József Viola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
József Violak
JózsefViola.jpg
Dati biografici
Nazionalità Ungheria Ungheria
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Carriera
Squadre di club1
1919-1920 Flag of None.svg Törekves  ? (?)
1921-1922 Flag of None.svg RSV Berlin  ? (?)
1922-1924 Spezia Spezia 44 (3)[1]
1924-1928 Juventus Juventus 57 (4)
1928-1929 Ambrosiana Ambrosiana 0 (0)
1929-1930 Juventus Juventus 21 (0)
1930-1932 Atalanta Atalanta 18 (0)
Nazionale
1920 Ungheria Ungheria 1 (0)
Carriera da allenatore
1922-1924 Spezia Spezia
1926-1928 Juventus Juventus
1928-1929 Ambrosiana Ambrosiana
1930-1933 Atalanta Atalanta
1933-1934 Milan Milan
1934-1936 ACIVI Vicenza ACIVI Vicenza
1936-1939 Lazio Lazio
1939 Spezia Spezia
1939-1940 Milano Milano[2]
1940-1942 Livorno Livorno
1945-1946 Genoa Genoa
1946 SPAL SPAL
1946-1947 Bologna Bologna
1947 Como Como
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

József[3] Violak, noto anche col nome italianizzato Giuseppe Viola (Komárom, 10 giugno 1896Bologna, 18 agosto 1949), è stato un calciatore e allenatore di calcio ungherese, di ruolo centromediano.

Il suo cognome venne italianizzato per volere delle gerarchie fasciste alla concessione della residenza e del passaporto italiano. Per molti anni si è creduto fosse effettivamente italiano avendo tolto la k dal suo cognome.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Per tre anni è stato il centromediano della Juventus, dal 1924 al 1927, vincendo lo scudetto del 1926 in cui la squadra bianconera ha vinto le finali di Lega Nord alla terza gara (spareggio) contro il Bologna e ha prevalso per un totale di 12-1 su due gare contro l'Alba.

Compagno di squadra di un giovanissimo Giuseppe Meazza all'Ambrosiana nel 1928-29, disputò nuovamente alla Juventus il primo campionato di Serie A prima di terminare la carriera da giocatore dall'Atalanta.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Allenatore di lungo corso, comincia a svolgere il compito con il ruolo di allenatore-giocatore con Spezia, Juventus, Ambrosiana ed Atalanta. Continua in Serie A con il Milan, la Lazio, con la quale sfiorò lo scudetto nella stagione 1936-37, e dal 1940 al 1942 al Livorno.

Nel 1945 venne ingaggiato dal Genoa, incarico da cui venne sollevato l'11 marzo 1946, trovando nello stesso mese ingaggio alla SPAL.

Fu allenatore in seguito del Bologna, del Vicenza e Como in Serie B.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Juventus: 1925-1926

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il libro Le Aquile volano in... B 1906-2006 un secolo di calcio a Spezia gli attribuiscono le seguenti presenze: Prima Divisione 1922-1923 17 (3), Prima Divisione 1923-1924 21 (0) e Prima Divisione 1924-1925 (qualificazioni) 6 (0). Non è citato su nessun libro della Fiorentina (nel 1922-1923 non esisteva ancora).
  2. ^ Assume l'incarico di direttore tecnico in coppia con József Bánás.
  3. ^ Giuseppe in ungherese è József non Jószef, come sbagliano la maggior parte degli italiani supponendo che la combinazione con s prima di z sia esatta, ma non è la grafia ungherese. Quasi tutti i tentativi di linkare questa pagina sono sbagliati. Anche il nome della città di nascita Komárom è stato riportato errato su molti siti trascrivendo l'italianizzato ed errato "Komorna" come si era abituati a fare durante il regime fascista.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Dario Marchetti (a cura di), József Viola in Enciclopediadelcalcio.it, 2011.