Divisione Nazionale 1927-1928

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Divisione Nazionale 1927-1928
Competizione Divisione Nazionale
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 28ª
Organizzatore Direttorio Divisioni Superiori
Date dal 25 settembre 1927
al 22 luglio 1928
Luogo Italia Italia
Partecipanti 22
Formula 2 gironi + girone finale A/R
Risultati
Vincitore Torino
(1º titolo)
Secondo Genoa
Terzo Juventus e Alessandria
Statistiche
Miglior marcatore Italia Julio Libonatti (35)
Incontri disputati 276
Gol segnati 953 (3,45 per incontro)
Foot Ball Club Torino 1927-1928.JPG
La squadra granata che conquistò il suo primo scudetto ufficialmente riconosciuto, dopo la revoca del precedente.
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1926-1927 1928-1929 Right arrow.svg

La Divisione Nazionale 1927-1928 fu la ventottesima edizione del massimo campionato italiano di calcio.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Una seconda chance per il Sud[modifica | modifica wikitesto]

Italo Foschi, protagonista della fusione dei club romani, e primo presidente della Roma.

L'anno precedente, il primo impatto delle formazioni del Mezzogiorno con il nuovo campionato italiano unificato aveva avuto esiti disarmanti, poiché le tre rappresentanti laziali e campane avevano terminato il torneo in zona retrocessione; secondo il regolamento, nel 1927 la nuova edizione della Divisione Nazionale avrebbe dovuto prendere il via con una sola società proveniente da regioni al di sotto della Toscana, e cioè la Lazio, fresca neopromossa in quanto vincitrice del Gruppo Sud della Prima Divisione cadetta. Né la FIGC, né il Governo fascista si mostrarono pronti ad accettare tale scenario, che avrebbe gravemente inficiato il proposito di estendere all'intera Penisola il torneo d'élite del movimento calcistico italiano. Come se la precedente annata fosse stata una sorta di prova generale, la Federazione decise di riprovare ad avere una triplice rappresentanza meridionale nel massimo campionato ripescando le società retrocesse. Questa volta si vollero avere però garanzie che tali sodalizi fossero in grado di stare in piedi con le proprie gambe: per quanto riguardava il Napoli, il presidente uscente Giorgio Ascarelli diede ampie rassicurazioni su un deciso attivismo della società partenopea nel calciomercato estivo. Nella Capitale, la promozione della Lazio, assicurando una rappresentanza capitolina in uno dei due gironi del torneo, diede la possibilità che nell'altro raggruppamento Alba e Fortitudo unissero le forze insieme alla cadetta Roman, in un nuovo unico sodalizio che difendesse il nome della Città Eterna: sotto la regia di Italo Foschi nacque così la Roma.

Ma la progressiva espansione della Divisione Nazionale sull'intero territorio italiano non era perseguibile solamente ripescando le squadre del Sud. Per coinvolgere il maggior numero di città nel massimo torneo, era pure necessario che un singolo centro urbano non occupasse troppi posti nell'organigramma del campionato con proprie plurime società: era questo il caso di Genova che, unica, aveva ben tre formazioni nella massima serie. Intoccabile per blasone, tifoseria e palmarès il Genoa, il 2 luglio le autorità fasciste decisero d'imperio che l'antica Andrea Doria e la più recente Sampierdarenese dovessero fondersi allo scopo di formare una nuova società in maglia neroverde, la Dominante, antenata della moderna Sampdoria. Nell'organigramma del torneo il posto liberato da questa fusione fu così occupato dalla ripescata Cremonese.

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Due gironi interregionali da 11 squadre ciascuno, di cui le prime quattro classificate accedono alla fase finale, mentre le ultime tre vengono retrocesse[1]. Lo scudetto viene assegnato alla vincitrice del raggruppamento finale composto da 8 squadre.

