Serie A 1969-1970

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Serie A 1969-1970
Competizione Serie A
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 68ª
Organizzatore Lega Nazionale Professionisti
Date dal 14 settembre 1969
al 26 aprile 1970
Luogo Italia Italia
Partecipanti 16
Risultati
Vincitore Cagliari
(1º titolo)
Retrocessioni Brescia
Palermo
Bari
Statistiche
Miglior marcatore Italia Gigi Riva (21)
Incontri disputati 240
Gol segnati 464 (1,93 per incontro)
Unione Sportiva Cagliari 1969-70.jpg
Una formazione del Cagliari campione d'Italia
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1968-1969 1970-1971 Right arrow.svg

La Serie A 1969-1970 fu il massimo livello della 68ª edizione del campionato italiano di calcio, la 38ª disputata con la formula del girone unico. Il torneo si disputò tra il 14 settembre 1969 e il 26 aprile 1970 e si concluse con la vittoria del Cagliari, al suo primo titolo.

Capocannoniere del torneo fu, per la terza volta in quattro anni, Gigi Riva (Cagliari) con 21 reti.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Antonello Cuccureddu, nuovo jolly della Juventus.

A movimentare particolarmente il mercato furono gli scambi tra il Cagliari e l'Inter; ai sardi, che acquistarono anche il fresco campione d'Italia Mancin dalla Fiorentina, andarono il difensore Poli, il centrocampista Domenghini e il centravanti Gori, mentre i milanesi, affidati a Heriberto Herrera, incassarono 250 milioni e la firma di Boninsegna.[1]

La Juventus rispose acquistando lo stopper Morini e la mezzala Vieri dalla Sampdoria,[1] a cui si aggiunse nella sessione autunnale il promettente jolly Cuccureddu dal Brescia.[2] La Roma esaudì le richieste di Helenio Herrera ingaggiando il centravanti Cappellini,[3] infine il Torino investì molto per assicurarsi il giovane fantasista Sala.[1]

Il campionato[modifica | modifica wikitesto]

Il campionato iniziò il 14 settembre 1969; partirono bene i campioni uscenti della Fiorentina, sorpassati alla quinta giornata dal Cagliari dopo la sconfitta interna del 12 ottobre contro gli stessi rossoblù.[1] La squadra sarda iniziò la sua fuga, ottenendo subito buoni risultati grazie a un collettivo votato alla difesa, che approfittava in attacco dell'estro del veloce Riva.[4] Un mese dopo, il vantaggio su Fiorentina e Inter era di +4.

Il bomber Gigi Riva, miglior marcatore del torneo con 21 gol, e il tecnico Manlio Scopigno, due dei maggiori protagonisti nel trionfo sardo.

Nel corso di dicembre il tecnico cagliaritano Manlio Scopigno fu squalificato per 5 mesi per aver insultato un guardalinee a Palermo,[5] mentre tra le inseguitrici si aggiunse la Juventus, in ripresa dopo una partenza stentata che era costata la panchina a Luis Carniglia in favore di Ercole Rabitti; comunque i sardi, affidati all'allenatore in seconda Ugo Conti,[5] ressero e il 28 dicembre si fregiarono del titolo simbolico di campione d'inverno con un turno di anticipo.[1]

Nelle prime sette gare di ritorno i bianconeri incamerarono 13 punti; il 15 febbraio 1970 stesero il L.R. Vicenza, mentre il Cagliari pagò dazio a San Siro contro l'Inter, venendo punito nel finale dall'ex Boninsegna e ritrovandosi i piemontesi a 1 solo punto di distacco.[6] I rossoblù riuscirono ad aumentare il vantaggio a +2 la settimana dopo, mantenendo le distanze fino allo scontro diretto del 15 marzo al Comunale di Torino; ottenuto il 2-2 sul finire della gara, il Cagliari poté lanciare la volata finale:[6] la settimana dopo la Juventus cadde a Firenze e mollò la presa, lasciando il secondo posto all'Inter.[1]

Alessandro Vitali, 17 reti nel Lanerossi Vicenza.

