1 - 77 64 2 143
94 Nocerina 38 - 3 26 9 - 21 104 18 143
95 Alma Juventus Fano 44 - - 26 18 - - 104 36 140
96 Torres 42 - - 26 16 - - 104 32 136
97 Giulianova 43 - - 25 18 - - 100 36 136
98 AlbinoLeffe[8] 29 - 9 15 6 - 63 60 12 135
99 Maceratese 40 - 1 25 14 - 7 100 28 135
100 Cittadella 28 - 12 9 7 - 84 36 14 134

Titoli vinti[modifica | modifica wikitesto]

In modo simile, la Federcalcio stabilì diversi punteggi alle vittorie dei club nelle tre competizioni organizzate dalla Lega Nazionale Professionisti Serie A (LNPA) e nelle tre competizioni stagionali gestite dalla Union of European Football Associations (UEFA), includendo nel conteggio la Coppa delle Fiere, in quanto competizione progenitrice dell'Europa League:

Di seguito viene riportata la classifica con il totale di squadre che hanno vinto almeno uno dei trofei precedentemente citati:

Scudetto.svg Coccarda Coppa Italia.svg Supercoppa Italiana.svg Coppa Campioni.svg Coppa delle Coppe.svg UEFA CUP.svg Coppa delle Fiere.svg
# Squadra vittorie p.ti vittorie p.ti vittorie p.ti tot.naz. vittorie p.ti vittorie p.ti vittorie p.ti TOT.
1 Juventus 35 140 13 26 8 8 174 2 10 1 3 3 6 193
2 Milan 18 72 5 10 7 7 89 7 35 2 6 0 0 130
3 Inter 18 72 7 14 5 5 91 3 15 0 0 3 6 112
4 Genoa 9 36 1 2 0 0 38 0 0 0 0 0 0 38
4 Torino 7 28 5 10 0 0 38 0 0 0 0 0 0 38
6 Roma 3 12 9 18 2 2 32 0 0 0 0 1 2 34
7 Bologna 7 28 2 4 0 0 32 0 0 0 0 0 0 32
8 Lazio 2 8 7 14 4 4 26 0 0 1 3 0 0 29
9 Pro Vercelli 7 28 0 0 0 0 28 0 0 0 0 0 0 28
10 Fiorentina 2 8 6 12 1 1 21 0 0 1 3 0 0 24
11 Napoli 2 8 5 10 2 2 20 0 0 0 0 1 2 22
12 Sampdoria 1 4 4 8 1 1 13 0 0 1 3 0 0 16
13 Parma 0 0 3 6 1 1 7 0 0 1 3 2 4 14
14 Cagliari 1 4 0 0 0 0 4 0 0 0 0 0 0 4
14 Verona 1 4 0 0 0 0 4 0 0 0 0 0 0 4
14 Casale 1 4 0 0 0 0 4 0 0 0 0 0 0 4
14 Novese 1 4 0 0 0 0 4 0 0 0 0 0 0 4
18 Venezia 0 0 1 2 0 0 2 0 0 0 0 0 0 2
18 Atalanta 0 0 1 2 0 0 2 0 0 0 0 0 0 2
18 Vicenza 0 0 1 2 0 0 2 0 0 0 0 0 0 2
18 Vado 0 0 1 2 0 0 2 0 0 0 0 0 0 2

Ranking di Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Questo è l'attuale valore della tradizione sportiva di ciascuno dei 65 club che hanno militato, per partecipazione diretta o per continuità giuridica con società loro progenitrici, nel campionato di Serie A dalla creazione della categoria nella stagione calcistica 1929-30. In caso di parità, prevale il club che ha disputato il maggior numero di campionati secondo i criteri di punteggio considerati dalla FIGC:

