Juventus Football Club 1967-1968

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Juventus Football Club.

Juventus Football Club
Juventus FC 1967-68.jpg
Stagione 1967-1968
AllenatoreParaguay Heriberto Herrera
PresidenteItalia Vittore Catella
Serie A3º posto (in Coppa delle Fiere)
Coppa ItaliaPrimo turno
Coppa dei CampioniSemifinale
Maggiori presenzeCampionato: Leoncini (29)[1]
Miglior marcatoreCampionato: De Paoli (8)[1]
StadioComunale
Abbonati5 404[2]
Media spettatori26 747[3]¹
¹ considera le partite giocate in casa in campionato.

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti la Juventus Football Club nelle competizioni ufficiali della stagione 1967-1968.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Lo svedese Magnusson, il cosiddetto attaccante «di coppa».

Con l'obiettivo primario di ben figurare in Coppa dei Campioni, nell'estate 1967 la Juventus, nel frattempo trasformatasi in società per azioni,[4] tentò di portare avanti un ambizioso mercato di rafforzamento inerente soprattutto il reparto avanzato, non riuscendo tuttavia né a ingaggiare dal Cagliari il promettente Riva, restìo – come lo sarà per il resto della sua carriera – a lasciare la Sardegna,[5][6] né a strappare ai concittadini del Torino l'ala offensiva Meroni: pur se Gianni Agnelli, aprendo i cordoni della borsa, era giunto a un accordo con la dirigenza granata per far vestire la casacca bianconera a «mister mezzo miliardo»,[7] le veementi proteste della tifoseria torinista, che rischiavano di sfociare in proteste di piazza – ripercuotendosi perfino nella catena di montaggio della FIAT, dove gli operai di fede granata arrivarono a sabotare le vetture degli Agnelli in risposta al possibile cambio di maglia del loro idolo sportivo –,[8] fecero sì che l'affare sfumasse.[6]

La società juventina si limitò così al piccolo cabotaggio rimpolpando il centrocampo, come voleva la filosofia movimientiana del tecnico Heriberto Herrera, coi due mestieranti Simoni e Volpi,[6][9] ampliando negli ultimi giorni di mercato anche il parco attaccanti con lo svedese Magnusson,[5][6] già di proprietà bianconera e reduce da un'esperienza in prestito al Colonia, il quale, data la recente chiusura delle frontiere nel campionato italiano, poté essere impiegato solo in campo continentale.[10]

Il lusitano Eusébio impegna il portiere bianconero Anzolin, nella semifinale di ritorno della Coppa dei Campioni tra Juventus e Benfica.

Con una formazione titolare rimasta pressoché immutata rispetto alla precedente annata, in Serie A la Juventus non riuscì a difendere lo scudetto chiudendo la classifica al terzo posto, dietro alla rivelazione Napoli e davanti alla Fiorentina, tutte incapaci di tenere il passo di un redivivo Milan tornato nelle mani del paròn Rocco e trascinato dai gol del «ragazzino terribile» Prati;[6] unica nota di rilievo in casa bianconera, l'esordio il 21 gennaio 1968 a Mantova del diciannovenne Causio,[11] futura colonna della plurivittoriosa squadra degli anni 1970. In campo nazionale, altre delusioni arrivarono dall'impegno in Coppa Italia dove i piemontesi si videro sbarrata la strada già al primo turno settembrino dal Varese, causa uno sfortunato epilogo al sorteggio.[12]

Più ricca di soddisfazioni fu l'avventura in Coppa dei Campioni dove gli uomini di HH2, dopo aver battuto in sequenza gli ellenici dell'Olympiakos, i rumeni del Rapid Bucarest e, con più difficoltà, i tedeschi d'Occidente dell'E. Braunschweig – superati solo in uno spareggio giocatosi in campo neutro a Berna –,[13] raggiunsero per la prima volta la semifinale della maggiore competizione europea per club, da cui vennero estromessi per mano del più quotato Benfica di Eusébio.[14]

Maglie[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1ª portiere
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2ª portiere

