Serie A 1967-1968

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Serie A 1967-1968 (disambigua).
Serie A 1967-1968
Competizione Serie A
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 66ª (36ª di Serie A)
Organizzatore Lega Nazionale Professionisti
Date dal 24 settembre 1967
al 12 maggio 1968
Luogo Italia Italia
Partecipanti 16
Formula Girone unico A/R
Risultati
Vincitore Milan
(9º titolo)
Retrocessioni SPAL
Brescia
Mantova
Statistiche
Miglior marcatore Italia Pierino Prati (15)
Incontri disputati 240
Gol segnati 504 (2,1 per incontro)
Milan Associazione Calcio 1967-68.jpg
I rossoneri scudettati
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1966-1967 1968-1969 Right arrow.svg

La Serie A 1967-1968 fu la 66ª edizione della massima serie del campionato italiano di calcio (il 36º a girone unico), che si disputò tra il 24 settembre 1967 e il 12 maggio 1968. Il campionato fu vinto dal Milan, al suo nono titolo.

Capocannoniere del torneo fu Pierino Prati (Milan) con 15 reti.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Novità[modifica | modifica wikitesto]

Sul piano mediatico, da segnalare l'introduzione nel racconto giornalistico della moviola, impiegata alla Domenica Sportiva per mostrare un'irregolarità verificatasi nel derby di Milano del 22 ottobre 1967:[1] il gol del pareggio rossonero, siglato da Rivera, fu concesso erroneamente in quanto il pallone colpì la traversa per poi rimbalzare in campo senza aver oltrepassato la linea di porta.[2]

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il rossonero Pierino Prati, capocannoniere del torneo con 15 gol.

La riduzione del lotto di contendenti a sedici squadre mutò gli equilibri del torneo, dovendosi peraltro registrare l'abbandono dalla lotta di vertice di un'Inter ancora "scottata" dalle delusioni del precedente torneo.[3] Con i nerazzurri ben presto costretti ad abdicare, furono i concittadini del Milan e la Roma a movimentare l'iniziale scorcio di torneo.[4] La prima parte del campionato fu inoltre scossa dalla tragedia che colpì il Torino, squadra ricca di promettenti elementi: il numero sette granata Luigi Meroni perse la vita il 15 ottobre 1967 dopo essere stato investito da un'auto.[5]

Sul versante sportivo risultarono degne di nota le prestazioni fornite dal neopromosso Varese, i cui punti di forza risiedevano nell'esperto libero Picchi e nel giovane centravanti Anastasi: gli stessi lombardi frenarono la corsa giallorossa, battendo per 2-0 i capitolini tra le mura amiche.[6] Dopo una lieve interferenza del Napoli, fu il Milan a guadagnare il comando della vetta:[7] al giro di boa i rossoneri vantarono due lunghezze di margine sugli outsider varesotti, che pure si erano imposti nel confronto diretto.

In avvio della fase di ritorno i meneghini consolidarono ulteriormente il primato, facendo registrare a inizio febbraio un vantaggio di sei punti sul gruppo delle inseguitrici,[8] nel quale si era inserito anche un Torino in ripresa dalla scomparsa di Meroni.[5] Nel volgere di poche giornate, la formazione rossonera spense le speranze dei rivali toccando una quota di +8 alla 25ª giornata;[9] l'aritmetica certezza del tricolore fu archiviata il 31 marzo 1968, con quattro turni di anticipo, grazie alla vittoria su un Brescia impantanato nella zona salvezza.[10] La piazza d'onore toccò a un Napoli che, pur traendo bottino pieno dalle sfide con biancorossi e granata, accumulò ben nove lunghezze di ritardo dagli uomini di Nereo Rocco:[10] tale cifra costituisce un primato per i tornei svoltisi con sedici formazioni e due punti per vittoria.

