Divisione Nazionale 1945-1946

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Divisione Nazionale 1945-1946
Competizione Divisione Nazionale
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 44ª
Organizzatore Lega Nazionale Alta Italia e Lega Nazionale Centro-Sud
Date dal 14 ottobre 1945
al 28 luglio 1946
Luogo Italia Italia
Partecipanti 14 Serie A (Nord)
5 Serie A (Centro-Sud)
6 Serie B (Centro-Sud)
19 Serie A (totale)
6 Serie B (totale)
25 (totale)
Formula 2 gironi preliminari, 1 girone finale
Risultati
Vincitore Torino
(3º titolo)
Statistiche
Miglior marcatore Italia Guglielmo Gabetto (22)
Incontri disputati 350
Gol segnati 889 (2,54 per incontro)
Grande Torino 1945-46.jpg
Il Grande Torino campione d'Italia nel 1946
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1942-1943 1946-1947 Right arrow.svg

Il Campionato Alta Italia 1945-1946, il Campionato Serie A-B Centro-Sud 1945-1946 e il girone finale nazionale, furono i tornei che costituirono la complessa organizzazione della 44ª edizione del campionato italiano di calcio: per la prima e unica volta dal 1929, non fu disputato a girone unico.

Un'Italia spezzata[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la fine della seconda guerra mondiale l'Italia si ritrovò in macerie e spezzata in due. Gli accaniti combattimenti lungo la Linea Gotica dell'inverno 1945 avevano gravemente compromesso, se non distrutto, le linee di comunicazione sugli Appennini, rendendo assai difficoltosi gli spostamenti fra la Pianura padana e la Penisola italiana.

Ubicazione delle squadre della Divisione Nazionale 1945-1946
Red pog.svg Serie A Alta Italia; Green pog.svg Serie mista A-B Centro-Sud Italia

In queste condizioni, la Federazione decise di far ripartire il campionato di calcio con una formula particolare. Invero, la stessa FIGC che per motivi contingenti non poteva ritornare al girone unico dell'anteguerra, dovette creare due distinti organismi che furono eletti in due diverse assemblee: una diretta da Ottorino Barassi a Roma il 10 luglio, e una presieduta da Giovanni Mauro a Novara il 31 luglio. Nel Nord del paese fu costituita la Lega Nazionale Alta Italia che avrebbe gestìto il campionato dell'Alta Italia che si poneva in continuità con quello prebellico di Serie A, essendovi ammesse tutte le società che avrebbero avuto titolo a partecipare alla massima serie della soppressa stagione 1943-44. Una citazione a parte va però fatta per la Sampierdarenese e l'Andrea Doria, che tornavano a disputare separatamente la massima serie dopo la forzata fusione del 1927 voluta dai fascisti: appena conclusa la guerra e caduto il regime, una speciale Commissione voluta dalla FIGC prese a riesaminare tutte le imposizioni volute nei vent'anni della dittatura, ed individuò un'ingiustizia nella nascita dell'allora Dominante, poi Liguria, poiché si trattò null'altro che della soppressione della quotata Andrea Doria a tutto vantaggio di una Sampierdarenese il cui unico privilegio era quello di rappresentare la località dove si era formato il secondo Fascio più antico d'Italia dopo quello di Milano. Fu così che la Federazione accolse il reclamo degli ormai invecchiati ex dirigenti della Doria – alcuni dei quali nel corso degli Anni Trenta avevano tentato di ricostruire, senza molto successo, la società in Serie C – riammettendoli d'ufficio nella massima serie, come peraltro fece per i residui soci del Liguria, che ripresero il nome di Sampierdarenese.

Eusebio Castigliano, prolifico centrocampista dei granata scudettati.

Nel Meridione la situazione era ancora più complessa, non essendoci ivi sufficienti società – solo quattro più il Bari formalmente retrocesso – aventi titolo alla disputa della massima serie. La soluzione fu trovata costituendo la Lega Nazionale Centro-Sud che gestì il campionato Misto di Serie A e B del Centro-Sud fra le squadre di Serie A e quelle di Serie B:[1] accettarono l'invito l'Anconitana, il Napoli, il Palermo, il Pescara, la Salernitana e il Siena, per un totale di undici formazioni, un numero dispari poiché il ritiro del Pisa per mancanza di fondi ed indisponibilità dello stadio bombardato, e la soppressione della M.A.T.E.R. Roma, lasciarono il torneo zoppo.

Alla conclusione dei due raggruppamenti, solo le prime quattro classificate di ogni campionato si sarebbero qualificate al girone finale nazionale che avrebbe determinato la vincitrice dello scudetto, con una formula che ricordava un poco quella dei campionati precedenti il 1926. Per questo complesso meccanismo il campionato 1945-46, pur comparendo regolarmente negli albi d'oro, non è assimilato a quelli di Serie A e non compare nelle relative statistiche.

A parità di punteggio le squadre furono normalmente classificate a pari merito, mentre i regolamenti dei campionati redatti dalla F.I.G.C. per questa e per le successive stagioni prevedevano che, trovandosi necessità di attribuire qualsiasi titolo sportivo di promozione o retrocessione, si procedesse a disputare uno o più spareggi in campo neutro.

Serie A Alta Italia[modifica | modifica wikitesto]

Il girone settentrionale fu vinto dal Torino, giunto davanti all'Inter. Le altre due posizioni valide per l'accesso al girone finale furono conquistate da Juventus e Milan, quest'ultimo prevalso sul Brescia dopo un doppio spareggio.

