Virgilio Maroso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Virgilio Maroso
Virgilio Maroso.jpg
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Carriera
Giovanili
Torino
Squadre di club1
1944Alessandria12 (0)
1945-1949Torino103 (1)
Nazionale
1945-1949 Italia Italia 7 (1)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Virgilio Romualdo Maroso (Crosara di Marostica, 26 giugno 1925Superga, 4 maggio 1949) è stato un calciatore italiano, di ruolo difensore.

Considerato uno dei più grandi terzini della storia del calcio italiano,[1] è stato tra i migliori difensori europei della propria epoca.[2][3] Morì nella tragedia di Superga, non ancora ventiquattrenne.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era il fratello maggiore di Pietro Maroso, ex-calciatore di Serie A nel Varese, e cugino del terzino svizzero Severino Minelli.[4]

È stato sepolto presso il cimitero monumentale di Torino. A lui sono dedicati lo stadio di Marostica e le squadre di calcio di Candela (FG) e di Borgo Rivo,[5][6] quartiere di Terni. Gli sono anche state intitolate due vie, rispettivamente a Roma e a Jesi (AN).

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Maroso era un difensore corretto, tecnicamente dotato e molto abile in fase di spinta,[1] caratteristica che lo rese uno dei primi terzini sinistri con attitudini spiccatamente offensive.[2][7]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Trascorse tutta la trafila, dalle giovanili alla prima squadra, nel Torino (ove i genitori si erano trasferiti dal vicentino), tranne una parentesi nell'Alessandria, alla quale venne ceduto in prestito.[3] Tra i suoi pigmalioni, Adolfo Baloncieri, che lo allenò proprio durante l'anno nell'Alessandria (nel campionato di guerra 1943-1944), e Mario Sperone.

Nel Grande Torino veniva chiamato il "cit" (il piccolo), perché era il più giovane della squadra.[3] Con la maglia granata vinse tre campionati.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Esordì in nazionale l'11 novembre 1945, in un'amichevole contro la Svizzera terminata 4-4. Con l'Italia disputò altre sei partite, realizzando un gol al Portogallo il 27 febbraio 1949, in quella che fu la sua ultima gara in maglia azzurra.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
11/11/1945 Zurigo Svizzera Svizzera 4 – 4 Italia Italia Amichevole -
01/12/1946 Milano Italia Italia 3 – 2 Austria Austria Amichevole -
27/04/1947 Firenze Italia Italia 5 – 2 Svizzera Svizzera Amichevole -
11/05/1947 Torino Italia Italia 3 – 2 Ungheria Ungheria Amichevole -
09/11/1947 Vienna Austria Austria 5 – 1 Italia Italia Amichevole -
14/12/1947 Bari Italia Italia 3 – 1 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Amichevole -
27/02/1949 Genova Italia Italia 4 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole 1
Totale Presenze 7 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Torino: 1945-1946, 1946-1947, 1947-1948, 1948-1949

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Garanzini.
  2. ^ a b Gessi Adamoli, Il Grande Toro arriva in tivù. Gandolfi: 'Mi salvò il destino', in la Repubblica, 24 settembre 2005.
  3. ^ a b c Tratto da una cartolina postale del 1950 a firma di Bruno Slawitz.
  4. ^ Bruno Slawitz, In viaggio con i calciatori di ritorno dalla Svizzera, in Corriere dello Sport, 14 novembre 1945, p. 1. URL consultato il 5 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2012).
  5. ^ Polisportiva "Virgilio Maroso" di Candela (FG), su marosocandela.it.
  6. ^ Associazione Sportiva "Virgilio Maroso" di Borgo Rivo (TR), su panathlonterni.it.
  7. ^ Gianni Mura, Il gigante buono che amava fare gol, su repubblica.it, 5 settembre 2006.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]