A completare il podio fu una Juventus incapace di attentare al primato, con la Fiorentina e un'Inter già lontana dai fasti del recente periodo, posizionatisi alle spalle dei bianconeri. Il baratro della retrocessione inghiottì invece SPAL e Brescia, assieme a un Mantova che, ormai giunto alla conclusione di un ciclo, chiuse quale fanalino di coda complice un negativo girone di ritorno.[11]

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Ubicazione delle squadre della Serie A 1967-1968
Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Atalanta dettagli Bergamo Stadio Comunale 11º posto in Serie A
Bologna dettagli Bologna Stadio Comunale 3º posto in Serie A
Brescia dettagli Brescia Stadio Mario Rigamonti 14º posto in Serie A
Cagliari dettagli Cagliari Stadio Amsicora 6º posto in Serie A
Fiorentina dettagli Firenze Stadio Comunale 5º posto in Serie A
Inter dettagli Milano Stadio San Siro 2º posto in Serie A
Juventus dettagli Torino Stadio Comunale 1º posto in Serie A
Lanerossi Vicenza dettagli Vicenza Stadio Romeo Menti 13º posto in Serie A
Mantova dettagli Mantova Stadio Danilo Martelli 9º posto in Serie A
Milan dettagli Milano Stadio San Siro 8º posto in Serie A
Napoli dettagli Napoli Stadio San Paolo 4º posto in Serie A
Roma dettagli Roma Stadio Olimpico 10º posto in Serie A
Sampdoria dettagli Genova Stadio Luigi Ferraris 1º posto in Serie B, promossa
SPAL dettagli Ferrara Stadio Comunale 12º posto in Serie A
Torino dettagli Torino Stadio Comunale 7º posto in Serie A
Varese dettagli Varese Stadio Franco Ossola 2º posto in Serie B, promosso

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori e primatisti[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Allenatore Calciatore più presente[12] Cannoniere[12]
Atalanta[13] Italia Paolo Tabanelli (1ª-27ª)
Italia Stefano Angeleri (28ª-30ª)
Italia Giancarlo Cella (30) Italia Giuseppe Savoldi (12)
Bologna[14] Argentina Luis Carniglia (1ª-13ª)
Italia Cesarino Cervellati e Italia Gipo Viani (D.T.) (14ª-30ª)
Italia Aristide Guarneri (28) Italia Ezio Pascutti (7)
Brescia Italia Azeglio Vicini Italia Eugenio Rizzolini (28) Italia Gaetano Troja (5)
Cagliari Uruguay Italia Héctor Puricelli Italia Ricciotti Greatti (30) Italia Gigi Riva (13)
Fiorentina[15] Italia Giuseppe Chiappella (1ª-11ª)
Italia Andrea Bassi e Italia Luigi Ferrero (D.T.) (12ª-30ª)
Italia Giancarlo De Sisti (30) Italia Mario Maraschi (12)
Inter Argentina Francia Helenio Herrera Italia Tarcisio Burgnich (30) Italia Angelo Domenghini (10)
Juventus Paraguay Spagna Heriberto Herrera Italia Gianfranco Leoncini (29) Italia Virginio De Paoli (8)
Lanerossi Vicenza Italia Arturo Silvestri Italia Sergio Gori,
Italia Ivan Gregori (30)
Italia Sergio Gori (8)
Mantova Italia Giancarlo Cadè Italia Gustavo Giagnoni (30) Italia Gianni Corelli,
Italia Ugo Tomeazzi (3)
Milan Italia Nereo Rocco Italia Angelo Anquilletti (30) Italia Pierino Prati (15)
Napoli Argentina Italia Bruno Pesaola Italia Dino Zoff (30) Brasile Italia José Altafini (13)
Roma Italia Oronzo Pugliese Italia Francesco Carpenetti,
Italia Giuliano Taccola (29)
Italia Giuliano Taccola (10)
Sampdoria Italia Gipo Poggi e Italia Fulvio Bernardini (D.T.) Italia Mario Frustalupi,
Italia Francesco Morini (29)
Italia Ermanno Cristin,
Italia Fulvio Francesconi (7)
SPAL Italia Francesco Petagna Italia Arturo Bertuccioli,
Italia Glauco Tomasin (28)
Italia Giovanni Brenna (7)
Torino Italia Edmondo Fabbri Italia Lido Vieri (30) Argentina Francia Nestor Combin (13)
Varese Italia Bruno Arcari Italia Franco Cresci (30) Italia Pietro Anastasi (11)