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Roberto Anzolin
Italia P Angelo Colombo
Italia P Pietro Fioravanti
Italia D Gianfranco Leoncini
Italia D Sandro Salvadore
Italia D Giancarlo Bercellino I
Italia D Ernesto Càstano (capitano)
Italia D Alberto Coramini
Italia D Benito Sarti
Italia D Gianluigi Roveta
Spagna C Luis del Sol
Brasile C Cinesinho
N. Ruolo Giocatore
Italia C Giovanni Sacco
Italia C Giampaolo Menichelli
Italia C Luigi Simoni
Italia C Erminio Favalli
Italia C Adolfo Gori
Italia C Carlo Volpi
Italia C Guido Onor
Italia C Franco Causio
Italia A Gianfranco Zigoni
Italia A Virginio De Paoli
Svezia A Roger Magnusson

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Campionato[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1967-1968.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

24 settembre 1967
1ª giornata
Juventus3 – 1Mantova

1º ottobre 1967
2ª giornata
Atalanta0 – 0Juventus

8 ottobre 1967
3ª giornata
Juventus3 – 0Varese

15 ottobre 1967
4ª giornata
Bologna0 – 0Juventus

22 ottobre 1967
5ª giornata
Juventus0 – 4Torino

29 ottobre 1967
6ª giornata
Milan0 – 0Juventus

5 novembre 1967
7ª giornata
Juventus0 – 1Roma

12 novembre 1967
8ª giornata
Cagliari2 – 0Juventus

26 novembre 1967
9ª giornata
Juventus2 – 2Fiorentina

3 dicembre 1967
10ª giornata
L.R. Vicenza0 – 2Juventus

9 dicembre 1967
11ª giornata
Juventus1 – 1Napoli

17 dicembre 1967
12ª giornata
Brescia0 – 1Juventus

31 dicembre 1967
13ª giornata
Juventus3 – 2Inter

7 gennaio 1968
14ª giornata
Sampdoria1 – 1Juventus

14 gennaio 1968
15ª giornata
Juventus2 – 0SPAL

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

21 gennaio 1968
16ª giornata
Mantova0 – 0Juventus

28 gennaio 1968
17ª giornata
Juventus2 – 1Atalanta

4 febbraio 1968
18ª giornata
Varese5 – 0Juventus

11 febbraio 1968
19ª giornata
Juventus0 – 0Bologna

18 febbraio 1968
20ª giornata
Torino2 – 1Juventus

25 febbraio 1968
21ª giornata
Juventus1 – 2Milan

3 aprile 1968
22ª giornata
Roma0 – 0Juventus

10 marzo 1968
23ª giornata
Juventus2 – 0Cagliari

17 marzo 1968
24ª giornata
Fiorentina2 – 0Juventus

24 marzo 1968
25ª giornata
Juventus1 – 0L.R. Vicenza

31 marzo 1968
26ª giornata
Napoli1 – 2Juventus

14 aprile 1968
27ª giornata
Juventus2 – 1Brescia

28 aprile 1968
28ª giornata
Inter0 – 0Juventus

5 maggio 1968
29ª giornata
Juventus3 – 1Sampdoria

12 maggio 1968
30ª giornata
SPAL0 – 1Juventus

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 1967-1968.

Coppa dei Campioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa dei Campioni 1967-1968.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30
Luogo C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T
Risultato V N V N P N P P N V N V V N V N V P N P P N V P V V V N V V
Posizione 1 3 1 2 5 5 8 9 11 7 8 7 4 4 3 3 2 3 3 5 7 7 6 7 7 6 4 5 4 3