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Forse ancora appagati dalla vittoria dell'anno precedente, i Campioni in carica del Torino non partirono bene; fu forse, e paradossalmente, lo scoppio del Caso Allemandi, con conseguente revoca dello scudetto vinto pochi mesi prima, a dare ai granata la spinta a riconquistare ciò che, a loro avviso ingiustamente, era stato loro tolto. Il Toro riprese il volo e, sospinto dalle valanghe di gol del Trio delle meraviglie composto da Julio Libonatti, Adolfo Baloncieri e Gino Rossetti, inanellò una serie di strepitose vittorie che gli consentirono di concludere la prima fase in testa alla classifica del proprio girone. Gli altri tre posti disponibili per il girone finale furono occupati senza problemi dalle blasonate Genoa e Milan, e da un'Alessandria sempre insidiosa in quell'epoca. Non trovò invece spazio l'ormai decaduta Pro Vercelli, la cui antica gloria non le permise che di ottenere qualche risultato di prestigio destinato a rimanere, tuttavia, un caso isolato.

L'Alessandria del 1927-1928

Anche nell'altro raggruppamento le sorprese scarseggiarono: a primeggiare fu la forza del momento in quel periodo, cioè il Bologna, seguito a breve distanza da Juventus, Casale e Inter. In pratica, a conti fatti, l'esito dei due gironi fu una fotocopia di quello dell'anno prima, con le stesse otto squadre a primeggiare nelle posizioni di vertice.

Interessante notare come la scommessa della Federazione di riportare nel massimo campionato le rappresentanti del Sud fu abbastanza ripagata: la Roma riuscì a salvarsi sul campo, certamente non senza difficoltà, ma neanche con eccessivi patemi d'animo: battendo all'ultima giornata un Inter senza motivazioni (perché già qualificata alle Finali per il titolo) per 3-0, i capitolini riuscirono a conquistare la salvezza. La debolezza del Meridione fu comunque riprovata dall'affondamento del Napoli e della Lazio, che non riuscirono ad evitare di concludere l'annata nella zona rossa della classifica, pur scansando il posto da fanalino di coda; il Napoli pagò in particolare il pessimo rendimento nel girone d'andata, chiuso all'ultimo posto con 4 punti, e non bastò un ottimo girone di ritorno (11 punti in 9 partite, con vittorie sulle blasonate Genoa e Pro Vercelli) per scansare la retrocessione: all'ultima giornata di campionato i partenopei persero contro il Torino per 11-0, sconfitta che, unita alla contemporanea vittoria del Padova diretto concorrente per la salvezza, li condannò al terzultimo posto e alla retrocessione. Peraltro, i sommovimenti dell'estate 1927 non portarono bene neppure a più alte latitudini, dato che nella relegazione capitò anche la neonata Dominante, cui i dissidi interni tra le componenti originarie compromisero gli sforzi della squadra per ottenere la salvezza. Tuttavia, tutti questi discorsi furono destinati a rimanere sulla carta poiché già due settimane dopo la conclusione delle eliminatorie, il 18 marzo, in occasione della disputa della seconda giornata delle Finali, la FIGC emanò un decreto che stabiliva:

« ...nella stagione 1929-30 avremo in Divisione Nazionale 32 squadre delle quali 16 parteciperanno alla Serie A e 16 alla Serie B... Questo sistema in sostanza porta a quel girone unico da tanto tempo atteso, mentre crea tra la massima categoria e la Prima Divisione un utile cuscinetto. Nella stagione 1928-29 si avrà invece un campionato di transizione: verrà giocato su due gironi di 12 squadre ciascuno, cioè le attuali meno l'Hellas e la Reggiana, oltre ovviamente alle vincenti dei quattro gironi della Prima Divisione. Le prime quattro classificate di ogni girone (totale 8 squadre) disputeranno un girone finale per il titolo di campione d'Italia 1928-1929, mentre le 16 escluse disputeranno la Coppa CONI. Le prime quattro classificate di ogni girone della Coppa CONI (totale 8 squadre) andranno per la stagione 1929-30 a completare la Serie A con le otto finaliste, mentre le ultime quattro classificate di ogni girone, più le prime due classificate di ogni girone di Prima Divisione (totale 16 squadre) formeranno la Serie B della Divisione Nazionale. »

(Deliberazione della FIGC riportato da La Stampa del 19 marzo 1928, p. 2.)