Squadre[modifica | modifica wikitesto]

Profili[modifica | modifica wikitesto]

Club Rosa Città Stadio Stagione 1942-1943
Soccer Jersey Blue-White (half).png Andrea Doria dettagli Genova Stadio Luigi Ferraris Rifondata con titolo sportivo del 1927 come misura antifascista
Soccer Jersey Azure-Black (stripes).png Atalanta dettagli Bergamo Stadio Comunale 9ª in Serie A
Soccer Jersey Red-Blue (quarters).png Bologna dettagli Bologna Stadio Comunale 6º in Serie A
Soccer Jersey Azure-White (V style).png Brescia dettagli Brescia Stadium di Viale Piave 2º in Serie B, promosso
Soccer Jersey Red-Blue (half).png Genoa dettagli Genova Stadio Luigi Ferraris 5º in Serie A
Soccer Jersey Azure-Black (stripes).png Inter dettagli Milano Arena Civica 4º in Serie A
Soccer Jersey White-Black (stripes).png Juventus dettagli Torino Stadio Comunale 3ª in Serie A
Soccer Jersey Red-Black (stripes).png Milan dettagli Milano Arena Civica 6º in Serie A
Soccer Jersey Yellow-Blue (borders).png Modena dettagli Modena Stadio Comunale 1º in Serie B, promosso
Soccer Jersey Liguria.png Sampierdarenese dettagli Genova Stadio Luigi Ferraris 16ª in Serie A come Liguria, ripescata per cause belliche
Soccer Jersey Maroon.png Torino dettagli Torino Stadio Filadelfia Campione d'Italia
Soccer Jersey Red-White (borders).png Triestina dettagli Trieste Stadio Comunale 13ª in Serie A
Soccer Jersey Green-Black (borders).png Venezia dettagli Venezia Stadio Pier Luigi Penzo 14º in Serie A
Soccer Jersey Red-White (stripes).png Vicenza dettagli Vicenza Stadio Comunale 12º in Serie A

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Allenatore Squadra Allenatore
Andrea Doria Italia Italo Zamberletti (1ª-?ª)
Ungheria János Vanicsek (?ª-26ª)
Milan Italia Adolfo Baloncieri
Atalanta Ungheria János Nehadoma (1ª-6ª)
Italia Giuseppe Meazza (7ª-13ª)
Argentina Italia Luis Monti (14ª-26ª)
Modena Italia Alfredo Mazzoni
Bologna[2][3] Austria Alexander Popovic (1ª-13ª)
Italia Angelo Schiavio & Italia Pietro Genovesi (14ª-26ª)
Sampierdarenese[4] Italia Ottavio Barbieri (1ª-21ª)
Italia Riccardo Fossati (24ª-30ª)
Brescia[5] Italia Giovanni Ferrari (1ª-13ª)
Italia Mario Perazzolo (14ª-26ª)
Torino Italia Luigi Ferrero
Genoa[6][7] Italia Guido Ara (1ª-7ª)
Italia Enrico Silvestri (8ª-?ª)
Ungheria József Viola (?ª-21ª)
Italia Ottavio Barbieri (22ª-26ª)
Triestina Italia Mario Villini
Inter Italia Carlo Carcano Venezia Italia Giuseppe Girani
Juventus Italia Felice Borel Vicenza Italia Pietro Spinato

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1rightarrow.png 1. Torino 42 26 19 4 3 65 18 +47
1rightarrow.png 2. Inter 39 26 17 5 4 52 21 +31
1rightarrow.png 3. Juventus 35 26 13 9 4 52 23 +29
1rightarrow.png 4. Milan[8] 30 26 12 6 8 38 36 +2
5. Brescia 30 26 12 6 8 38 33 +5
6. Modena 26 26 8 10 8 24 22 +2
6. Bologna 26 26 11 4 11 30 33 −3
8. Triestina 23 26 8 7 11 23 32 −9
9. Atalanta 21 26 7 7 12 21 28 −7
9. Andrea Doria[9] 21 26 7 7 12 25 35 −10
11. Vicenza 20 26 8 4 14 28 38 −10
12. Genoa 19 26 6 7 13 21 46 −25
13. Venezia 17 26 4 9 13 19 37 −18
Nuvola actions cancel.png 14. Sampierdarenese[9] 15 26 5 5 16 19 53 −32

Legenda:

         Qualificate al girone finale
         La Sampierdarenese e l'Andrea Doria si fonderanno dando vita alla U.C. Sampdoria.

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Era in vigore il pari merito, con eventuali spareggi per determinare qualificazioni.

Spareggi qualificazione[modifica | modifica wikitesto]

Risultati Luogo e data
Milan 1 - 1 dts Brescia Bologna, 20 aprile 1946
Milan 2 - 1 dts Brescia Modena, 24 aprile 1946

