Serie A 1948-1949

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Serie A 1948-1949
Competizione Serie A
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 47ª (17ª di Serie A)
Organizzatore Lega Nazionale
Date dal 19 settembre 1948
al 12 giugno 1949
Luogo Italia Italia
Partecipanti 20
Formula Girone all'italiana
Risultati
Vincitore Torino
(6º titolo)
Retrocessioni Modena
Livorno
Statistiche
Miglior marcatore Ungheria István Nyers (26)
Incontri disputati 380
Gol segnati 1 110 (2,92 per incontro)
Grande Torino 1948-49 6.jpg
Il Torino proclamato campione d'Italia postumo nel 1949, dopo la tragedia di Superga.
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1947-1948 1949-1950 Right arrow.svg

La Serie A 1948-1949 fu il massimo livello della 47ª edizione del campionato italiano di calcio, la 17ª disputata con la formula del girone unico.

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Una formazione dell'Inter, che duellò a lungo col Torino per il primato.

In estate il Torino limitò ancora una volta i movimenti di mercato al parco-riserve, ingaggiando tra gli altri il giovane terzino Operto per coprire l'infortunato Maroso,[1] e Fadini come riserva di Mazzola, dato inizialmente per partente (destinazione Inter) a causa di dissapori con la società.[2] Le avversarie, ispirate dagli esiti delle Olimpiadi di Londra, tentarono di limare il divario che le separava dai granata con le rivelazioni della manifestazione. La Juventus ingaggiò dunque l'italiano Caprile del Legnano, le recenti medaglie di bronzo danesi John Hansen e Johannes Pløger[3] (quest'ultimo schierabile solo nel 1949) e, su indicazione dell'allenatore Chalmers, la mezzala del Tottenham William Jordan.[4]

La Sampdoria, appena alla sua terza stagione di vita, colse un buon quinto posto finale.

Il Milan tesserò il primo professionista islandese della storia, Albert Guðmundsson, e l'irlandese Paddy Sloan,[5] prenotando per gennaio la medaglia d'oro della Londra-48 svedese Gunnar Nordahl;[6] l'Atalanta si assicurò il fratello maggiore di quest'ultimo, Bertil, per la difesa, mentre l'Inter, che seguì a lungo Mazzola,[2] puntò infine su un nuovo trio offensivo formato dalla rivelazione dell'Alessandria Gino Armano, dall'apolide István Nyers e dalla bandiera romanista Amadei[7]. Era tornato in Serie A, con la maglia del Novara, un protagonista del decennio precedente, l'attaccante Silvio Piola.

Il campionato[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Tragedia di Superga.
Il granata Ezio Loik, 28 presenze e 9 reti, perì ventinovenne a Superga.

Il campionato dell'esito più tragico iniziò il 19 settembre e vide andare in testa dopo le prime giornate la Lucchese; quella che i toscani intrapresero nei successivi due mesi fu una marcia inattesa, ma non poterono reggere al ritmo del Torino, che approfittò di un momento di appannamento delle rivali a inizio dicembre per passare in testa.[1] Quella dei granata fu però una fuga più complicata di quelle degli anni precedenti, in virtù della vena delle due squadre genovesi e, soprattutto, dell'Inter,[1] spinta dalle reti del bomber Nyers; anche sul fondo, del resto, la classifica appariva piuttosto corta e affollata. Il 6 gennaio, ultima d'andata, i granata si laurearono campioni d'inverno con due punti di vantaggio sul Genoa, che aveva sconfitto il Torino per 3-0 il 26 dicembre. Seguivano a tre punti Inter e Lucchese, mentre la Juventus era relegata a metà classifica per le difficoltà incontrate dall'allenatore nella preparazione dei giocatori, che complicarono anche l'ambientamento di Hansen.[8]

Il ritmo delle concorrenti, nel corso dei primi turni del girone di ritorno, fu blando, e il Torino, grazie a una serie di quattro vittorie consecutive, riuscì ad allungare il distacco, portandosi il 6 febbraio a +6 su Genoa, Inter e Sampdoria, per poi mantenere un vantaggio sui nerazzurri, rimasti principali contendenti, che oscillò tra i tre e i cinque punti. Con lo scontro diretto di Milano della 34ª giornata, il 30 aprile, in cui il Torino impose lo 0-0, i granata ebbero ormai praticamente ipotecato lo scudetto, forti dei 4 punti di distacco dai rivali.[1]

I resti dell'aereo del Torino schiantatosi sul colle di Superga.

Proprio Inter-Torino restò però nella storia come l'ultima partita giocata in campionato dal Grande Torino, che il 3 maggio partecipò ad una gara amichevole contro il Benfica a Lisbona e il giorno dopo, sulla via del ritorno, rimase vittima di una sciagura aerea. Nel disastroso schianto contro la Basilica di Superga rimasero vittima diciotto giocatori, lo staff granata, l'equipaggio presente sul volo e i giornalisti che avevano seguito la squadra in Portogallo. Il 6 maggio il Grande Torino venne proclamato Campione d'Italia per decisione della Federazione;[9] le ultime quattro partite della squadra in campionato furono giocate dalla squadra «Ragazzi», contro avversarie composte anch'esse da elementi delle giovanili.[10] L'Italia e il mondo intero rimasero scioccati per la perdita, e la cittadinanza di Torino partecipò in massa ai funerali dei campioni, entrati nella leggenda.[1][11]

A retrocedere in Serie B furono due tra le protagoniste delle precedenti stagioni, il Livorno e il Modena[7]; quest'ultimo, dopo gli ottimi piazzamenti degli anni precedenti, intraprese la strada di un difficile passaggio al sistema, pagandone le pesanti conseguenze sul campo.[12] Tutte le neopromosse, il Novara, il Palermo e il Padova, ritornate in Serie A rispettivamente dopo sette, dodici e quattordici anni di assenza, raggiunsero invece la salvezza.

