Imre Senkey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Imre Senkey
ImreSenkey.jpg
Nazionalità Ungheria Ungheria
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex calciatore)
Ritirato 1960 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1920-1927MTK Hungária? (?)
1927-1929III. Kerületi? (?)
1929-1930MTK Hungária? (?)
Nazionale
1924-1928 Ungheria Ungheria 6 (0)
Carriera da allenatore
19??-1931 III. Kerületi
1931-1935 MTK Hungária
1947 Fiorentina
1947-1948 Roma
1948-1950 Brescia
1950-1951 Modena
1951-1952 Genoa
1953-1954 Novara
1956-1959 Marzotto Valdagno
1959-1960 Torino
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Imre Senkey (Budapest, 21 giugno 1898Budapest, 1 ottobre 1984[1]) è stato un calciatore e allenatore di calcio ungherese.

Era il fratello maggiore di Gyula Senkey[2], anch'egli calciatore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Da calciatore vinse per cinque volte consecutive il campionato ungherese tra il 1920 e il 1925 con l'MTK.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1924 e il 1928 venne schierato 6 volte nella nazionale magiara, debuttando il 31 agosto 1924 nella vittoriosa amichevole di Budapest contro la Polonia, dove i magiari s'imposero per 4–0; affrontò inoltre due volte gli azzurri, nel suo quarto (un'amichevole disputata l'8 novembre 1925 a Budapest, terminata 1–1) e nel suo sesto ed ultimo incontro in nazionale, in una gara valevole per la Coppa Europa disputata il 25 marzo 1928 a Roma, quando l'Italia s'impose per 4-3.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò ad allenare in patria il III. Kerületi TVE, che fu anche la sua ultima squadra da calciatore; nel 1931 passò all'MTK Hungária e al primo anno vinse la coppa d'Ungheria.

Successivamente emigrò in Italia, dove avrebbe poi speso la maggior parte del suo tempo lavorativo, allenando Roma, Torino, Fiorentina, Genoa, Modena e Brescia, in due campionati di serie B. Per la squadra torinese contribuí alla promozione in Serie A nella stagione 1959-60,[3] anche se venne esonerato a stagione ancora in corso, sostituito da Giacinto Ellena.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Stampa, 3 ottobre 1984, pagina 18 archiviolastampa.it
  2. ^ Dizionario illustrato dei giocatori genoani, pag.275
  3. ^ Statistiche su archiviotoro.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]