Serie A 1954-1955

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Serie A 1954-1955
Competizione Serie A
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 53ª (23ª di Serie A)
Organizzatore Lega Nazionale
Date dal 19 settembre 1954
al 19 giugno 1955
Luogo Italia Italia
Partecipanti 18
Formula Girone all'italiana
Risultati
Vincitore Milan
(5º titolo)
Retrocessioni Udinese
Catania
Statistiche
Miglior marcatore Svezia Gunnar Nordahl (27)
Incontri disputati 306
Gol segnati 832 (2,72 per incontro)
Milan195455conscudetto.jpg
Il Milan vincitore del suo 5º titolo italiano
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1953-1954 1955-1956 Right arrow.svg

La Serie A 1954-1955 fu il massimo livello della 53ª edizione del campionato italiano di calcio, la 23ª disputata con la formula del girone unico.

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il rossonero Gunnar Nordahl, con 27 reti, si laureò per la quinta e ultima volta – tuttora primato assoluto – capocannoniere della Serie A.

Quinto scudetto per il Milan, che rimase in testa per tutte le 34 giornate e si impose come miglior attacco e miglior difesa, oltre a portare nuovamente lo svedese Gunnar Nordahl al primo posto della classifica cannonieri con 27 reti. Fondamentale la campagna acquisti condotta dal presidente Andrea Rizzoli, che portò in rossonero Juan Alberto Schiaffino. L'inizio del campionato fu il 19 settembre 1954; al via, anche l'esordiente Catania, seconda squadra siciliana dopo il Palermo a varcare la soglia della massima serie, e la Pro Patria, tornata in Serie A dopo un anno di assenza.

Il Milan partì subito bene: con sette vittorie consecutive guadagnò un notevole vantaggio sulle avversarie. Dopo la vittoria sul Novara (era la decima giornata, 21 novembre), i rossoneri poterono vantare un margine di sei punti sulle seconde, Fiorentina e Juventus; dopo un tentativo di avvicinamento da parte dei bianconeri, fu il Bologna a tentare il recupero, ma il 30 gennaio 1955 il Milan diventò campione d'inverno, con quattro punti in più dei petroniani.

L'Udinese, seconda, colse il suo miglior piazzamento in massima serie, tuttavia culminato in una retrocessione d'ufficio per illecito sportivo.

Il ritorno iniziò male per i lombardi, che persero le prime due gare contro Triestina e Sampdoria. Il Bologna arrivò a un punto di distacco, ma calò a sua volta il ritmo e concesse ai rossoneri di riprendere terreno. Già alla ventitreesima giornata, il 13 marzo, il Milan aveva distanziato di sei punti i rossoblù. Le squadre iniziarono a cedere e, quando il Milan perse in casa contro la Roma, ne approfittò solo l'Udinese, che il 1º maggio vinse lo scontro diretto e avvicinò pericolosamente i più blasonati avversari. Fu però in questo frangente che i friulani ottennero solo due pareggi contro Pro Patria e Novara. Il Milan poté così riprendere la marcia e vincere lo scudetto con un turno di anticipo, il 12 giugno, divenendo la prima squadra italiana a prender parte alla neonata Coppa dei Campioni.

SPAL e Pro Patria, sul fondo, alzarono bandiera bianca e retrocessero sul campo, ma un verdetto del Giudice Sportivo le riammise in A al posto delle retrocesse Udinese e Catania. I friulani, nella loro stagione più brillante, pagarono un illecito risalente al 31 maggio 1953, ultima giornata del campionato 1952-1953, e scoperto due anni dopo; gli etnei furono invece declassati per la corruzione di un arbitro.

Squadre[modifica | modifica wikitesto]

Mappa di localizzazione: Italia
Genova
Genova
Milano
Milano
Torino
Torino
Roma
Roma
Squadre di Milano
Red pog.svg Inter
Red pog.svg Milan
Squadre di Torino
Red pog.svg Juventus
Red pog.svg Torino
Squadre di Roma
Red pog.svg Lazio
Red pog.svg Roma
Squadre di Genova
Red pog.svg Genoa
Red pog.svg Sampdoria
Ubicazione delle squadre della Serie A 1954-1955

Profili[modifica | modifica wikitesto]