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

  AnD Ata Bol Bre Gen Int Juv Mil Mod Sam Tor Tri Ven Vic
Andrea Doria –––– 1-0 0-0 1-1 0-1 1-1 1-1 1-2 1-1 0-1 2-3 0-0 2-0 3-2
Atalanta 0-3 –––– 0-1 0-0 2-2 2-1 1-1 0-2 0-1 3-0 1-0 2-1 1-0 2-2
Bologna 1-0 2-0 –––– 0-0 4-0 1-3 2-1 1-2 2-2 3-2 0-2 1-0 3-0 2-1
Brescia 2-0 1-1 2-1 –––– 3-1 1-2 2-1 2-0 1-0 1-0 1-3 1-1 3-1 4-1
Genoa 0-3 1-0 3-0 2-3 –––– 1-2 2-1 1-0 0-0 0-2 0-1 0-1 0-0 2-0
Inter 2-0 1-0 1-0 4-1 9-1 –––– 2-2 2-0 2-0 2-0 1-1 1-2 2-1 4-2
Juventus 6-1 2-0 1-0 3-1 4-1 0-0 –––– 2-2 1-0 6-0 2-1 1-1 5-0 2-1
Milan 1-2 2-1 2-2 3-1 1-0 1-3 1-1 –––– 1-0 3-0 2-3 2-0 2-1 2-4
Modena 1-0 0-2 2-0 2-1 1-1 0-0 0-0 1-1 –––– 2-0 0-3 5-1 0-0 2-0
Sampierdarenese 1-0 1-3 0-2 1-2 1-1 1-3 2-2 1-2 0-0 –––– 0-5 0-6 1-1 1-0
Torino 5-0 2-0 4-0 2-2 6-0 1-0 1-0 4-0 1-1 2-1 –––– 4-0 3-1 4-0
Triestina 0-1 0-0 1-0 1-0 2-1 1-3 0-3 1-2 1-0 0-1 1-1 –––– 0-0 0-2
Venezia 2-2 0-0 1-2 1-2 0-0 0-1 0-2 0-0 2-3 3-1 2-1 1-1 –––– 1-0
Vicenza 1-0 1-0 3-0 1-0 0-0 1-0 1-2 2-2 1-0 1-1 1-2 0-1 0-1 ––––

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Andata (1ª) Prima giornata Ritorno (14ª)
14 ott.
1945
0-0 Atalanta-Brescia 1-1 20 gen.
1946
2-2 Bologna-Modena 0-2
1-0 Genoa-Milan 0-1 24 gen.
2-0 Inter-Andrea Doria 1-1 20 gen.
2-1 Juventus-Torino 0-1 19 mar.
0-0 Triestina-Venezia 1-1 20 gen.
1-1 Vicenza-Sampierdarenese 0-1 19 gen.

Andata (3ª) Terza giornata Ritorno (16ª)
28 ott.
1945
1-0 Bologna-Andrea Doria 0-0 3 feb.
1946
1-1 Brescia-Triestina 0-1
27 ott. 0-0 Genoa-Venezia 0-0
28 ott.
1945
1-0 Inter-Atalanta 1-2
1-0 Juventus-Modena 0-0
0-5 Sampierdarenese-Torino 1-2
2-2 Vicenza-Milan 4-2

Andata (5ª) Quinta giornata Ritorno (18ª)
18 nov.
1945
1-1 Andrea Doria-Modena 0-1 17 feb.
1946
3-2 Bologna-Sampierdarenese 2-0
17 nov. 2-0 Genoa-Vicenza 0-0
18 nov.
1945
2-2 Inter-Juventus 0-0
2-2 Torino-Brescia 3-1
0-0 Triestina-Atalanta 1-2
0-0 Venezia-Milan 1-2

Andata (7ª) Settima giornata Ritorno (20ª)
2 dic.
1945
1-1 Andrea Doria-Juventus 1-6 3 mar.
1946
3-0 Atalanta-Sampierdarenese 3-1
1-0 Inter-Bologna 3-1
2-0 Modena-Vicenza 0-1
4-0 Torino-Milan 3-2
2-1 Triestina-Genoa 1-0 2 mar.
1-2 Venezia-Brescia 1-3 14 mar.


Andata (9ª) Nona giornata Ritorno (22ª)
16 dic.
1945
1-0 Brescia-Sampierdarenese 2-1 19 mar.
0-3 Genoa-Andrea Doria 1-0 17 mar.
1946
4-2 Inter-Vicenza 0-1
1-1 Modena-Milan 0-1
2-0 Torino-Atalanta 0-1
1-0 Triestina-Bologna 0-1
0-2 Venezia-Juventus 0-5


Andata (11ª) Undicesima giornata Ritorno (24ª)
30 dic.
1945
3-1 Brescia-Genoa 3-2 31 mar.
1946
2-2 Milan-Bologna 2-1
0-0 Modena-Inter 0-2
2-2 Sampierdarenese-Juventus 0-6
4-0 Torino-Triestina 1-1
2-2 Venezia-Andrea Doria 0-2 30 mar.
1-0 Vicenza-Atalanta 2-2 31 mar.


Andata (13ª) Tredicesima giornata Ritorno (26ª)
13 gen.
1946
2-3 Andrea Doria-Torino 0-5 14 apr.
1946
0-1 Atalanta-Modena 2-0
4-0 Bologna-Genoa 0-3 13 apr.
2-1 Juventus-Vicenza 2-1 14 apr.
1946
3-1 Milan-Brescia 0-2
1-3 Triestina-Inter 2-1
3-1 Venezia-Sampierdarenese 1-1


Andata (2ª) Seconda giornata Ritorno (15ª)
21 ott.
1945
0-1 Andrea Doria-Sampierdarenese 0-1 26 gen.
0-1 Atalanta-Bologna 0-2 27 gen.
1946
1-0 Brescia-Modena 1-2
1-1 Milan-Juventus 2-2 30 gen.
6-0 Torino-Genoa 1-0 27 gen.
1946
0-2 Triestina-Vicenza 1-0
0-1 Venezia-Inter 1-2

Andata (4ª) Quarta giornata Ritorno (17ª)
4 nov.
1945
1-1 Andrea Doria-Brescia 0-2 10 feb.
1946
1-1 Atalanta-Juventus 0-2
1-3 Milan-Inter 0-2
1-1 Modena-Genoa 0-0
3 nov. 0-6 Sampierdarenese-Triestina 1-0
4 nov.
1945
3-1 Torino-Venezia 1-2
3-0 Vicenza-Bologna 1-2

