Storia delle prime società calcistiche in Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Calcio in Italia.

Panoramica delle prime società calcistiche sorte in Italia (dal Museo della storia del Genoa).

La presente voce raccoglie informazioni inerenti alla storia delle prime società calcistiche in Italia.

Contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

Una fase del primo campionato italiano di calcio riconosciuto dalla FIGC, giocato al Motovelodromo di Torino l'8 maggio 1898.

Le discussioni su quali siano i club calcistici italiani più antichi sono controverse a causa del fatto che alcune formazioni protagoniste degli albori del football moderno (nel paese che annovera remote versioni del gioco con il pallone, come il calcio fiorentino)[1] sorsero come sezioni calcistiche di polisportive che prevedevano settori differenti per varie discipline svolte (ad esempio l'atletica leggera, la ginnastica, il ciclismo e il cricket),[2][3][4] oppure praticavano il nuovo sport all'interno delle società prima della nascita formale delle sezioni dedicate al football.[5] In taluni casi, inoltre, l'istituzione di un settore riservato al calcio non si verificava e lo svolgimento della disciplina restava ufficioso.[6]

Per giunta, alcune fra le prime manifestazioni di football furono i tornei inaugurati dalla Federazione Ginnastica Nazionale Italiana (FGNI, poi FGI), ovvero non un organo prettamente calcistico.[7][8][9] Il football ginnico, comunemente detto calcio ginnastico ma ufficialmente definito "giuoco del calcio", ebbe le sue origini nella città di Rovigo, dove il professore di educazione fisica Francesco Gabrielli iniziò dal 1893 la sua promulgazione, e in quella di Treviso, dove ebbe luogo la prima edizione delle Gare Nazionali dei Giuochi Ginnastici nel 1896.[7][8][9] Il regolamento del football ginnico, inizialmente contraddistinto da numerose peculiarità elaborate dallo stesso Gabrielli, fu via via uniformato ai precetti stabiliti dall'International Football Association Board (IFAB), fino alla loro completa adozione, avvenuta il 6 maggio 1903.[7][8][9]

Nonostante la Federginnastica abbia avuto, perciò, una tradizione calcistica più antica rispetto alla Federazione Italiana Giuoco Calcio, fondata il 16 marzo 1898 come FIF (Federazione Italiana del Football), e le manifestazioni succitate fossero considerate originariamente campionati nazionali ufficiali,[7][8][9] la FIGC si limita a riconoscere nei propri albi d'oro solo i tornei da essa organizzati (il primo di questi fu il Campionato Federale di Football 1898 vinto dal Genoa Cricket and Football Club), nonché i tre tornei di Prima, Seconda e Terza Divisione istituiti dalla Confederazione Calcistica Italiana (CCI) nella stagione 1921-1922.[10] La stessa FIF, la quale, a differenza della FGNI, adottò sin dall'inizio le regole complete dell'IFAB, aderì tuttavia all'organismo in questione soltanto dal 1913, quando la neonata Fédération Internationale de Football Association (FIFA) ne divenne membro.[11] Per tale motivo l'intera attività calcistica italiana nacque, tecnicamente, al di fuori dell'IFAB, come del resto quella di tutto il mondo ad eccezione delle Isole britanniche, elemento che consentì l'indipendenza regolamentare delle federazioni nazionali (la quale, in taluni casi, ha continuato a esistere).

Tali e altre considerazioni, come il fatto che alcuni gruppi di atleti praticavano la disciplina del football in maniera episodica, sotto denominazioni di club non ancora costituiti,[12] hanno contribuito a rendere difficile una immediata e inequivocabile ricostruzione storica per individuare quale sia stata la prima squadra di calcio fondata in Italia.

Panoramica sulle squadre più antiche[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è esposta una rassegna concernente i più vetusti sodalizi di football del Bel Paese, analizzati a seconda della regione di appartenenza e del capoluogo regionale. Nello specifico, sono elencati i club e/o le sezioni football fondati entro il 1900; nel caso, invece, in cui non ve ne siano stati, viene citata la squadra più antica in assoluto del territorio in oggetto e del suo centro amministrativo.

Le squadre valdostane[modifica | modifica wikitesto]

A quanto pare, nessuna compagine dedita, ufficialmente o ufficiosamente, al calcio è stata costituita ad Aosta e dintorni nel XIX secolo. La prima formazione conosciuta della città, nonché dell'intera Valle, fu la sezione football dell'Augusta Praetoria, nata nel 1908 e scioltasi nel 1910. Essa non va confusa con la quasi omonima Augusta Praetoria Sports, iniziale incarnazione del defunto Valle d'Aosta Calcio (1911).[13]

Ulteriori notizie sull'attività calcistica meno recente sono scarse. L'altro sodalizio più noto del territorio è il Vallée d'Aoste di Saint-Christophe, sorto nel 1971.[14]

Le squadre piemontesi[modifica | modifica wikitesto]

La prima formazione dello Sport-Club Juventus, nel 1898

Sotto il profilo riguardante la discussione (e partendo dal contesto torinese), non va tanto considerata la Reale Società Ginnastica di Torino (fondata nel 1844,[3] ma che istituì la sezione calcistica solo nel 1897),[15] bensì il Torino Football & Cricket Club, che vanta la propria costituzione nel 1887.[16][17][18] Il Torino Football & Cricket Club, fondendosi con il Nobili Torino (club sorto nel 1889),[16][19] dette poi vita all'Internazionale Torino nel 1891.[16] Sempre nel capoluogo del Piemonte, nel 1894 si formò il Football Club Torinese (del quale, tuttavia, Herbert Kilpin diede conto della disputa di una partita nel settembre 1891),[16][19][20] seguito nel 1897 dall'Unione Football (compagine ginnica semisconosciuta, la cui data di nascita qui riferita è puramente indicativa),[21] e dallo Sport-Club Juventus (divenuto Foot-Ball Club Juventus nel 1899).[16]