Il 12 aprile l'ormai lanciato Cagliari chiuse all'Amsicora la miglior stagione della sua storia, mandando in Serie B il Bari e festeggiando il suo primo e fin qui unico scudetto. A soli 6 anni dall'approdo in massima serie, la squadra rossoblù portò per la prima volta il titolo nel Mezzogiorno d'Italia, lontano dalle grandi città del Nord e del Centro,[6] conquistando una vittoria ricca di significati per l'intera Sardegna; il Cagliari divenne il simbolo di un'isola distante, ritenuta «patria di pastori e banditi» – così spiegò Riva, tra i principali artefici della vittoria[1] – e destinata a diventare in questi anni ambita meta turistica.

Le 21 reti di Riva valsero all'attaccante il titolo di capocannoniere, davanti alla sorpresa Vitali del Lanerossi Vicenza, e la convocazione al campionato del mondo 1970 in Messico insieme ad altri 5 giocatori della squadra rossoblù: Albertosi, Cera, Domenghini, Gori e Niccolai. Le sole 11 reti subite dal Cagliari in 30 partite sono inoltre un record ancora oggi ineguagliato, come la media gol subiti a partita più bassa di sempre, pari a 0,37 [7].

Assieme al Bari, che pure aveva disputato un buon girone di andata, caddero in B il Palermo e il Brescia;[1]; per pugliesi e lombardi la permanenza in massima serie era durata appena un anno. La Lazio e la Sampdoria riuscirono invece a salvarsi grazie a un positivo girone di ritorno. Tormentato e deludente il campionato della Roma di Helenio Herrera che, troppo sterile in fase offensiva, non andò oltre il decimo posto.[3]

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Mappa di localizzazione: Italia
Torino
Torino
Milano
Milano
Roma
Roma
Squadre di Torino
Red pog.svg Juventus
Red pog.svg Torino
Squadre di Milano
Red pog.svg Inter
Red pog.svg Milan
Squadre di Roma
Red pog.svg Lazio
Red pog.svg Roma
Ubicazione delle squadre della Serie A 1969-1970
Club partecipanti[8] Stagione Città Stadio stagione precedente
Bari dettagli Bari Stadio della Vittoria
Stadio San Paolo, Napoli (solo 30ª)
3º posto in Serie B, promosso
Bologna dettagli Bologna Stadio Comunale 9º posto in Serie A
Brescia dettagli Brescia Stadio Mario Rigamonti
Stadio Giuseppe Sinigaglia, Como (solo 26ª)
2º posto in Serie B, promosso
Cagliari dettagli Cagliari Stadio Amsicora 2º posto in Serie A
Fiorentina dettagli Firenze Stadio Comunale
Stadio Marcantonio Bentegodi, Verona (solo 7ª)
1º posto in Serie A
Inter dettagli Milano Stadio San Siro 4º posto in Serie A
Juventus dettagli Torino Stadio Comunale 5º posto in Serie A
Lanerossi Vicenza dettagli Vicenza Stadio Romeo Menti
Stadio Mario Rigamonti, Brescia (solo 18ª)
12º posto in Serie A
Lazio dettagli Roma Stadio Olimpico 1º posto in Serie B, promossa
Milan dettagli Milano Stadio San Siro 2º posto in Serie A
Napoli dettagli Napoli Stadio San Paolo 7º posto in Serie A
Palermo dettagli Palermo Stadio La Favorita
Stadio Cibali, Catania (solo 5ª)
Stadio Comunale, Reggio Calabria (solo 7ª)
11º posto in Serie A
Roma dettagli Roma Stadio Olimpico 8º posto in Serie A
Sampdoria dettagli Genova Stadio Luigi Ferraris 12º posto in Serie A
Torino dettagli Torino Stadio Comunale 6º posto in Serie A
Verona dettagli Verona Stadio Marcantonio Bentegodi 10º posto in Serie A