Club partecipanti Città Stadio Stagione 1953-1954
Soccer Jersey Azure-Black (stripes).png Atalanta dettagli Bergamo Stadio Comunale 10ª in Serie A
Soccer Jersey Red-Blue (quarters).png Bologna dettagli Bologna Stadio Comunale 6º in Serie A
Soccer Jersey Azure-Red (stripes).png Catania dettagli Catania Stadio Cibali 1º in Serie B, promosso
Jersey violet.svg Fiorentina dettagli Firenze Stadio Comunale 3ª in Serie A
Soccer Jersey Red-Blue (half).png Genoa dettagli Genova Stadio Luigi Ferraris 12º in Serie A
Soccer Jersey Azure-Black (stripes).png Inter dettagli Milano Stadio San Siro Campione d'Italia
Soccer Jersey White-Black (stripes).png Juventus dettagli Torino Stadio Comunale 2ª in Serie A
Soccer Jersey Sky-White (borders).png Lazio dettagli Roma Stadio Olimpico 6ª in Serie A
Soccer Jersey Red-Black (stripes).png Milan dettagli Milano Stadio San Siro 3º in Serie A
Soccer Jersey Azure.png Napoli dettagli Napoli Stadio della Liberazione 5º in Serie A
Soccer Jersey Azure.png Novara dettagli Novara Stadio Comunale 14º in Serie A
Soccer Jersey Blue-White (horizontal stripes).png Pro Patria dettagli Busto Arsizio Stadio Comunale 2ª in Serie B, promosso
Soccer Jersey Roma Red-Yellow (borders).png Roma dettagli Roma Stadio Olimpico 6ª in Serie A
Soccer Jersey Sampdoria Blue (horizontal stripe).png Sampdoria dettagli Genova Stadio Luigi Ferraris 8ª in Serie A
Soccer Jersey Azure-White (arms).png SPAL dettagli Ferrara Stadio Comunale 15ª in Serie A
Soccer Jersey Maroon.png Torino dettagli Torino Stadio Filadelfia 9º in Serie A
Soccer Jersey Red-White (borders).png Triestina dettagli Trieste Stadio Comunale 12ª in Serie A
Soccer Jersey White-Black (stripes).png Udinese dettagli Udine Stadio Moretti 16ª in Serie A

Allenatori e primatisti[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Allenatore Calciatore più presente[1] Cannoniere[1]
Atalanta Italia Luigi Bonizzoni Italia Luigi Brugola,
Italia Giulio Corsini,
Italia Angelo Villa (34)
Danimarca Poul Rasmussen (16)
Bologna Italia Giuseppe Viani Italia Dino Ballacci,
Italia Anselmo Giorcelli (34)
Italia Gino Pivatelli (17)
Catania Italia Piero Andreoli Italia Vittorio Ghiandi (32) Italia Vittorio Ghiandi (11)
Fiorentina Italia Fulvio Bernardini Italia Armando Segato (32) Italia Giuseppe Virgili (15)
Genoa[2] Ungheria György Sárosi (I) (1ª-31ª)
Italia Ermelindo Bonilauri (32ª-34ª)
Italia Ennio Cardoni (34) Italia Attilio Frizzi (9)
Inter Italia Alfredo Foni Italia Gino Armano (33) Italia Gino Armano (14)
Juventus[3][4] Italia Aldo Olivieri & Inghilterra George Raynor (D.T.) (1ª-5ª)
Italia Aldo Olivieri (6ª-17ª)
Italia Aldo Olivieri & Italia Virginio Rosetta (18ª-34ª)
Danimarca Karl Aage Præst (34) Danimarca Helge Bronée (11)
Lazio[5] Italia Federico Allasio (1ª-7ª)
Inghilterra George Raynor & Italia Roberto Copernico (D.T.) (8ª-34ª)
Italia Renzo Burini,
Italia Attilio Giovannini,
Italia Primo Sentimenti (V) (31)
Danimarca John Hansen (15)
Milan[6][7] Ungheria Béla Guttmann (1ª-19ª)
Uruguay Italia Héctor Puricelli (20ª-34ª)
Svezia Gunnar Nordahl (III) (33) Svezia Gunnar Nordahl (III) (26)
Napoli Italia Eraldo Monzeglio Italia Ottavio Bugatti,
Italia Armando Tre Re (34)
Svezia Hasse Jeppson,
Italia Giancarlo Vitali (10)
Novara Italia Antonio Janni Italia Rino De Togni,
Svezia Ivar Eidefjäll,
Italia Silvio Feccia,
Italia Silvio Formentin (34)
Paraguay Dionisio Arce (11)
Pro Patria[8] Italia Luigi Rossetto (1ª-14ª)
Ungheria Imre Senkey (15ª-34ª)
Italia Spartaco Donati (32) Romania Norberto Höfling (8)
Roma Inghilterra Jesse Carver Italia Raoul Bortoletto (34) Italia Carlo Galli (12)
Sampdoria[9] Italia Paolo Tabanelli (1ª-7ª)
Italia Paolo Tabanelli & Ungheria Lajos Czeizler (D.T.) (8ª-34ª)
Italia Gaudenzio Bernasconi,
Italia Giuseppe Farina (34)
Italia Giuseppe Baldini,
Italia Oliviero Conti,
Italia Pierluigi Ronzon (10)
SPAL Italia Bruno Biagini Italia Giovanni Ferraro,
Italia Rinaldo Olivieri (34)
Italia Rinaldo Olivieri (7)
Torino Italia Annibale Frossi Italia Giovanni Molino (34) Italia Giancarlo Bacci (15)
Triestina Italia Severino Feruglio Italia Aldo Dorigo,
Italia Giuseppe Secchi (31)
Italia Giuseppe Secchi (10)
Udinese Italia Giuseppe Bigogno Italia Gianfranco Dell'Innocenti,
Italia Giovanni Romano,
Svezia Arne Selmosson (34)
Italia Lorenzo Bettini (20)

