Virginio Rosetta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Virginio Rosetta
Virginio Rosetta - Juventus.jpg
Rosetta alla Juventus negli anni 1930
Nazionalità Italia Italia
Altezza 172 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1936 - giocatore
1948 - allenatore
Carriera
Giovanili
1918-1920 Pro Vercelli
Squadre di club1
1919-1923 Pro Vercelli 85 (11)
1923-1936 Juventus 338 (15)
Nazionale
1920-1934 Italia Italia 52 (0)
Carriera da allenatore
1935-1939 Juventus
1939-1940 Lucchese
1943-1944 Biellese
1946-1947 Mestrina
1947-1948 Palermo
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Bronzo Amsterdam 1928
Transparent.png Coppa Internazionale
Oro 1927-1930
Oro 1933-1935
Julesrimet.gif Mondiali di calcio
Oro Italia 1934
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Virginio Rosetta, a volte riportato anche come Virgilio Rosetta[1] (Vercelli, 24 febbraio 1902[2]Torino, 29 marzo 1975[3]), è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano, di ruolo terzino destro.

Ritenuto il primo calciatore professionista nel Paese,[4] ha vinto otto campionati di lega (record a pari merito con Gianluigi Buffon, Giovanni Ferrari e Giuseppe Furino), due dei quali con la Pro Vercelli e gli altri sei con la Juventus, nella quale militò per quattordici anni diventando uno dei suoi uomini-simbolo, nonché suo capitano dal 1929 al 1935; due Coppe Internazionali (1927-1930 e 1933-1935) e un campionato mondiale (1934) con l'Italia.

Rosetta formò – assieme al portiere Gianpiero Combi e il terzino Umberto Caligaris, tutti e tre compagni di squadra nella Juventus e Nazionale – quella che è ritenuta dalla stampa specializzata come la miglior linea difensiva di tutti i tempi espressa nel calcio italiano e una delle migliori nella storia della disciplina.[5][6]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

« Per esemplificare, uno Scirea, un Baresi dei tempi moderni.[3] »

Terzino metodista, inizialmente attaccante,[7] aveva una spiccata capacità di lettura del gioco, che lo resero un abile organizzatore difensivo (anticipando il ruolo del libero);[8] affiancato spesso da Caligaris, aiutava il compagno nei tempi d'intervento.[8] Aveva inoltre una notevole potenza di tiro.[8]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi e Pro Vercelli[modifica | modifica wikitesto]

Crebbe nella natia Vercelli, dove inizio già a cinque a tirare i primi calci a un pallone, fondando a dieci anni una società calcistica di coetanei, denominata Sezione Propaganda,[7] con cui ebbe modo di affrontare la squadra Sports, in cui invece giocava Umberto Caligaris, futuro compagno di squadra alla Juventus e in Nazionale.[7] Si trasferì in seguito a Milano per studiare, e giocò tra le file della società Bambini Nerazzurri.[7]

Rosetta (a sinistra) in azione alla Pro Vercelli tra gli anni 1910 e 1920.

Poco tempo dopo tornò nella città natale e giocò tra le file del 20° Autoparco, dove fu notato dai dirigenti della Pro Vercelli, che lo aggregarono alla rosa.[7] Esordì con il club vercellese all'età di diciassette anni, giocando come attaccante, nel primo campionato dopo la Grande Guerra, nel 1919-1920. Con la squadra piemontese giocò una buona stagione 1922-1923 in Prima Divisione con 25 presenze e 7 gol.[9] In seguito l'allenatore decise di schierarlo come terzino, facendolo esordire nel nuovo ruolo nella partita di campionato contro la Juventus.[7] Vinse il suo primo titolo tricolore nel 1920-1921 e si ripeté nel 1921-1922, nel campionato C.C.I.

Juventus[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Caso Rosetta, Caso Allemandi e Quinquennio d'oro.

Nel 1923 si trasferì, contro il parere della dirigenza vercellese,[7] alla Juventus per 50 000 lire, godendo anche di uno stipendio, che non percepiva quando giocava alla Pro.[10] La compagine bianconera fece scendere in campo in campionato il terzino senza avere il consenso della società vercellese, a causa di ciò venne diffidata dalla Lega Nord e tutte le gare giocate dal calciatore vennero annullate, scatenando il famoso Caso Rosetta.[7] Il direttore del consiglio federale, l'avvocato Ulisse Baruffini del Milan, assegnò a tavolino agli avversari tre gare giocate dai bianconeri con Rosetta in campo, scatenando l'ira della dirigenza del club torinese.[7]

Rosetta (a sinistra) assieme al portiere Combi e al compagno di reparto Caligaris, il Trio dei ragionieri pluricampione d'Italia nella Juventus e campione del mondo in Nazionale.