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori e primatisti[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Allenatore Calciatore più presente[9] Cannoniere[9]
Bari[10] Italia Oronzo Pugliese (1ª-23ª)
Italia Carlo Matteucci (24ª-30ª)
Italia Mario Fara,
Italia Giuseppe Spalazzi,
Italia Vittorio Spimi (30)
Italia Mario Fara (4)
Bologna Italia Edmondo Fabbri Italia Giuseppe Savoldi (30) Italia Lucio Mujesan (7)
Brescia[11] Italia Arturo Silvestri (1ª-12ª)
Italia Mido Bimbi (13ª-30ª)
Italia Bernardino Busi (28) Italia Giampaolo Menichelli (6)
Cagliari Italia Manlio Scopigno Italia Enrico Albertosi,
Italia Angelo Domenghini,
Italia Sergio Gori (30)
Italia Gigi Riva (21)
Fiorentina Argentina Italia Bruno Pesaola Italia Ugo Ferrante (30) Italia Luciano Chiarugi (12)
Inter Paraguay Spagna Heriberto Herrera Italia Roberto Boninsegna (30) Italia Roberto Boninsegna (13)
Juventus[12] Argentina Luis Carniglia (1ª-6ª)
Italia Ercole Rabitti (7ª-30ª)
Italia Giuseppe Furino (30) Italia Pietro Anastasi (15)
Lanerossi Vicenza Uruguay Italia Héctor Puricelli Italia Carlo Facchin (30) Italia Alessandro Vitali (17)
Lazio Italia Roberto Lovati e Argentina Juan Carlos Lorenzo (D.T.) Italia Rino Marchesi (30) Italia Giorgio Chinaglia (12)
Milan Italia Nereo Rocco Brasile Italia Angelo Benedicto Sormani (29) Italia Pierino Prati (12)
Napoli Italia Giuseppe Chiappella Italia Dino Zoff,
Italia Mario Zurlini (30)
Brasile Italia José Altafini (8)
Palermo Italia Carmelo Di Bella Italia Ivan Bertuolo (30) Italia Sergio Pellizzaro,
Italia Gaetano Troja (6)
Roma Argentina Francia Helenio Herrera Italia Alberto Ginulfi,
Italia Sergio Santarini (30)
Spagna Joaquín Peiró (5)
Sampdoria Italia Gipo Poggi e Italia Fulvio Bernardini (D.T.) Italia Pietro Battara,
Italia Giuseppe Sabadini,
Italia Pietro Sabatini (30)
Italia Ermanno Cristin (4)
Torino Italia Giancarlo Cadè Italia Claudio Sala (30) Italia Giorgio Ferrini,
Italia Giambattista Moschino (4)
Verona Italia Renato Lucchi Italia Alberto Batistoni,
Italia Sergio Maddè (30)
Brasile Sergio Clerici (8)

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Scudetto.svg 1. Cagliari 45 30 17 11 2 42 11 +31
2. Inter 41 30 16 9 5 41 19 +22
3. Juventus 38 30 15 8 7 43 20 +23
4. Milan 36 30 13 10 7 38 24 +14
4. Fiorentina 36 30 15 6 9 40 33 +13
6. Napoli 31 30 10 11 9 24 21 +3
7. Torino 30 30 11 8 11 20 31 -11
8. Lazio 29 30 11 7 12 33 32 +1
8. Lanerossi Vicenza 29 30 11 7 12 32 31 +1
[13] 10. Bologna 28 30 6 16 8 22 24 -2
10. Roma 28 30 8 12 10 27 36 -9
12. Verona 26 30 8 10 12 26 30 -4
13. Sampdoria 24 30 6 12 12 22 37 -15
1downarrow red.svg 14. Brescia 20 30 5 10 15 20 35 -15
1downarrow red.svg 14. Palermo 20 30 5 10 15 23 45 -22
1downarrow red.svg 16. Bari 19 30 5 9 16 11 35 -24

Legenda:

      Campione d'Italia e qualificata in Coppa dei Campioni 1970-1971.
      Qualificata in Coppa delle Coppe 1970-1971.
      Qualificate in Coppa delle Fiere 1970-1971.
      Qualificate in Coppa Mitropa 1970.
      Retrocesse in Serie B 1970-1971.

