Stefano Angeleri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stefano Angeleri
StefanoAngeleri.jpg
Angeleri con la maglia dell'Atalanta.
Nazionalità Italia Italia
Altezza 173 cm
Peso 66 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1960 - giocatore
1986 - allenatore
Carriera
Giovanili
1939-1940non conosciuta Oratorio Ovada
1940-1943Acqui
Squadre di club1
1943-1944600px Vertical Red HEX-FB090B Black.svg V.I.S.A. Voghera? (?)
1945-1947Vogherese53 (1)
1947-1949Juventus47 (2)
1949-1960Atalanta317 (2)
Carriera da allenatore
1960-1961600px Bianco e Rosso Strisce.svg San Pellegrino
1961-1965AtalantaGiovanili
1965-1967Atalanta
1967-1968AtalantaGiovanili
1968-1969Atalanta
1969-1972Parma
1973Modena
1973-1976Seregno
1976-1978Cremonese
1978-1979Seregno
1979-1980Casale
1980-1981Pergocrema
1982Sant'Angelo
1982-1983Piacenza
1983-1985Seregno
1985-1986Lecco
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Stefano Angeleri (Castellazzo Bormida, 26 agosto 1926Bergamo, 31 gennaio 2012[1][2]) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

L'8 maggio 2012, alcuni mesi dopo la sua morte, lo stadio comunale di Castellazzo Bormida (suo paese natale) è stato intitolato a suo nome[3].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Angeleri era un centrocampista, impiegato prevalentemente come mediano in marcatura sulle mezzeali avversarie[4][5]; talvolta è stato schierato anche come ala destra[4]. Di corporatura esile[6], era soprannominato Gabbiano per il modo di correre a braccia larghe[4][5][6][7].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Stefano Angeleri

Comincia la carriera di calciatore nelle serie minori dei campionati dilettantistici piemontesi, con Ovada e Acqui[8][9][10], prima di trasferirsi nella Vogherese con cui disputa i tornei di guerra e il campionato di Serie B-C Alta Italia 1945-1946. Nell'estate del 1946 approda in massima serie con la maglia della Juventus: esordisce il 12 ottobre 1947, nella sconfitta per 4-2 sul campo dell'Inter. Nella formazione bianconera gioca per due stagioni, collezionando 47 presenze in Serie A[8][11].

Nell'estate del 1949 viene trasferito all'Atalanta, nell'affare che porta Giacomo Mari a Torino[1][4]; la destinazione inizialmente non è gradita[1], tanto che si pensava che questa fosse una sistemazione provvisoria[5][6]. Al contrario, rimane nelle formazione nerazzurra per undici stagioni consecutive, diventandone il capitano[12], e fino alla stagione 2010-2011 è stato il giocatore con il maggior numero di presenze con l'Atalanta, superato poi da Gianpaolo Bellini[5]. Vanta comunque il record di presenze in serie A con 281 partite di campionato disputate. Con la maglia nerazzurra ha vinto il campionato di Serie B 1958-1959[6]; l'anno successivo, all'età di 34 anni, è costretto al ritiro a causa di problemi cardiaci[1][5].

In carriera ha totalizzato complessivamente 328 presenze e 4 reti in Serie A e 67 presenze in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Al termine della sua carriera agonistica si dedica al ruolo di allenatore, dapprima nel San Pellegrino[10][13] e poi nelle giovanili dell'Atalanta[6] per quattro stagioni[4]. Nel campionato 1965-1966 viene promosso in prima squadra, in sostituzione dell'esonerato Hector Puricelli[4], ottenendo la salvezza a fine stagione[5]; viene poi riconfermato fino al termine della stagione 1966-1967, quando viene sostituito da Paolo Tabanelli[1]. Viene tuttavia richiamato a tre giornate dal termine del campionato[1][5], ottenendo una nuova salvezza, prima di essere definitivamente esonerato alla ventesima giornata del campionato 1968-1969, quando viene sostituito da Silvano Moro[1].

Lasciata Bergamo, passa sulla panchina del Parma in Serie D, subentrando al dimissionario Giancarlo Vitali[5][14], e con i ducali ottiene la promozione in Serie C, grazie a 15 vittorie su 18 partite disputate[15]. Rimane sulla panchina gialloblu fino alla stagione 1971-1972, quando viene esonerato mentre la squadra è in lotta per la promozione[16].

