Gipo Poggi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gipo Poggi
GipoPoggi.jpg
Nome Ernesto Matteo Poggi
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1947
Carriera
Giovanili
La Dominante
Squadre di club1
1928-1929 La Dominante 7 (2)
1929-1930 Genova 1893 0 (0)
1930-1931 Liguria 4 (0)
1931-1936 Sampierdarenese 139 (29)
1936-1938 Milan 6 (0)
1938-1943 Fiorentina 138 (4)
1943-1945 Genova 1893 17 (0)
1945-1946 Andrea Doria 16 (0)
1946-1947 Sampdoria 5 (0)
Carriera da allenatore
1950-1951 Sampdoria
1952-1953 Sampdoria
1953-1956 Pavia
1956-1958 Catania
1959-1960 Genoa
1961-1962 Cesena
1964-1966 Entella[1][2]
1970-1971 Sampdoria[3] Vice
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ernesto Matteo Poggi, meglio conosciuto come Gipo Poggi (Genova, 23 febbraio 1913Genova, 3 gennaio 1992), è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano, di ruolo centrocampista.

Era noto come Poggi II per distinguerlo dal fratello Luigi anch'egli calciatore con La Dominante, Genova 1893 e Sampierdarenese, noto come Poggi I.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Si affaccia alla ribalta nazionale nella stagione 1928-1929 l'ultima prima dell'adozione del girone unico, quando, sedicenne, disputa alcune partite nelle file della Dominante, compagine da poco creata dalla prima fusione di Sampierdarenese e passa quindi per un breve periodo al Genova 1893 (con cui non disputa incontri di campionato). Torna quindi alla società d'origine che cambia denominazione prima in Liguria (nel 1930), quindi (nel 1931) in Sampierdarenese, e che disputa campionati di seconda e terza serie.

Nella stagione 1934-1935 nelle file della Sampierdarenese, dopo lo spareggio di Bologna col Bari, centra la promozione in Serie A. Resta coi rossoneri liguri per altre due stagioni da titolare in massima serie, quindi nell'estate 1936 si trasferisce al Milan. La parentesi milanese si chiude con 6 presenze in due stagioni, e nel 1938 viene ceduto alla Fiorentina in Serie B.

Poggi II (in piedi, primo da destra) nella Fiorentina del 1940-1941

Coi viola centra nella prima stagione la promozione in Serie A e disputa da titolare quattro campionati in massima serie, conquistando la Coppa Italia nella stagione 1939-1940 e ottenendo un quarto posto nella stagione 1940-1941.

Poggi era nella rosa della squadra rossoblu che partecipò alla Coppa Città di Genova che nei primi mesi del 1945 sostituì il normale campionato a causa degli eventi bellici che sconvolgevano l'Europa in quel periodo.[4] La competizione fu vinta dai rossoblu che sorpassarono all'ultima giornata i rivali del Liguria; a Poggi ed a ciascun vincitore della competizione furono date in premio 20.000 lire dal futuro presidente rossoblu Antonio Lorenzo.[5]

Dopo la fine della seconda guerra mondiale fa ritorno a Genova, per disputare l'anomalo campionato 1945-1946 nelle file della ricostituita Andrea Doria, per chiudere poi la carriera agonistica con 5 presenze nella stagione 1946-1947 con la neonata Sampdoria.

In carriera ha totalizzato complessivamente 175 presenze e 9 reti in Serie A.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Intrapresa l'attività di allenatore, ha svolto prevalentemente il ruolo di secondo e di allenatore delle giovanili con la Sampdoria, assumendo tuttavia in alcune circostanze anche l'incarico di primo allenatore.

A fine anni cinquanta ha guidato alcune formazioni di Serie B e Serie C, e per un breve periodo anche il Genoa, per poi tornare al ruolo di vice, quasi sempre in coppia con Fulvio Bernardini.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Fiorentina: 1939-1940
Sampierdarenese: 1933-1934
Fiorentina: 1930-1931, 1938-1939

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

  • Coppa Città di Genova: 1
Genova 1893: 1945

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Carcano edizioni, 1966, p. 180.
  2. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Carcano edizioni, 1967, p. 194.
  3. ^ Almanacco Illustrato del calcio 1971, edizioni Panini, pag. 199
  4. ^ Maiorca, p.200
  5. ^ ESCLUSIVA PIANETAGENOA – Emilio Caprile: «Io azzurro nel 1950, ho girato in tanti club. Ma il Genoa è rimasto sempre nel mio cuore», su Pianetagenoa1893.net. URL consultato l'8 ottobre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, Genova, De Ferrari, 2008, ISBN 978-88-6405-011-9.
  • Gianluca Maiorca, Marco Montaruli, Paolo Pisano, Almanacco storico del Genoa, Trebaseleghe, Fratelli Frilli Editori, 2011, ISBN 978-88-7563-693-7.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Marchetti (a cura di), Gipo Poggi, su Enciclopediadelcalcio.it, 2011.