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
A parità di punteggio, in caso di assegnazione di un titolo sportivo in zona retrocessione era prevista come discriminante la differenza reti. Nelle altre circostanze di assegnazione di un titolo sportivo, era previsto uno spareggio in campo neutro, mentre nelle posizioni di classifica non assegnatarie di titoli sportivi le squadre a pari punti erano classificate a pari merito.

Squadra campione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Unione Sportiva Cagliari 1969-1970.
Formazione tipo Giocatori (presenze)
Italia Enrico Albertosi (30)
Italia Mario Martiradonna (28)
Italia Giulio Zignoli (24)
Italia Pierluigi Cera (27)
Italia Comunardo Niccolai (29)
Italia Giuseppe Tomasini (17)
Italia Angelo Domenghini (30)
Brasile Nené (28)
Italia Sergio Gori (30)
Italia Ricciotti Greatti (27)
Italia Gigi Riva (28)
Altri giocatori: Mario Brugnera (19), Cesare Poli (11), Eraldo Mancin (8), Corrado Nastasio (2), Adriano Reginato (1).

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

Bar Bol Bre Cag Fio Int Juv LRV Laz Mil Nap Pal Rom Sam Tor Ver
Bari –––– 0-2 2-0 0-0 1-1 0-1 2-1 0-0 0-0 0-5 0-0 1-0 1-0 0-0 0-1 0-2
Bologna 1-1 –––– 0-3 0-0 2-2 2-1 0-0 1-1 1-0 0-1 1-2 3-1 1-1 1-1 0-1 0-0
Brescia 0-0 1-1 –––– 0-2 1-2 1-1 0-1 1-1 0-0 1-4 1-2 4-2 0-1 0-0 0-1 0-0
Cagliari 2-0 1-0 4-0 –––– 0-0 1-1 1-1 2-1 1-0 1-1 2-0 2-0 1-0 4-0 2-0 1-0
Fiorentina 3-0 0-1 0-1 0-1 –––– 2-0 2-0 2-1 2-0 4-2 1-2 3-1 2-2 1-0 0-0 1-0
Inter 1-0 1-0 3-1 1-0 3-0 –––– 0-0 0-0 3-0 0-0 1-0 2-0 2-0 3-2 2-0 0-0
Juventus 1-0 1-1 1-0 2-2 2-0 2-1 –––– 4-0 2-1 3-0 0-0 4-1 1-1 2-0 1-2 3-0
Lanerossi Vicenza 2-0 1-1 0-1 1-2 1-2 1-1 1-0 –––– 2-1 1-0 3-2 1-1 3-0 2-1 1-0 3-0
Lazio 4-1 1-0 1-0 0-2 5-1 3-1 2-0 1-0 –––– 1-0 0-2 4-0 1-1 1-0 1-1 0-1
Milan 1-0 0-0 1-1 0-0 4-2 0-1 0-2 1-0 3-0 –––– 1-0 1-0 2-3 0-0 3-0 2-0
Napoli 1-0 0-0 0-0 0-2 0-1 0-0 1-0 1-0 1-1 1-1 –––– 0-0 0-0 0-2 4-0 2-1
Palermo 0-0 1-0 1-3 1-0 1-1 1-2 1-3 1-3 1-1 0-0 0-0 –––– 2-2 3-0 1-0 1-0
Roma 1-0 1-2 1-0 1-1 0-1 2-1 0-3 1-0 2-1 0-1 2-1 1-1 –––– 3-3 0-0 1-1
Sampdoria 1-0 0-0 2-0 0-0 1-3 0-5 0-0 0-1 0-2 1-1 0-0 1-0 2-0 –––– 1-1 2-1
Torino 0-1 1-1 1-0 0-4 1-0 0-0 0-3 1-0 3-0 0-1 0-2 1-1 0-0 2-1 –––– 2-1
Verona 4-1 0-0 0-0 1-1 0-1 1-3 1-0 3-1 1-1 2-2 1-0 2-0 2-0 1-1 0-1 ––––