Andata (6ª) Sesta giornata Ritorno (19ª)
25 nov.
1945
0-3 Atalanta-Andrea Doria 0-1 23 feb.
2-1 Brescia-Bologna 0-0 24 feb.
1946
4-1 Juventus-Genoa 1-2
2-0 Milan-Triestina 2-1
0-3 Modena-Torino 1-1
1-3 Sampierdarenese-Inter 0-2
0-1 Vicenza-Venezia 0-1

Andata (8ª) Ottava giornata Ritorno (21ª)
9 dic.
1945
3-0 Bologna-Venezia 2-1 10 mar.
1946
1-2 Brescia-Inter 1-4
1-0 Genoa-Atalanta 2-2
1-1 Juventus-Triestina 3-0
1-2 Milan-Andrea Doria 2-1
8 dic. 0-0 Sampierdarenese-Modena 0-2
9 dic. 1-2 Vicenza-Torino 0-4


Andata (10ª) Decima giornata Ritorno (23ª)
22 dic. 3-2 Andrea Doria-Vicenza 0-1 24 mar.
1946
23 dic.
1945
1-0 Atalanta-Venezia 0-0
0-2 Bologna-Torino 0-4
9-1 Inter-Genoa 2-1
3-1 Juventus-Brescia 1-2
1-2 Sampierdarenese-Milan 0-3
1-0 Triestina-Modena 1-5


Andata (12ª) Dodicesima giornata Ritorno (25ª)
5 gen. 0-0 Andrea Doria-Triestina 1-0 7 apr.
1946
6 gen.
1946
0-2 Atalanta-Milan 1-2
0-2 Genoa-Sampierdarenese 1-1
1-1 Inter-Torino 0-1
1-0 Juventus-Bologna 1-2
0-0 Modena-Venezia 3-2
1-0 Vicenza-Brescia 1-4

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica in divenire[modifica | modifica wikitesto]

[10]  
10ª 11ª 12ª 13ª 14ª 15ª 16ª 17ª 18ª 19ª 20ª 21ª 22ª 23ª 24ª 25ª 26ª
Atalanta 1 1 1 2 3 3 5 5 5 7 7 7 7 8 8 10 10 10 12 14 15 17 18 19 19 21
Bologna 1 3 5 5 7 7 7 9 9 9 10 10 12 12 14 15 17 19 20 20 22 24 24 24 26 26
Brescia 1 3 4 5 6 8 10 10 12 12 14 14 14 15 15 15 17 17 18 20 20 22 24 26 28 30
Doria 0 0 0 1 2 4 5 7 9 11 12 13 13 14 14 15 15 15 17 17 17 17 17 19 21 21
Genova 1893 2 2 3 4 6 6 6 8 8 8 8 8 8 8 8 9 10 11 13 13 14 16 16 16 17 19
Juventus 2 3 5 6 7 9 10 11 13 15 16 18 20 20 21 22 24 25 25 27 29 31 31 33 33 35
Inter 2 4 6 8 9 11 13 15 17 19 20 21 23 24 26 26 28 29 31 33 35 35 37 39 39 39
Milan 0 1 2 2 3 5 5 5 6 8 9 11 13 15 16 16 16 18 20 20 22 24 26 28 30 30
Modena 1 1 1 2 3 3 5 6 7 7 8 9 11 13 15 16 17 19 20 20 22 22 24 24 26 26
Sampierdarenese 1 3 3 3 3 3 3 4 4 4 5 7 7 9 11 11 13 13 13 13 13 13 13 13 14 15
Torino 0 2 4 6 7 9 11 13 15 17 19 20 22 24 26 28 28 30 31 33 35 35 37 38 40 42
Triestina 1 1 2 4 5 5 7 8 10 12 12 13 13 14 16 18 18 18 18 20 20 20 20 21 21 23
Vicenza 1 3 4 6 6 6 6 6 6 6 8 10 10 10 10 12 12 13 13 15 15 17 19 20 20 20
Venezia 1 1 2 2 3 5 5 5 5 5 6 7 9 10 10 11 13 13 15 15 15 15 16 16 16 17

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del torneo furono segnati complessivamente 455 gol (di cui 11 su autorete) da 111 diversi giocatori, per una media di 2,50 gol a partita. Di seguito, la classifica dei marcatori[10].

Gol Rigori Giocatore Squadra
15 Italia Guglielmo Gabetto Torino
13 1 Italia Giuseppe Baldini Andrea Doria
13 1 Italia Romano Penzo Inter
11 Italia Enrico Candiani Inter
11 Italia Aredio Gimona Milan
11 2 Italia Ezio Loik Torino
11 Italia Valentino Mazzola Torino
11 UruguayItalia Héctor Puricelli Milan
10 Italia Camillo Achilli Inter
10 3 Italia Silvio Piola Juventus

Marcature multiple[modifica | modifica wikitesto]

[10].

Reti Calciatore Incontro Giornata
5 Italia Romano Penzo Inter-Genoa 9-1 10
4 Italia Vittorio Sentimenti Juventus-Venezia 5-0 22
3 Italia Gino Cappello Bologna-Genoa 4-0 13
3 Italia Adriano Bassetto Milan-Vicenza 2-4 16

Serie mista A-B Centro-Sud[modifica | modifica wikitesto]

Il campionato misto del Centro-Sud venne vinto a sorpresa da una squadra di Serie B e da una ripescata, il Napoli e il Bari, le quali ottennero l'accesso al girone finale e, per i partenopei, anche la promozione in Serie A. Superarono il turno anche la Roma e la Pro Livorno (coi toscani che già nell'ultimo campionato nazionale avevano sfiorato lo scudetto). Le più blasonate Fiorentina e Lazio, invece, non riuscirono a qualificarsi.