Al di fuori di Torino, inoltre, gli atleti maggiormente impegnati nella disciplina del football furono quelli di Alessandria. Talune testimonianze narrano che già nel 1891 il nuovo sport fu esposto agli alessandrini da Edoardo Bosio,[21] e che nel 1894 si tenne una partita fra una rappresentativa locale e il Genoa.[22] Successivamente, nel 1896 nacque l'Unione Pro Sport Alessandria e nel 1898 un'altra compagine della quale non si hanno ulteriori informazioni.[21] Nel resto del Piemonte non vanno dimenticate la Società Ginnastica Pro Vercelli, la quale fu fondata nel 1887, ma il cui settore dedicato al calcio fu istituito nel 1903,[23][24] e la Società Ginnastica Pietro Micca di Biella, sorta con la denominazione Società Ginnastica Biellese nel 1899, che si approcciò ufficialmente al football dal 1902.[25][26] Altri sodalizi praticanti il calcio, ma esclusivamente in ambito ginnico, furono la Ginnastica Pro Novara, sorta nel 1881 come "Società Ginnastica e Scherma Novara",[27] la Società Ginnastica Forza e Virtù, costituitasi a Novi Ligure nel 1892,[28] e la San Filippo Neri di Tortona, d'incerta datazione di nascita.[28] Al 1898, per giunta, risalgono notizie confuse circa un incontro disputatosi a Cuneo tra formazioni di ginnastica,[29] e riguardo alla nascita dell'Unione Sportiva Trinese (pienamente attiva nel football dal 1919).[30] Nel 1900, infine, venne istituito l'Ivrea Sporting Club, il cui gruppo calcistico prese vita nel 1901.[31]

Le squadre liguri[modifica | modifica wikitesto]

L'atto di fondazione del Genoa Cricket and Athletic Club, datato 7 settembre 1893.

Nel 1893 venne fondato a Genova il Genoa, la più anziana società italiana praticante il calcio ancora attiva nonché quella in possesso del più antico documento di nascita.[2][32] Esso, tuttavia, era in qualche modo attivo senza crismi di ufficialità già dal 1890, come risulterebbe dall'utilizzo del campo da gioco di Sampierdarena ceduto in comodato ai futuri genoani da Wilson e McLaren, due industriali scozzesi.[33] A rappresentare il capoluogo della Liguria concorsero, all'epoca, anche la Società Ginnastica Andrea Doria, nata nel 1895,[34] con la sezione calcistica istituita nel 1900,[35] e due club del quartiere di Sampierdarena (che in quel periodo era una città indipendente, non ancora assorbita dal capoluogo): il Liguria Foot Ball Club, sorto nel 1897,[36] e la Società Ginnastica Sampierdarenese, nata nel 1891[37] ma avviata ufficialmente al football dal 1899.[38][39] Anche la Società Ginnastica Ligure Cristoforo Colombo, costituitasi nel 1877,[40] diede vita a una formazione calcistica, tuttavia soltanto nel 1907.[38] Analogo a questo, inoltre, è il caso dell'Unione Sportiva Sestri Ponente 1897, con sede nell'omonimo sobborgo genovese (all'epoca comune autonomo): il suo settore calcio sorse nel secolo seguente rispetto a quello esaminato, e venne poi inglobato dalla Fratellanza Sportiva Sestrese Calcio 1919.[41][42] Non istituirono invece un gruppo dedicato la Società Ginnastica Raffaele Rubattino, nata nel 1894 (fatta eccezione per quello relativo al futsal),[43] e la Società Ginnastica Nicolò Barabino, costituitasi nel 1897 a Sampierdarena.[39]

Andando oltre il contesto della Grande Genova, troviamo la Fratellanza Ginnastica Savonese e l'Unione Sportiva San Filippo Neri di Albenga, fondate rispettivamente nel 1883 e nel 1893, le quali svilupparono la pratica del football in veste ufficiale solo nel secolo successivo a quello di nascita.[44][45] La Fratellanza Ginnastica Savonese, in particolare, formò la sua "sezione giochi" (il Savona Calcio) nel 1907.[46] Sempre nel 1893, infine, prese vita la Ginnastica Pro Chiavari, la quale si unì temporaneamente all'Entella Foot Ball Club nel 1919.[47]

Le squadre lombarde[modifica | modifica wikitesto]

Herbert Kilpin, tra i fondatori del Milan Foot-Ball and Cricket Club, nel 1899.

La più antica squadra di football di Milano fu certamente la Società per l’Educazione Fisica Mediolanum, fondata nel 1896 come Società Ginnastica Mediolanum,[4] con la relativa sezione calcio sorta nel 1898.[48] La seconda compagine del capoluogo fu il Milan Foot-Ball and Cricket Club, nato nel 1899.[49] Intanto, nel più ampio ambito sportivo, erano state istituite la Forza e Coraggio nel 1870[39][50] e la Pro Patria Società Ginnastica di Milano (a oggi impegnata formalmente anche nel football)[51] nel 1883,[39][50] oltre alla Pro Italia e ai Civici Pompieri.[39]

Nel resto della Lombardia, invece, il primo settore calcistico fu costituito dal Foot Ball Club Casteggio 1898. In precedenza, però, nacque nel 1874, a Lodi, la Società Lodigiana di Ginnastica e Scherma, divenuta Associazione Sportiva Fanfulla nel 1908, anno in cui costituì la sezione denominata Associazione Calcio Fanfulla, nel 1876 la Società Ginnastica Gallaratese, che inaugurò il settore di football nel 1909, nel 1878 la Società Ginnastica Monzese Forti e Liberi e la Società Bergamasca di Ginnastica e Scherma (quest'ultima aprì la sezione calcistica nel 1913), nel 1879 la Sempre Liberi di Cassano Magnago (la cui sezione fu attiva nel secolo seguente)[52] e la Società Ginnastica Pavese (che nel biennio 1912-1913 gestì al suo interno l'Associazione Calcio Pavia),[53] nel 1881 la Società Ginnastica Pro Patria et Libertate di Busto Arsizio, e nel 1895 la Società Canottieri Lecco, che istituì il settore dedicato nel 1912. Sempre negli ultimi anni del XIX secolo, ma con dubbia datazione, avvenne infine la fondazione della Labor Sportiva di Seregno (la quale si fuse nel 1920 con il Seregno Foot Ball Club 1913)[54] e dell'Unione Ginnastica Vogherese (che sempre nel 1920 costituì ufficialmente il suo "Gruppo Calcio").[55]

Le squadre emiliano-romagnole[modifica | modifica wikitesto]

L'unico club vetusto bolognese dedito al calcio fu la Società Sezionale di Ginnastica in Bologna, creata nel 1871 (e oggigiorno conosciuta come Società di Educazione Fisica Virtus), la quale organizzò il 9 maggio 1891 la prima esibizione del football in Italia di cui sia abbia notizia, e aprì nel 1910 un settore dedicato alla disciplina.[39]

