Franco Ossola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Franco Ossola
Franco Ossola.jpg
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1949
Carriera
Giovanili
Varese
Squadre di club1
1938-1939 Varese 9 (3)
1939-1949 Torino 176 (86)
Nazionale
1943 Italia Italia U-21 1 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Franco Ossola (Varese, 23 agosto 1921Superga, 4 maggio 1949) è stato un calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Perse la vita a Superga il 4 maggio 1949 quando il Fiat G.212 di ritorno dalla trasferta di Lisbona si schiantò contro il muraglione del terrapieno posteriore della basilica di Superga. A lui è intitolato lo Stadio di Varese. Con 85 gol totali con la maglia del Torino si trova al 9º posto della classifica dei marcatori del club torinese dietro a Adolfo Baloncieri (100).

Era fratellastro di Aldo Ossola, cestista della Ignis Varese degli anni settanta, e di Luigi, anch'egli calciatore. Suo figlio Franco, nato dopo la tragedia di Superga, è stato un velocista, faceva parte della staffetta 4x200 che stabilì il record del mondo nel 1972[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ossola (a destra) al Torino, assieme a Gallea (a sinistra) e all'allenatore Janni (al centro).

Notato ancora da ragazzo dall'allenatore del Varese Antonio Janni, venne subito inserito nella squadra che disputava il campionato di Serie C e segnalato al Torino, di cui lo stesso Janni era stato una bandiera.

Inizialmente l'allenatore non era intenzionato a farlo giocare per cederlo direttamente al Torino, ma fu costretto a mandarlo in campo per l'infortunio del titolare Magni.

Janni contattò immediatamente Ferruccio Novo, presidente della squadra granata, che lo acquistò per 55.000 lire.

A Torino arrivò diciottenne nel 1939, facendo il suo esordio in Serie A il 4 febbraio 1940. Partito come rincalzo, nei primi anni soffrì la presenza del grande Pietro Ferraris, che occupava la fascia sinistra d'attacco. Divenne poi titolare, conquistando la maglia nº 11, con cui giocò 181 partite segnando 85 reti tra Serie A, Campionato Alta Italia e Divisione Nazionale.

Franco Ossola è stato sepolto al Cimitero monumentale di Torino.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Franco Ossola è stato interpretato dall'attore Gualtiero Burzi nella miniserie TV Il Grande Torino.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Serie Pres. Reti
1938-1939 Italia Varese C 9 3
1939-1940 Italia Torino A 4 0
1940-1941 A 22 15
1941-1942 A 13 7
1942-1943 A 12 6
1944-1945 CAI 24 14
1945-1946 DN 30 11
1946-1947 A 29 13
1947-1948 A 17 9
1948-1949 A 25 11
Totale Torino 176 86
Totale carriera 185 89

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Torino: 1942-1943, 1945-1946, 1946-1947, 1947-1948, 1948-1949
Torino: 1942-1943

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ medagliedoro.org, http://www.medagliedoro.org/atleta/franco-ossola .

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Marchetti (a cura di), Franco Ossola, su Enciclopediadelcalcio.it, 2011.