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Scudetto.svg 1. Milan 48 34 19 10 5 81 35 +46
1downarrow red.svg 2. Udinese 44 34 16 12 6 58 42 +16
3. Roma 41 34 13 15 6 53 39 +14
4. Bologna 40 34 15 10 9 56 47 +9
5. Fiorentina 39 34 14 11 9 49 48 +1
6. Napoli 38 34 13 12 9 50 40 +10
7. Juventus 37 34 12 13 9 60 53 +7
8. Inter[10] 36 34 13 10 11 55 49 +6
9. Sampdoria 34 34 11 12 11 54 44 +10
9. Torino 34 34 12 10 12 42 45 −3
11. Genoa 31 34 9 13 12 34 44 −10
1downarrow red.svg 12. Catania 30 34 10 10 14 38 47 −9
12. Lazio 30 34 11 8 15 41 52 −11
12. Triestina 30 34 9 12 13 34 52 −18
15. Atalanta 28 34 8 12 14 35 38 −3
15. Novara 28 34 10 8 16 39 53 −14
17. SPAL 23 34 5 13 16 24 49 −25
18. Pro Patria 21 34 6 9 19 29 55 −26

Legenda:

         Campione d'Italia 1955 (quinto titolo) e qualificato in Coppa Latina 1955 e in Coppa dei Campioni 1955-1956
         Qualificate in Coppa Mitropa 1955[11]
         Retrocesse in Serie B 1955-1956 a seguito di giudizio per illeciti sportivi

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Era in vigore il pari merito ed in caso di parità venivano effettuati i necessari spareggi. La stampa del periodo usava, inoltre, un ordinamento grafico per quoziente reti: la differenza reti non era stata ancora inventata.
La SPAL e la Pro Patria, retrocesse sul campo, vennero ripescate rispettivamente in luogo dell'Udinese e del Catania.

Squadra campione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Associazione Calcio Milan 1954-1955.

Riserve: Eros Beraldo (18), Alfio Fontana (13), Albano Vicariotto (12), Franco Pedroni (10), Valentino Valli (7), Riccardo Toros (2), Sandro Vitali (1) e Giancarlo Magnavacca (0).

Allenatori: Béla Guttman (fino a febbraio 1955) ed Ettore Puricelli (da febbraio 1955).