Squadre[modifica | modifica wikitesto]

Profili[modifica | modifica wikitesto]

Club partecipanti Città Stadio Stagione 1947-1948
Soccer Jersey Azure-Black (stripes).png Atalanta dettagli Bergamo Stadio Comunale 5ª in Serie A
Soccer Jersey White-Red (borders).png Bari dettagli Bari Stadio della Vittoria
Stadio della Liberazione, Napoli (solo 22ª)
11º in Serie A
Soccer Jersey Red-Blue (quarters).png Bologna dettagli Bologna Stadio Comunale 8º in Serie A
Jersey violet.svg Fiorentina dettagli Firenze Stadio Comunale 7ª in Serie A
Soccer Jersey Red-Blue (half).png Genoa dettagli Genova Stadio Luigi Ferraris
Stadio Alberto Picco, La Spezia (solo 23ª)
12º in Serie A
Soccer Jersey Azure-Black (stripes).png Inter dettagli Milano Stadio San Siro 12ª in Serie A
Soccer Jersey White-Black (stripes).png Juventus dettagli Torino Stadio Comunale 2ª in Serie A
Soccer Jersey Sky-White (borders).png Lazio dettagli Roma Stadio Nazionale 10ª in Serie A
Jersey granate.svg Livorno dettagli Livorno Stadio Comunale 14º in Serie A
Soccer Jersey Red-Black (stripes).png Lucchese Libertas dettagli Lucca Stadio Porta Elisa 14ª in Serie A
Soccer Jersey Red-Black (stripes).png Milan dettagli Milano Stadio San Siro 2º in Serie A
Soccer Jersey Yellow-Blue (borders).png Modena dettagli Modena Stadio Comunale 5º in Serie A
Soccer Jersey Azure.png Novara dettagli Novara Stadio Comunale 1º nel girone A di Serie B, promosso
Soccer Jersey White-Red (borders).png Padova dettagli Padova Stadio Silvio Appiani 1º nel girone B di Serie B, promosso
Soccer Jersey Pink-Black (borders).png Palermo dettagli Palermo Stadio La Favorita 1º nel girone C di Serie B, promosso
Soccer Jersey Blue-White (horizontal stripes).png Pro Patria dettagli Busto Arsizio Stadio Comunale
Stadio Ennio Tardini, Parma (solo 23ª)
Stadio Giuseppe Sinigaglia, Como (solo 26ª)
8ª in Serie A
Soccer Jersey Roma Red-Yellow (borders).png Roma dettagli Roma Stadio Nazionale 17ª in Serie A
Soccer Jersey Sampdoria Blue (horizontal stripe).png Sampdoria dettagli Genova Stadio Luigi Ferraris 14ª in Serie A
Soccer Jersey Maroon.png Torino dettagli Torino Stadio Filadelfia Campione d'Italia
Soccer Jersey Red-White (borders).png Triestina dettagli Trieste Stadio Comunale 2ª in Serie A