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS
Scudetto.svg 1. Milan 46 30 18 10 2 53 24
2. Napoli 37 30 13 11 6 34 24
3. Juventus 36 30 13 10 7 33 29
4. Fiorentina 35 30 13 9 8 35 23
5. Inter 33 30 13 7 10 46 34
5. Bologna 33 30 11 11 8 30 23
[16] 7. Torino 32 30 12 8 10 44 31
7. Varese 32 30 12 8 10 28 27
9. Cagliari 31 30 12 7 11 44 38
10. Sampdoria 27 30 6 15 9 27 34
10. Roma 27 30 7 13 10 25 35
12. Lanerossi Vicenza 25 30 8 9 13 22 30
12. Atalanta 25 30 10 5 15 26 42
1downarrow red.svg 14. SPAL 22 30 10 2 18 24 38
1downarrow red.svg 14. Brescia 22 30 8 6 16 20 35
1downarrow red.svg 16. Mantova 17 30 3 11 16 13 37

Legenda:

      Campione d'Italia e qualificata in Coppa dei Campioni 1968-1969.
      Qualificata in Coppa delle Coppe 1968-1969.
      Ammesse alla Coppa delle Fiere 1968-1969.
      Retrocesse in Serie B 1968-1969.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Era in vigore il pari merito. In caso di assegnazione di un titolo sportivo (sia per la promozione che per la retrocessione) era previsto uno spareggio in campo neutro.

Note:

Cagliari e Atalanta iscritte dalla Lega Calcio alla Coppa Mitropa 1968-1969.
Inter e Torino partecipano alla Coppa Intertoto 1968

Squadra campione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Milan Associazione Calcio 1967-1968.
Formazione tipo Giocatori (presenze)
Italia Fabio Cudicini (18)
Italia Angelo Anquilletti (30)
Germania Ovest Karl-Heinz Schnellinger (27)
Italia Giovanni Trapattoni (24)
Italia Saul Malatrasi (28)
Italia Roberto Rosato (28)
Svezia Kurt Hamrin (23)
Italia Giovanni Lodetti (29)
Italia Angelo Benedicto Sormani (29)
Italia Gianni Rivera (29)
Italia Pierino Prati (23)
Altri giocatori: Pierangelo Belli (12), Bruno Mora (9), Nevio Scala (7), Bruno Baveni (4), Lino Golin (4), Antonio Angelillo (3), Giorgio Rognoni (2), Massimo Giacomini (1), Villiam Vecchi (1).

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

ATA BOL BRE CAG FIO INT JUV L.R MAN MIL NAP ROM SPA SAM TOR VAR
Atalanta –––– 1-0 1-3 2-1 0-3 3-1 0-0 1-0 2-0 0-3 1-0 2-1 1-0 1-0 1-1 4-0
Bologna 5-0 –––– 0-3 2-1 0-1 2-1 0-0 2-0 1-0 1-1 1-2 1-0 2-3 0-0 2-0 1-0
Brescia 2-1 0-0 –––– 2-1 1-1 2-0 0-1 0-0 0-1 1-2 0-0 1-0 0-1 1-2 0-5 0-1
Cagliari 2-1 1-1 3-0 –––– 3-1 3-2 2-0 1-1 2-2 2-2 1-1 1-2 2-0 3-3 2-0 2-1
Fiorentina 1-0 1-0 0-1 1-0 –––– 1-1 2-0 3-1 2-0 0-2 3-0 0-0 2-0 0-0 1-1 3-1
Inter 3-0 1-0 3-0 0-2 3-1 –––– 0-0 1-0 3-0 1-1 1-2 1-1 2-0 2-0 1-0 1-0
Juventus 2-1 0-0 2-1 2-0 2-2 3-2 –––– 1-0 3-1 1-2 1-1 0-1 2-0 3-1 0-4 3-0
Lanerossi Vicenza 4-1 1-1 0-1 3-1 1-0 2-1 0-2 –––– 2-0 2-2 0-1 0-0 1-0 0-0 1-0 1-0
Mantova 1-0 0-0 1-0 0-1 1-2 0-0 0-0 1-1 –––– 0-1 0-1 0-0 0-1 0-1 0-0 0-0
Milan 0-0 4-2 1-0 0-1 0-0 1-1 0-0 2-0 3-1 –––– 2-1 3-0 3-2 2-0 2-1 1-0
Napoli 1-0 0-0 0-0 1-0 1-0 2-1 1-2 1-1 0-0 1-1 –––– 2-0 1-0 1-1 2-2 5-0
Roma 1-1 0-0 2-0 2-3 2-1 2-6 0-0 0-0 2-2 1-1 2-1 –––– 1-1 1-1 0-2 1-0
Sampdoria 0-0 1-2 1-0 1-1 1-1 2-2 1-1 1-0 3-0 0-3 1-1 1-1 –––– 1-0 1-1 1-1
SPAL 1-0 1-3 3-1 1-0 1-0 1-2 0-1 3-0 1-0 1-4 1-2 0-1 1-0 –––– 0-0 1-3
Torino 4-1 0-1 2-0 2-1 0-2 2-3 2-1 1-0 4-1 2-3 1-2 2-1 1-0 4-2 –––– 0-0
Varese 2-0 0-0 0-0 2-1 0-0 1-0 5-0 2-0 1-1 2-1 1-0 2-0 2-0 1-0 0-0 ––––