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

  Ata Bol Cat Fio Gen Int Juv Laz Mil Nap Nov PPa Rom Sam SPA Tor Tri Udi
Atalanta –––– 0-1 4-0 5-1 0-2 1-1 2-1 3-2 1-1 1-1 4-0 1-2 1-1 1-1 0-0 2-0 0-0 0-2
Bologna 0-0 –––– 4-2 0-2 2-1 3-2 2-1 2-1 1-2 1-3 2-2 5-0 1-3 3-1 2-0 4-1 1-1 2-4
Catania 1-0 2-2 –––– 0-1 2-0 1-1 2-2 1-0 1-3 1-1 0-0 2-1 2-2 2-1 1-0 2-1 2-1 5-0
Fiorentina 2-1 0-2 2-1 –––– 2-2 3-3 0-0 0-1 0-2 0-0 1-0 1-0 1-1 1-0 1-0 2-2 4-1 3-1
Genoa 1-0 1-2 0-0 0-0 –––– 2-0 2-0 2-0 0-8 1-1 0-0 1-3 1-0 1-1 1-1 2-0 0-0 1-1
Inter 3-0 2-2 3-0 3-5 0-1 –––– 1-2 2-1 1-1 1-4 3-0 2-0 1-2 1-0 1-0 1-1 4-1 2-2
Juventus 0-0 5-1 1-1 4-1 2-1 3-2 –––– 4-2 3-4 1-1 2-1 4-2 1-1 2-2 3-1 3-0 1-2 1-1
Lazio 1-0 0-0 1-0 2-1 2-1 3-2 2-1 –––– 2-4 2-1 1-1 2-0 1-1 1-3 0-0 0-2 1-1 0-2
Milan 3-1 0-0 2-0 4-0 2-2 1-1 3-1 3-0 –––– 1-1 3-0 2-0 0-2 1-3 6-0 4-1 4-0 2-2
Napoli 1-0 1-1 2-0 1-1 3-1 1-2 1-1 3-2 0-2 –––– 1-2 2-1 2-0 2-2 2-1 0-2 4-0 3-1
Novara 0-1 1-0 2-0 1-0 3-1 2-4 2-2 2-1 1-1 2-1 –––– 0-1 1-2 1-0 2-0 0-1 2-0 3-3
Pro Patria 1-2 0-2 2-1 1-1 0-2 0-1 1-2 2-0 1-1 0-2 0-0 –––– 1-1 1-0 1-1 1-2 0-2 2-2
Roma 0-0 3-4 3-1 3-4 2-1 3-0 1-1 1-3 2-1 0-0 5-3 1-1 –––– 1-1 1-0 1-0 2-0 1-1
Sampdoria 2-1 2-0 1-1 3-3 2-2 1-1 5-1 0-0 0-3 5-2 6-2 3-0 1-1 –––– 1-0 1-1 2-0 2-0
SPAL 0-0 1-1 1-3 1-3 1-0 2-0 0-0 2-2 0-0 1-1 2-1 1-1 2-5 2-0 –––– 1-1 1-0 1-4
Torino 1-1 1-2 1-0 0-1 0-0 1-1 2-2 3-1 1-2 1-0 3-2 3-1 1-1 1-0 1-0 –––– 5–1 1–1
Triestina 3-1 0-0 1-1 1-1 1-1 0-1 4-2 1-3 4-3 0-2 1-0 1-0 0-0 3-1 1-1 2-1 –––– 0–0
Udinese 3-1 2-1 1-0 2-1 3-0 0-2 0-1 1-1 3-2 3-0 1-0 2-2 1-0 2-1 3-0 3-0 1-1 ––––

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Andata (1ª) Prima giornata Ritorno (18ª)
19 set. 2-1 Fiorentina-Catania 1-0 6 feb.
1-1 Genoa-Napoli 1-3
1-3 Lazio-Sampdoria 0-0
4-0 Milan-Triestina 3-4
1-2 Novara-Roma 3-5
1-2 Pro Patria-Juventus 2-4
0-0 SPAL-Atalanta 0-0
1-2 Torino-Bologna 1-4
0-2 Udinese-Inter 2-2
Andata (2ª) Seconda giornata Ritorno (19ª)
26 set. 2-0 Atalanta-Torino 1-1 13 feb.
4-2 Bologna-Catania 2-2
1-0 Fiorentina-Novara 0-1
1-0 Inter-SPAL 0-2
4-2 Juventus-Lazio 1-2
3-1 Napoli-Udinese 0-3
2-1 Roma-Genoa 0-1
0-3 Sampdoria-Milan 3-1
1-0 Triestina-Pro Patria 2-0