Dopo una breve esperienza sulla panchina del Modena (subentrato a Leonardo Costagliola, viene a sua volta sostituito da Armando Cavazzuti[17]), guida per tre stagioni il Seregno[10] e poi passa alla Cremonese, con cui ottiene la promozione in Serie B nel campionato 1976-1977[5][18]. Riconfermato tra i cadetti, viene esonerato nel corso del girone di ritorno a causa della precaria posizione in classifica, che porterà poi alla retrocessione[18].

Nelle annate successive torna al Seregno[19], con cui sfiora la promozione in Serie C1[10], e poi allena il Casale, sostituendo in autunno l'esonerato Sandro Salvadore[13][20]: con la formazione nerostellata ottiene la salvezza con alcune giornate di anticipo[21], tuttavia non viene riconfermato[22]. Dopo una stagione al Pergocrema, nel corso del campionato di Serie C1 1981-1982 viene chiamato alla guida del Sant'Angelo[23], senza evitarne la retrocessione in Serie C2. L'anno successivo subentra a Pier Luigi Meciani sulla panchina del Piacenza[24]; dopo un buon avvio, la formazione emiliana entra in crisi di risultati, e Angeleri viene esonerato a sei giornate dal termine[24]. Conclude la propria carriera di allenatore sostituendo Agostino Alzani alla guida del Lecco, nel Campionato Interregionale 1985-1986[4][25].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Atalanta: 1958-1959

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Cremonese: 1976-1977
Parma: 1969-1970

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Lutto nel mondo del calcio. È morto il «gabbiano» Angeleri, L'Eco di Bergamo, 31 gennaio 2012
  2. ^ Addio a Stefano Angeleri il "gabbiano" dell'Atalanta Ilgiorno.it
  3. ^ [1]
  4. ^ a b c d e f g Angeleri, sono 84. Il Gabbiano vola ancora Tuttoatalanta.com
  5. ^ a b c d e f g h i C'era una volta: Stefano Angeleri Sportmain.com
  6. ^ a b c d e Gli Eroi della Dea: Stefano ANGELERI Tuttoatalanta.com
  7. ^ Corbani, p.286
  8. ^ a b M.Sappino, Dizionario del calcio italiano, ed.Baldini&Castoldi, pag.35
  9. ^ Calcio - È scomparso Stefano Angeleri Ovadainsport.it
  10. ^ a b c d Angeleri arriva e con lui i punti, Stampa Sera, 26 novembre 1979, pag.14
  11. ^ Profilo su Enciclopediadelcalcio.it
  12. ^ «317 volte grazie grande Angeleri» L'ultimo saluto al mitico Gabbiano, L'Eco di Bergamo, 2 febbraio 2012
  13. ^ a b Angeleri: a questa squadra manca soltanto l'esperienza, Stampa Sera, 1º dicembre 1979, pag.33
  14. ^ È morto Stefano Angeleri, l'allenatore della promozione in serie C, La Gazzetta di Parma, 31 gennaio 2012
  15. ^ Bellè, Gandolfi, p.73
  16. ^ Stagione 1971-1972 Storiadelparmacalcio.com
  17. ^ I numeri gialloblu[collegamento interrotto] Modena100.it
  18. ^ a b 1967–1978 Inizia l'era Luzzara Uscremonese.it
  19. ^ Almanacco illustrato del Calcio 1979, edizioni Panini, pag. 312
  20. ^ Ecco il nuovo allenatore del Casale: è Angeleri, La Stampa, 21 novembre 1979, pag.2
  21. ^ Un Casale tranquillo a Lecco. Ad Angeleri basta il pareggio, La Stampa, 11 maggio 1980, pag.2
  22. ^ Nerostellati giocano a Rimini (ma si pensa già a settembre), La Stampa, 8 giugno 1980, pag.2
  23. ^ S.Angelo-Atalanta 0-0 Acsantangelo1907.com
  24. ^ a b Stagione 1982-1983 Storiapiacenza1919.it
  25. ^ La prossima avversaria: Lecco Bustocco.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Elio Corbani, Pietro Serina, Cent'anni di Atalanta - Vol 2, Bergamo, Sesaab, 2007, ISBN 978-88-903088-0-2.
  • Renato Ravanelli, Atalanta80, S.E.S.A., 1987.
  • Gianfranco Bellè, Giorgio Gandolfi, 90 anni del Parma Calcio 1913-2003, Parma, Azzali, 2003.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]