Dopo diverso tempo la Pro Vercelli ufficializzò il trasferimento e la questione, dopo mesi di riunioni e consigli generali, si chiuse;[7] Rosetta non incappò più nelle maglie della giustizia sportiva, seppur Gianni Brera sostenne che fosse proprio lui, e non Luigi Allemandi, il calciatore coinvolto nel caso che determinò la revoca dello scudetto 1926-1927 al Torino.[11] In maglia juventina Rosetta vinse il suo terzo scudetto nel 1926, e fu fra i protagonisti della squadra che dominò la scena nazionale per la prima metà degli anni 1930 con cinque titoli consecutivi. Si ritirò all'età di trentaquattro anni, nel 1936, dopo tredici anni da titolare a Torino, per un totale di 338 gare, vincendo ben otto campionati italiani ante e post girone unico.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Esordì in maglia azzurra il 31 agosto 1920, ai Giochi Olimpici di Anversa 1920, contro la Norvegia.[7] Il primo periodo in Nazionale fece coppia con Renzo De Vecchi, quindi fu rimpiazzato per un periodo da Umberto Caligaris nel ruolo di terzino destro. In Nazionale giocò un totale di 52 partite, l'ultima delle quali contro gli Stati Uniti nel campionato del mondo 1934, vinto dall'Italia padrona di casa. Il 2 dicembre 1933, alla vigilia della sua cinquantesima presenza in azzurro, fu nominato Cavaliere della Corona d'Italia.[1] Fu poi sostituito nel ruolo di terzino destro dal bolognese Eraldo Monzeglio.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
31-8-1920 Anversa Norvegia Norvegia 1 – 2 dts Italia Italia Olimpiadi 1920 - Consolazione 1º turno -
20-2-1921 Marsiglia Francia Francia 1 – 2 Italia Italia Amichevole -
6-3-1921 Milano Italia Italia 2 – 1 Svizzera Svizzera Amichevole -
5-5-1921 Anversa Belgio Belgio 2 – 3 Italia Italia Amichevole -
8-5-1921 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 2 Italia Italia Amichevole -
9-3-1924 Milano Italia Italia 0 – 0 Spagna Spagna Amichevole -
6-4-1924 Budapest Ungheria Ungheria 7 – 1 Italia Italia Amichevole -
25-5-1924 Colombes Italia Italia 1 – 0 Spagna Spagna Olimpiadi 1924 - Turno di qual. -
29-5-1924 Parigi Lussemburgo Lussemburgo 0 – 2 Italia Italia Olimpiadi 1924 - Ottavi -
2-6-1924 Parigi Svizzera Svizzera 2 – 1 Italia Italia Olimpiadi 1924 - Quarti -
14-6-1925 Valencia Spagna Spagna 1 – 0 Italia Italia Amichevole -
18-6-1925 Lisbona Portogallo Portogallo 1 – 0 Italia Italia Amichevole -
17-1-1926 Torino Italia Italia 3 – 1 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Amichevole -
21-3-1926 Torino Italia Italia 3 – 0 Irlanda Irlanda Amichevole -
18-7-1926 Stoccolma Svezia Svezia 5 – 3 Italia Italia Amichevole -
28-10-1926 Praga Cecoslovacchia Cecoslovacchia 3 – 1 Italia Italia Amichevole -
30-1-1927 Ginevra Svizzera Svizzera 1 – 5 Italia Italia Amichevole -
20-2-1927 Milano Italia Italia 2 – 2 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Amichevole -
17-4-1927 Torino Italia Italia 3 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole -
24-4-1927 Parigi Francia Francia 3 – 3 Italia Italia Amichevole -
1-1-1928 Genova Italia Italia 3 – 2 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Coppa Internazionale 1927-1930 -
25-3-1928 Roma Italia Italia 4 – 3 Ungheria Ungheria Coppa Internazionale 1927-1930 -
29-5-1928 Amsterdam Francia Francia 3 – 4 Italia Italia Olimpiadi 1928 - Ottavi -
1-6-1928 Amsterdam Spagna Spagna 1 – 1 dts Italia Italia Olimpiadi 1928 - Quarti -
4-6-1928 Amsterdam Spagna Spagna 1 – 7 Italia Italia Olimpiadi 1928 - Quarti rip. -
7-6-1928 Amsterdam Uruguay Uruguay 3 – 2 Italia Italia Olimpiadi 1928 - Semif. -
14-10-1928 Zurigo Svizzera Svizzera 2 – 3 Italia Italia Coppa Internazionale 1927-1930 -
11-11-1928 Roma Italia Italia 2 – 2 Austria Austria Amichevole -
2-12-1928 Milano Italia Italia 3 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
3-3-1929 Bologna Italia Italia 4 – 2 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Coppa Internazionale 1927-1930 -
7-4-1929 Vienna Austria Austria 3 – 0 Italia Italia Coppa Internazionale 1927-1930 -
28-4-1929 Torino Italia Italia 1 – 2 Germania Germania Amichevole -
1-12-1929 Milano Italia Italia 6 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole -
9-2-1930 Roma Italia Italia 4 – 2 Svizzera Svizzera Amichevole -
2-3-1930 Francoforte Germania Germania 0 – 2 Italia Italia Amichevole -
6-4-1930 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Italia Italia Amichevole -
22-6-1930 Bologna Italia Italia 2 – 3 Spagna Spagna Amichevole -
25-1-1931 Bologna Italia Italia 5 – 0 Francia Francia Amichevole -
19-4-1931 Bilbao Spagna Spagna 0 – 0 Italia Italia Amichevole -
13-12-1931 Torino Italia Italia 3 – 2 Ungheria Ungheria Coppa Internazionale 1931-1932 -
14-2-1932 Napoli Italia Italia 3 – 0 Svizzera Svizzera Coppa Internazionale 1931-1932 -
20-3-1932 Vienna Austria Austria 2 – 1 Italia Italia Coppa Internazionale 1931-1932 -
10-4-1932 Parigi Francia Francia 1 – 2 Italia Italia Amichevole -
8-5-1932 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 1 Italia Italia Coppa Internazionale 1931-1932 -
12-2-1933 Bruxelles Belgio Belgio 2 – 3 Italia Italia Amichevole -
2-4-1933 Ginevra Svizzera Svizzera 0 – 3 Italia Italia Coppa Internazionale 1933-1935 -
7-5-1933 Firenze Italia Italia 2 – 0 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Coppa Internazionale 1933-1935 -
13-5-1933 Roma Italia Italia 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
22-10-1933 Budapest Ungheria Ungheria 0 – 1 Italia Italia Coppa Internazionale 1933-1935 -
3-12-1933 Firenze Italia Italia 5 – 2 Svizzera Svizzera Coppa Internazionale 1933-1935 -
11-2-1934 Torino Italia Italia 2 – 4 Austria Austria Coppa Internazionale 1933-1935 -
27-5-1934 Roma Italia Italia 7 – 1 Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 1934 - Ottavi -
Totale Presenze 52 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Pro Vercelli: 1920-1921, 1921-1922
Juventus: 1925-1926, 1930-1931, 1931-1932, 1932-1933, 1933-1934, 1934-1935