Andata (3ª) Terza giornata Ritorno (20ª)
3 ott. 1-3 Bologna-Napoli 1-1 20 feb.
5-0 Catania-Udinese 0-1
1-1 Genoa-SPAL 0-1
2-1 Lazio-Fiorentina 1-0
3-1 Milan-Atalanta 1-1
2-2 Novara-Juventus 1-2
1-1 Pro Patria-Roma 1-1
1-1 Torino-Inter 1-1
3-1 Triestina-Sampdoria 0-2
Andata (4ª) Quarta giornata Ritorno (21ª)
10 ott. 3-2 Atalanta-Lazio 0-1 27 feb.
1-3 Catania-Milan 0-2
2-0 Inter-Pro Patria 1-0
1-2 Juventus-Triestina 2-4
0-2 Napoli-Torino 0-1
3-4 Roma-Bologna 3-1
3-3 Sampdoria-Fiorentina 0-1
2-1 SPAL-Novara 0-2
3-0 Udinese-Genoa 1-1


Andata (5ª) Quinta giornata Ritorno (22ª)
17 ott. 2-2 Bologna-Novara 0-1 6 mar.
0-0 Fiorentina-Juventus 1-4
0-0 Genoa-Catania 0-2
1-0 Inter-Sampdoria 1-1
1-1 Lazio-Roma 3-1
0-2 Napoli-Milan 1-1
1-2 Pro Patria-Atalanta 2-1
1-0 Torino-SPAL 1-1
0-0 Triestina-Udinese 1-1 6 apr.
Andata (6ª) Sesta giornata Ritorno (23ª)
24 ott. 1-1 Atalanta-Inter 0-3 13 mar.
2-0 Genoa-Lazio 1-2
1-1 Juventus-Catania 2-2
4-1 Milan-Torino 2-1
2-0 Novara-Triestina 0-1
1-0 Pro Patria-Sampdoria 0-3
0-0 Roma-Napoli 0-2
1-3 SPAL-Fiorentina 0-1
2-1 Udinese-Bologna 4-2


Andata (7ª) Settima giornata Ritorno (24ª)
31 ott. 1-2 Bologna-Milan 0-0 20 mar.
0-0 Catania-Novara 0-2 19 mar.
3-1 Fiorentina-Udinese 1-2 20 mar.
1-2 Inter-Roma 0-3
1-1 Juventus-Napoli 1-1
0-2 Lazio-Torino 1-3
2-1 Sampdoria-Atalanta 1-1
1º nov. 1-1 SPAL-Pro Patria 1-1
31 ott. 1-1 Triestina-Genoa 0-0
Andata (8ª) Ottava giornata Ritorno (25ª)
7 nov. 0-0 Atalanta-Triestina 1-3 3 apr.
1-0 Catania-Lazio 0-1
1-2 Genoa-Bologna 1-2
1-1 Milan-Inter 1-1
1-2 Napoli-Novara 1-2
1-1 Pro Patria-Fiorentina 0-1
1-1 Roma-Juventus 1-1
1-0 Torino-Sampdoria 1-1
3-0 Udinese-SPAL 4-1


Andata (9ª) Nona giornata Ritorno (26ª)
14 nov. 1-1 Atalanta-Roma 0-0 10 apr.
0-2 Fiorentina-Milan 0-4
2-2 Inter-Bologna 2-3
3-0 Juventus-Torino 2-2
0-2 Lazio-Udinese 1-1
0-1 Novara-Pro Patria 0-0
2-2 Sampdoria-Genoa 1-1
1-1 SPAL-Napoli 1-2
1-1 Triestina-Catania 1-2
Andata (10ª) Decima giornata Ritorno (27ª)
21 nov. 3-1 Bologna-Sampdoria 0-2 17 apr.
2-1 Fiorentina-Atalanta 1-5
2-0 Genoa-Inter 1-0
2-0 Lazio-Pro Patria 0-2
3-0 Milan-Novara 1-1
1-3 SPAL-Catania 0-1
1-1 Torino-Roma 0-1
0-2 Triestina-Napoli 0-4
0-1 Udinese-Juventus 1-1