Squadre[modifica | modifica wikitesto]

Profili[modifica | modifica wikitesto]

Club Rosa Città Stadio stagione 1942-43
Soccer Jersey Red-White (borders).png Anconitana dettagli Ancona Stadio Dorico 10ª in Serie B
Soccer Jersey White-Red (borders).png Bari dettagli Bari Stadio della Vittoria 15º in Serie A, ripescato per cause belliche
Jersey violet.svg Fiorentina dettagli Firenze Stadio Comunale 6ª in Serie A
Soccer Jersey Sky-White (borders).png Lazio dettagli Roma Stadio Nazionale 9ª in Serie A
Soccer Jersey Azure.png Napoli dettagli Napoli Stadio del Vomero 3º in Serie B
Soccer Jersey Pink-Black (borders).png Palermo dettagli Palermo Stadio La Favorita Impossibilitato a concludere la Serie B per cause belliche e quindi ripescato
Soccer Jersey White-Azure (stripes).png Pescara dettagli Pescara Stadio Rampigna 8º in Serie B
Jersey granate.svg Pro Livorno dettagli Livorno Stadio Comunale 2º in Serie A
Soccer Jersey Roma Red-Yellow (borders).png Roma dettagli Roma Stadio Nazionale 9ª in Serie A
Jersey granate.svg Salernitana dettagli Salerno Stadio Comunale 2ª nel girone finale A di Serie C, promossa
Soccer Jersey White-Black (stripes).png Siena dettagli Siena Stadio del Rastrello 14º in Serie B
Il Pisa ottiene un anno sabbatico in C per mancanza di fondi ed indisponibilità dello stadio bombardato. La M.A.T.E.R. Roma cessa l'attività sportiva.

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Allenatore Squadra Allenatore
Anconitana Italia Achille Piccini Pescara Italia Giuseppe Marchi
Bari Italia Raffaele Costantino (1ª-13ª)
Ungheria János Nehadoma (14ª-20ª)
Pro Livorno[11] Italia Enrico Carpitelli (1ª-6ª)
Italia Ivo Fiorentini (7ª-20ª)
Fiorentina Italia Giuseppe Bigogno (1ª-?ª)
Italia Guido Ara (?ª-20ª)
Roma Italia Giovanni Degni
Lazio[12][13] Italia Dino Canestri (1ª-8ª)
Argentina Italia Salvador Gualtieri (9ª-12ª)
Austria Tony Cargnelli (13ª-20ª)
Salernitana Italia Vittorio Mosele
Napoli Uruguay Italia Raffaele Sansone Siena Italia Cesare Pellegatta
Palermo Uruguay Italia Maximiliano Faotto

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1rightarrow.png 1. Napoli (B) 28 20 11 6 3 28 10 +18
1rightarrow.png 1. Bari 28 20 13 2 5 31 21 +10
1rightarrow.png 3. Roma 27 20 10 7 3 28 17 +11
1rightarrow.png 4. Pro Livorno 26 20 10 6 4 30 15 +15
5. Fiorentina 23 20 10 3 7 32 16 +16
6. Pescara (B) 18 20 6 6 8 27 26 +1
7. Lazio 17 20 6 5 9 19 19 0
7. Palermo (B) 17 20 6 5 9 16 23 −7
9. Salernitana (B) 14 20 5 4 11 20 32 −12
10. Siena (B) 13 20 2 9 9 13 36 −23
11. Anconitana (B) 9 20 3 3 14 12 41 −29

Legenda:

         Qualificate al girone finale.
Napoli promosso in Serie A.

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Era in vigore il pari merito, con eventuali spareggi per determinare qualificazioni.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

  Anc Bar Fio Laz Nap Pal Pes PLi Rom Sal Sie
Anconitana –––– 1-2 0-1 1-0 0-3 1-2 1-1 1-1 0-1 2-1 1-1
Bari 4-2 –––– 1-0 1-0 2-1 3-1 1-0 1-0 1-0 1-0 4-0
Fiorentina 5-0 2-0 –––– 4-3 0-1 2-0 3-1 2-1 2-0 4-0 5-0
Lazio 1-2 1-0 1-0 –––– 0-0 0-1 6-0 0-2 1-2 2-1 0-0
Napoli 2-0 2-1 1-0 0-0 –––– 2-0 1-0 1-0 1-1 1-0 6-1
Palermo 3-0 0-2 0-0 0-1 0-0 –––– 1-0 1-0 1-3 1-0 2-2
Pescara 4-0 3-1 3-0 2-2 2-1 0-0 –––– 1-2 2-2 5-1 2-0
Pro Livorno 4-0 4-1 1-1 1-0 1-0 4-2 1-0 –––– 1-1 3-0 0-0
Roma 3-0 1-1 1-0 0-1 0-0 2-1 0-0 2-2 –––– 4-2 1-0
Salernitana 1-0 2-3 1-0 2-0 1-1 0-0 2-0 0-0 1-3 –––– 3-0
Siena 1-0 1-1 1-1 0-0 1-4 1-0 1-1 1-2 0-1 2-2 ––––

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Andata (1ª) Prima giornata Ritorno (13ª)
21 ott.
1945
0-1 Anconitana-Roma 0-3 20 gen.
1946
0-2 Lazio-Pro Livorno 0-1
0-2 Palermo-Bari 1-3
3-0 Pescara-Fiorentina 1-3
2-2 Siena-Salernitana 0-3
Riposa: Napoli


Andata (3ª) Terza giornata Ritorno (15ª)
13 gen. 1-2 Anconitana-Palermo 0-3 3 feb.
1946
4 nov.
1945
1-0 Bari-Fiorentina 0-2
0-0 Napoli-Lazio 0-0
5-1 Pescara-Salernitana 0-2
1-0 Roma-Siena 1-0
Riposa: Pro Livorno


