Antonio Giammarinaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Giammarinaro
Antonio Gianmarinaro.jpg
Antonio Giammarinaro con la maglia del Modena
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1966 - giocatore
1996 - allenatore
Carriera
Giovanili
1945-1948 Torino
Squadre di club1
1948-1953 Torino 41 (8)
1953-1956 Modena 86 (17)
1956-1960 Taranto 133 (36)
1960-1961 Mantova 37 (5)
1961 Torino 1 (0)
1961-1964 Bari 74 (6)
1964-1966 Pescara 28 (3)
Carriera da allenatore
1965-1966 Pescara [1]
1966-1967 Maceratese
1967-1968 Pescara
1968-1969 Anconitana
1969-1971 Maceratese
1971-1972 Pro Vasto
1972-1975 Avellino
1975 Avellino
1976-1978 Chieti
1978-1979 Benevento
1979-1980 Salernitana
1981-1982 Salernitana
1982-1983 Paganese
1983-1984 Taranto
1984-1985 Pistoiese
1985-1986 Francavilla
1987-1990 Chieti
1990-1991 Vastese
1992-1993 Gubbio[2]
1995-1996 Chieti
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Antonio Giammarinaro, detto Tony (Tunisi, 20 ottobre 1931), è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Componente delle giovanili del Torino, fa parte della formazione ragazzi schierata dalla società granata, opposta a compagini di pari età, nelle quattro partite conclusive del campionato di Serie A 1948-1949, dopo la tragedia di Superga, e schierato come mezzala va a segno 2 volte.

Passato nella rosa della prima squadra nella stagione successiva, resta coi granata per cinque stagioni senza riuscire mai ad imporsi come titolare fisso, risultando tuttavia un rincalzo a centrocampo affidabile e spesso efficace in zona gol (8 reti in 41 partite complessiva fra i piemontesi).

Nell'estate 1954 si trasferisce al Modena per disputare due stagioni fra i cadetti, quindi passa al Taranto dove disputa 4 stagioni di Serie B, fra le quali è da ricordare l'annata 1956-1957 quando Giammarinaro pur essendo essenzialmente un centrocampista offensivo e non un attaccante vero e proprio realizza 15 reti. La stagione 1960-1961, nelle file dell'Ozo Mantova, si chiude con la prima storica promozione dei virgiliani in massima serie.

A fine stagione viene riacquistato dal Torino, che tuttavia, dopo una sola partita disputata in campionato, lo cede nella sessione autunnale del calciomercato al Bari, nuovamente fra i cadetti. Resta coi biancorossi tre stagioni centrando nella seconda la promozione in A e disputando nella terza 20 incontri in massima serie, realizzando anche una rete contro l'Inter Campione d'Italia.

A fine stagione passa al Pescara in Serie C dove conclude la sua quasi ventennale carriera.

In carriera ha totalizzato complessivamente 62 presenze e 9 reti in Serie A, e 280 presenze e 58 reti in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Altrettanto lunga è la carriera di allenatore di Giammarinaro, da fine anni sessanta fino agli anni novanta[3]. Ha guidato prevalentementemente formazioni di Serie C, quasi esclusivamente al Centro-Sud. Ha ottenuto i migliori risultati alla guida dell'Avellino, conducendolo nella stagione 1972-73 alla prima storica promozione in B, e guidandolo poi fra i cadetti fino al 1975.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Maceratese: 1969-1970
Chieti: 1976-1977
Avellino: 1972-1973

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del Calcio, Carcano edizioni, 1967, p. 198.
  2. ^ Dal libro "100 anni Gubbio" pubblicato dal Corriere dell'Umbria in occasione del centenario
  3. ^ Ministoria di un allenatore: Antonio Giammarinaro[collegamento interrotto] Tifochieti.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]