Andata (11ª) Undicesima giornata Ritorno (28ª)
12 dic. 2-0 Bologna-SPAL 1-1 24 apr.
22 dic. 1-0 Catania-Atalanta 0-4
12 dic. 1-2 Inter-Juventus 2-3
1-1 Napoli-Fiorentina 0-0
2-1 Novara-Lazio 1-1
0-2 Pro Patria-Genoa 3-1
2-1 Roma-Milan 2-0
2-0 Sampdoria-Udinese 1-2
5-1 Torino-Triestina 1-2
Andata (12ª) Dodicesima giornata Ritorno (29ª)
19 dic. 4-0 Atalanta-Novara 1-0 1º mag.
1-1 Catania-Inter 0-3
1-1 Fiorentina-Roma 4-3
2-1 Juventus-Genoa 0-2
2-1 Lazio-Napoli 2-3
26 gen. 2-2 Milan-Udinese 2-3
19 dic. 1-2 Pro Patria-Torino 1-3
1-0 Sampdoria-SPAL 0-2
0-0 Triestina-Bologna 1-1


Andata (13ª) Tredicesima giornata Ritorno (30ª)
26 dic. 0-0 Bologna-Atalanta 1-0 8 mag.
0-0 Genoa-Fiorentina 2-2
3-0 Milan-Lazio 4-2
1-2 Napoli-Inter 4-1
1-0 Novara-Sampdoria 2-6
2-0 Roma-Triestina 0-0
0-0 SPAL-Juventus 1-3
1-0 Torino-Catania 1-2
2-2 Udinese-Pro Patria 2-2 30 apr.
Andata (14ª) Quattordicesima giornata Ritorno (31ª)
2 gen. 0-2 Atalanta-Genoa 0-1 15 mag.
0-2[12] Fiorentina-Bologna 2-0
4-1 Inter-Triestina 1-0
3-4 Juventus-Milan 1-3
1º gen. 0-1 Novara-Torino 2-3
2 gen. 0-2 Pro Patria-Napoli 1-2
1-1 Roma-Udinese 0-1
1-1 Sampdoria-Catania 1-2
2-2 SPAL-Lazio 0-0


Andata (15ª) Quindicesima giornata Ritorno (32ª)
6 gen. 1-1 Atalanta-Napoli 0-1 5 giu.
2-1 Bologna-Juventus 1-5 4 giu.
9 gen. 2-1 Catania-Pro Patria 1-2 2 giu.
6 gen. 3-2 Lazio-Inter 1-2 5 giu.
2-2 Milan-Genoa 8-0
1-1 Sampdoria-Roma 1-1
0-1 Torino-Fiorentina 2-2
1-1 Triestina-SPAL 0-1
1-0 Udinese-Novara 3-3
Andata (16ª) Sedicesima giornata Ritorno (33ª)
23 gen. 2-2 Catania-Roma 1-3 12 giu.
0-0 Genoa-Novara 1-3
3-5 Inter-Fiorentina 3-3
0-0 Juventus-Atalanta 1-2
1-1 Lazio-Triestina 3-1
2-2 Napoli-Sampdoria 2-5
0-2 Pro Patria-Bologna 0-5
0-0 SPAL-Milan 0-6
3-0 Udinese-Torino 1-1


Andata (17ª) Diciassettesima giornata Ritorno (34ª)
30 gen. 0-2 Atalanta-Udinese 1-3 19 giu.
2-1 Bologna-Lazio 0-0
4-1 Fiorentina-Triestina 1-1[13]
2-0 Milan-Pro Patria 1-1
2-0 Napoli-Catania 1-1
2-4 Novara-Inter 0-3
1-0 Roma-SPAL 5-2
5-1 Sampdoria-Juventus 2-2
0-0 Torino-Genoa 0-2

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica in divenire[modifica | modifica wikitesto]