Con tale deliberazione fu stabilito dunque il ripescaggio delle terzultime e penultime classificate, che furono ammesse al campionato di transizione 1928-29 che avrebbe portato alla creazione della Serie A e della Serie B a girone unico. Dunque la retrocessione virtuale di Napoli, Lazio, Livorno e Dominante durò solo due settimane, venendo le quattro formazioni riammesse addirittura a fine marzo, prima dell'inizio della Coppa CONI, torneo di consolazione per le escluse dal girone finale. Non si può dire lo stesso per Verona e Reggiana, che, avendo terminato all'ultimo posto le eliminatorie, sarebbero dovute retrocedere comunque in Prima Divisione. Tuttavia, anche per loro, a fine giugno, arrivò il ripescaggio. In un comunicato del 28 giugno il Direttorio Divisioni Superiori deliberò infatti:

« Nella prossima stagione al campionato di Divisione Nazionale parteciperanno 32 squadre, che giuocheranno in due gironi di 16 ciascuna... Le iscrizioni si chiuderanno il prossimo 10 luglio. In base alle medesime pervenute, il Direttorio Federale stabilirà i gironi fissando di conseguenza le varie squadre da promuovere. Tuttavia possiamo finora comunicarvi che in Divisione Nazionale entreranno otto squadre più delle previste seguendo nella scelta criteri politici oltre che sportivi. Oltre alle 24 che già hanno diritto, andranno dunque nella massima categoria le seguenti squadre: Hellas, Reggiana, Triestina (indipendentemente quest'ultima dal posto che occupa in classifica, ma in omaggio agli altri titoli della nobilissima Trieste), la Fiorentina, il Legnano, la Milanese, la Venezia e la Prato, tenendo per questa in conto che la cittadina toscana ha ben 155 giuocatori tesserati... »

(Deliberazione della FIGC riportato da La Stampa del 29 giugno 1928, p. 5.)
Baloncieri, Libonatti e Rossetti II, il Trio delle meraviglie del Torino.

Dunque il Direttorio Federale decise di ripescare anche le due squadre ultime classificate (Reggiana e Verona) e di ammettere al campionato di transizione anche sei squadre di Prima Divisione non finaliste (più la US Milanese, che tuttavia si fuse immediatamente con l'Inter per pressioni fasciste), portando il campionato di Divisione Nazionale 1928-29 a 32 società, suddivise in due gironi da 16; da notare la decisione di ammettere al torneo due formazioni della Venezia Giulia (Triestina e Fiumana) per motivi politici. Essendo le eliminatorie diventate troppo lunghe (30 giornate) per permettere la disputa sia del Girone Finale a 8 squadre che la Coppa CONI, entrambi non furono disputati: le due vincenti dei gironi si sarebbero contese lo scudetto in una finale, le prime 8 classificate di ogni girone sarebbero state ammesse alla Serie A, quelle intermedie tra la 9.a e la 14.a posizione sarebbero finite in Serie B insieme alle 4 vincenti della Prima Divisione, mentre le ultime due di ogni girone sarebbero retrocesse in Prima Divisione.

Come accaduto per i gironi d'apertura, anche la fase finale del campionato fu una sorta di replica del precedente torneo annullato per il Caso Allemandi. Il Torino riprese subito il comando della classifica. I gol dell'oriundo Libonatti e di Rossetti, e le parate di Vincenzo Bosia, permisero ai granata di mantenersi in costante vantaggio sul folto ed equilibrato gruppo delle inseguitrici, in cui le squadre cambiavano continuamente fra loro la posizione in graduatoria. Unico vaso di coccio era il Casale, schiacciato dalla forza delle squadre metropolitane.