Allenatori e primatisti[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Allenatore Calciatore più presente[13] Cannoniere[13]
Atalanta[14] Italia Ivo Fiorentini (1ª-27ª)
Italia Alberto Citterio (28ª)
Italia Carlo Carcano (29ª-38ª)
Italia Giacomo Mari (38) Italia Edmondo Fabbri,
Italia Renato Miglioli (6)
Bari Ungheria András Kuttik (1ª-4ª)
Ungheria Ferenc Plemich (5ª-7ª)
Ungheria György Sárosi (8ª-38ª)
Italia Piero Pietrasanta (37) Ungheria Mihály Vörös (8)
Bologna Austria Tony Cargnelli Italia Glauco Vanz (38) Ungheria István Mike Mayer (21)
Fiorentina Italia Luigi Ferrero Italia Augusto Magli,
Italia Giovanni Sperotto (36)
Italia Alberto Galassi (14)
Genoa Italia Federico Allasio Italia Amedeo Cattani (35) Argentina Juan Carlos Verdeal (11)
Inter[15] Galles David John Astley (1ª-23ª)
Galles David John Astley & Italia Giulio Cappelli (D.T.) (24ª-38ª)
Italia Amedeo Amadei (38) Ungheria István Nyers (26)
Juventus[16][17] Scozia William Chalmers (1ª-26ª)
Italia Teobaldo Depetrini (27ª-28ª)
Scozia William Chalmers (29ª-38ª)
Italia Pietro Rava (38) Italia Giampiero Boniperti,
Danimarca John Hansen (15)
Lazio[18] Italia Orlando Tognotti (1ª-10ª)
Italia Mario Sperone (11ª-38ª)
Italia Sergio Piacentini,
Italia Aldo Puccinelli (38)
Italia Romano Penzo (12)
Livorno[19][20][21] Italia Mario Magnozzi (1ª-9ª)
Austria Hermann Felsner (10ª-27ª)
Italia Ostilio Capaccioli & Italia Mario Del Cittadino (28ª-32ª)
Italia Ostilio Capaccioli (33ª-38ª)
Italia Gino Merlo,
Italia Carlo Stradella (35)
Italia Carlo Stradella (19)
Lucchese Italia Giuseppe Viani Italia Renzo Merlin (38) Italia Ugo Conti (13)
Milan[22] Italia Giuseppe Bigogno Italia Omero Tognon (38) Italia Riccardo Carapellese (17)
Modena Italia Alfredo Mazzoni Italia Andrea Carlo Corazza,
Italia Maino Neri (38)
Italia Francesco Pernigo (10)
Novara[23] Italia Edmondo Mornese (1ª-12ª)
Italia Nereo Marini (13ª-38ª)
Italia Giuseppe Mainardi (37) Italia Silvio Piola (15)
Padova Italia Pietro Serantoni Italia Silvio Arrighini (38) Italia Aldo Checchetti (13)
Palermo Italia Giovanni Varglien Italia Alberto Piccinini (36) Italia Aurelio Pavesi De Marco,
Italia Pietro De Santis (12)
Pro Patria Italia Aldo Biffi (1ª-7ª)
Ungheria Pál Szalay (8ª-38ª)
Italia Eugenio Patti,
Italia Angelo Turconi (38)
Italia Angelo Turconi (12)
Roma[24] Italia Luigi Brunella Italia Gianfranco Dell'Innocenti (38) Italia Mario Tontodonati (12)
Sampdoria Italia Adolfo Baloncieri Italia Giuseppe Baldini,
Italia Luigi Bertani (36)
Italia Giuseppe Baldini,
Italia Renato Gei (15)
Torino[25][26] Inghilterra Leslie Lievesley(1ª-34ª)
Italia Oberdan Ussello (35ª-38ª)
Italia Guglielmo Gabetto † (34) Italia Valentino Mazzola † (16)
Triestina Italia Nereo Rocco Italia Mario Begni,
Italia Guglielmo Trevisan (38)
Italia Bruno Ispiro (15)

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Scudetto.svg 1. Torino 60 38 25 10 3 78 34 +44
2. Inter 55 38 22 11 5 85 39 +46
3. Milan 50 38 21 8 9 83 52 +31
4. Juventus 44 38 18 8 12 64 47 +17
5. Sampdoria 41 38 16 9 13 74 63 +11
5. Bologna 41 38 12 17 9 53 46 +7
7. Genoa 40 38 14 12 12 51 51 0
8. Lucchese 38 38 14 10 14 55 55 0
8. Triestina 38 38 13 12 13 59 59 0
8. Fiorentina 38 38 15 8 15 51 60 -9
11. Palermo 36 38 14 8 16 57 58 -1
11. Padova 36 38 12 12 14 45 64 -19
13. Lazio 34 38 11 12 15 60 62 -2
14. Roma 32 38 12 8 18 47 57 -11
15. Novara 31 38 12 7 19 52 74 -22
15. Atalanta 31 38 11 9 18 40 58 -18
17. Pro Patria 30 38 11 8 19 51 61 -10
17. Bari 30 38 10 10 18 30 50 -20
1downarrow red.svg 19. Modena 29 38 9 11 18 36 49 -13
1downarrow red.svg 20. Livorno 26 38 9 8 21 39 71 -32

Legenda:

         Campione d'Italia 1949 e qualificato in Coppa Latina 1949
         Retrocesse in Serie B 1949-1950

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
Era in vigore il pari merito ed in caso di parità venivano effettuati i necessari spareggi. La stampa del periodo usava, inoltre, un ordinamento grafico per quoziente reti: la differenza reti non era stata ancora inventata.

Squadra campione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Associazione Calcio Torino 1948-1949.
Formazione tipo[27] Giocatori (presenze)[28]
Italia Valerio Bacigalupo † (32)
Italia Aldo Ballarin † (32)
Italia Mario Rigamonti † (31)
Italia Virgilio Maroso † (18)
Italia Giuseppe Grezar † (21)
Italia Danilo Martelli † (28)
Italia Ezio Loik † (28)
Italia Valentino Mazzola † (30)
Italia Romeo Menti † (29)
Italia Franco Ossola † (25)
Italia Guglielmo Gabetto † (34)
Altri giocatori: Eusebio Castigliano † (21), Piero Operto † (11), Rubens Fadini † (10), Émile Bongiorni † (8), Luigi Giuliano (8), Július Schubert † (5), Alfio Balbiano (2), Pietro Biglino (2), Renato Gandolfi (2), Sauro Tomà (2), Ruggero Grava † (1).