Fonte: Campionato 1967-1968 – Andamento, media punti ed altre statistiche, juworld.net.
Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Serie A Coppa Italia Coppa dei Campioni Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Anzolin, R. R. Anzolin 24-22?01-0?08-6?033-28?0
Bercellino I, G. G. Bercellino I 242?0000081?03230+0
Castano, E. E. Castano 180?010?070?0260?0
Causio, F. F. Causio 10?000000000100+0
Cinesinho, Cinesinho 233?010?080 (1[15])?0323?0
Colombo, A. A. Colombo 5-5?00-0001-0?06-50+0
Coramini, A. A. Coramini 110?0000030?01400+0
De Paoli, V. V. De Paoli 218?0000030?02480+0
del Sol, L. L. del Sol 241?0000090?03310+0
Favalli, E. E. Favalli 120?0000011?01310+0
Fioravanti, P. P. Fioravanti 2-2?00-0000-0002-20+0
Gori, A. A. Gori 70?010?030?0110?0
Leoncini, G. G. Leoncini 293?110?090?0393?1
Magnusson, R. R. Magnusson 0000000062?0620+0
Menichelli, G. G. Menichelli 205?010?051?0266?0
Onor, G. G. Onor 20?000000000200+0
Roveta, G. G. Roveta 70?0000020?0900+0
Sacco, G. G. Sacco 251 (1[15])?010?061?0322?0
Salvadore, S. S. Salvadore 280 (1[15])?010?080?1370?1
Sarti, B. B. Sarti 100?010?020?0130?0
Simoni, L. L. Simoni 110?010?020?0140?0
Volpi, C. C. Volpi 50?010?00000600+0
Zigoni, G. G. Zigoni 227?110?081?0318?1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Panini, Presenze e reti, p. 8.
  2. ^ Spettatori ed Incassi dal 1962-63 al 2000-01 (PDF), su stadiapostcards.com.
  3. ^ (EN) Attendance Statistics of Serie A – 1962-63 to 1973-74, su stadiapostcards.com.
  4. ^ Prospetto informativo OPV 2007, p. 53.
  5. ^ a b Stefano Bedeschi, Gli eroi in bianconero: Roger MAGNUSSON, su tuttojuve.com, 21 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 14 settembre 2014).
  6. ^ a b c d e Giacone, Magnusson asso di coppa, p. 81.
  7. ^ Fabrizio Bocca, Gigi Meroni, quel tragico incidente alla Farfalla Granata, 46 anni fa, su repubblica.it, 15 ottobre 2013.
  8. ^ Piero Vietti, Gigi Meroni non è morto, su ilfoglio.it, 15 ottobre 2013.
    «Quando nell'estate del 1967 [Meroni] stava per passare alla Juventus i tifosi del Torino scesero in piazza a protestare, e gli operai della Fiat con il cuore granata cominciarono a boicottare la catena di montaggio: erano i giorni in cui veniva lanciata la nuova 128, e tutte uscivano dalla fabbrica senza dei pezzi, oppure rigate, e con un volantino sul cruscotto: "Agnelli, giù le mani dal Torino". Si dice che fu lo stesso presidente del Toro, Orfeo Pianelli, a organizzare segretamente la protesta: le sue aziende lavoravano per l'indotto Fiat, e lui non avrebbe potuto rifiutare un'offerta di Agnelli per un suo giocatore».
  9. ^ Alessandro De Calò, Simoni e la Juve, il breve incontro, in La Gazzetta dello Sport, 2 gennaio 1998.
  10. ^ Magnusson alla Juventus per la «Coppa dei campioni», in La Stampa, 24 agosto 1967, p. 8.
  11. ^ Bruno Bernardi, Per Onor e per Causio un convincente esordio, in Stampa Sera, 22 gennaio 1968, p. 11.
  12. ^ Vittorio Pozzo, Juventus fuori dalla Coppa: prima sorpresa di stagione, in La Stampa, 12 settembre 1967, p. 8.
  13. ^ Giacone, Magnusson asso di coppa, pp. 81-82.
  14. ^ La Juventus eliminata dal Benfica: 0-1, in La Stampa, 16 maggio 1968, p. 10.
  15. ^ a b c 1 autorete.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Calciatori 1967-68, edizione speciale per "La Gazzetta dello Sport", Modena, Franco Cosimo Panini Editore, 2005.
  • Gianni Giacone, Il mondo è bianconero, in Hurrà Juventus, 2ª puntata, nº 7 (198), luglio 2005, ISSN 1594-5189 (WC · ACNP).

Pubblicazioni varie[modifica | modifica wikitesto]

  • Prospetto informativo OPV 2007 (PDF), Juventus Football Club S.p.A., Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, 24 maggio 2007 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2008).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]