Fuori dal capoluogo, ebbe origine nel 1870 il primo sodalizio dell'Emilia-Romagna dedito al calcio, la Società di Ginnastica e Scherma del Panaro (in principio "Società Dilettanti di Ginnastica"),[56] la quale cominciò a praticare il football dal 1903;[57] essa fu seguita nel 1874 dall'Unione Sportiva Ravennate (il cui settore calcistico, l'odierna Società Cooperativa Ravenna Sport, nacque nel 1913),[58] e nel 1876 dalla Società Ginnastica Persicetana.[59] Dopo questi club, nacquero nel 1879 la Società Ginnastica La Patria di Carpi, attiva in seguito anche con una scuola calcistica,[60] e la Palestra Ginnastica Ferrara, che si aggiudicò la vittoria del Torneo FGNI 1898 e svolse la sua attività esclusivamente nel contesto ginnico;[61] nel 1898, inoltre, fu fondata l'Unione Sportiva Forti e Liberi di Forlì, la quale costituì la propria sezione riservata (l'attuale Forlì Football Club) nel 1919.[62] Infine, negli ultimi anni del XIX secolo la disciplina fece le sue prime sporadiche apparizioni a Piacenza.[63]

Le squadre trentino-altoatesine[modifica | modifica wikitesto]

La più anziana associazione sportiva di Trento, fra quelle che hanno giocato a calcio nella loro storia, sembra essere stata l'Unione Ginnastica, sorta nel 1860. Questo club, assieme alla concittadina Pro Trento (la cui data di nascita è sconosciuta), si approcciò amatorialmente al football sin dai primi anni del XX secolo.

Oltre i confini del comune tridentino, altre tre polisportive originarie del XIX secolo ebbero o hanno trascorsi calcistici: l'Unione Sportiva Rovereto, istituita nel 1878 come Unione Ginnastica Roveretana e da cui si sviluppò nel 1921 il relativo settore football; il Turnverein Meran, costituito a Merano nel 1886 (l'anno di inizio dell'attività nella disciplina è ignoto, così come la creazione di un gruppo dedicato); l'Unione Sportiva Arco, fondata nel 1895 nel comune omonimo, e formalmente avviata alla pratica dello sport in esame nel 1921.

Le squadre venete[modifica | modifica wikitesto]

Le polisportive di Venezia che si occuparono di football, tutte in ambito ginnico, furono la Società Sportiva Costantino Reyer, sorta nel 1872, e la Palestra Marziale, la cui data di nascita risulta non pervenuta. Inoltre a Mestre, località divenuta parte del capoluogo veneto nel 1926, fu fondata la Società Ginnastica Marziale (forse nel 1878 come filiale della Palestra Marziale), il cui settore dedicato al calcio nacque nel 1905.[64]

Altre primitive società di ginnastica della regione che si occuparono di football furono la Fondazione Marcantonio Bentegodi, costituita nel 1868 come Società Veronese di Ginnastica e Scherma (e unico fra i sodalizi qui citati a istituire una sezione calcistica, nei primi anni del XX secolo);[65] la Società Rodigina di Ginnastica Unione e Forza del già nominato Francesco Gabrielli, che venne istituita nel 1874 e iniziò a praticare il calcio nel 1893; la Società Ginnastica Vicentina Umberto I[66][67] e la Fortitudo di Schio, queste ultime risalenti al 1875. Rimane, infine, sconosciuto l'anno di costituzione dei club Società Ginnastica Velocipedistica Trevigiana e Vittorio Veneto di Treviso, i quali parteciparono al primo Torneo della Federazione di Ginnastica.

Le squadre friulano-giuliane[modifica | modifica wikitesto]

Nessuna compagine di Trieste ha praticato il football entro il 1900. Le prime furono probabilmente il Foot-Ball Club Trieste (origine ignota) e il Ponziana (1912).

L'unico sodalizio del Friuli-Venezia Giulia impegnato a livello calcistico prima della data succitata risulta essere stato la Società Udinese di Ginnastica e Scherma, fondata nel 1896 e vincitrice del primo concorso ginnico nazionale di football tenutosi lo stesso anno. Al suo interno, tuttavia, la costituzione dell'Associazione Calcio Udine avvenne soltanto nel 1911.

Le squadre toscane[modifica | modifica wikitesto]

Piero Torrigiani, fondatore del Florence Football Club, nel 1898.

Anche il capoluogo della Toscana vanta una squadra molto antica. Il primo sodalizio calcistico, il Florence Football Club,[68] fu infatti fondato nel 1898, nonostante alcuni decenni prima nella stessa città fossero già nati il Club Sportivo Firenze[69] (nel 1870, con la denominazione originaria Veloce Club Firenze)[70] e la Palestra Ginnastica Fiorentina Libertas (nel 1877). Entrambe le compagini, tuttavia, cominciarono a occuparsi di calcio, istituendo una sezione dedicata, solo nel 1912.

Un destino similare ha avuto la polisportiva senese Mens Sana in Corpore Sano, nato nel 1871. Da questa, infatti, si separarono, nel 1904, alcuni affiliati che diedero vita al nucleo originario dell'Associazione Calcio Siena; per giunta, nel 1972, essa costituì un proprio gruppo calcistico, il Football Club Luigi Meroni (indipendente per larga parte della sua storia).

Le squadre umbre[modifica | modifica wikitesto]

La più vecchia associazione di Perugia, nonché dell'Umbria, a occuparsi del gioco del calcio sembra essere stata la Società Ginnastica Braccio Fortebraccio, sorta come club ginnico nel 1890[71] e, dopo la trasformazione in polisportiva nel 1899, dedita ufficialmente anche al football dal 1901;[71][72][73] rimane comunque incerta la data di nascita di un sodalizio analogo, la Libertas,[74] la quale operò in ambito calcistico senza che risulti avvenuta l'istituzione di una sezione ufficiale.

Oltre alle società perugine, vanno menzionate la Nestor Marsciano (1904), la SPES Gubbio (1908) e l'Unione Sportiva Orvietana (1913). Mentre del primo sodalizio si hanno poche informazioni, degli altri due è noto che le rispettive formazioni calcistiche vennero costituite a tutti gli effetti nel 1913, sebbene entrambe le compagini furono attive nell'ambito del football sin dal 1910 (nel caso dell'Orvietana, prima ancora della sua stessa fondazione).

Le squadre marchigiane[modifica | modifica wikitesto]

La più vetusta società calcistica anconitana fu l'Unione Sportiva Ancona 1905. In precedenza erano stati i navigatori britannici a diffondere il football nella principale città delle Marche, ma la disciplina fu inizialmente portata avanti in maniera sporadica.