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

  Ata Bar Bol Fio Gen Int Juv Laz Liv Luc Mil Mod Nov Pad Pal PPa Rom Sam Tor Tri
Atalanta –––– 0-2 1-1 2-1 0-0 1-2 2-4 1-1 4-2 2-2 1-1 2-0 3-1 0-1 2-1 0-1 3-0 1-5 3-2 0-1
Bari 0-2 –––– 3-0 0-0 0-0 1-2 2-1 0-0 3-0 0-0 0-2 0-1 2-0 1-0 2-1 1-0 0-4 1-2 1-1 1-1
Bologna 1-1 1-0 –––– 0-0 2-2 1-3 3-0 2-0 6-2 4-1 3-1 2-0 3-1 0-0 1-0 2-0 1-2 1-2 2-2 1-1
Fiorentina 2-0 0-2 1-0 –––– 2-1 0-2 0-0 4-0 3-2 1-0 4-2 1-1 2-0 0-0 0-3 3-1 3-1 1-0 0-0 5-3
Genoa 2-0 2-1 0-0 4-2 –––– 4-1 2-1 1-0 3-2 0-0 1-0 1-0 0-4 7-1 1-1 0-2 1-0 0-0 3-0 5-1
Inter 4-0 9-1 2-2 7-1 2-1 –––– 1-1 1-0 3-1 4-0 4-4 2-0 5-0 1-1 0-0 2-1 1-0 4-2 0-0 1-1
Juventus 1-0 1-0 2-0 3-2 2-1 0-1 –––– 4-1 2-2 2-1 1-1 0-1 4-1 6-1 3-2 4-3 0-0 5-1 1-2 2-0
Lazio 1-1 1-1 8-2 2-1 5-1 2-2 0-4 –––– 2-0 2-1 2-3 5-1 2-1 1-1 5-1 2-5 0-0 2-0 2-2 4-0
Livorno 0-2 1-0 1-1 1-1 2-2 0-2 1-3 1-1 –––– 0-0 2-1 1-0 1-0 2-2 0-2 2-0 2-1 1-0 0-2 1-0
Lucchese 0-1 1-1 1-1 4-0 0-0 0-0 2-1 2-1 0-1 –––– 2-2 1-0 5-1 4-0 6-2 1-0 5-1 3-1 1-1 3-1
Milan 3-0 4-1 2-2 3-1 2-2 0-2 1-1 3-0 2-0 4-0 –––– 5-1 4-1 2-0 2-1 3-2 3-0 3-2 1-0 3-1
Modena 2-0 0-0 0-1 1-2 2-0 2-3 2-2 2-0 0-0 4-0 0-0 –––– 1-1 0-2 4-0 1-1 2-2 2-1 0-1 0-2
Novara 2-0 3-1 1-1 2-0 1-2 1-1 0-0 2-2 3-1 5-2 1-2 2-1 –––– 2-1 1-0 1-1 2-1 2-3 0-2 3-0
Padova 3-0 1-0 2-0 2-0 0-0 1-3 3-0 2-0 2-1 0-1 1-4 0-0 3-2 –––– 3-3 1-1 2-0 1-3 4-4 0-0
Palermo 1-2 3-0 0-0 0-2 3-0 2-1 2-0 1-0 4-2 1-3 2-1 0-0 3-0 1-0 –––– 3-1 2-1 1-1 2-2 4-0
Pro Patria 0-0 0-1 0-3 2-4 2-1 1-1 0-1 1-2 1-0 0-2 3-2 2-0 5-0 3-0 1-0 –––– 1-1 1-4 0-1 3-1
Roma 1-0 0-0 1-1 1-1 1-0 1-0 0-1 1-1 4-0 3-0 1-2 2-1 4-1 0-2 3-2 3-1 –––– 2-4 1-2 4-2
Sampdoria 4-2 2-1 1-1 2-1 5-1 0-4 2-0 2-2 3-0 5-0 2-1 1-1 1-3 0-0 2-2 4-4 2-0 –––– 2-3 1-1
Torino 2-0 2-0 1-0 2-0 4-0 4-2 3-1 1-0 1-0 2-1 4-1 3-1 4-0 3-1 3-0 4-1 4-0 2-1 –––– 1-1
Triestina 1-1 2-0 1-1 4-0 0-0 2-0 1-0 4-1 5-4 1-0 1-3 1-2 1-1 9-1 3-1 0-0 2-0 3-1 1-1 ––––