Andata (5ª) Quinta giornata Ritorno (17ª)
18 nov.
1945
4-3 Fiorentina-Lazio 0-1 17 feb.
1946
1-0 Napoli-Pescara 1-2
1-0 Palermo-Pro Livorno 2-4
1-0 Siena-Anconitana 1-1
Riposano: Bari,
Roma e Salernitana


Andata (7ª) Settima giornata Ritorno (19ª)
2 dic.
1945
1-1 Anconitana-Pescara 0-4 3 mar.
1946
1-0 Bari-Roma 1-1
2-0 Fiorentina-Palermo 0-0
0-0 Lazio-Siena 0-0
3-0 Pro Livorno-Salernitana 0-0
Riposa: Napoli


Andata (9ª) Nona giornata Ritorno (21ª)
16 dic.
1945
1-1 Anconitana-Pro Livorno 0-4 17 mar.
1946
1-0 Palermo-Salernitana 0-0
6 gen. 2-2 Pescara-Lazio 0-6
16 dic.
1945
0-0 Roma-Napoli 1-1
1-1 Siena-Bari 0-4
Riposa: Fiorentina


Andata (11ª) Undicesima giornata Ritorno (23ª)
30 dic.
1945
4-2 Bari-Anconitana 2-1 31 mar.
1946
0-0 Palermo-Napoli 0-2
1-0 Pro Livorno-Pescara 2-1
1-1 Siena-Fiorentina 0-5
Riposano: Lazio,
Roma e Salernitana
Andata (2ª) Seconda giornata Ritorno (14ª)
28 ott.
1945
2-1 Bari-Napoli 1-2 27 gen.
1946
5-0 Fiorentina-Anconitana 1-0
0-0 Pro Livorno-Siena 2-1
0-0 Roma-Pescara 2-2
2-0 Salernitana-Lazio 1-2
Riposa: Palermo


Andata (4ª) Quarta giornata Ritorno (16ª)
11 nov. 0-3 Anconitana-Napoli 0-2 10 feb.
1946
13 gen. 1-0 Lazio-Bari 0-1
11 nov.
1945
0-0 Pescara-Palermo 0-1
1-1 Pro Livorno-Roma 2-2
1-0 Salernitana-Fiorentina 0-4
Riposa: Siena


Andata (6ª) Sesta giornata Ritorno (18ª)
25 nov.
1945
1-0 Napoli-Pro Livorno 0-1 24 feb.
1946
0-1 Palermo-Lazio 1-0
2-0 Pescara-Siena 1-1
1-0 Roma-Fiorentina 0-2
1-0 Salernitana-Anconitana 1-2
Riposa: Bari


Andata (8ª) Ottava giornata Ritorno (20ª)
9 dic.
1945
0-1 Fiorentina-Napoli 0-1 10 mar.
1946
1-2 Lazio-Anconitana 0-1
4-1 Pro Livorno-Bari 0-1
1-3 Salernitana-Roma 2-4
1-0 Siena-Palermo 2-2
Riposa: Pescara


Andata (10ª) Decima giornata Ritorno (22ª)
23 dic.
1945
1-0 Bari-Pescara 1-3 24 mar.
1946
2-1 Fiorentina-Pro Livorno 1-1
1-2 Lazio-Roma 1-0
1-0 Napoli-Salernitana 1-1
Riposano: Anconitana,
Palermo e Siena


Andata (12ª) Dodicesima giornata Ritorno (24ª)
13 gen. 6-1 Napoli-Siena 4-1 7 apr.
1946
6 gen.
1946
2-1 Roma-Palermo 3-1
2-3 Salernitana-Bari 0-1
Riposano: Anconitana,
Fiorentina, Lazio,
Pescara e Pro Livorno

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica in divenire[modifica | modifica wikitesto]

[10]  
10ª 11ª 12ª 13ª 14ª 15ª 16ª 17ª 18ª 19ª 20ª 21ª 22ª 23ª 24ª
Anconitana 0 0 0 0 0 0 1 3 4 4 4 4 4 4 4 4 5 7 7 9 9 9 9 9
Bari 2 4 6 6 6 6 8 8 9 11 13 15 17 17 17 19 19 19 20 22 24 24 26 28
Fiorentina 0 2 2 2 4 4 6 6 6 8 9 9 11 13 15 17 17 19 20 20 20 21 23 23
Lazio 0 0 1 3 3 5 5 6 7 7 7 7 7 9 10 10 12 12 13 13 15 17 17 17
Pro Livorno 2 3 3 4 4 4 6 8 9 9 11 11 13 15 15 16 18 20 21 21 23 24 26 26
Napoli 0 0 1 3 5 7 7 9 10 12 13 15 15 17 18 20 20 20 20 22 23 24 26 28
Palermo 0 0 2 3 5 5 5 5 7 7 8 8 8 8 10 12 12 14 15 16 17 17 17 17
Pescara 2 3 5 6 6 8 9 9 10 10 10 10 10 11 11 11 13 14 16 16 16 18 18 18
Roma 2 3 5 6 6 8 8 10 11 13 13 15 17 18 20 21 21 21 22 24 25 25 25 27
Salernitana 1 3 3 5 5 7 7 7 7 7 7 7 9 9 11 11 11 11 12 12 13 14 14 14
Siena 1 2 2 2 4 4 5 7 8 8 9 9 9 9 9 9 10 11 12 13 13 13 13 13

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del torneo furono segnati complessivamente 256 gol (di cui 4 su autorete) da 91 diversi giocatori, per una media di 2,33 gol a partita. Di seguito, la classifica dei marcatori[10].