La prima squadra della regione fu, però, la Candido Augusto Vecchi, fondata ad Ascoli Piceno nel 1898.[75][76] Nello stesso anno era stata creata la polisportiva Vis Sauro Pesaro, la quale, però, divenne attiva nel calcio con il proprio settore a partire dal 1906.

Le squadre laziali[modifica | modifica wikitesto]

Come accaduto a Genova, l'attività calcistica venne introdotta a Roma dagli stranieri d'oltremanica. Per la precisione, a importare il nuovo sport furono i seminaristi dei collegi cattolici riservati agli studenti britannici. L'esordio del football all'ombra del Campidoglio va, in particolare, ascritto ai ragazzi inglesi e gallesi del Venerable English College, e risale al 1892.[77][78] Nel giro di qualche anno diverse società sportive della capitale d'Italia, tutte provenienti dall'ambito ginnico, si approcciarono alla disciplina del calcio: la Società Ginnastica Roma, fondata nel 1890 e operante dal 1895[79][80][81] (con una sezione dal 1921);[82] il Football Club Roma, istituito nel 1896;[79][80][81] lo Sporting Club Roma, nato nel 1897;[79][80][81] l'Associazione Gioventù Cristiana (organizzazione politica nata nella seconda metà del XIX secolo e impegnata in campo sportivo almeno dal 1898);[79] la Società Podistica Lazio, il Veloce Club Podistico e l'Audace Club Podistico, costituitisi nell'anno 1900.[77][79] In particolare, la Lazio, dedita al gioco dal 1901, fu l'unico fra i succitati sodalizi assieme alla Ginnastica Roma, quest'ultima come minimo dal 1915, ad abbandonare la variante ginnastica del football in favore di quella IFAB, affiliandosi alla FIF almeno dal 1908[83] e aprendo presumibilmente nel 1910 un settore riservato.[79][84][85][86] A queste compagini va poi aggiunta la Società Ginnastica Forza e Coraggio, per la quale l'anno di creazione è dubbio.[79]

Nel resto della regione laziale, lo sport fu inoltre praticato dall'Associazione Ginnastica Forza e Libertà di Rieti, sorta nel 1891 e partecipante al Torneo FGNI 1901.[25][38]

Le squadre abruzzesi[modifica | modifica wikitesto]

Le informazioni concernenti il calcio primordiale in Abruzzo sono frammentarie e tutte posteriori al XIX secolo. Le notizie originarie sul football all'Aquila risalgono infatti agli anni 1910, quando si svilupparono le emanazioni calcistiche di società polisportive quali l'Amiternina e la Folgore. Presumibilmente nel 1915 fece la sua apparizione l'Aquila Foot-Ball Club, il primo club vero e proprio.

È probabile, comunque, che il capoluogo della regione sia stato eguagliato e anticipato da altre città, come Teramo (in cui era attiva la polisportiva Gran Sasso), Pratola Peligna (dove venne fondato il Pratola Calcio nel 1910, la prima compagine della quale si conosce l'anno di nascita) e Vasto (nella quale lo sport si iniziò a giocare nel 1902 e si formò nel 1911 la Società Sportiva Umberto I).

Le squadre molisane[modifica | modifica wikitesto]

Nel XIX secolo non fu fondato nessun sodalizio calcistico in Molise. Si pensa che il primo sia stato l'Unione Sportiva Campobasso (1919).

Dopo la società del capoluogo, furono istituite l'Unione Sportiva Termoli, nel 1920, l'Associazione Sportiva Dilettantistica Isernia Football Club, nata presumibilmente nel 1928 (anno nel quale la squadra esordì nel campionato italiano), e l'Associazione Sportiva Agnone, sorta forse nel 1929 (data a cui risale la prima testimonianza in merito).[87]

Le squadre campane[modifica | modifica wikitesto]

La più antica formazione sportiva di Napoli fra quelle praticanti il calcio, sia a livello ginnastico (partecipò al Torneo FGNI 1901), sia nella sua variante a 5, risulta essere la Virtus Partenopea, nata nel 1866[25][38] (e che, nel 1907, propugnò la nascita della Sportiva Napoli).[88] Il football vero e proprio salì all'onore delle cronache regionali dal 1896, anno in cui la città fu teatro di una partita di calcio che vide il Circolo Italia, club di canottieri e velisti istituito nel 1889 (dentro il quale sorse il Naples Foot-Ball Club nel 1904),[89] affrontare una formazione mista delle altre associazioni nautiche locali.[90] Per la fondazione di un club calcistico napoletano, invece, si è dovuto attendere il periodo 1901-1903, durante il quale fece la sua comparsa l'Open Air.[90]

Rimane, al momento, da accertare quale sia stato in assoluto il primo sodalizio fondato in Campania. Oltre all'Open Air, l'altro candidato a tale riconoscimento è, verosimilmente, il Puteoli Sport costituito a Pozzuoli nel 1902.

Le squadre pugliesi[modifica | modifica wikitesto]

La Puglia fu uno dei primi territori dell'Italia Meridionale nel quale si cominciò a praticare il gioco del calcio. All'inizio del 1908 sorse nel capoluogo il Foot-Ball Club Bari; pochi mesi dopo esso fu affiancato dalla concittadina Unione Sportiva Ideale.

Il sodalizio di Taranto Società Sportiva Pro Italia fu, invece, il primo club nato nella regione: la sua origine risale, infatti, al 1904. Nello stesso anno, comunque, anche la compagine podistica tarantina nota come Circolo Studentesco Mario Rapisardi aveva iniziato a praticare la disciplina in maniera ufficiosa.

Le squadre lucane[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda la Basilicata, il Potenza Sport Club, fondato nel 1919, risulta essere l'originaria società calcistica della regione.

L'Unione Sportiva Pescopaganese, creata nel 1926 a Pescopagano, promulgò per prima lo sport in esame al di fuori del capoluogo. Il Circolo Sportivo Vultur 1921, istituito cinque anni prima a Rionero in Vulture, si approcciò al football soltanto dal 1929 in avanti.

Le squadre calabresi[modifica | modifica wikitesto]

La prima società della Calabria impegnata ufficialmente nel calcio fu, plausibilmente, la Juventus Catanzaro, polisportiva costituita nel 1908 nel relativo capoluogo.

Su questo elemento, tuttavia, c'è incertezza, dato che nello stesso anno il football si affermò prepotentemente anche a Cosenza, e da quel momento in poi fiorirono sodalizi come il Virides Sport Club, la Brutium, la Liberta, il Milan Sport Club, la Meridionale, la Fratelli Bandiera, la Savoia e la Speranza; le precise date di nascita di tali compagini restano, però, sconosciute. È assodato, invece, il fatto che, un anno dopo, nacque l'Associazione Calcistica Locri 1909.