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Andata (1ª) Prima giornata Ritorno (20ª)
19 set. 0-2 Bari-Milan 1-4 9 gen.
1-2 Bologna-Roma 1-1
0-3 Fiorentina-Palermo 2-0
7-1 Genoa-Padova 0-0
4-2 Inter-Sampdoria 4-0
0-4 Lazio-Juventus 1-4
3-1 Lucchese-Triestina 0-1
0-0 Modena-Livorno 0-1
2-0 Novara-Atalanta 1-3
4-1 Torino-Pro Patria 1-0
Andata (2ª) Seconda giornata Ritorno (21ª)
26 set. 3-2 Atalanta-Torino 0-2 16 gen.
2-0 Bologna-Pro Patria 3-0
5-0 Inter-Novara 1-1
3-2 Juventus-Fiorentina 0-0
2-2 Livorno-Genoa 2-3
1-0 Lucchese-Modena 0-4
2-0 Padova-Lazio 1-1
2-1 Palermo-Milan 1-2
4-2 Roma-Triestina 0-2
2-1 Sampdoria-Bari 2-1
Andata (3ª) Terza giornata Ritorno (22ª)
3 ott. 1-0 Fiorentina-Sampdoria 1-2 23 gen.
2-1 Genoa-Juventus 1-2
2-2 Lazio-Inter 0-1
3-0 Milan-Atalanta 1-1
1-1 Modena-Novara 1-2
2-0 Padova-Bologna 0-0
4-2 Palermo-Livorno 2-0
0-2 Pro Patria-Lucchese 0-1
4-0 Torino-Roma 2-1
2-0 Triestina-Bari 1-1
Andata (4ª) Quarta giornata Ritorno (23ª)
10 ott. 2-0 Atalanta-Modena 0-2 30 gen.
0-0 Bari-Fiorentina 2-0
2-2 Bologna-Genoa 0-0
0-0 Inter-Palermo 1-2
2-0 Juventus-Triestina 0-1
0-2 Livorno-Torino 0-1
2-1 Lucchese-Lazio 1-2
2-1 Novara-Padova 2-3
1-2 Roma-Milan 0-3
4-4 Sampdoria-Pro Patria 4-1
Andata (5ª) Quinta giornata Ritorno (24ª)
17 ott. 2-4 Atalanta-Juventus 0-1 6 feb.
2-0 Fiorentina-Novara 0-2
1-1 Livorno-Bologna 2-6
16 ott. 0-2 Milan-Inter 4-4
17 ott. 0-2 Modena-Padova 0-0
0-1 Pro Patria-Bari 0-1
1-1 Roma-Lazio 0-0
5-1 Sampdoria-Genoa 0-0
2-1 Torino-Lucchese 1-1
3-1 Triestina-Palermo 0-4
Andata (6ª) Sesta giornata Ritorno (25ª)
24 ott. 0-4 Bari-Roma 0-0 13 feb.
4-1 Genoa-Inter 1-2
1-2 Juventus-Torino 1-3
1-1 Lazio-Atalanta 1-1
3-1 Milan-Triestina 3-1
2-1 Modena-Sampdoria 1-1
1-1 Novara-Bologna 1-3
2-0 Padova-Fiorentina 0-0
1-3 Palermo-Lucchese 2-6
1-0 Pro Patria-Livorno 0-2
Andata (7ª) Settima giornata Ritorno (26ª)
31 ott. 0-1 Atalanta-Pro Patria 0-0 20 feb.
2-0 Bologna-Modena 1-0
3-2 Fiorentina-Livorno 1-1
9-1 Inter-Bari 2-1
2-2 Lucchese-Milan 0-4
1-0 Palermo-Lazio 1-5
1-0 Roma-Genoa 0-1
2-0 Sampdoria-Juventus 1-5
3-1 Torino-Padova 4-4
1-1 Triestina-Novara 0-3
Andata (8ª) Ottava giornata Ritorno (27ª)
4 nov. 1-1 Genoa-Palermo 0-3 6 mar.
0-1 Juventus-Inter 1-1
1-1 Lazio-Bari 0-0 27 mar.
0-0 Livorno-Lucchese 1-0 6 mar.
1-0 Milan-Torino 1-4
2-2 Modena-Roma 1-2
2-3 Novara-Sampdoria 3-1
3-0 Padova-Atalanta 1-0
2-4 Pro Patria-Fiorentina 1-3
1-1 Triestina-Bologna 1-1
Andata (9ª) Nona giornata Ritorno (28ª)
7 nov. 0-0 Bari-Genoa 1-2 13 mar.
1-1 Bologna-Atalanta 1-1
4-2 Fiorentina-Milan 1-3
2-0 Inter-Modena 3-2
2-1 Lucchese-Juventus 1-2
1-0 Novara-Palermo 0-3
1-1 Padova-Pro Patria 0-3
4-0 Roma-Livorno 1-2
1-1 Sampdoria-Triestina 1-3
1-0 Torino-Lazio 2-2
Andata (10ª) Decima giornata Ritorno (29ª)
14 nov. 0-1 Atalanta-Triestina 1-1 20 mar.
2-2 Bologna-Torino 0-1
1-0 Genoa-Lazio 1-5
0-1 Juventus-Modena 2-2
2-2 Livorno-Padova 1-2
4-0 Lucchese-Fiorentina 0-1
4-1 Milan-Novara 2-1 19 mar.
3-0 Palermo-Bari 1-2 20 mar.
1-1 Pro Patria-Inter 1-2
2-4 Roma-Sampdoria 0-2