[14]  
10ª 11ª 12ª 13ª 14ª 15ª 16ª 17ª 18ª 19ª 20ª 21ª 22ª 23ª 24ª 25ª 26ª 27ª 28ª 29ª 30ª 31ª 32ª 33ª 34ª
Atalanta 1 3 3 5 7 8 8 9 10 10 10 12 13 13 14 15 15 16 17 18 18 18 18 19 19 20 22 24 26 26 26 26 28 28
Bologna 2 4 4 6 7 7 7 9 10 12 14 15 16 18 20 22 24 26 27 28 28 28 28 29 31 33 33 34 35 37 37 37 39 40
Catania 0 0 2 2 3 4 5 7 8 10 12 13 13 14 16 17 17 17 18 18 18 20 21 21 21 23 25 25 25 27 29 29 29 30
Fiorentina 2 4 4 5 6 8 10 11 11 13 14 15 16 16 18 20 22 24 24 24 26 26 28 28 30 30 30 31 33 34 36 37 38 39
Genoa 1 1 2 2 3 5 6 6 7 9 11 11 12 14 15 16 17 17 19 19 20 20 20 21 21 22 24 24 26 27 29 29 29 31
Inter 2 4 5 7 9 10 10 11 12 12 12 13 15 17 17 17 19 20 20 21 23 24 26 26 27 27 27 27 29 29 31 33 34 36
Juventus 2 4 5 5 6 7 8 9 11 13 15 17 18 18 18 19 19 21 21 23 23 25 26 27 28 29 30 32 32 34 34 36 36 37
Lazio 0 0 2 2 3 3 3 3 3 5 5 7 7 8 10 11 11 12 14 16 18 20 22 22 24 25 25 26 26 26 27 27 29 30
Milan 2 4 6 8 10 12 14 15 17 19 19 20 22 24 25 26 28 28 28 29 31 32 34 35 36 38 39 39 39 41 43 45 47 48
Napoli 1 3 5 5 5 6 7 7 8 10 11 11 11 13 14 15 17 19 19 20 20 21 23 24 24 26 28 29 31 33 35 37 37 38
Novara 0 0 1 1 2 4 5 7 7 7 9 9 11 11 11 12 12 12 14 14 16 18 18 20 22 23 24 25 25 25 25 26 28 28
Pro Patria 0 0 1 1 1 3 4 5 7 7 7 7 8 8 8 8 8 8 8 9 9 11 11 12 12 13 15 17 17 18 18 20 20 21
Roma 2 4 5 5 6 7 9 10 11 12 14 15 17 18 19 20 22 24 24 25 27 27 27 29 30 31 33 35 35 36 36 37 39 41
Sampdoria 2 2 2 3 3 3 5 5 6 6 8 10 10 11 12 13 15 16 18 20 20 21 23 24 25 26 28 28 28 30 30 31 33 34
SPAL 1 1 2 4 4 4 5 5 6 6 6 6 7 8 9 10 10 11 13 15 15 16 16 17 17 17 17 18 20 20 21 23 23 23
Torino 0 0 1 3 5 5 7 9 9 10 12 14 16 18 18 18 19 19 20 21 23 24 24 26 27 28 28 28 30 30 32 33 34 34
Triestina 0 2 4 6 7 7 8 9 10 10 10 11 11 11 12 13 13 15 17 17 19 20 22 23 25 25 25 27 28 29 29 29 29 30
Udinese 0 0 0 2 3 5 5 7 9 9 9 10 11 12 14 16 18 19 21 23 24 25 27 29 31 32 33 35 37 38 40 41 42 44

Classifiche di rendimento[modifica | modifica wikitesto]

Rendimento andata-ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Andata Ritorno
Milan 28 Udinese 26
Bologna 24 Napoli 21
Roma 22 Milan 20
Fiorentina 22 Roma 19
Inter 19 Lazio 19
Juventus 19 Sampdoria 19
Torino 19 Juventus 18
Udinese 18 Inter 17
Genoa 17 Triestina 17
Napoli 17 Fiorentina 17
Catania 17 Bologna 16
Sampdoria 15 Novara 16
Atalanta 15 Torino 15
Triestina 13 Genoa 14
Novara 12 Pro Patria 13
Lazio 11 Atalanta 13
SPAL 10 SPAL 13
Pro Patria 8 Catania 13

Rendimento casa-trasferta[modifica | modifica wikitesto]

In casa In trasferta
Udinese 27 Milan 23
Milan 25 Roma 19
Sampdoria 25 Bologna 19
Juventus 24 Udinese 17
Catania 24 Fiorentina 17
Roma 22 Napoli 16
Fiorentina 22 Inter 16
Napoli 22 Juventus 13
Torino 22 Torino 12
Bologna 21 Genoa 11
Lazio 21 Sampdoria 9
Triestina 21 Lazio 9
Novara 21 Triestina 9
Inter 20 Atalanta 9
Genoa 20 Pro Patria 9
Atalanta 19 Novara 7
SPAL 18 Catania 6
Pro Patria 12 SPAL 5

Primati stagionali[modifica | modifica wikitesto]

