Tornei calcistici di guerra in Italia 1917-1918

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Questa voce tratta dei tornei calcistici di guerra 1917-1918 disputati in sostituzione del normale campionato di calcio italiano, sospeso a causa della prima guerra mondiale.

I campionati regionali[modifica | modifica wikitesto]

In questa stagione il Comitato Regionale Lombardo non indisse nessun campionato regionale, nemmeno di Terza Categoria.

Coppa Mauro[modifica | modifica wikitesto]

La competizione non ebbe il patrocinio del Comitato Regionale Lombardo (fu da questa approvata e per questo motivo fornì gli arbitri ufficiali) ma, a differenza della precedente Coppa Lombardia, fu classificata come competizione di prima categoria.

La Coppa fu messa in palio dall'Ingegner Francesco Mauro (Vicepresidente e Reggente pro-tempore della FIGC) il quale, essendo dispensato dal servizio militare[1], tornava spesso a Milano[2]

Il fratello Giovanni Mauro era al fronte quale ufficiale (Tenente) degli Alpini e fu presente solo grazie a sporadiche licenze di cui una per convalescenza.

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

[3][4]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1rightarrow.png 1. Milan 20 12 10 0 2 27 10 +17
1rightarrow.png 2. 600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png Internazionale 20 12 10 0 2 36 8 +28
3. Legnano 14 10 7 0 3 29 16 +13
4. US Milanese 9 11 4 1 6 18 24 -6
5. Nazionale Lombardia 6 10 2 2 6 11 22 -11
6. 600px vertical stripes Blue HEX-0E3193 Red HEX-FF0000.svg Enotria 4 10 1 2 7 6 27 -21
7. Saronno 3 9 1 1 7 7 27 -20

Nota bene: la classifica è sbagliata perché c'è un risultato invertito all'U.S. Milanese. Solo validando tutti i risultati con i tabellini pubblicati dalla Gazzetta dello Sport è possibile completarla, definendo naturalmente anche gli 0-2 a tavolino assegnati dal Comitato Regionale Lombardo per le partite non disputate.
I diversi errori presenti in classifica sono dovuti all'errata valutazione della data in cui le squadre si sono ritirate notificando il forfait definitivo al C.R.L.[5]

Le partite mancanti non furono disputate per il ritiro dal torneo di Legnano, U.S. Milanese, Nazionale Lombardia, Enotria e Saronno, per protesta contro la decisione federale di annullare Legnano - Internazionale.

Spareggio[modifica | modifica wikitesto]

Milano
3 marzo 1918
Milan8 – 1InternazionaleVelodromo Sempione

Verdetti

  • Milan vincitore della Coppa Mauro.

Coppa Federale Toscana 1917[modifica | modifica wikitesto]

Il comitato regionale della Toscana, dà vita al secondo torneo bellico. Alla coppa del 1917, si iscrivono cinque squadre. Livorno, Pisa e i club fiorentini della Libertas, Esperia Firenze e Virtus Firenze. [3]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1rightarrow.png 1. Libertas 13 8 6 1 1 15 5 +10
2. Livorno 13 8 6 1 1 15 4 +11
3. Pisa 8 8 4 0 4 12 9 +3
4. non conosciuta Esperia Firenze 6 8 3 0 5 7 11 -4
5. non conosciuta Virtus Firenze 0 8 0 0 8 0 1 -21
La Libertas vincitrice della Coppa Toscana.
  • Libertas vincitore della Coppa Toscana, dopo spareggio con il Livorno vinto 2-0 a tavolino per forfait.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Non si conosce il motivo per cui non ha preso parte al conflitto mondiale, e in ogni caso dopo la laurea ha svolto il suo servizio militare obbligatorio quale ufficiale essendosi laureato.
  2. ^ Francesco Mauro cumulava oltre alla Vice Presidenza del F.C. Internazionale anche la Presidenza del Comitato Regionale Laziale (dal libro "I cento anni del C.R. Lazio", Cronologia dei Presidenti a pag. 8). A reggere il C.R. Lombardo era un Commissario, ma non Francesco Mauro.
  3. ^ a b Italy - Championship History 1898-1923 Rsssf.com
  4. ^ COPPA MAURO 1917-18 Archiviato il 9 gennaio 2012 in Internet Archive. Interfc.it.
  5. ^ Una copia dei comunicati ufficiali del C.R.L. fu conservata dal Commissario e data all'Avvocato Giovanni Mauro il quale li conservò rilegati come quadernini con dorso e rilegatura nera presso la "Fondazione Giovanni Mauro" di Roma (A.I.A.), apponendo un timbro a secco nella seconda pagina di copertina.
  6. ^ C.Fontanelli, p. 69.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]