Alla penultima giornata vi fu lo scontro diretto per il titolo tra Torino (16 punti) e Genoa (15), vinto nettamente dai piemontesi. Alla fine l'ultima ad arrendersi alla fuga torinista fu l'Alessandria, in cui militavano due giovani molto promettenti, la mezzala Giovanni Ferrari e il mediano Luigi Bertolini; i mandrogni si aggiudicarono lo scontro diretto pareggiando al Filadelfia e vincendo in casa, ma nel confronto indiretto persero preziosi punti per strada, forse per inesperienza, andando ad esempio a perdere nettamente il derby sul campo del malconcio Casale. Fu così che il 22 luglio all'ultima giornata i granata andarono a San Siro a prendersi l'unico punto che mancava al loro trionfo, mentre il Genoa battendo l'Alessandria finì al secondo posto. Il Torino riconquistò così subito quello scudetto che nel corso della stagione, tra mille polemiche e recriminazioni, gli era stato tolto.

Girone A[modifica | modifica wikitesto]

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Club Rosa Città Stadio Stagione 1926-27
Alessandria dettagli Alessandria Campo del Littorio 4ª nel girone B di Divisione Nazionale
Brescia dettagli Brescia Stadium di Viale Piave 7ª nel girone A di Divisione Nazionale
Cremonese dettagli Cremona Stadio Giovanni Zini 9ª nel girone B di Divisione Nazionale, ripescata
Genoa dettagli Genova Campo Marassi 4ª nel girone finale della Divisione Nazionale
Lazio dettagli Roma Stadio della Rondinella 4ª nel girone finale della 1ª Divisione, promossa
Milan dettagli Milano Campo San Siro 6ª nel girone finale della Divisione Nazionale
Napoli dettagli Napoli Stadio Militare dell'Arenaccia 10° nel girone A di Divisione Nazionale, ripescato
Padova dettagli Padova Stadio Silvio Appiani 7ª nel girone B di Divisione Nazionale
Pro Vercelli dettagli Vercelli Foro Boario 5ª nel girone A di Divisione Nazionale
Reggiana dettagli Reggio Emilia Stadio comunale Mirabello 3ª nel girone finale della 1ª Divisione, promossa
Torino dettagli Torino Stadio Filadelfia Campione d'Italia (revocato)

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1rightarrow.png 1. Torino 30 20 14 2 4 78 19 +59
1rightarrow.png 2. Genoa 29 20 13 3 4 42 21 +21
1rightarrow.png 3. Alessandria 28 20 12 4 4 59 20 +39
1rightarrow.png 4. Milan 26 20 10 6 4 35 23 +12
5. Brescia 21 20 9 3 8 30 37 -7
6. Pro Vercelli 18 20 7 4 9 29 27 +2
7. Cremonese 17 20 7 3 10 33 34 -1
7. Padova 17 20 7 3 10 24 36 -12
2rightarrow.png 9. Napoli 15 20 5 5 10 23 54 -31
2rightarrow.png 10. Lazio 11 20 4 3 13 17 45 -28
2rightarrow.png 11. Reggiana 8 20 1 6 13 23 77 -54

Legenda:

      Qualificata alle finali nazionali

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Verdetti[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Andata (1ª) Prima giornata Ritorno (12ª)
25 set. 2-0 Cremonese-Lazio 1-2 18 dic.
2-1 Genoa-Torino 0-2
4-0 Napoli-Reggiana 2-2
1-1 Padova-Brescia 0-1
0-1 Pro Vercelli-Alessandria 0-0
riposa: Milan
Andata (2ª) Seconda giornata Ritorno (13ª)
2 ott. 0-1 Brescia-Genoa 0-0 25 dic.
0-3 Lazio-Padova 0-2
5-1 Milan-Napoli 2-1
1-3 Reggiana-Alessandria 0-11
2-2 Torino-Cremonese 2-2
riposa: Pro Vercelli


Andata (3ª) Terza giornata Ritorno (14ª)
9 ott. 3-1 Alessandria-Padova 1-2 8 gen.
5-0 Cremonese-Napoli 1-3
4-0 Genoa-Lazio 2-1
2-2 Milan-Reggiana 2-0
0-1 Torino-Pro Vercelli 3-0
riposa: Brescia
Andata (4ª) Quarta giornata Ritorno (15ª)
16 ott. 0-1 Lazio-Alessandria 0-6 15 gen.
0-4 Napoli-Brescia 0-2
1-2 Padova-Genoa 1-4
1-1 Pro Vercelli-Milan 0-1
1-2 Reggiana-Cremonese 1-1
riposa: Torino