Le squadre siciliane[modifica | modifica wikitesto]

La prima formazione dell'Anglo-Panormitan Athletic and Foot-Ball Club, nel 1900.

Gli iniziali approcci al football da parte dei cittadini di Palermo vengono fatti risalire al 1897; essi vanno probabilmente attribuiti ai marinai inglesi e al circolo Sport Club.[91] Nel 1900, comunque, sorse proprio nel capoluogo il primo sodalizio calcistico di Sicilia, l'Anglo-Panormitan Athletic and Foot-Ball Club.[92][93]

Sempre nel 1900 fu fondato il Messina Football Club. L'inizio del calcio messinese è, nonostante ciò, attribuito all'ottocentesca Società Ginnastica Garibaldi, la quale istituì la sua sezione calcio nel 1910 inglobando proprio il Messina Football Club.

Le squadre sarde[modifica | modifica wikitesto]

La prima partita di football riportata dalle cronache di Cagliari venne disputata nel 1902 fra un gruppo di studenti della città e una squadra di marinai genovesi. Le polisportive della Sardegna pioniere del calcio, sebbene a livello ufficioso, furono tutte cagliaritane: la Società Canottieri Ichnusa (1891); la Società Ginnastica Amsicora (1897); la Società Ginnastica Eleonora d'Arborea (1900). Maggiori informazioni sono disponibili sull'Amsicora: è assodata, infatti, la partecipazione degli atleti della compagine a una competizione di football svoltasi durante l'Expo 1911 a Torino.[94][95]

I primi incontri di football nell'isola dei quali si ha notizia, però, si svolsero a Calangianus, alla fine dell'Ottocento, tra operai e tecnici britannici chiamati alla realizzazione di una linea ferroviaria.[95] I due sodalizi che inaugurarono l'attività calcistica ufficiale sarda furono, poi, la Società Educazione Fisica Torres di Sassari e l'Associazione Sportiva Dilettantistica Ilvamaddalena di La Maddalena (1903). Anche la Torres giocò nella suddetta manifestazione torinese.

La classifica di anzianità[modifica | modifica wikitesto]

Ferma restando la certezza che il Genoa sia il sodalizio calcistico italiano in possesso del più antico atto ufficiale di fondazione, le risorse documentali assegnano al Torino Football & Cricket Club di Torino il record di prima squadra di calcio fondata in Italia.[16][17][18]

Nella tabella posta in questo paragrafo sono presi in esame i settori riservati all'Association Football costituiti ufficialmente entro la fine del XIX secolo. I nomi di quelli esistenti oggigiorno sono redatti in grassetto. La lista non è da ritenersi completa, per via della parziale mancanza di informazioni circa alcune società.

È da notare che, salvo i casi delle polisportive Ginnastica Torino (1844),[3] Sampierdarenese (6 giugno 1891),[37] Andrea Doria (5 settembre 1895)[34] e Mediolanum (11 febbraio 1896),[4] le date di nascita dei gruppi calcistici coincidono con quelle delle fondazioni assolute dei club di appartenenza. Allo stesso tempo, la cessazione dell'attività delle formazioni di calcio dissolte si è verificata in corrispondenza dello scioglimento definitivo dell'associazione di riferimento, fatta eccezione per i quattro suddetti sodalizi, ancora operanti.[3][4][34][37]

# Squadra[96] Città[97] Istituzione della squadra[98] Esordio ufficiale[99]
01 Rosso e Nero (Strisce).png Torino Football & Cricket Club Regione-Piemonte-Stemma.svg Torino 13 marzo[100][101] o novembre[102][103] 1887 Non avvenuto
02 600px Giallo-Arancio (Strisce).png Nobili Torino Regione-Piemonte-Stemma.svg Torino 1889 Non avvenuto
03 Bianco e Nero (Strisce).png Internazionale Torino Regione-Piemonte-Stemma.svg Torino 7 settembre-31 dicembre[104] 1891 8 maggio 1898, ore 09:00 - Campionato Nazionale FIF
04 600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png Genoa Cricket and Football Club Coat of arms of Liguria.svg Genova 7 settembre 1893 8 maggio 1898, ore 11:00 - CampionatoNazionale FIF
05 600px Giallo-Arancio (Strisce).png Football Club Torinese Regione-Piemonte-Stemma.svg Torino 1894 8 maggio 1898, ore 09:00 - Campionato Nazionale FIF
06 600px Grigio.png Unione Pro Sport Alessandria Regione-Piemonte-Stemma.svg Alessandria agosto 1896 Non avvenuto[105]
07 600px Blu Con Striscia Rossa.png Reale Società Ginnastica di Torino Regione-Piemonte-Stemma.svg Torino 1º gennaio-31 ottobre[106] 1897 8 maggio 1898, ore 11:00 - Campionato Nazionale FIF
07 Verde e Bianco (Strisce)2.png Liguria Foot Ball Club Coat of arms of Liguria.svg Sampierdarena[107] Aprile 1897 10 dicembre 1911 - Seconda Categoria FIGC[108]
07 Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Football Club Regione-Piemonte-Stemma.svg Torino Autunno[109] 1897 11 marzo 1900 - Campionato Nazionale FIF
10 600px Giallo e Blu.svg Foot Ball Club Casteggio 1898 Regione-Lombardia-Stemma.svg Casteggio 1898 1913 - Promozione FIGC
10 600px Bianco Con Striscia Nera.png Società per l'Educazione Fisica Mediolanum Regione-Lombardia-Stemma.svg Milano 15 maggio 1898 14 aprile 1901 - Campionato Federale FIF
10 Rosso e Bianco.svg Florence Football Club 1898[110] Coat of arms of Tuscany.svg Firenze 26 maggio 1898 15 marzo 1908 - Terza Categoria FIF
10 Bianconero ascolano.png Ascoli Picchio F.C. 1898 Coat of arms of Marche.svg Ascoli Piceno 1º novembre[75][76] 1898 1926 - Terza Divisione FIGC
14 600px Bianco Rosso e Nero (Strisce Orizzontali).png Associazione Calcio Sampierdarenese Coat of arms of Liguria.svg Genova[111] 19 marzo 1899 8 aprile 1900, ore 15:00 - Campionato Nazionale FIF[112]
15 Bianco e Rosso (Croce) e Rosso e Nero (Strisce).svg Associazione Calcio Milan Regione-Lombardia-Stemma.svg Milano 13 dicembre[113] 1899 15 aprile 1900 - Campionato Nazionale FIF
16 Bandiera blu e bianca con scudo di San Giorgio.svg Associazione Calcio Andrea Doria 1955 Coat of arms of Liguria.svg Genova 1º gennaio-10 agosto[114] 1900 9 marzo 1902 - Campionato Federale FIF
17 600px Rosa e Nero in diagonale con aquila.png Unione Sportiva Città di Palermo Coat of arms of Sicily.svg Palermo 1º novembre[91] 1900 18 dicembre 1921 - Prima Divisione CCI
18 600px HEX-FEE66C centred cross on HEX-E6002E background.svg Associazioni Calcio Riunite Messina 1947 Coat of arms of Sicily.svg Messina 1º dicembre 1900 18 dicembre 1921 - Prima Divisione CCI

