Leonardo Costagliola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leonardo Costagliola
Leonardo Costagliola in Fiorentina.jpg
Costagliola con la maglia della Fiorentina
Nazionalità Italia Italia
Altezza 170 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Ritirato 1955 - giocatore
1982 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1938-1940 Pro Italia 41 (-38)
1940-1943 Bari 71 (-?)
1943-1944 Conversano ? (-?)
1945-1948 Bari 100 (-?)
1948-1955 Fiorentina 230 (-290)
Nazionale
1953-1954 Italia Italia 3 (-2)
Carriera da allenatore
1956 Pistoiese
1957-1958 Taranto
1958-1961 Foggia
1961-1963 Pescara
1963-1965 Siracusa
1965 Taranto
1967 Chieti [1]
1967-1968 Siracusa
1969-1971 Casertana
1971-1973 Modena
1973-1974 Pro Vasto [2]
1974-1975 Montevarchi
1981-1982 Venezia [3]
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Leonardo Costagliola (Taranto, 27 ottobre 1921Firenze, 7 marzo 2008) è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano, di ruolo portiere.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Leonardo Costagliola alla Fiorentina.

Club[modifica | modifica wikitesto]

Soprannominato gatto magico[4], debutta nella sua città, Taranto, ad appena diciassette anni, come portiere della Pro Italia[5]; in realtà inizia a giocare a calcio come mediano senza particolare successo, trasformandosi casualmente in portiere grazie a un infortunio dell'estremo difensore proitaliano titolare, avvenuto durante una partita[6]. Durante la guerra passa all'U.S. Bari per la somma di diecimila lire[6] e veste una prima volta i colori bianco-rossi dal 1940 al 1943. Ma il conflitto mondiale non consente l'effettuazione di campionati di Calcio regolari delle stagioni 1943-1944 e 1944-1945. Dopo la liberazione del sud, Leonardo Costagliola partecipa con l'U.S. Conversano al "Campionato d'Italia libera", vincendo il titolo del girone centro sud nel 1944.

Ritorna ancora al Bari nel 1945 e partecipa con esso al "Campionato misto" 1944-1945, che vince; viene ricostituita la Serie A e con la stessa squadra disputa le stagioni 1945-1946 (girone centro-meridionale di Divisione Nazionale), 1946-1947 (terminata dai galletti al settimo posto, piazzamento non eguagliato dai pugliesi nel resto della loro storia) e 1947-1948. Il giocatore viene quindi ceduto alla Fiorentina in cambio di Giuseppe Moro e con i gigliati gioca nei campionati di Serie A dal 1948 al 1955.

Disputa complessivamente in Serie A 336 partite in undici campionati, quattro dei quali giocati con il Bari e sette con la Fiorentina.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Diviene il portiere della Nazionale italiana negli anni 1953-1954. È schierato per tre gare ufficiali (giocate tutte per 90 minuti) e subisce in tutto due reti. Tutte le partite in cui difende la porta, vengono vinte dall'Italia.

È convocato per la prima volta e debutta come portiere della Nazionale venerdì 13 novembre 1953 al Cairo, per l'incontro Egitto-Italia (1-2), gara valida per la qualificazione al Campionato del mondo del 1954.

Scende poi in campo in Italia-Cecoslovacchia, (3-0) domenica 13 dicembre 1953 (a Genova) per la Coppa Internazionale, concludendo l'incontro a reti inviolate. È la prima volta che la Rai trasmette una partita in televisione: il telecronista è Nicolò Carosio. È la prova generale della RAI prima dell'inaugurazione ufficiale delle trasmissioni.

Domenica 24 gennaio 1954 gioca Italia-Egitto (5-1) a San Siro (Milano) sotto la neve, gara valida per la qualificazione al Campionato del mondo del 1954. L'Italia vince il gruppo 9 europeo, grazie alle due vittorie sull'Egitto. Anche questo incontro viene trasmesso in televisione ed è la prima partita di calcio dopo l'inaugurazione dei programmi Rai.

Al Campionato del mondo del 1954 in Svizzera è il terzo portiere della selezione azzurra.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Anche come allenatore debutta nella sua regione, prima sulla panchina del Taranto nel campionato di Serie B 1957-1958[5] e poi su quella del Foggia nella stagione successiva, che si conclude con la promozione dalla Serie C alla serie cadetta; poi torna in terza serie e nel 1961 cede la guida tecnica dei satanelli a Oronzo Pugliese.

Dopo due anni sulla panchina del Pescara[7], allena il Siracusa e in seguito torna a Taranto dove allena i rossoblu nella parte finale della stagione 1964-1965[5] e l'inizio della stagione seguente[5]; nel 1967-1968, dopo aver iniziato il campionato al Chieti passa al Siracusa, ancora in terza serie. Nel campionato 1970-1971 allena in seconda serie la Casertana e negli anni 1971-1973, con il Modena, retrocede dalla B alla C. Allena infine il Venezia all'inizio del campionato 1981-1982, in Serie C2, venendo sostituito prima di fine stagione da Paolo Ferrario[3].

È morto il 7 marzo 2008 a ottantasette anni, a Firenze, ultima città in cui si era trasferito.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
13/11/1953 Il Cairo Egitto Egitto 1 – 2 Italia Italia Qual. Mondiali 1954 -1
13/12/1953 Genova Italia Italia 3 – 0 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Coppa Internazionale -
24/01/1954 Milano Italia Italia 5 – 1 Egitto Egitto Qual. Mondiali 1954 -1
Totale Presenze 3 Reti -2

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1948 prese parte al film Undici uomini e un pallone di Giorgio Simonelli, nella parte di se stesso.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Bari: 1941-1942

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

Conversano: 1944

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Foggia: 1959-1960
Casertana: 1969-1970

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gli anni dal 1960 al 1969 tifochieti.com
  2. ^ Almanacco illustrato del calcio 1975, edizioni Panini, pag. 279
  3. ^ a b Almanacco illustrato del calcio 1983, edizioni Panini, pag. 295
  4. ^ Storia Archiviato il 7 settembre 2009 in Internet Archive. asbari.it
  5. ^ a b c d La storia del calcio a Taranto xoomer.virgilio.it
  6. ^ a b Corriere dello Sport del 9 gennaio 1951, pag. 4 emeroteca.coni.it
  7. ^ Profilo su Solopescara.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]