Andata (5ª) Quinta giornata Ritorno (16ª)
30 ott. 3-1 Alessandria-Torino 1-4 22 gen.
5-0 Genoa-Pro Vercelli 0-3
2-1 Lazio-Brescia 3-4
2-1 Milan-Cremonese 1-0
2-1 Padova-Napoli 2-2
riposa: Reggiana
Andata (6ª) Sesta giornata Ritorno (17ª)
13 nov. 5-2 Brescia-Reggiana 0-0 29 gen.
3-1 Cremonese-Pro Vercelli 0-3
1-1 Milan-Genoa 1-1
0-0 Napoli-Lazio 2-0
3-1 Torino-Padova 4-0
riposa: Alessandria


Andata (7ª) Settima giornata Ritorno (18ª)
20 nov. 4-1 Alessandria-Brescia 1-0 5 feb.
3-1 Lazio-Milan 1-2
0-2 Padova-Cremonese 0-3
1-1 Pro Vercelli-Napoli 0-2
3-8 Reggiana-Torino 0-14
riposa: Genoa
Andata (8ª) Ottava giornata Ritorno (19ª)
27 nov. 3-2 Brescia-Cremonese 1-0 12 feb.
5-2 Genoa-Reggiana 3-0
2-2 Milan-Alessandria 0-0
3-1 Pro Vercelli-Padova 0-1
3-0 Torino-Lazio 2-0
riposa: Napoli


Andata (9ª) Nona giornata Ritorno (20ª)
4 dic. 11-1 Alessandria-Napoli 1-1 19 feb.
1-2 Cremonese-Genoa 1-4
2-1 Padova-Milan 0-3
5-3 Reggiana-Pro Vercelli 0-4
11-0 Torino-Brescia 1-3
riposa: Lazio
Andata (10ª) Decima giornata Ritorno (21ª)
8 dic. 5-0 Alessandria-Cremonese 1-4 26 feb.
3-0 Genoa-Napoli 1-2
1-1 Lazio-Reggiana 3-1
1-3 Milan-Torino 0-2
1-0 Pro Vercelli-Brescia 1-2
riposa: Padova


Andata (11ª) Undicesima giornata Ritorno (22ª)
11 dic. 1-3 Brescia-Milan 1-4 4 mar.
2-0 Genoa-Alessandria 0-4
1-1 Lazio-Pro Vercelli 0-6
0-1 Napoli-Torino 0-11
2-2 Reggiana-Padova 0-2
riposa: Cremonese

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Squadre[modifica | modifica wikitesto]

Classifica in divenire[modifica | modifica wikitesto]
[2]  
10ª 11ª 12ª 13ª 14ª 15ª 16ª 17ª 18ª 19ª 20ª 21ª 22ª
Alessandria 2 4 6 8 10 10 12 13 15 17 17 18 20 20 22 22 22 24 25 26 26 28
Brescia 1 1 1 3 3 5 5 7 7 7 7 9 10 10 12 14 15 15 17 19 21 21
Cremonese 2 3 5 7 7 9 11 11 11 11 11 11 12 12 13 13 13 15 15 15 17 17
Genoa 2 4 6 8 10 11 11 13 15 17 19 19 20 22 24 24 25 25 27 29 29 29
Lazio 0 0 0 0 2 3 5 5 5 6 7 9 9 9 9 9 9 9 9 9 11 11
Milan 0 2 3 4 6 7 7 8 8 8 10 10 12 14 16 18 19 21 22 24 24 26
Napoli 2 2 2 2 2 3 4 4 4 4 4 5 5 7 7 8 10 12 12 13 15 15
Padova 1 3 3 3 5 5 5 5 7 7 8 8 10 12 12 13 13 13 15 15 15 17
Pro Vercelli 0 0 2 3 3 3 4 6 6 8 9 10 10 10 10 12 14 14 14 16 16 18
Reggiana 0 0 1 1 1 1 1 1 3 4 5 6 6 6 7 7 8 8 8 8 8 8
Torino 0 1 1 1 1 3 5 7 9 11 13 15 16 18 18 20 22 24 26 26 28 30