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

andata (1ª) Prima giornata ritorno (16ª)
14 set. 1-0 Bari-Roma 0-1 11 gen.
1-4 Brescia-Milan 1-1
1-0 Fiorentina-Verona 1-0
1-0 Inter-Bologna 1-2
4-1 Juventus-Palermo 3-1
3-2 Lanerossi Vicenza-Napoli 0-1
1-1 Lazio-Torino 0-3
0-0 Sampdoria-Cagliari 0-4


andata (3ª) Terza giornata ritorno (18ª)
28 set. 0-0 Bari-Napoli 0-1 25 gen.
0-2 Brescia-Cagliari 0-4
1-0 Fiorentina-Sampdoria 3-1
2-0 Inter-Torino 0-0
1-1 Juventus-Bologna 0-0
1-0 Lazio-Milan 0-3
1-3 Palermo-Lanerossi Vicenza 1-1
2-0 Verona-Roma 1-1


andata (5ª) Quinta giornata ritorno (20ª)
12 ott. 0-0 Bari-Lanerossi Vicenza 0-2 8 feb.
0-1 Fiorentina-Cagliari 0-0
3-1 Inter-Brescia 1-1
1-2 Juventus-Torino 3-0
1-0 Lazio-Sampdoria 2-0
0-0 Napoli-Roma 1-2
0-0 Palermo-Milan 0-1
0-0 Verona-Bologna 0-0


andata (7ª) Settima giornata ritorno (22ª)
26 ott. 0-0 Bari-Sampdoria 0-1 1º mar.
0-0 Fiorentina-Torino 0-1
2-1 Juventus-Inter 0-0
3-0 Lanerossi Vicenza-Verona 1-3
10 dic. 0-0 Milan-Bologna 1-0
26 ott. 0-2 Napoli-Cagliari 0-2
1-3 Palermo-Brescia 2-4
2-1 Roma-Lazio 1-1


andata (9ª) Nona giornata ritorno (24ª)
16 nov. 1-1 Brescia-Bologna 3-0 15 mar.
1-1 Cagliari-Juventus 2-2
3-0 Fiorentina-Bari 1-1
1-1 Lanerossi Vicenza-Inter 0-0
1-0 Milan-Napoli 1-1
1-1 Palermo-Lazio 0-4
3-3 Roma-Sampdoria 0-2
2-1 Torino-Verona 1-0


andata (11ª) Undicesima giornata ritorno (26ª)
7 dic. 1-0 Cagliari-Bologna 0-0 29 mar.
2-0 Fiorentina-Inter 0-3
3-0 Lanerossi Vicenza-Roma 0-1 28 mar.
0-2 Lazio-Napoli 1-1 29 mar.
0-2 Milan-Juventus 0-3
3-0 Palermo-Sampdoria 0-1
1-0 Torino-Brescia 1-0
4-1 Verona-Bari 2-0[14]


andata (13ª) Tredicesima giornata ritorno (28ª)
21 dic. 0-0 Bari-Cagliari 0-2 12 apr.
0-1 Bologna-Torino 1-1
2-1 Juventus-Lazio 0-2
0-1 Lanerossi Vicenza-Brescia 1-1
4-2 Milan-Fiorentina 2-4
0-0 Napoli-Inter 0-1
1-1 Roma-Palermo 2-2
1-1 Verona-Sampdoria 1-2


andata (15ª) Quindicesima giornata ritorno (30ª)
4 gen. 1-1 Bologna-Roma 2-1 26 apr.
2-0 Cagliari-Torino 4-0
3-1 Fiorentina-Palermo 1-1
3-2 Inter-Sampdoria 5-0
1-0 Juventus-Bari 1-2
1-0 Lanerossi Vicenza-Milan 0-1
1-0 Lazio-Brescia 0-0
2-1 Napoli-Verona 0-1
andata (2ª) Seconda giornata ritorno (17ª)
21 set. 1-0 Bologna-Lazio 0-1 18 gen.
2-1 Cagliari-Lanerossi Vicenza 2-1
1-0 Milan-Bari 5-0
0-1 Napoli-Fiorentina 2-1
1-2 Palermo-Inter 0-2
1-0 Roma-Brescia 1-0
2-1 Torino-Sampdoria 1-1
1-0 Verona-Juventus 0-3