Andata (11ª) Undicesima giornata Ritorno (30ª)
21 nov. 3-1 Fiorentina-Roma 1-1 3 apr.
2-0 Genoa-Atalanta 0-0
3-1 Inter-Livorno 2-0
1-0 Juventus-Bari 1-2
8-2 Lazio-Bologna 0-2
0-0 Modena-Milan 1-5
0-2 Novara-Torino 0-4
0-1 Padova-Lucchese 0-4
1-1 Palermo-Sampdoria 2-2
0-0 Triestina-Pro Patria 1-3
Andata (12ª) Dodicesima giornata Ritorno (31ª)
28 nov. 2-1 Atalanta-Palermo 2-1 10 apr.
0-1 Bari-Modena 0-0
0-0 Bologna-Fiorentina 0-1
1-1 Livorno-Lazio 0-2
0-0 Lucchese-Genoa 0-0
1-1 Milan-Juventus 1-1
5-0 Pro Patria-Novara 1-1
1-0 Roma-Inter 0-1
0-0 Sampdoria-Padova 3-1
1-1 Torino-Triestina 1-1
Andata (13ª) Tredicesima giornata Ritorno (32ª)
5 dic. 2-0 Fiorentina-Atalanta 1-2 17 apr.
2-2 Inter-Bologna 3-1
2-2 Juventus-Livorno 3-1 18 apr.
2-5 Lazio-Pro Patria 2-1 17 apr.
0-1 Modena-Torino 1-3
3-1 Novara-Bari 0-2
1-4 Padova-Milan 0-2
2-1 Palermo-Roma 2-3
5-0 Sampdoria-Lucchese 1-3
0-0 Triestina-Genoa 1-5
Andata (14ª) Quattordicesima giornata Ritorno (33ª)
23 dic. 1-5 Atalanta-Sampdoria 2-4 24 apr.
30 dic. 3-0 Bologna-Juventus 0-2 a tav.
8 dic. 1-1 Fiorentina-Modena 2-1 25 apr.
1-0 Genoa-Milan 2-2 24 apr.
4-0 Inter-Lucchese 0-0
1-0 Livorno-Novara 1-3
3-1 Palermo-Pro Patria 0-1
0-2 Roma-Padova 0-2 25 apr.
29 dic. 2-0 Torino-Bari 1-1 24 apr.
8 dic. 4-1 Triestina-Lazio 0-4
Andata (15ª) Quindicesima giornata Ritorno (34ª)
12 dic. 1-0 Bari-Padova 0-1 1º  mag.
1-2 Bologna-Sampdoria 1-1 30 apr.
4-2 Genoa-Fiorentina 1-2 1º  mag.
1-0 Livorno-Triestina 4-5
0-1 Lucchese-Atalanta 2-2
3-0 Milan-Lazio 3-2 30 apr.
4-0 Modena-Palermo 0-0 1º  mag.
0-1 Pro Patria-Juventus 3-4 30 apr.
4-1 Roma-Novara 1-2 1º  mag.
4-2 Torino-Inter 0-0 30 apr.
Andata (16ª) Sedicesima giornata Ritorno (35ª)
19 dic. 1-2 Atalanta-Inter 0-4 8 mag.
0-0 Bari-Lucchese 1-1
0-0 Fiorentina-Torino 0-2 12 giu.
3-2 Juventus-Palermo 0-2 8 mag.
5-1 Lazio-Modena 0-2
2-2 Milan-Bologna 1-3
1-2 Novara-Genoa 4-0
0-0 Padova-Triestina 1-9
1-1 Pro Patria-Roma 1-3
3-0 Sampdoria-Livorno 0-1
Andata (17ª) Diciassettesima giornata Ritorno (36ª)
26 dic. 0-2 Atalanta-Bari 2-0 15 mag.
1-0 Bologna-Palermo 0-0
3-0 Genoa-Torino 0-4
13 gen. 1-1 Inter-Padova 3-1
26 dic. 0-0 Juventus-Roma 1-0
2-0 Lazio-Sampdoria 2-2
2-1 Livorno-Milan 0-2
5-1 Lucchese-Novara 2-5
1-1 Modena-Pro Patria 0-2
4-0 Triestina-Fiorentina 3-5
Andata (18ª) Diciottesima giornata Ritorno (37ª)
2 gen. 3-0 Bari-Livorno 0-1 29 mag.
4-0 Fiorentina-Lazio 1-2
1-0 Genoa-Modena 0-2
1-1 Lucchese-Bologna 1-4
27 gen. 3-2 Milan-Pro Patria 2-3
3 feb. 0-0 Novara-Juventus 1-4
2 gen. 1-0 Palermo-Padova 3-3
1-0 Roma-Atalanta 0-3
27 gen. 2-1 Torino-Sampdoria 3-2
2 gen. 2-0 Triestina-Inter 1-1
Andata (19ª) Diciannovesima giornata Ritorno (38ª)
6 gen. 4-2 Atalanta-Livorno 2-0 5 giu.
3-0 Bari-Bologna 0-1
7-1 Inter-Fiorentina 2-0
6-1 Juventus-Padova 0-3
2-1 Lazio-Novara 2-2
5-0 Lucchese-Roma 0-3
0-2 Modena-Triestina 2-1
2-2 Palermo-Torino 0-3 22 mag.
2-1 Pro Patria-Genoa 2-0 a tav.
2-1 Sampdoria-Milan 2-3 5 giu.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica in divenire[modifica | modifica wikitesto]