Gol Rigori Giocatore Squadra
13 Italia Dante Di Benedetti Bari
12 Italia Mario Gritti Fiorentina
11 1 Austria Engelbert Koenig Lazio
10 1 Italia Mario Tontodonati Pescara
8 Italia Amedeo Amadei Roma
8 Italia Teresio Piana Pro Livorno
8 Italia Renato Raccis Pro Livorno
7 Italia Carlo Barbieri Napoli
7 3 Italia Vincenzo Margiotta Salernitana
7 Italia Omero Urilli Roma

Marcature multiple[modifica | modifica wikitesto]

Reti Calciatore Incontro Giornata
3 Austria Engelbert Koenig Fiorentina-Lazio 4-3 5
3 Italia Teresio Piana Livorno-Salernitana 4-0 7
3 Italia Carlo Barbieri Napoli-Siena 6-1 12
3 Italia Mario Gritti Fiorentina-Salernitana 4-0 16
3 Austria Engelbert Koenig Lazio-Pescara 6-0 21

Girone finale Divisione Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il girone finale si giocò tra aprile e luglio: alla fine a vincere lo scudetto fu il Torino che, giunto all'ultima giornata primo a pari merito con la Juve, approfittò del passo falso dei bianconeri che pareggiarono a Napoli mentre i Granata, travolgendo il Pro Livorno, li staccarono in classifica.

Squadre[modifica | modifica wikitesto]

Profili[modifica | modifica wikitesto]

Club Rosa Città Stadio Torneo di qualificazione
Soccer Jersey White-Red (borders).png Bari dettagli Bari Stadio della Vittoria 1º in Serie A-B Centro-Sud
Soccer Jersey Azure-Black (stripes).png Inter dettagli Milano Arena Civica 2ª nel Campionato Alta Italia
Soccer Jersey White-Black (stripes).png Juventus dettagli Torino Stadio Comunale 3ª nel Campionato Alta Italia
Soccer Jersey Red-Black (stripes).png Milan dettagli Milano Arena Civica 4º nel Campionato Alta Italia
Soccer Jersey Azure.png Napoli dettagli Napoli Stadio del Vomero 1º in Serie A-B Centro-Sud
Jersey granate.svg Pro Livorno dettagli Livorno Stadio Comunale 4º in Serie A-B Centro-Sud
Soccer Jersey Roma Red-Yellow (borders).png Roma dettagli Roma Stadio Nazionale 3ª in Serie A-B Centro-Sud
Soccer Jersey Maroon.png Torino dettagli Torino Stadio Filadelfia 1º nel Campionato Alta Italia

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Allenatore Squadra Allenatore
Bari[14] Italia Raffaele Costantino (1ª-13ª)
Ungheria János Nehadoma (14ª)
Napoli Uruguay Italia Raffaele Sansone
Inter Italia Carlo Carcano Pro Livorno Italia Ivo Fiorentini
Juventus Italia Felice Borel Roma Italia Giovanni Degni
Milan Italia Adolfo Baloncieri Torino Italia Luigi Ferrero

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Scudetto.svg 1. Torino 22 14 11 0 3 43 14 +29
2. Juventus 21 14 9 3 2 31 8 +23
3. Milan 16 14 7 2 5 25 16 +9
4. Inter 14 14 6 2 6 20 16 +4
5. Napoli 13 14 5 3 6 19 27 −8
6. Roma 11 14 4 3 7 16 22 −6
7. Pro Livorno 10 14 4 2 8 13 35 −22
8. Bari 5 14 1 3 10 6 35 -29

Legenda:

         Campione d'Italia 1945-46

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Era in vigore il pari merito, con eventuale spareggio per determinare il titolo.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

  Bar Int Juv Mil Nap PLi Rom Tor
Bari –––– 1-2 0-2 0-2 2-2 0-0 1-0 1-2
Inter 0-0 –––– 1-0 0-1 2-1 6-2 1-0 6-2
Juventus 6-1 1-0 –––– 3-1 6-0 5-1 2-1 1-0
Milan 8-0 3-2 1-1 –––– 2-3 1-0 2-0 2-0
Napoli 4-0 0-0 1-1 1-0 –––– 3-0 2-1 0-2
Pro Livorno 3-0 1-0 0-3 1-0 2-1 –––– 1-1 0-3
Roma 1-0 3-0 0-0 2-2 2-0 3-1 –––– 0-7
Torino 3-0 1-0 1-0 3-0 7-1 9-1 3-2 ––––

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Andata (1ª) Prima giornata Ritorno (8ª)
28 apr.
1946
6-2 Inter-Pro Livorno 0-1 16 giu.
1946
6-1 Juventus-Bari[15] 2-0
1-0 Napoli-Milan 3-2
0-7 Roma-Torino 2-3


Andata (3ª) Terza giornata Ritorno (10ª)
12 mag.
1946
1-2 Bari-Inter 0-0 30 giu.
1946
5-1 Juventus-Pro Livorno 3-0
2-0 Milan-Roma 2-2
0-2 Napoli-Torino 1-7


Andata (5ª) Quinta giornata Ritorno (12ª)
26 mag.
1946
0-0 Bari-Pro Livorno 0-3 14 lug.
1946
1-1 Milan-Juventus 1-3
2-1 Napoli-Roma 0-2
1-0 Torino-Inter 2-6