Girone B[modifica | modifica wikitesto]

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Club Rosa Città Stadio Stagione 1926-27
Bologna dettagli Bologna Stadio del Littoriale 2ª nel girone finale della Divisione Nazionale
Casale dettagli Casale Monferrato Stadio Natale Palli 4ª nel girone A di Divisione Nazionale
Inter dettagli Milano Campo di via Goldoni 5ª nel girone finale della Divisione Nazionale
Juventus dettagli Torino Stadio di Corso Marsiglia 3ª nel girone finale della Divisione Nazionale
La Dominante dettagli Genova Stadio del Littorio Titolo sportivo della Sampierdarenese, 6ª nel girone B di Divisione Nazionale
Livorno dettagli Livorno Campo Villa Chayes 5ª nel girone B di Divisione Nazionale
Modena dettagli Modena Ex Velodromo 6ª nel girone A di Divisione Nazionale
Novara dettagli Novara Campo di via Lombroso Vincitore della 1ª Divisione, promosso
Pro Patria dettagli Busto Arsizio Stadio di Corso XX Settembre 2ª nel girone finale della 1ª Divisione, promossa
Roma dettagli Roma Motovelodromo Appio Titolo sportivo cadetto di Alba Audace, Fortitudo Pro Roma e Roman, ripescata
Verona dettagli Verona Stadio comunale di Piazza Cittadella 7ª nel girone B di Divisione Nazionale

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1rightarrow.png 1. Bologna 27 20 10 7 3 44 16 +28
1rightarrow.png 2. Juventus 24 20 9 6 5 37 24 +13
1rightarrow.png 2. Inter 24 20 9 6 5 40 32 +8
1rightarrow.png 2. Casale 24 20 8 8 4 35 27 +8
5. Modena 22 20 7 8 5 39 28 +11
6. Novara 21 20 8 5 7 28 29 -1
7. Pro Patria 20 20 8 4 8 30 34 -4
8. Roma 18 20 6 6 8 31 30 +1
2rightarrow.png 9. Livorno 17 20 7 3 10 32 37 -5
2rightarrow.png 10. La Dominante 14 20 4 6 10 26 40 -14
2rightarrow.png 11. Verona 9 20 2 5 13 21 66 -45

Legenda:

      Qualificata alle finali nazionali

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
La neonata Roma vince la Coppa CONI battendo in 3 gare (1 di spareggio) il Modena.

Verdetti[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Andata (1ª) Prima giornata Ritorno (12ª)
25 set. 1-1 Bologna-Pro Patria 1-1 18 dic.
6-1 Inter-Dominante 0-2
1-2 Juventus-Casale 0-2
2-0 Roma-Livorno 1-2
1-3 Verona-Novara 1-1
riposa: Modena
Andata (2ª) Seconda giornata Ritorno (13ª)
2 ott. 0-0 Dominante-Roma 2-4 25 dic.
0-3 Livorno-Bologna 0-3
0-0 Modena-Casale 5-2
2-2 Novara-Juventus 3-4
1-2 Verona-Inter 1-4
riposa: Pro Patria


Andata (3ª) Terza giornata Ritorno (14ª)
9 ott. 1-1 Bologna-Modena 1-2 8 gen.
0-0 Casale-Novara 0-0
4-2 Livorno-Dominante 1-1
1-1 Pro Patria-Inter 2-5
3-1 Roma-Verona 0-2
riposa: Juventus
Andata (4ª) Quarta giornata Ritorno (15ª)
16 ott. 2-3 Dominante-Pro Patria 0-1 15 gen.
2-1 Inter-Modena 0-0
1-0 Juventus-Bologna 0-2
2-1 Novara-Roma 1-4
1-1 Verona-Casale 1-8
riposa: Livorno