# Squadra Punti campionati Punti titoli PUNTEGGIO
1 Juventus 867 193 1060
2 Milan 864 130 994
3 Inter 870 112 982
4 Roma 867 34 901
5 Torino 834 38 872
6 Fiorentina 847 24 871
7 Lazio 837 29 866
8 Bologna 816 32 848
9 Napoli 822 22 844
10 Sampdoria 812 16 828
11 Genoa 759 38 797
12 Atalanta 780 2 782
13 Verona 675 4 679
14 Brescia 663 - 663
15 Udinese 662 - 662
16 Bari 654 - 654
17 Cagliari 637 4 641
18 Palermo 640 - 640
19 Vicenza 617 2 619
20 Modena 570 - 570
21 Parma 547 14 561
22 Padova 546 - 546
23 Triestina 522 - 522
24 Catania 516 - 516
25 Livorno 509 - 509
26 Como 490 - 490
27 Lecce 488 - 488
28 Novara 486 - 486
29 SPAL 485 - 485
30 Venezia 477 2 479
31 Cremonese 446 - 446
32 Foggia 435 - 435
33 Cesena 434 - 434
34 Empoli 434 - 434
35 Alessandria 432 - 432
36 Pisa 432 - 432
37 Ascoli 430 - 430
38 Perugia 430 - 430
39 Pescara 429 - 429
40 Reggiana 421 - 421
41 Salernitana 422 - 422
42 Piacenza 396 - 396
43 Catanzaro 394 - 394
44 Reggina 392 - 392
45 Messina 386 - 386
46 Pro Patria 373 - 373
47 Lucchese 373 - 373
48 Siena 357 - 357
49 Avellino 355 - 355
50 Varese 347 - 347
51 Mantova 334 - 334
52 Ternana 331 - 331
53 Ancona 329 - 329
54 Pro Vercelli 283 28 311
55 Pistoiese 301 - 301
56 Legnano 300 - 300
57 Treviso 298 - 298
58 Lecco 267 - 267
59 Chievo 252 - 252
60 Crotone 249 - 249
61 Casale 196 4 200
62 Benevento 192 - 192
63 Frosinone 160 - 160
64 Carpi 153 - 153
65 Sassuolo 131 - 131

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per un valore del 25%, cfr. FIGC - Comunicato ufficiale n. 171/A, p. 11
  2. ^ Per un valore del 10% considerando esclusivamente i risultati sportivi ottenuti dopo la Seconda guerra mondiale fino alla stagione 2009-10, cfr. Morelli, p. 177
  3. ^ FIGC - Comunicato ufficiale n. 171/A, pp. 12; 13.
  4. ^ FIGC - Comunicato ufficiale n. 171/A, p. 13.
  5. ^ FIGC - Comunicato ufficiale n. 171/A, p. 12.
  6. ^ FIGC - Comunicato ufficiale n. 171/A, pp. 11-12.
  7. ^ Ai sensi delle Norme Organizzative Interne Federali (NOIF, art. 20, comma 5, primo e secondo capoverso), l'Unione Calcio Sampdoria, club presente nel campionato italiano di calcio non per affiliazione originaria, bensì in quanto frutto di fusione fra due club precedenti, eredita e continua la miglior tradizione sportiva fra quelle delle sue progenitrici, ossia quella della Sampierdarenese, a sua volta continuatrice di Liguria e La Dominante.
  8. ^ Ai sensi delle Norme Organizzative Interne Federali (NOIF, art. 20, comma 5, primo e secondo capoverso), l'Unione Calcio AlbinoLeffe, club presente nel campionato italiano di calcio non per affiliazione originaria, bensì in quanto frutto di fusione fra due club precedenti, eredita e continua la miglior tradizione sportiva fra quelle delle sue progenitrici, ossia quella del Leffe.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Enzo Morelli, I diritti audiovisivi sportivi. Manuale giuridico, pratico e teorico sui diritti di trasmissione degli eventi sportivi a seguito della riforma Melandri, Giuffrè Editore, 2012, ISBN 88-14-15082-6.

Pubblicazioni varie[modifica | modifica wikitesto]

  • Consiglio Federale FIGC, Comunicato ufficiale n. 171/A (PDF) (Federazione Italiana Giuoco Calcio), 27 maggio 2014. URL consultato il 1º novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 14 settembre 2014).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]