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

andata (1ª) 1ª giornata ritorno (16ª)
24 set. 2-1 Brescia-Cagliari 0-3 21 gen.
3-1 Fiorentina-Varese 0-0
1-1 Inter-Roma 6-2
3-1 Juventus-Mantova 0-0
1-0 Lanerossi Vicenza-Torino 0-1
1-0 Napoli-Atalanta 0-1
1-2 Sampdoria-Bologna 0-0
1-4 SPAL-Milan 2-3
andata (2ª) 2ª giornata ritorno (17ª)
1º ott. 0-0 Atalanta-Juventus 1-2 28 gen.
2-1 Bologna-Cagliari 1-1
1-0 Lanerossi Vicenza-SPAL 0-3
0-0 Mantova-Inter 0-3
0-0 Milan-Fiorentina 2-0
2-1 Roma-Napoli 0-2
2-0 Torino-Brescia 5-0
1-0 Varese-Sampdoria 1-1


andata (3ª) 3ª giornata ritorno (18ª)
8 ott. 0-0 Brescia-Bologna 3-0 4 feb.
2-1 Cagliari-Atalanta 1-2
1-1 Fiorentina-Torino 2-0
1-0 Inter-Lanerossi Vicenza 1-2
3-0 Juventus-Varese 0-5
1-1 Napoli-Milan 1-2
3-0 Sampdoria-Mantova 1-0
0-1 SPAL-Roma 1-1
andata (4ª) 4ª giornata ritorno (19ª)
15 ott. 3-1 Atalanta-Inter 0-3 11 feb.
0-0 Bologna-Juventus 0-0
0-1 Brescia-SPAL 1-3
1-1 Cagliari-Napoli 0-1
3-1 Milan-Mantova 1-0
2-1 Roma-Fiorentina 0-0
4-2 Torino-Sampdoria 1-1
2-0 Varese-Lanerossi Vicenza 0-1


andata (5ª) 5ª giornata ritorno (20ª)
22 ott. 4-0 Atalanta-Varese 0-2 18 feb.
1-0 Fiorentina-Cagliari 1-3
1-1 Inter-Milan 1-1
0-4 Juventus-Torino 1-2
1-1 Lanerossi Vicenza-Bologna 0-2
1-0 Mantova-Brescia 1-0
1-1 Sampdoria-Roma 1-1
1-2 SPAL-Napoli 0-1
andata (6ª) 6ª giornata ritorno (21ª)
29 ott. 0-1 Bologna-Fiorentina 0-1 25 feb.
1-2 Brescia-Sampdoria 0-1
0-1 Mantova-Cagliari 2-2
0-0 Milan-Juventus 2-1
1-1 Napoli-Lanerossi Vicenza 1-0
1-1 Roma-Atalanta 1-2
1-0 Torino-SPAL 0-0
1-0 Varese-Inter 0-1


