Maximiliano Faotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maximiliano Faotto
Maximiliano Faotto.jpg
Nazionalità Uruguay Uruguay
Altezza 180 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1948 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1929-1930 Nacional? (?)
1931-1932 Racing (M)? (?)
1932-1937 Palermo120 (3)
1937-1940 Lazio73 (0)
1940-1941 Napoli28 (0)
1941-1942 Lazio7 (0)
1942-1943 Ascoli17 (2)
1945-1947Palermo9 (0)
1947-1948 Nissena? (?)
Carriera da allenatore
1942-1943Ascoli
1945-1947Palermo
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Maximiliano Emilio Faotto, noto anche col nome italianizzato Massimiliano Faotto (Montevideo, 3 aprile 1910 – ...), è stato un allenatore di calcio e calciatore uruguaiano, di ruolo difensore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Possedeva il passaporto italiano, date le sue origini.[1]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Era un robusto terzino.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha esordito in Serie A l'11 dicembre 1932 in Palermo-Bari (1-0) e giocava nel campionato italiano come oriundo.

Cresciuto nel Nacional Montevideo, in patria giocò anche con il Racing Montevideo. Nel 1932 passò al Palermo, nella massima serie, segnalato dal suo conterraneo Héctor Scarone. Resse la difesa siciliana per alcune stagioni, fino alla retrocessione in Serie B. Dopo una stagione, andò alla Lazio, con cui giocò poco e in maniera discontinua.

Per un anno giocò nel Napoli, tornando titolare, ma nel pieno della seconda guerra mondiale dovette rientrare alla Lazio dove rimase ai margini della squadra titolare. Passò quindi all'Ascoli, in Serie C. Dopo la guerra, venne ingaggiato dal Palermo come allenatore-giocatore, dove rimase per un biennio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Marco Sappino, Dizionario del calcio italiano, vol. 1, Baldini & Castoldi, novembre 2000, p. 211.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]