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Storia, calciostoricofiorentino.it. URL consultato il 7 maggio 2013.
  2. ^ a b 1893 VS. 1897 Le Origini (a cura di Aldo Padovano), genoacfc.it. URL consultato il 5 aprile 2013.
  3. ^ a b c d Sintesi storica, realeginnastica-to.it. URL consultato il 24 aprile 2013.
  4. ^ a b c d La Storia della Palestra Mediolanum, palestramediolanum.it. URL consultato il 25 marzo 2014.
  5. ^ Un caso esemplare è quello della Società Ginnastica Roma (vedi il paragrafo sul Lazio).
  6. ^ Un caso esemplare è quello del club ginnico Virtus Partenopea (vedi il paragrafo sulla Campania).
  7. ^ a b c d Romanato
  8. ^ a b c d Fontanelli
  9. ^ a b c d Marco Impiglia, Il calcio dei ginnasti e i primi regolamenti (PDF), magliarossonera.it. URL consultato il 3 maggio 2013.
  10. ^ Albo d'oro, legaseriea.it. URL consultato il 3 maggio 2013.
  11. ^ Q&A on the IFAB Annual Business Meeting - Cardiff, 20 October 2010 (PDF), fifa.com. URL consultato il 3 maggio 2013.
  12. ^ Un caso esemplare è quello del Football Club Torinese (vedi il paragrafo sul Piemonte).
  13. ^ Calcio: un progetto per far rinascere l'US Aosta 1911, regione.vda.it. URL consultato il 25 marzo 2014.
  14. ^ A.S.D. S.C. Vallée d'Aoste - Squadra, vda-saintchristophe.it. URL consultato il 25 marzo 2014.
  15. ^ Ginnastica di Torino, storiadelcampionatodiseriea.blogspot.it. URL consultato il 24 aprile 2013.
  16. ^ a b c d e f Archivio storico - Calcio (PDF), comune.torino.it. URL consultato l'8 aprile 2013.
  17. ^ a b Dicembre 1906 - Fondazione Torino Football Club, faccedatoro.altervista.org. URL consultato il 20 maggio 2013.
  18. ^ a b Il canottaggio nella storia, canottaggiolombardia.it. URL consultato il 20 maggio 2013.
  19. ^ a b Papa; Panico
  20. ^ Verso il venticinquennio del football
  21. ^ a b c Boccassi; Cavalli
  22. ^ Massimiliano Lussana, I Grigi e quegli incroci con Genova che hanno fatto la storia del calcio, in IlGiornale.it, 9 agosto 2011. URL consultato il 4 febbraio 2013.
  23. ^ A.S.D. Ginnastica Pro Vercelli (PDF), unasci.com. URL consultato il 21 maggio 2015.
  24. ^ La Pro Vercelli dei 7 scudetti, prossimicampioni.com. URL consultato il 16 aprile 2013.
  25. ^ a b c Sport è … Città. Il ruolo delle Società Sportive Centenarie nello sviluppo della comunità (PDF), unasci.com. URL consultato il 17 aprile 2013.
  26. ^ Storia della Pietro Micca Biella (1899) (PDF), unasci.com. URL consultato il 24 aprile 2013.
  27. ^ Società Ginnastica Pro Novara 1881, san.beniculturali.it. URL consultato il 10 febbraio 2013.
  28. ^ a b Filippo Piana, Breve storia dell'associazionismo sportivo e del gioco del calcio in Ovada (PDF), Accademia Urbense, p. 12. URL consultato il 25 ottobre 2012.
  29. ^ A.C. Cuneo 1905 - Storia, cuneocalcio.it. URL consultato il 9 aprile 2013.
  30. ^ Vanni
  31. ^ Storia dell’U.S. Ivrea Calcio, ivreacalcio.it. URL consultato il 25 marzo 2014.
  32. ^ La storia del ritrovamento dell'atto fondativo del Genoa CFC, fondazionegenoa.com. URL consultato il 5 aprile 2013.
  33. ^ Fantini
  34. ^ a b c Cent’anni di storia e di successi, sgandreadoria.it. URL consultato il 21 maggio 2013.
  35. ^ Nino Gotta, L'Andrea Doria... Fedele nemica del Genoa, genoasamp.com. URL consultato il 21 maggio 2013.
  36. ^ Aldo Padovano e Elio Rosati, Genova (Vizio) Capitale Del Calcio, genoasamp.com. URL consultato il 15 maggio 2013.
  37. ^ a b c Chi siamo, sampierdarenese.weebly.com. URL consultato il 18 luglio 20l3 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2013).
  38. ^ a b c d Sergio Giuntini, Il calcio ginnastico, genoasamp.com. URL consultato il 10 aprile 2013.
  39. ^ a b c d e f Marco Impiglia, I Diavoli fanno Ginnastica - La prima soddisfazione al Concorso di Milano nel 1902, magliarossonera.it. URL consultato il 19 luglio 2013.
  40. ^ Appunti sull'attività remiera della Società Ginnastica Ligure "Cristoforo Colombo" (PDF), raid.informare.it. URL consultato il 14 luglio 2013.
  41. ^ Storia, ussp.ge.it. URL consultato il 19 luglio 2013.
  42. ^ Storia, sestresecalcio.com. URL consultato il 19 luglio 2013.
  43. ^ Rubattino, ginnasticarubattino.it. URL consultato il 23 marzo 2013.
  44. ^ FGS - Fratellanza Ginnastica Savonese asd, fgsavonese.it. URL consultato il 20 luglio 2013.
  45. ^ Storia, albengacalcio.it. URL consultato il 20 luglio 2013.
  46. ^ Storia, savonafbc.it. URL consultato il 20 luglio 2013.
  47. ^ A.S.D. Ginnastica Pro Chiavari - La nostra storia - Gli inizi, prochiavari.it. URL consultato il 23 marzo 2013.
  48. ^ Marco Impiglia, I Diavoli fanno Ginnastica - Caratteri del calcio ginnastico, magliarossonera.it. URL consultato il 3 giugno 2013.
  49. ^ La Storia, acmilan.com. URL consultato il 20 luglio 2013.
  50. ^ a b Sergio Giuntini, "Quelli della Pro Patria 1883" 120 anni di storia milanese (PDF), museopropatria.it. URL consultato il 20 luglio 2013.