andata (7ª) 7ª giornata ritorno (22ª)
5 nov. 1-1 Atalanta-Torino 1-4 3 mar.
2-2 Cagliari-Milan 1-0
0-1 Fiorentina-Brescia 1-1
1-0 Inter-Bologna 1-2
0-1 Juventus-Roma 0-0
2-0 Lanerossi Vicenza-Mantova 1-1
1-1 Sampdoria-Napoli 1-1
1-3 SPAL-Varese 0-2
andata (8ª) 8ª giornata ritorno (23ª)
12 nov. 2-3 Bologna-SPAL 3-1 10 mar.
2-0 Brescia-Inter 0-3
2-0 Cagliari-Juventus 0-2
1-0 Mantova-Atalanta 0-2
2-0 Milan-Sampdoria 3-0
1-0 Napoli-Fiorentina 0-3
0-0 Roma-Lanerossi Vicenza 0-0
0-0 Torino-Varese 0-0


andata (9ª) 9ª giornata ritorno (24ª)
26 nov. 1-3 Atalanta-Brescia 1-2 17 mar.
1-2 Bologna-Napoli 0-0
2-0 Inter-SPAL 2-1
2-2 Juventus-Fiorentina 0-2
2-2 Lanerossi Vicenza-Milan 0-2
0-0 Mantova-Torino 1-4
1-1 Sampdoria-Cagliari 3-3
2-0 Varese-Roma 0-1
andata (10ª) 10ª giornata ritorno (25ª)
3 dic. 1-1 Fiorentina-Inter 1-3 24 mar.
0-2 Lanerossi Vicenza-Juventus 0-1
0-0 Milan-Atalanta 3-0
0-0 Napoli-Mantova 1-0
2-3 Roma-Cagliari 2-1
1-0 SPAL-Sampdoria 0-1
0-1 Torino-Bologna 0-2
0-0 Varese-Brescia 1-0


andata (11ª) 11ª giornata ritorno (26ª)
9 dic. 1-0 Atalanta-Lanerossi Vicenza 1-4 31 mar.
1-0 Bologna-Varese 0-0
1-2 Brescia-Milan 0-1
2-0 Cagliari-SPAL 0-1
1-0 Inter-Torino 3-2
1-1 Juventus-Napoli 2-1
0-0 Mantova-Roma 2-2
1-1 Sampdoria-Fiorentina 0-0
andata (12ª) 12ª giornata ritorno (27ª)
17 dic. 0-1 Brescia-Juventus 1-2 14 apr.
1-1 Cagliari-Lanerossi Vicenza 1-3
1-0 Fiorentina-Atalanta 3-0
2-0 Inter-Sampdoria 2-2
0-0 Roma-Bologna 0-1
1-0 SPAL-Mantova 1-0
2-3 Torino-Milan 1-2
1-0 Varese-Napoli 0-5


andata (13ª) 13ª giornata ritorno (28ª)
31 dic. 1-0 Atalanta-SPAL 0-1 28 apr.
2-0 Fiorentina-Mantova 2-1
3-2 Juventus-Inter 0-0
0-0 Lanerossi Vicenza-Sampdoria 0-1
4-2 Milan-Bologna 1-1
2-2 Napoli-Torino 2-1
2-0 Roma-Brescia 0-1
2-1 Varese-Cagliari 1-2
andata (14ª) 14ª giornata ritorno (29ª)
7 gen. 5-0 Bologna-Atalanta 0-1 5 mag.
0-1 Lanerossi Vicenza-Brescia 0-0
0-0 Mantova-Varese 1-1
3-0 Milan-Roma 1-1
2-1 Napoli-Inter 2-1
1-1 Sampdoria-Juventus 1-3
1-0 SPAL-Fiorentina 0-2
2-1 Torino-Cagliari 0-2


andata (15ª) 15ª giornata ritorno (30ª)
14 gen. 1-0 Atalanta-Sampdoria 0-0 12 mag.
0-0 Brescia-Napoli 0-0
3-1 Fiorentina-Lanerossi Vicenza 0-1
0-2 [17]Inter-Cagliari 2-3
2-0 Juventus-SPAL 1-0
0-0 Mantova-Bologna 0-1
0-2 Roma-Torino 1-2
2-1 Varese-Milan 0-1