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam 1928
1927-1930, 1933-1935
Italia 1934

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Juventus: 1937-1938
Palermo: 1947-1948 (girone C)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Corona d'Italia
— Firenze, 2 dicembre 1933

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il campione della settimana: Il Cav. Virgilio Rosetta, in La Domenica Sportiva, nº 50, 10 dicembre 1933, p. 4.
  2. ^ La quasi totalità delle fonti riporta come data di nascita 25 febbraio 1902; tuttavia, all'ufficio anagrafe del comune di Vercelli la data di nascita corrisponde al 24 febbraio.
  3. ^ a b Solo per l'anno della morte è certo, cfr. Dizionario del calcio, p. 157
  4. ^ Sappino, p. 460
  5. ^ Lo Presti
  6. ^ Wilson
  7. ^ a b c d e f g h i j k Bruno Slawitz, Combi, Rosetta e Caligaris, in Galleria dei Campioni, nº 5, 30 giugno 1953, p. 8.
  8. ^ a b c Bacci, pp. 26-27
  9. ^ La Biblioteca del Calcio, p. 22
  10. ^ Bacci, p. 16
  11. ^ 1927: Lo scudetto di nessuno, su storiedicalcio.altervista.org.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La Biblioteca del Calcio, 1922-1923, Geo Edizioni.
  • Vladimiro Caminiti, Juventus Juventus. Dizionario storico romantico dei bianconeri, Milano, Edizioni Elle, 1977, p. 197.
  • Marco Sappino (a cura di), Dizionario biografico enciclopedico di un secolo del calcio italiano, vol. 2, Milano, Baldini Castoldi Dalai, 2000, ISBN 88-8089-862-0.
  • Salvatore Lo Presti, COMBI, Giampiero, in Enciclopedia dello sport, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2002.
  • Gino Bacci, Storia del calcio italiano, Milano, Gruppo Editoriale Armenia, 2006, ISBN 88-8113-350-4.
  • (EN) Jonathan Wilson, The Outsider: A History of the Goalkeeper, Hachette UK, 2012, ISBN 1-4091-2320-0.
  • AA.VV., Dizionario del calcio, a cura della redazione de "La Gazzetta dello Sport", Dizionari Rizzoli.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]