Andata (5ª) Quinta giornata Ritorno (16ª)
30 ott. 3-0 Bologna-Roma 1-1 22 gen.
2-1 Casale-Livorno 2-1
5-1 Juventus-Verona 2-1
3-1 Modena-Dominante 0-1
1-1 Pro Patria-Novara 0-1
riposa: Inter
Andata (6ª) Sesta giornata Ritorno (17ª)
13 nov. 3-2 Casale-Pro Patria 0-2 29 gen.
0-0 Dominante-Bologna 0-7
2-1 Livorno-Inter 2-3
2-1 Novara-Modena 1-5
0-0 Roma-Juventus 0-3
riposa: Verona


Andata (7ª) Settima giornata Ritorno (18ª)
20 nov. 3-2 Inter-Casale 2-2 5 feb.
6-2 Juventus-Pro Patria 1-2
2-1 Livorno-Novara 0-1
2-0 Modena-Roma 3-3
1-1 Verona-Dominante 0-7
riposa: Bologna
Andata (8ª) Ottava giornata Ritorno (19ª)
27 nov. 10-1 Bologna-Verona 1-0 12 feb.
0-3 Livorno-Juventus 1-2
3-0 Novara-Inter 0-3
1-2 Pro Patria-Modena 2-1
1-1 Roma-Casale 2-3
riposa: Dominante


Andata (9ª) Nona giornata Ritorno (20ª)
4 dic. 1-2 Dominante-Novara 2-0 19 feb.
2-4 Inter-Bologna 1-1
1-1 Modena-Juventus 1-1
0-3 Pro Patria-Roma 1-0
1-1 Verona-Livorno 2-5
riposa: Casale
Andata (10ª) Decima giornata Ritorno (21ª)
11 dic. 1-0 Bologna-Novara 0-4 26 feb.
4-1 Casale-Dominante 0-0
1-1 Juventus-Inter 0-1
5-3 Livorno-Modena 1-1
2-1 Verona-Pro Patria 0-4
riposa: Roma


Andata (11ª) Undicesima giornata Ritorno (22ª)
11 dic. 0-0 Casale-Bologna 1-4 4 mar.
3-3 Inter-Roma 0-3
3-1 Juventus-Dominante 1-1
5-1 Modena-Verona 2-2
2-0 Pro Patria-Livorno 1-4
riposa: Novara

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Squadre[modifica | modifica wikitesto]

Classifica in divenire[modifica | modifica wikitesto]
[2]  
10ª 11ª 12ª 13ª 14ª 15ª 16ª 17ª 18ª 19ª 20ª 21ª 22ª
Bologna 1 3 4 4 6 7 7 9 11 13 14 15 17 17 19 20 22 22 24 25 25 27
Casale 2 3 4 5 7 9 9 10 10 12 13 15 15 16 18 20 20 21 23 23 24 24
Inter 2 4 5 7 7 7 9 9 9 10 11 11 13 15 16 16 18 19 21 22 24 24
Juventus 0 1 1 3 5 6 8 10 11 12 14 14 16 16 16 18 20 20 22 23 23 24
La Dominante 0 1 1 1 1 2 3 3 3 3 3 5 5 6 6 8 8 10 10 12 13 14
Livorno 0 0 2 2 2 4 6 6 7 9 9 11 11 12 12 12 12 12 12 14 15 17
Modena 0 1 2 2 4 4 6 8 9 9 11 11 13 15 16 16 18 19 19 20 21 22
Novara 2 3 4 6 7 9 9 11 13 13 13 14 14 15 15 17 17 19 19 19 21 21
Pro Patria 1 1 2 4 5 5 5 5 5 5 7 8 8 8 10 10 12 14 16 18 20 20
Roma 2 3 5 5 5 6 6 7 9 9 10 10 12 12 14 15 15 16 16 16 16 18
Verona 0 0 0 1 1 1 2 2 3 5 5 6 6 8 8 8 8 8 8 8 8 9

Girone finale[modifica | modifica wikitesto]