Andata (7ª) Settima giornata Ritorno (14ª)
9 giu.
1946
0-2 [16]Bari-Milan 0-8 28 lug.
1946
1-0 Inter-Roma 0-3
6-0 Juventus-Napoli 1-1
0-3 Pro Livorno-Torino 1-9
Andata (2ª) Seconda giornata Ritorno (9ª)
5 mag.
1946
2-2 Bari-Napoli 0-4 20 giu.
1-0 Inter-Juventus 0-1 23 giu.
1946
1-1 Pro Livorno-Roma 1-3
3-0 Torino-Milan 0-2


Andata (4ª) Quarta giornata Ritorno (11ª)
19 mag.
1946
2-1 Inter-Napoli 0-0 7 lug.
1946
1-0 Pro Livorno-Milan 0-1
0-0 Roma-Juventus 1-2
3-0 Torino-Bari 2-1


Andata (6ª) Sesta giornata Ritorno (13ª)
30 mag.
1946
1-0 Juventus-Torino 0-1 21 lug.
1946
3-2 Milan-Inter 1-0
3-0 Napoli-Pro Livorno 1-2
1-0 Roma-Bari 0-1

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica in divenire[modifica | modifica wikitesto]

[10]  
10ª 11ª 12ª 13ª 14ª
Bari 0 1 1 1 2 2 2 2 2 3 3 3 5 5
Juventus 2 2 4 5 6 8 10 12 14 16 18 20 20 21
Inter 2 4 6 8 8 8 10 10 10 11 12 14 14 14
Milan 0 0 2 2 3 5 7 7 9 10 12 12 14 16
Napoli 2 3 3 3 5 7 7 9 11 11 12 12 12 13
Livorno 0 1 1 3 4 4 4 6 6 6 6 8 10 10
Roma 0 1 1 2 2 4 4 4 6 7 7 9 9 11
Torino 2 4 6 8 10 10 12 14 14 16 18 18 20 22

Squadra campione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Associazione Calcio Torino 1945-1946.

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del torneo furono segnati complessivamente 171 gol (di cui 6 su autorete) da 55 diversi giocatori, per una media di 3,11 gol a partita. Un match, Bari-Milan, fu dato vinto agli ospiti (0-2) in seguito a giudizio sportivo. Di seguito, la classifica dei marcatori[10].

Gol Rigori Giocatore Squadra
13 Italia Eusebio Castigliano Torino
8 1 Italia Carlo Barbieri Napoli
7 1 Italia Amedeo Amadei Roma
7 Italia Guglielmo Gabetto Torino
6 1 Italia Enrico Candiani Inter
6 1 Italia Silvio Piola Juventus
5 Italia Carlo Annovazzi Milan
5 Italia Aredio Gimona Milan
5 Albania Naim Krieziu Roma
5 Italia Ezio Loik Torino
5 Italia Valentino Mazzola Torino
5 Italia Cosimo Muci Inter
5 Italia Romano Penzo Inter
5 4 Italia Pietro Rava Juventus
5 Italia Vittorio Sentimenti Juventus

Marcature multiple[modifica | modifica wikitesto]

Reti Calciatore Incontro Giornata
4 Italia Eusebio Castigliano Torino-Napoli 7-1 10
4 Italia Enrico Candiani Inter-Torino 6-2 12
3 Italia Cosimo Muci Inter-Livorno 6-2 1
3 Italia Aredio Gimona Milan-Bari 8-0 10
3 Italia Guglielmo Gabetto Torino-Livorno 9-1 14

Verdetti finali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le squadre di Serie B dell'Alta Italia parteciparono invece ad un differente campionato con le migliori società settentrionali di Serie C.
  2. ^ Popovich lascia il Bologna, Il Corriere dello Sport, n. 18, 19 gennaio 1946.
  3. ^ Gli allenatori vanno difesi specialmente se sono bravi, Il Corriere dello Sport, n. 45, 15 febbraio 1946.
  4. ^ Barbieri e il "mezzo sistema", Il Corriere dello Sport, n. 71, 13 marzo 1946.
  5. ^ Varglien I allenatore della Lazio?, Il Corriere dello Sport, n. 18, 19 gennaio 1946.
  6. ^ Ara lascia il Genoa, Il Corriere dello Sport, n. 311, 3 dicembre 1945.
  7. ^ Barbieri al Genoa, Il Corriere dello Sport, n. 76, 18 marzo 1946.
  8. ^ Ammesso alla fase finale dopo lo spareggio per il quarto posto: a Bologna, 20 aprile 1946, Milan-Brescia 1-1 dts; a Modena, 24 aprile 1946, Brescia-Milan 1-2 dts.
  9. ^ a b Al termine di questa stagione i dirigenti di Sampierdarenese e Andrea Doria decisero di dar vita alla fusione stabile dei due sodalizi: nacque così la Sampdoria.
  10. ^ a b c d e f g Campionato 1945-46 su rsssf.com
  11. ^ Cosa combinano Raccis e compagni?, Il Corriere dello Sport, n. 307, 29 novembre 1945.
  12. ^ La Lazio a Pescara con Koenig ma senza Valenti ed Alzani, in Il Corriere dello Sport, n. 4, 5 gennaio 1946, p. 1.
  13. ^ Cargnelli allenatore della Lazio, in Il Corriere dello Sport, n. 27, 28 gennaio 1946, p. 2.
  14. ^ Nekadoma allenerà la Bari, Il Corriere dello Sport, n. 152, 8 giugno 1946.
  15. ^ Disputata in campo neutro allo Stadio Nazionale di Roma.
  16. ^ Risultato a tavolino; partita sospesa per incidenti sul risultato di 1-3.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Maurizio Mariani, Italy 1945/46, su rsssf.com, Rec.Sport.Soccer Statistics Foundation, 15 maggio 2005. URL consultato il 6 maggio 2016.