andata (4ª) Quarta giornata ritorno (19ª)
5 ott. 3-1 Bologna-Palermo 0-1 1º feb.
0-0 Brescia-Bari 0-2
1-0 Cagliari-Lazio 2-0
1-2 Lanerossi Vicenza-Fiorentina 1-2
4 ott. 2-0 Milan-Verona 2-2
5 ott. 2-1 Roma-Inter 0-2
0-0 Sampdoria-Juventus 0-2
0-2 Torino-Napoli 0-4


andata (6ª) Sesta giornata ritorno (21ª)
19 ott. 1-1 Bologna-Bari 2-0 15 feb.
0-0 Brescia-Verona 0-0
1-1 Cagliari-Inter 0-1
1-0 Lanerossi Vicenza-Juventus 0-4
5-1 Lazio-Fiorentina 0-2
16 ott. 2-3 Milan-Roma 1-0
19 ott. 0-0 Sampdoria-Napoli 2-0
1-1 Torino-Palermo 0-1


andata (8ª) Ottava giornata ritorno (23ª)
9 nov. 2-2 Bologna-Fiorentina 1-0 8 mar.
1-0 Cagliari-Roma 1-1
0-0 Inter-Milan 1-0
1-0 Lazio-Lanerossi Vicenza 1-2
1-0 Napoli-Juventus 0-0
2-0 Sampdoria-Brescia 0-0
0-1 Torino-Bari 1-0
2-0 Verona-Palermo 0-1


andata (10ª) Decima giornata ritorno (25ª)
30 nov. 1-0 Bari-Palermo 0-0 22 mar.
1-1 Bologna-Lanerossi Vicenza 1-1
3-0 Inter-Lazio 1-3
2-0 Juventus-Fiorentina 0-2
0-0 Napoli-Brescia 2-1
0-0 Roma-Torino 0-0
1-1 Sampdoria-Milan 0-0
1-1 Verona-Cagliari 0-1


andata (12ª) Dodicesima giornata ritorno (27ª)
14 dic. 1-2 Bologna-Napoli 0-0 5 apr.
0-1 Brescia-Juventus 0-1
2-2 Fiorentina-Roma 1-0
15 dic. 1-0 Inter-Bari 1-0
14 dic. 0-1 Lazio-Verona 1-1
1-0 Palermo-Cagliari 0-2
0-1 Sampdoria-Lanerossi Vicenza 1-2
0-1 Torino-Milan 0-3


andata (14ª) Quattordicesima giornata ritorno (29ª)
28 dic. 0-0 Bari-Lazio 1-4 19 apr.
1-2 Brescia-Fiorentina 1-0
1-1 Cagliari-Milan 0-0
0-0 Inter-Verona 3-1
0-0 Palermo-Napoli 0-0
0-3 Roma-Juventus 1-1 18 apr.
0-0 Sampdoria-Bologna 1-1 19 apr.
1-0 Torino-Lanerossi Vicenza 0-1

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Squadra[modifica | modifica wikitesto]

Capoliste solitarie[modifica | modifica wikitesto]

————————————————————————————————————————————————————————————
FioCagliari
10ª11ª12ª13ª14ª15ª16ª17ª18ª19ª20ª21ª22ª23ª24ª25ª26ª27ª28ª29ª30ª

Classifica in divenire[modifica | modifica wikitesto]

