Ugo Tomeazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ugo Tomeazzi
UgoTomeazzi.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista, attaccante)
Ritirato 1974 - giocatore
1996 - allenatore
Carriera
Giovanili
195?-1958 Modena
Squadre di club1
1958-1960 Modena 47 (12)
1960 Inter 0 (0)
1960-1961 Torino 22 (3)
1961-1963 Napoli 28 (0)
1963-1972 Mantova 219 (19)
1972-1973 Monza 22 (1)
1973-1974 Ravenna 20 (1)
Nazionale
1960 Italia Italia Olimpica 4 (2)
Carriera da allenatore
1976-1979 Mantova
1981-1982 SPAL Primavera
1982 SPAL
1983-1985 Rovigo
1985-1988 Suzzara
1988-1992 Carpi
1992-1994 Mantova
1994-1995 Modena
1996 Fiorenzuola
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ugo Tomeazzi (Bomporto, 24 dicembre 1940) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista o attaccante.

Fu attivo negli anni sessanta e settanta.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nelle giovanili del Modena proveniente da una formazione dilettantistica ferrarese di Sant'Agostino, con i canarini disputa due stagioni in Serie B, nella seconda delle quali realizza 11 reti, non sufficienti tuttavia ad evitare la retrocessione in Serie C.

Nel 1960 transita brevemente all'Inter[1], senza scendere in campo, quindi passa al Torino, con cui esordisce in serie A il 13 novembre 1960 in occasione del Derby della Mole, chiuso a reti bianche[2], e disputa 22 incontri , con 3 reti all'attivo, del campionato 1960-1961 chiuso dai granata al dodicesimo posto.

A fine stagione cambia nuovamente casacca trasferendosi al Napoli, disputando 2 stagioni, la prima in A e la seconda in B, senza riuscire ad imporsi come titolare (28 presenze complessive), ma conquistando nell'annata 1961-1962 la promozione in A e la Coppa Italia[3]. Nella stagione successiva, in Serie A, viene anche squalificato per un mese per doping, insieme ad altre tre compagni di squadra[3].

Nel 1963 passa quindi al Mantova, formazione di cui diventerà una bandiera[4], con 9 stagioni all'attivo, 5 in A e 4 in B, 219 presenze complessive, centrando due promozioni in massima serie (annate 1965-1966 e 1970-1971).

Lascia i virgiliani al termine della stagione 1971-1972, conclusa con la retrocessione in B[4], e disputa le ultime stagioni della carriera in Serie C con Monza[4][5] e Ravenna[6].

In carriera ha totalizzato complessivamente 131 presenze e 9 reti in Serie A e 185 presenze e 25 reti in Serie B.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha disputato con la Nazionale Olimpica le Olimpiadi di Roma 1960, chiuse al quarto posto, con all'attivo 4 presenze e 2 reti, tra cui quella nella finalina persa contro l'Ungheria[7].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha intrapreso successivamente la carriera di allenatore, guidando il Mantova in Serie C fino alla stagione 1979-1980, quando viene esonerato dopo un cattivo avvio di stagione[8]. Nel 1982, mentre è alla guida della formazione Primavera della SPAL, subentra a Titta Rota alla guida della prima squadra, senza evitarne la retrocessione in Serie C1[9][10]. Tra il 1983 e il 1985 guida il Rovigo per due stagioni in Serie D[11]: nella prima giunge al secondo posto staccato di due punti rispetto al Sassuolo, nel secondo è ancora nella piazza d'onore dopo un lungo duello con l'Orceana e manca la finale di Coppa Italia battuto dal Rosignano. Successivamente allena il Suzzara con cui ottiene la promozione in serie C2 e il Carpi, con cui ottiene la prima promozione in Serie C1 della storia della società, con una squadra ripescata dall'Interregionale[12]. Rimane sulla panchina carpigiana per i tre successivi campionati in terza serie[12], e nel 1992 torna al Mantova, dove ottiene immediatamente la promozione in Serie C1[8]; nella stagione successiva viene inizialmente sostituito da Gianfranco Bellotto[13], per poi tornare sulla panchina virgiliana conducendo la squadra ai playoff[4].

Dopo il fallimento del Mantova, nel 1994, sostituisce Ferruccio Mazzola al Modena[14], sempre in Serie C1, e quindi subentra a Giancarlo D'Astoli sulla panchina del Fiorenzuola, mancando l'approdo ai playoff[15]. Nella stagione 2000-2001 torna per la terza volta al Mantova, come responsabile dell'area tecnica[16].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Napoli: 1961-1962
Mantova: 1970-1971

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Mantova: 1992-1993
Suzzara: 1985-1986

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Esplosivo" il mercato calcistico (grazie anche al Credito Sportivo), L'Unità, 13 giugno 1960, pag.6
  2. ^ L'esordio dei calciatori del Torino (1960/61-1969/70) faccedatoro.altervista.org
  3. ^ a b Il "Petisso": promozione e Coppa Italia Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive. napolinelpallone.altervista.org
  4. ^ a b c d La favola del Mantova Archiviato il 2 dicembre 2012 in Internet Archive. postadelgufo.it
  5. ^ I quadri della nuova B, L'Unità, 17 luglio 1972, pag.10
  6. ^ Il Ravenna tiene per 45' poi la Lucchese la spunta, L'Unità, 8 ottobre 1973, pag.9
  7. ^ Battuti gli azzurri al Flaminio (2-1). All'Ungheria la medaglia di bronzo, L'Unità, 10 settembre 1960, pag.6
  8. ^ a b La Storia del Calcio a Mantova[collegamento interrotto] mantovafc.it
  9. ^ La storia chespal.it
  10. ^ C.Fontanelli, P.Negri, Il calcio a Ferrara, GEO Edizioni, pag.267
  11. ^ MENEGHINI MARIO , essenza del Calcio ROVIGO polesinesport.it
  12. ^ a b La storia Archiviato il 2 febbraio 2014 in Internet Archive. carpifc1909.it
  13. ^ Cudicini e Savoldi, figli d'arte in provincia Il Corriere della Sera, 10 luglio 1993, pag.37
  14. ^ Calcio news La Repubblica, 9 novembre 1994, pag.36
  15. ^ Stagione 1995-1996 Fiorenzuola1922.com
  16. ^ Tomeazzi ha sogni di grandezza Il Mantova modello Manchester Gazzetta dello Sport, 19 gennaio 2001

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]