[29] 10ª 11ª 12ª 13ª 14ª 15ª 16ª 17ª 18ª 19ª 20ª 21ª 22ª 23ª 24ª 25ª 26ª 27ª 28ª 29ª 30ª 31ª 32ª 33ª 34ª 35ª 36ª 37ª 38ª
 
Atalanta 0 2 2 4 4 5 5 5 6 6 6 8 8 8 10 10 10 10 12 14 14 15 15 15 16 17 17 18 19 20 22 24 24 25 25 27 29 31
Bari 0 0 0 1 3 3 3 4 5 5 5 5 5 5 7 8 10 12 14 14 14 15 17 19 20 20 21 21 23 25 26 28 29 29 30 30 30 30
Bologna 0 2 2 3 4 5 7 8 9 10 10 11 12 14 14 15 17 18 18 19 21 22 23 25 27 29 30 31 31 33 33 33 33 34 36 37 39 41
Fiorentina 0 0 2 3 5 5 7 9 11 11 13 14 16 17 17 18 18 20 20 22 23 23 23 23 24 25 27 27 29 30 32 32 34 36 36 38 38 38
Genoa 2 3 5 6 6 8 8 9 10 12 14 15 16 18 20 22 24 26 26 27 29 29 30 31 31 33 33 35 35 36 37 39 40 40 40 40 40 40
Inter 2 4 5 6 8 8 10 12 14 15 17 17 18 20 20 22 23 23 25 27 28 30 30 31 33 35 36 38 40 42 44 46 47 48 50 52 53 55
Juventus 2 4 4 6 8 8 8 8 8 8 10 11 12 12 14 16 17 18 20 22 23 25 25 27 27 29 30 32 33 33 34 36 38 40 40 42 44 44
Lazio 0 0 1 1 2 3 3 4 4 4 6 7 7 7 7 9 11 11 13 13 14 14 16 17 18 20 21 22 24 24 26 28 30 30 30 31 33 34
Livorno 1 2 2 2 3 3 3 4 4 5 5 6 7 9 11 11 13 13 13 15 15 15 15 15 17 18 20 22 22 22 22 22 22 22 24 24 26 26
Lucchese 2 4 6 8 8 10 11 12 14 16 18 19 19 19 19 20 22 23 25 25 25 27 27 28 30 30 30 30 30 32 33 35 36 37 38 38 38 38
Milan 2 2 4 6 6 8 9 10 10 12 13 14 16 16 18 19 19 21 21 23 25 26 28 29 32 34 34 36 38 40 41 43 44 46 46 48 48 50
Modena 1 1 2 2 2 4 4 5 5 7 8 10 10 11 13 13 14 14 14 14 16 16 18 19 20 20 20 20 21 21 22 22 22 23 25 25 27 29
Novara 2 2 3 5 5 6 7 7 9 9 9 9 11 11 11 11 11 12 12 12 13 15 15 17 17 19 21 21 21 21 22 22 24 26 28 30 30 31
Padova 0 2 4 4 6 8 8 10 11 12 12 13 13 15 15 16 17 17 17 18 19 20 22 23 24 25 27 27 29 29 29 29 31 33 33 33 34 36
Palermo 2 4 6 7 7 7 9 10 10 12 13 13 15 17 17 17 17 19 20 20 20 22 24 26 26 26 28 30 30 31 31 31 31 32 34 35 36 36
Pro Patria 0 0 0 1 1 3 5 5 6 7 8 10 12 12 12 13 14 14 16 16 16 16 16 16 16 17 17 19 19 21 22 22 24 24 24 26 28 30
Roma 2 4 4 4 5 7 9 10 12 12 12 14 14 14 16 17 18 20 20 21 21 21 21 22 23 23 25 25 25 26 26 28 28 28 30 30 30 32
Sampdoria 0 2 2 3 5 5 7 9 10 12 13 14 16 18 20 22 22 22 24 24 26 28 30 31 32 32 32 32 34 35 37 37 39 40 40 41 41 41
Torino 2 2 4 6 8 10 12 12 14 15 17 18 20 22 24 25 25 27 28 30 32 34 36 37 39 40 42 43 45 47 48 50 51 52 54 56 58 60
Triestina 0 0 2 2 4 4 5 6 7 9 10 11 12 14 14 16 17 19 21 23 25 26 28 28 28 28 29 31 32 32 33 33 33 35 37 37 38 38

Classifiche di rendimento[modifica | modifica wikitesto]

Rendimento andata-ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Andata Ritorno
Torino 28 Torino 32
Genoa 26 Inter 30
Inter 25 Milan 28
Lucchese 25 Juventus 24
Sampdoria 24 Bologna 23
Milan 22 Lazio 21
Triestina 21 Atalanta 19
Fiorentina 20 Novara 19
Juventus 20 Padova 19
Palermo 20 Fiorentina 18
Roma 20 Sampdoria 17
Bologna 18 Triestina 17
Padova 17 Bari 16
Pro Patria 16 Palermo 16
Bari 14 Modena 15
Modena 14 Genoa 14
Lazio 13 Pro Patria 14
Livorno 13 Livorno 13
Atalanta 12 Lucchese 13
Novara 12 Roma 12

Rendimento casa-trasferta[modifica | modifica wikitesto]

In casa In trasferta
Torino 37 Inter 24
Milan 33 Torino 23
Inter 31 Milan 17
Genoa 30 Sampdoria 16
Juventus 29 Bologna 15
Fiorentina 28 Juventus 15
Lucchese 28 Atalanta 12
Palermo 28 Padova 12
Triestina 28 Pro Patria 11
Bologna 26 Bari 10
Lazio 26 Fiorentina 10
Novara 25 Genoa 10
Sampdoria 25 Lucchese 10
Padova 24 Modena 10
Roma 24 Triestina 10
Livorno 22 Lazio 8
Bari 20 Palermo 8
Atalanta 19 Roma 8
Modena 19 Novara 6
Pro Patria 19 Livorno 4

Primati stagionali[modifica | modifica wikitesto]

Record

  • Maggior numero di vittorie: Torino (25)
  • Minor numero di sconfitte: Torino (3)
  • Miglior attacco: Inter (85 reti fatte)
  • Miglior difesa: Torino (34 reti subite)
  • Miglior differenza reti: Inter (+46)
  • Maggior numero di pareggi: Bologna (17)
  • Minor numero di vittorie: Livorno e Modena (9)
  • Maggior numero di sconfitte: Livorno (21)
  • Peggiore attacco: Bari (30 reti fatte)
  • Peggior difesa: Novara (74 reti subite)
  • Peggior differenza reti: Livorno (-32)
  • Partita con più reti: Inter-Bari 9-1 (7ª giornata), Lazio-Bologna 8-2 (11ª giornata), Triestina-Padova 9-1 (35ª giornata)

Capolista solitarie

  • 4ª giornata: Lucchese
  • 7ª giornata: Torino
  • dalla 10ª alla 12ª giornata: Lucchese
  • dalla 13ª alla 38ª giornata: Torino

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del campionato furono segnati complessivamente 1.110 gol (di cui 52 su calcio di rigore, 20 su autorete e 4 assegnati per giudizio sportivo) da 228 diversi giocatori, per una media di 2,92 gol a partita. Le gare per le quali il risultato fu deciso a tavolino furono Juventus-Bologna e Genoa-Pro Patria[29]. Di seguito, la classifica dei marcatori[29].