10ª 11ª 12ª 13ª 14ª 15ª 16ª 17ª 18ª 19ª 20ª 21ª 22ª 23ª 24ª 25ª 26ª 27ª 28ª 29ª 30ª
Bari 2 2 3 4 5 6 7 9 9 11 11 11 12 13 13 13 13 13 15 15 15 15 15 16 17 17 17 17 17 19
Bologna 0 2 3 5 6 7 8 9 10 11 11 11 11 12 13 15 15 16 16 17 19 19 21 21 22 23 24 25 26 28
Brescia 0 0 0 1 1 2 4 4 5 6 6 6 8 8 8 9 9 9 9 10 11 13 14 16 16 16 16 17 19 20
Cagliari 1 3 5 7 9 10 12 14 15 16 18 18 19 20 22 24 26 28 30 31 31 33 34 35 37 38 40 42 43 45
Fiorentina 2 4 6 8 8 8 9 10 12 12 14 15 15 17 19 21 21 23 25 26 28 28 28 29 31 31 33 35 35 36
Inter 2 4 6 6 8 9 9 10 11 13 13 15 16 17 19 19 21 22 24 25 27 28 30 31 31 33 35 37 39 41
Juventus 2 2 3 4 4 4 6 6 7 9 11 13 15 17 19 21 23 24 26 28 30 31 32 33 33 35 37 37 38 38
Lanerossi Vicenza}} 2 2 4 4 5 7 9 9 10 11 13 15 15 15 17 17 17 18 18 20 20 20 22 23 24 24 26 27 29 29
Lazio 1 1 3 3 5 7 7 9 10 10 10 10 10 11 13 13 15 15 15 17 17 18 18 20 22 23 24 26 28 29
Milan 2 4 4 6 7 7 8 9 11 12 12 14 16 17 17 18 20 22 23 25 27 29 29 30 31 31 33 33 34 36
Napoli 0 0 1 3 4 5 5 7 7 8 10 12 13 14 16 18 20 22 24 24 24 24 25 26 28 29 30 30 31 31
Palermo 0 0 0 0 1 2 2 2 3 3 5 7 8 9 9 9 9 10 12 12 14 14 16 16 17 17 17 18 19 20
Roma 0 2 2 4 5 7 9 9 10 11 11 12 13 13 14 16 18 19 19 21 21 22 23 23 24 26 26 27 28 28
Sampdoria 1 1 1 2 2 3 4 6 7 8 8 8 9 10 10 10 11 11 11 11 13 15 16 18 19 21 21 23 24 24
Torino 1 3 3 3 5 6 7 7 9 10 12 12 14 16 16 18 19 20 20 20 20 22 24 26 27 29 29 30 30 30
Verona 0 2 4 4 5 6 6 8 8 9 11 13 14 15 15 15 15 16 17 18 19 21 21 21 21 23 24 24 24 26

Classifiche di rendimento[modifica | modifica wikitesto]

Rendimento andata-ritorno[modifica | modifica wikitesto]
Andata Ritorno
Cagliari 22 Cagliari 23
Fiorentina 19 Inter 22
Inter 19 Juventus 19
Juventus 19 Milan 19
Lanerossi Vicenza 17 Fiorentina 17
Milan 17 Lazio 16
Napoli 16 Bologna 15
Torino 16 Napoli 15
Verona 15 Roma 14
Roma 14 Sampdoria 14
Bari 13 Torino 14
Bologna 13 Brescia 12
Lazio 13 Lanerossi Vicenza 12
Sampdoria 10 Palermo 11
Palermo 9 Verona 11
Brescia 8 Bari 6

Rendimento casa-trasferta[modifica | modifica wikitesto]

In casa In trasferta
Cagliari 26 Cagliari 19
Inter 26 Fiorentina 16
Juventus 24 Milan 16
Lazio 22 Inter 15
Lanerossi Vicenza 21 Bologna 14
Fiorentina 20 Juventus 14
Milan 20 Napoli 14
Verona 18 Torino 14
Napoli 17 Brescia 11
Roma 17 Roma 11
Palermo 16 Lanerossi Vicenza 8
Sampdoria 16 Sampdoria 8
Torino 16 Verona 8
Bari 14 Lazio 7
Bologna 14 Bari 5
Brescia 9 Palermo 4