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Scudetto.svg 1. Torino 19 14 8 3 3 33 18 +15
2. Genoa 17 14 7 3 4 30 27 +3
3. Juventus 16 14 7 2 5 23 17 +6
3. Alessandria 16 14 6 4 4 31 25 +6
5. Bologna 15 14 5 5 4 28 18 +10
6. Milan 14 14 5 4 5 21 24 -3
7. Inter 11 14 5 1 8 27 37 -10
8. Casale 4 14 1 2 11 14 41 -27

Legenda:

      Campione d'Italia 1927-1928

Note:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

Verdetti[modifica | modifica wikitesto]

  • Scudetto.svg Torino campione d'Italia 1927-1928.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Andata (1ª) Prima giornata Ritorno (8ª)
11 mar. 1-1 Bologna-Alessandria 1-1 24 giu.
0-4 Casale-Genoa 1-1
1-3 Inter-Torino 2-3
0-1 Juventus-Milan 1-3
Andata (2ª) Seconda giornata Ritorno (9ª)
18 mar. 2-0 Alessandria-Juventus 0-0 28 giu.
6-0 Genoa-Inter 2-2
1-1 Milan-Bologna 0-5
2-1 Torino-Casale 3-0


Andata (3ª) Terza giornata Ritorno (10ª)
1 apr. 1-1 Bologna-Torino 0-1 5 lug.
2-2 Casale-Milan 0-2
4-3 Inter-Alessandria 3-6
6-1 Juventus-Genoa 0-3
Andata (4ª) Quarta giornata Ritorno (11ª)
29 apr. 3-1 Bologna-Genoa 0-2 8 lug.
0-2 Casale-Juventus 0-3
1-2 Milan-Inter 3-2
3-3 Torino-Alessandria 1-2


Andata (5ª) Quinta giornata Ritorno (12ª)
6 mag. 5-1 Alessandria-Casale 0-5 1 lug.
2-2 Genoa-Milan 2-1
3-1 Inter-Bologna 1-3
1-4 Juventus-Torino 2-1
Andata (6ª) Sesta giornata Ritorno (13ª)
13 mag. 1-3 Casale-Inter 0-3 15 lug.
2-1 Genoa-Torino 1-5
1-1 Juventus-Bologna 2-0
3-0 Milan-Alessandria 0-2


Andata (7ª) Settima giornata Ritorno (14ª)
17 mag. 5-1 Alessandria-Genoa 1-2 22 lug.
7-0 Bologna-Casale 4-3
1-4 Inter-Juventus 0-1
3-0 Torino-Milan 2-2

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Squadre[modifica | modifica wikitesto]

Classifica in divenire[modifica | modifica wikitesto]
[2]  
10ª 11ª 12ª 13ª 14ª
Alessandria 1 3 3 4 6 6 8 9 10 12 14 14 16 16
Bologna 1 2 3 5 5 6 8 9 11 11 11 13 13 15
Casale 0 0 1 1 1 1 1 2 2 2 2 4 4 4
Genoa 2 4 4 4 5 7 7 8 9 11 13 15 15 17
Inter 0 0 2 4 6 8 8 8 9 9 9 9 11 11
Juventus 0 0 2 4 4 5 7 7 8 8 10 12 14 16
Milan 2 3 4 4 5 7 7 9 9 11 13 13 13 14
Torino 2 4 5 6 8 8 10 12 14 16 16 16 18 19

Squadra campione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Foot Ball Club Torino 1927-1928.

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Gol Giocatore Squadra
35 ArgentinaItalia Julio Libonatti Torino
31 Italia Adolfo Baloncieri Torino
26 Italia Angelo Schiavio Bologna

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'aumento del numero delle retrocessioni era finalizzato a riportare il torneo all'originario format a 20 squadre, dopo il ripescaggio di Roma e Napoli dalla cadetta Prima Divisione per questa stagione. Come spiegato, questa norma fu poi disapplicata da Leandro Arpinati.
  2. ^ a b c cfr. collegamenti esterni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Giornali sportivi:

Libri

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]