  51. ^ Le attività (Club Estivo Multisport), propatriamilano.it. URL consultato il 2 giugno 2013.
  52. ^ Archivio Calcio: Lombardia - 1º Livello Regionale, spazioinwind.libero.it. URL consultato il 10 febbraio 2013.
  53. ^ A.C. Pavia, La Storia - 1911-1924, paviacalcio.it. URL consultato il 17 marzo 2013.
  54. ^ Storia del 1913 Seregno, seregnocalcio.it. URL consultato il 21 marzo 2013.
  55. ^ Alessandro Disperati, Daniela Gastaldo, La storia dell'A.C. Voghera dal 1914 ad oggi - Primo volume, Varzi (PV), Edizioni Guardamagna (Pag. 19).
  56. ^ Panaro Modena A.S.D.
  57. ^ La nascita del calcio a Modena
  58. ^ La Storia, lineagiallorossa.net. URL consultato il 19 marzo 2013.
  59. ^ Società Ginnastica Persicetana - 1876, unasci.com. URL consultato il 18 marzo 2013.
  60. ^ La Patria 1879 - La Palestra, lapatria1879.it. URL consultato il 10 febbraio 2013.
  61. ^ Palestra Ginnastica Ferrara - Storia, pgf-fe.com. URL consultato il 19 marzo 2014.
  62. ^ Storia della ginnastica a Forlì
  63. ^ La nascita del Piacenza Football Club
  64. ^ 1984-2004 Vent'anni per lo sport nella città di Mestre
  65. ^ Istituzione Comunale “Marcantonio Bentegodi” - Verona - 1868 (PDF), unasci.com. URL consultato il 31 gennaio 2013.
  66. ^ La Storia, sgvumbertoprimo.it. URL consultato il 9 febbraio 2013.
  67. ^ Altri due titoli nazionali a Vicenza nel 1906 e al Concorso di Venezia del 1907, magliarossonera.it. URL consultato il 9 febbraio 2013.
  68. ^ Andrea Claudio Galluzzo, id=84:news&l temid=198 Torrigiani e Ridolfi, il Florence Football Club e la Fiorentina , museofiorentina.it.
  69. ^ Origine dell'A.C. Fiorentina, fiorentinamuseo.it.
  70. ^ Storia, firenzefootballclub.it. Nella storia del Firenze Fooball Club, 28 aprile 22 maggio e 9 giugno 1898 - prime partite riconducibili al Giuoco del Calcio al Quercione e al Club Velocipedistico.
  71. ^ a b Francesco Germini, Monografia: Unione Sportiva "Braccio Fortebraccio" - Perugia (1890) (PDF) (abstract), in Lancillotto e Nausica, vol. 44, nº 1-3, Torino, Unione Nazionale Associazioni Sportive Centenarie d'Italia, 2011, pp. 182-189.
  72. ^ Sappino, p. 986
  73. ^ Perna, p. 823
  74. ^ Ranieri di Sorbello, p. 356
  75. ^ a b La storia, ascolipicchio.com. URL consultato il 2 novembre 2016.
  76. ^ a b Nonostante il 1898 sia tradizionalmente indicato come anno d'istituzione della compagine, i giornali ascolani dell'epoca fanno risalire l'inizio dell'attività societaria al 1901. Tuttavia, nell'opera storiografica Ascoli Calcio: Album Storico Fotografico 1898-1974 viene precisato che tale discrepanza deriverebbe dal fatto che la nascita del club nel 1898 avvenne "in sordina anche per non far sapere alle famiglie che si erano "azzardati" a tanto e che audacemente avrebbero inforcati i potenti "bicicli"", e che soltanto "nel 1901 subentrò il prof. Fortis alla presidenza di questa società che diventò ufficiale".
  77. ^ a b Centenari UNASCI, Società Sportiva Lazio (1900) (PDF), unasci.com. URL consultato il 6 ottobre 2012.
  78. ^ Marco Impiglia, Quei preti precursori del calcio a Roma «Nell’anno 1892 il Venerabile per la prima volta scese in campo con una unità di Calcio... Fu nel 1892, durante una villeggiatura a Monte Porzio Catone, che gli studenti del Venerabile ottennero dal loro Rettore il permesso di giocare l’«association football», in Il Tempo, 16 ottobre 2011.
  79. ^ a b c d e f g Impiglia
  80. ^ a b c Gallian
  81. ^ a b c Valentini
  82. ^ Ginnastica Roma, la storia, ginnasticaroma.com. URL consultato il 10 aprile 2013.
  83. ^ Vedi Elenco affiliate F.I.F. 1908. L'elenco fu fornito dall'ex Presidente rag. Luigi Bosisio all'AIA che lo pubblicò sulla rivista L'Arbitro nel 1925. La raccolta della rivista fu digitalizzata e messa su 3 cd-rom a cura dello Storiografo dell'AIA Luciano Lupi di Genova nel 2004. Il cofanetto contenente i 3 cd-rom non è in vendita ma è ancora disponibile gratuitamente presso tutte le sedi delle Commissioni Regionali Arbitri (C.R.A.).
  84. ^ Circolo Canottieri Lazio (Sorge un astro biancoceleste), polisportivasslazio.it. URL consultato il 10 aprile 2013.
  85. ^ Storia del Comitato Regionale Lazio – capitolo II, crlazio.info. URL consultato il 18 giugno 2013.
  86. ^ Album Calciatori Lampo 1958-1959 (pagg. 9-10), cartesio-episteme.net. URL consultato il 10 aprile 2013.
  87. ^ Storia – Polisportiva Olympia Agnonese
  88. ^ Athos Zontini. Storia del Napoli
  89. ^ Romolo Acampora, Un romanzo lungo cent'anni, riccardocassero.it. URL consultato il 2 giugno 2013.
  90. ^ a b Signorelli, p. 135
  91. ^ a b La Maglia del Palermo - La storia del Palermo Calcio, la-maglia-rosanero.com. URL consultato il 26 marzo 2014.
  92. ^ Le Origini - Rosanero.net, ballor.net. URL consultato il 26 marzo 2014.
  93. ^ Lucio Forte, Oltre un secolo di storia da via Notarbartolo alla A (PDF), in La Repubblica, 31 maggio 2004, p. 16. URL consultato il 26 marzo 2014.
  94. ^ La Storia del Cagliari - Prima parte 1900 - 1919, facebook.com/USCst. URL consultato il 25 marzo 2014.