Primati stagionali[modifica | modifica wikitesto]

  • Maggior numero di vittorie: Cagliari (17)
  • Minor numero di sconfitte: Cagliari (2)
  • Miglior attacco: Juventus reti fatte 43
  • Miglior difesa: Cagliari reti subite 11
  • Miglior differenza reti: Cagliari (+31)
  • Maggior numero di pareggi: Bologna (16)
  • Minor numero di pareggi: Fiorentina (6)
  • Minor numero di vittorie: Bari, Brescia e Palermo (5)
  • Maggior numero di sconfitte: Bari (16)
  • Peggiore attacco: Bari reti fatte 11
  • Peggior difesa: Palermo, reti subite 45
  • Peggior differenza reti: Bari (-24)

Individuali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del campionato furono segnati complessivamente 464 gol (di cui 18 su autorete, 49 su calcio di rigore e 2 assegnati per giudizio sportivo) da 132 diversi giocatori, per una media di 1,93 gol a partita[7]. L'unica gara per la quale il risultato fu deciso a tavolino fu Bari-Verona (invasione del terreno di gioco, 1-1 sul campo)[15]. Di seguito, la classifica dei marcatori[15].

Gol Rigori Giocatore Squadra
21 4 Italia Gigi Riva Cagliari
17 6 Italia Alessandro Vitali Lanerossi Vicenza
15 2 Italia Pietro Anastasi Juventus
13 2 Italia Roberto Boninsegna Inter
12 Italia Luciano Chiarugi Fiorentina
12 2 Italia Giorgio Chinaglia Lazio
12 2 Italia Pierino Prati Milan
9 6 Italia Mario Bertini Inter
8 1 Italia José Altafini Napoli
8 Brasile Sergio Clerici Verona
8 Italia Angelo Domenghini Cagliari
8 3 Italia Gianni Rivera Milan

Marcature multiple[modifica | modifica wikitesto]

Reti Calciatore Incontro Giornata
4 Italia Gianni Rivera Brescia-Milan 1-4 1
4 Italia Pierino Prati Bari-Milan 0-5 17

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Chiesa, 98
  2. ^ Il centrocampista Cuccureddu in comproprietà alla Juventus, in La Stampa, 30 ottobre 1969, p. 21.
  3. ^ a b Chiesa, 101-102
  4. ^ Barreca, 78
  5. ^ a b Chiesa, 103
  6. ^ a b c Barreca, 80
  7. ^ a b Melegari, 236
  8. ^ Panini, 2-34
  9. ^ a b Melegari, 509
  10. ^ Pugliese è stato esonerato, il Bari affidato a Matteucci, Il Corriere dello Sport, n. 59, 11 marzo 1970, p. 6.
  11. ^ Silvestri esonerato, il Brescia a Bimbi, Il Corriere dello Sport, n. 295, 19 dicembre 1969, p. 10.
  12. ^ Guido Lajolo, Licenziato Carniglia, i bianconeri a Boniperti, in Corriere dello Sport, 22 ottobre 1969, p. 9.
  13. ^ Vincitrice della Coppa Italia.
  14. ^ Risultato a seguito di giudizio sportivo. La partita fu sospesa sul punteggio di 1-1 per invasione di campo e altri incidenti da parte dei tifosi baresi. Il risultato fu poi tramutato in 2-0.
  15. ^ a b Campionato 1969-70 su rsssf.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo F. Chiesa. Il grande romanzo dello scudetto. Ventesima puntata: gli outsider rompono l'assedio, da Calcio 2000, ottobre 2003, pp. 88-105.
  • Vincenzo Barreca. Gli scudetti dimenticati: Cagliari 1969-70 - L'isola balla, da Calcio 2000, dicembre 1998, pp. 76-86.
  • Calciatori 1969-70, Modena-Milano, Panini-L'Unità, 1994.
  • Fabrizio Melegari (a cura di). Almanacco illustrato del calcio - La storia 1898-2004, Modena, Panini, 2005.
  • La Stampa, annate 1969 e 1970.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]