Record

  • Maggior numero di vittorie: Milan (19)
  • Minor numero di sconfitte: Milan (5)
  • Miglior attacco: Milan (81 reti fatte)
  • Miglior difesa: Milan (35 reti subite)
  • Miglior differenza reti: Milan (+46)
  • Maggior numero di pareggi: Roma (15)
  • Minor numero di vittorie: SPAL (5)
  • Maggior numero di sconfitte: Pro Patria (19)
  • Peggiore attacco: SPAL (33 reti fatte)
  • Peggior difesa: Pro Patria (55 reti subite)
  • Peggior differenza reti: Pro Patria (−26)
  • Partita con più reti: Inter-Fiorentina 3-5 (16ª giornata), Roma-Novara 5-3 (18ª giornata), Sampdoria-Novara 6-2 (30ª giornata) e Genoa-Milan 0-8 (32ª giornata)

Capolista solitarie

  • dalla 3ª alla 34ª giornata: Milan

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del campionato furono segnati complessivamente 832 gol (di cui 53 su calcio di rigore, 34 su autorete e 2 assegnati su giudizio sportivo) da 168 diversi giocatori, per una media di 2,72 gol a partita. La gara per la quale il risultato fu deciso a tavolino fu Fiorentina-Bologna[14]. Di seguito, la classifica dei marcatori[14].

Gol Rigori Giocatore Squadra
27 1 Svezia Gunnar Nordahl Milan
20 Italia Lorenzo Bettini Udinese
17 2 Italia Gino Pivatelli Bologna
16 Danimarca Poul Rasmussen Atalanta
15 Danimarca John Hansen Lazio
15 1 Italia Giancarlo Bacci Torino
15 UruguayItalia Juan Alberto Schiaffino Milan
15 1 Italia Giuseppe Virgili Fiorentina
14 6 Italia Gino Armano Inter
14 Svezia Arne Selmosson Udinese

Marcature multiple[modifica | modifica wikitesto]

[14]

Reti Calciatore Incontro Giornata
4 Svezia Gunnar Nordahl Milan-Spal 6-0 33

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Melegari, 479
  2. ^ Sarosi denunciato dal Genoa alle competenti autorità federali, Il Corriere dello Sport, n. 124, 25 maggio 1955, p. 3.
  3. ^ Soltanto Olivieri al timone della Juve, Il Corriere dello Sport, n. 250, 20 ottobre 1954, p. 4.
  4. ^ Viri Rosetta alla guida della Juve, Il Corriere dello Sport, n. 30, 4 febbraio 1955, p. 3.
  5. ^ Da oggi George Raynor al timone della Lazio, Il Corriere dello Sport, n. 261, 2 novembre 1954, p. 1.
  6. ^ Storia della stagione su magliarossonera.it
  7. ^ Affidate a Puricelli le redini del Milan, Il Corriere dello Sport, n. 40, 16 febbraio 1955, p. 1.
  8. ^ Imre Senkey alla guida della Pro Patria, Il Corriere dello Sport, n. 4, 5 gennaio 1955, p. 1.
  9. ^ Da oggi Czeizler al timone della Lazio, Il Corriere dello Sport, n. 261, 2 novembre 1954, p. 3.
  10. ^ L'Inter fu invitata a fine stagione a rappresentare la città di Milano, capitale economica del paese, nella nascente Coppa delle Città di Fiera. La partecipazione del Milan alla Coppa dei Campioni aveva reso i rossoneri disinteressati a costituire una squadra meneghina unica come accaduto invece in altre realtà europee come ad esempio Londra. Il posizionamento dei nerazzurri in questo campionato fu invece del tutto irrilevante per l'ingresso nella competizione.
  11. ^ Le due squadre ottennero l'accesso a seguito della rinuncia dell'Udinese già prima della sua retrocessione. Corriere dello Sport
  12. ^ Risultato a seguito di giudizio sportivo. La partita fu sospesa al minuto 83 sul punteggio di 1-3 a causa dell'invasione di campo dei tifosi fiorentini. Il risultato fu poi tramutato in 0-2
  13. ^ Disputata in campo neutro all'Arena Garibaldi di Pisa.
  14. ^ a b c d Campionato 1954-55 su rsssf.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabrizio Melegari (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 2005 - La storia 1898-2004. Modena, Panini, 2004.
  • La Stampa, annate 1954 e 1955.
  • Corriere dello Sport, annate 1954 e 1955.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]