Gol Rigori Giocatore Squadra
26 6 Ungheria István Nyers Inter
22 Italia Amedeo Amadei Inter
21 1 Ungheria István Mike Mayer Bologna
19 3 Italia Carlo Stradella Livorno
18 Italia Riccardo Carapellese Milan
16 Svezia Gunnar Nordahl Milan
16 Italia Valentino Mazzola Torino
15 2 Italia Giuseppe Baldini Sampdoria
15 Italia Giampiero Boniperti Juventus
15 Italia Renato Gei Sampdoria
15 3 Danimarca John Hansen Juventus
15 Italia Bruno Ispiro Triestina
15 2 Italia Silvio Piola Novara
15 1 Italia Ugo Conti Lucchese

Marcature multiple[modifica | modifica wikitesto]

[29]

Reti Calciatore Incontro Giornata
5 Ungheria István Mike Mayer Bologna-Livorno 6-2 24
5 Italia Bruno Ispiro Triestina-Padova 9-1 35
4 Italia Amedeo Amadei Inter-Bari 9-1 7

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Chiesa, pp. 126-127
  2. ^ a b Piero Molino, Il consiglio del TORINO e lo "scandalo Mazzola", Corriere dello Sport, 26 maggio 1948, p. 3. URL consultato il 14 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2012).
  3. ^ Ansaldo, p. 167
  4. ^ Stefano Bedeschi, Gli eroi in bianconero: William John Jordan, Tuttomercatoweb.com, 10 ottobre 2011. URL consultato il 14 ottobre 2012.
  5. ^ Sappino, p. 272
  6. ^ Gunnar Nordahl, Acmilan.com. URL consultato il 14 ottobre 2012.
  7. ^ a b Chiesa, p. 126
  8. ^ Stefano Bedeschi, Gli eroi in bianconero: John Hansen, Tuttojuve.com, 25 luglio 2012. URL consultato il 14 ottobre 2012.
  9. ^ Melegari, 2004, pp. 231-232
  10. ^ Melegari, 2004, p. 436
  11. ^ Barreca, p. 111-112
  12. ^ Chiesa, pp. 128-129
  13. ^ a b Melegari, 2002, p. 437
  14. ^ Fiorentini lascia l'Atalanta, Il Corriere dello Sport, n. 58, 9 marzo 1949, p. 4.
  15. ^ Nell'Inter Astley confermato allenatore, Il Corriere dello Sport, n. 33, 8 febbraio 1949, p. 1.
  16. ^ [collegamento interrotto] Bianconeri e granata in ferie, La Stampa, n. 45, 22 febbraio 1949, p. 4.
  17. ^ [collegamento interrotto] Non facile per il Torino l'incontro col Bologna, La Stampa, n. 68, 20 marzo 1949, p. 4.
  18. ^ [collegamento interrotto] Valanga della Lazio al Bologna: 8-2, La Stampa, n. 269, 22 novembre 1948, p. 4.
  19. ^ [collegamento interrotto] L'allenatore Magnozzi, La Stampa, n. 259, 12 novembre 1948, p. 4.
  20. ^ Il Livorno accetta le dimissioni di Felsner, Il Corriere dello Sport, n. 57, 8 marzo 1949, p. 4.
  21. ^ Pieni poteri a Capaccioli del Livorno, Il Corriere dello Sport, n. 97, 23 aprile 1949, p. 4.
  22. ^ Storia della stagione su magliarossonera.it
  23. ^ [collegamento interrotto] A nuovo allenatore del Novara, La Stampa, n. 280, 4 dicembre 1948, p. 4.
  24. ^ Storia della stagione su asrtalenti.altervista.it
  25. ^ [collegamento interrotto] I ragazzi del Torino, La Stampa, n. 110, 8 maggio 1949, p. 1.
  26. ^ [collegamento interrotto] I ragazzi granata per la partita contro il Genoa, La Stampa, n. 112, 11 maggio 1949, p. 4.
  27. ^ Chiesa, p. 132
  28. ^ Melegari, 2004, p. 113
  29. ^ a b c d Campionato 1948-49 su rsssf.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo F. Chiesa. Il grande romanzo dello scudetto. Ottava puntata: L'ultimo volo degli invincibili, da Calcio 2000, settembre 2002, pp. 116-132.
  • Fabrizio Melegari (a cura di). Almanacco illustrato del calcio - La storia 1898-2004. Modena, Panini, 2004.
  • Fabrizio Melegari (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 2003, Modena, Panini, 2002.
  • Vincenzo Barreca. Superga, 4 maggio 1949, scompare il Grande Torino, da Calcio 2000, maggio 1999, pp. 108-111.
  • Il Corriere dello Sport, annata 1948.
  • Marco Ansaldo, Roberto Beccantini, Piero Bianco (a cura di). Il grande album della Juve. Torino, La Stampa, 1997.
  • Marco Sappino (a cura di). Dizionario del calcio italiano. Milano, Baldini Castoldi & Dalai, 2000.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]