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Capoliste solitarie[modifica | modifica wikitesto]

————————————————————————————————————————————————————————————
RomaRomaMilan
10ª11ª12ª13ª14ª15ª16ª17ª18ª19ª20ª21ª22ª23ª24ª25ª26ª27ª28ª29ª30ª

Individuali[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Gol Rigori Giocatore Squadra
15 1 Italia Pierino Prati Milan
13 4 Italia José Altafini Napoli
13 Argentina Nestor Combin Torino
13 2 Italia Gigi Riva Cagliari
12 1 Italia Mario Maraschi Fiorentina
12 3 Italia Giuseppe Savoldi Atalanta
11 Italia Pietro Anastasi Varese
11 Italia Angelo Domenghini Inter
11 2 Italia Gianni Rivera Milan
11 Italia Angelo Benedicto Sormani Milan
10 Italia Giuliano Taccola Roma
9 Italia Virginio Depaoli Juventus
9 Italia Carlo Facchin Torino
9 1 Italia Sergio Gori Lanerossi Vicenza
9 Svezia Kurt Hamrin Milan

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dan Peterson, Maurizio Galdi e Andrea Tosi, Rivera, calcio alla moviola, in La Gazzetta dello Sport, 19 settembre 2004.
  2. ^ Matteo Pinci, I 50 anni della moviola, in la Repubblica, 20 ottobre 2017, p. 52.
  3. ^ Alessandro De Calò, Maghi, papere, astronauti e Juve-Inter, in La Gazzetta dello Sport, 20 febbraio 1998.
  4. ^ Vittorio Preve, Occasioni sfuggite a De Paoli e grandi parate di Ginulfi, in Stampa Sera, 6 novembre 1967, p. 7.
  5. ^ a b Sebastiano Vernazza, L'ultima partita di Gigi Meroni, in La Gazzetta dello Sport, 7 ottobre 2007.
  6. ^ Vittorio Mambretti, Due goals di Vastola bloccano la capolista, in Stampa Sera, 27 novembre 1967, p. 8.
  7. ^ G. Bell., I due goals di Prati e l'autorete di Losi, in Stampa Sera, 8 gennaio 1968, p. 7.
  8. ^ Paolo Bertoldi, Il Milan vince a Mantova: 1-0 per un autogoal di Giagnoni, in Stampa Sera, 12 febbraio 1968, p. 12.
  9. ^ U. G., Una rete di Sormani, due di Prati ed il Milan trionfa a Bergamo: 3-0, in Stampa Sera, 25 marzo 1968, p. 7.
  10. ^ a b Andrea Masala, Germano Bovolenta e Luigi Garlando, Al Diavolo il primo scudetto, in La Gazzetta dello Sport, 4 maggio 2001.
  11. ^ Fulvio Bianchi, Mitici Anni 60, in la Repubblica, 20 giugno 1991, p. 37.
  12. ^ a b Melegari, 505.
  13. ^ Tabanelli esonerato, Il Corriere dello Sport, n. 90, 17 aprile 1968, p. 10.
  14. ^ Carniglia liquidato, Bologna a Viani, Il Corriere dello Sport, n. 296, 3 gennaio 1968, p. 5.
  15. ^ Esonerato Chiappella, la squadra a Ferrero, Il Corriere dello Sport, n. 296, 15 dicembre 1967, p. 7.
  16. ^ Vincitore della Coppa Italia.
  17. ^ Risultato a seguito di giudizio sportivo. La partita era terminata sul punteggio di 3-0 ma in seguito alla lettura del referto dell'arbitro venne tramutato in 0-2 per il fatto che un giocatore del Cagliari venne colpito da un oggetto.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco illustrato del calcio, Milano, Edizioni Carcano, 1969, p. 65. (classifica editata in modo coerente con pari merito anche nelle posizioni in classifica che sono state pubblicate)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]