  95. ^ a b Le origini della società, cagliaricalcio.net. URL consultato il 5 aprile 2013.
  96. ^ Sono indicati per ciascuna compagine l'attuale e/o l'ultima ragione sociale utilizzata, nonché gli attuali e/o gli ultimi colori sociali adottati.
  97. ^ Sono indicate per ciascuna compagine l'attuale e/o l'ultima sede societaria.
  98. ^ Intesa come sezione calcistica, nel caso di polisportive.
  99. ^ Le competizioni organizzate dalla FGI/FGNI non sono prese in considerazione in quanto non riconosciute come ufficiali dalla FIF/FIGC.
  100. ^ Torino, Amauri insegue la conferma da titolare. Auguri granata: 108 anni, in gazzetta.it, 3 dicembre 2014. URL consultato il 22 maggio 2015.
  101. ^ Cent'anni prima di Ronaldo, in archiviostorico.gazzetta.it, 2 gennaio 1998. URL consultato il 22 maggio 2015.
  102. ^ Turco; Savasta, p. 23
  103. ^ La storia del grande Toro, toroclubrivoli.com. URL consultato il 7 maggio 2013.
  104. ^ Dopo la prima amichevole (disputatasi o il 6, o il 13, o il 20 o il 27 settembre) che Herbert Kilpin, creatore della compagine, giocò nel settembre 1891 contro il futuro FC Torinese, poche settimane dopo il suo arrivo in Italia. Papa; Panico. Verso il venticinquennio del football
  105. ^ La società ha militato soltanto nei Concorsi Nazionali FGNI, a partire dal 29 maggio 1897.
  106. ^ Si presume precedentemente al 1º novembre 1897, data di svolgimento del primo torneo a cui la sezione calcio risulti aver partecipato. Il «match» al Foot-ball, in La Stampa, 2 novembre 1897, p. 2. URL consultato il 31 maggio 2013.
  107. ^ Il Comune di Sampierdarena è divenuto parte integrante del territorio di Genova nel 1926, 12 anni dopo lo scioglimento della compagine. Regio Decreto Legge 14 gennaio 1926, n. 74.
  108. ^ Alcuni fonti fanno risalire la prima partita ufficiale del club al Campionato Nazionale di Football 1899.
  109. ^ Per convenzione, l'anniversario è celebrato il 1º novembre. Bocca
  110. ^ Il 26 maggio 2010, circa centouno anni dopo il suo scioglimento, avvenuto nel 1909, il club è stato ricostituito nella sua veste autentica. Dalla data della sua rifondazione a oggi ha partecipato solo a tornei non ufficiali. History, florencefootballclub.it. URL consultato il 20 maggio 2013.
  111. ^ La sede del club fu, fino al 1926, il Comune di Sampierdarena, poi divenuto parte integrante del territorio di Genova. Regio Decreto Legge 14 gennaio 1926, n. 74.
  112. ^ La partecipazione della Sampierdarenese al torneo è ritenuta incerta. THE "STRIPED" GENOA (1), clandeigrifoni.it. URL consultato il 15 maggio 2013.
  113. ^ A causa di una svista, la maggior parte delle fonti indica erroneamente come data il 16 dicembre. La nascita di un mito, magliarossonera.it. URL consultato il 30 aprile 2015.
  114. ^ Si presume precedentemente all'11 agosto 1900, data di svolgimento della prima partita assoluta della sezione calcio. Nino Gotta, L'Andrea Doria... Fedele nemica del Genoa, genoasamp.com. URL consultato il 21 maggio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudia Bocca, Torino capitale, Roma, Newton Compton, 2010, ISBN 978-88-541-2254-3.
  • Ugo Boccassi, Anna Cavalli, La sostenibile certezza dell'essere "grigi" prima del 1912, Alessandria, I Grafismi, 2010.
  • Manlio Fantini, F.C. Genoa, Bologna, Edi Grafica, 1977.
  • Carlo Fontanelli, Il ritorno del Genoa. I campionati italiani della stagione 1901-1902, Empoli, GEO Edizioni, 2006.
  • Marcello Gallian, Arpinati politico e uomo di sport. La storia dello sport italiano, Roma, Pinciana, 1928.
  • Marco Impiglia, Pionieri del calcio romano, Roma, La Campanella, 2003, ISBN 88-88519-07-6.
  • Antonio Papa, Guido Panico, Storia sociale del calcio in Italia, Bologna, Il Mulino, 1993, ISBN 88-15-08764-8.
  • AA.VV., Il Pallone d'Oro - Prima enciclopedia storica del calcio mondiale, Vol. III, Milano, Perna Editore, 1967-1969.
  • Uguccione Ranieri di Sorbello, Perugia della Bell'Epoca 1859-1915, Nuova edizione riveduta, Perugia, Volumnia Editrice, 2005 [1969].
  • Maurizio Romanato, Francesco Gabrielli (1857-1899). Le origini del calcio in Italia: dalla ginnastica allo sport, Treviso, Antilia, 2008, ISBN 978-88-87073-86-7.
  • Marco Sappino (a cura di), Dizionario del calcio italiano, 1ª edizione, Milano, Baldini & Castoldi, 2000, ISBN 88-8089-862-0.
  • Amalia Signorelli (a cura di), Cultura popolare a Napoli e in Campania nel Novecento, Napoli, Guida, 2002, ISBN 88-7188-643-7.
  • Sergio Valentini, E arrivarono i bersaglieri. I primi trent'anni di Roma capitale, Roma, La Lepre, 2011, ISBN 978-88-96052-36-5.
  • Giuseppe Vanni, Notizie di calcio trinese (1898-1999), Trino, Comune di Trino - Studi Trinesi/16, 1999.
  • Fabrizio Turco, Vincenzo Savasta, Il calcio dimenticato. Toro, Genoa, Milan, Juve: il pallone dei pionieri, Roma, Editori Internazionali Riuniti, 2014, ISBN 978-88-359-9419-0.
Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio