Edoardo Bosio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Edoardo Bosio
Edoardo Bosio.png
Edoardo Bosio nel 1889
Nome Edward Johann Peter Bosio
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181[1] cm
Peso 72[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Carriera
Squadre di club1
1887-1891 Torino FCC 0 (0)
1891-1899 Internazionale Torino 4 (3)
1900-1902 FC Torinese 1+ (3+)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Edoardo Bosio (Torino, 9 novembre 1864[2]Davos, 31 luglio 1927[3]) è stato un imprenditore e calciatore italiano, fondatore e giocatore del Torino Football & Cricket Club, progenitore dell'Internazionale Torino[4].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Discendente dello svizzero Giacomo Bosio, che con il motto «Bona cervisia lætificat cor hominum»[5], nel 1845, fondò il primo birrificio d'Italia con sede nella centrale via della Consolata a Torino.[6][7] Dopo essersi diplomato come ragioniere, fu assunto dalla Thomas & Adams di Nottingham, ditta operante nel campo dei tessili: ciò gli consentì di conoscere e praticare gli ambienti inglesi del football. Ritornato nel 1887 a Torino, si dimostrò immediatamente uno sportivo appassionato, avvicinandosi al canottaggio. Infatti, divenne socio della Società Armida, e successivamente il direttore tecnico della società.[8] Dall'Inghilterra aveva riportato in Italia però, soprattutto, la passione per il football e qualche pallone di cuoio, cosa certamente non frequente all'epoca nella penisola. Bosio, proprio grazie ai suoi trascorsi britannici, era capace di giocare con la palla ed era intenzionato a dare un'organizzazione che consentisse la diffusione della pratica di quel gioco.

Fu così che, con i colleghi d'oltre Manica della filiale torinese della Thomas & Adams, fondò il Torino Football & Cricket Club[9], società sportiva che praticava il canottaggio d'estate e il football d'inverno. Si ha anche notizia dell'abbigliamento usato: camicia a righe rossonere con il colletto bianco, un berretto in testa e calzoni lunghi.

Nel 1889, al patinoire del Valentino, il principe Luigi Amedeo di Savoia-Aosta, il barone Cesana, il marchese Alfonso Ferrero di Ventimiglia e altri rappresentanti dell'aristocrazia fondarono la Nobili Torino. L'iniziativa di Bosio si incrociò subito con quella di questi esponenti della nobiltà piemontese: nacque così nel 1891 l'International Football Club, nota anche come Internazionale Torino.[10]

Bosio era un personaggio eclettico per quell'epoca, oltre a praticare più sport e nello stesso tempo lavorare come mercante, ebbe il merito di esordire anche nel mondo dei cortometraggi cinematografici, come regista e fotografo in occasione del film: “La vita negli abissi del mare“, film del 1914.[11] Il cortometraggio venne prodotto dalla Vesuvio Films, con la collaborazione dell'Ambrosio Film di Torino che co-produsse la pellicola.[12]

Bosio morì a 62 anni nel 1927.

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Bosio partecipò al primo campionato di calcio italiano, tra le file dell'Internazionale Torino, segnando il primo goal nella storia del calcio professionistico italiano e vincendo per uno a zero contro il FC Torinese; arrivò a disputare la finale persa contro il Genoa per due a uno, anche in questa occasione fu lui a segnare per la sua squadra.

Anche nella stagione seguente, sempre tra le file dell'Internazionale Torino, disputò la finale di campionato, persa anche in questa occasione contro i genovesi, che vinsero per tre a uno.

Nel 1900 a seguito della fusione dell'Internazionale Torino con il FC Torinese, disputò la finale di campionato 1900, dove subì la terza sconfitta consecutiva contro il Genoa.[13]

Nel 1902 risulta ancora in rosa agli oro-nero.[14]

Rappresentativa Italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 aprile 1899 giocò a Torino presso il Velodromo Umberto I l'incontro amichevole nella Selezione Italiana contro la Selezione Svizzera, terminato due a zero a favore degli elvetici.[15]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b CALCIO Archivio storico del Comune di Torino
  2. ^ O. VIGLIANI 80 - S.R.L. Imprese nel tempo
  3. ^ F. Turco, V. Savasta,  p. 26
  4. ^ F. Turco, V. Savasta,  pp. 18-29
  5. ^ La buona birra allieta il cuore degli uomini.
  6. ^ Bosio e Caratsch, Torino. Museo Torino
  7. ^ La fabbrica di birra Bosio & Caratsch Mondo Birra
  8. ^ F. Turco, V. Savasta,  p. 19
  9. ^ IL CANOTTAGGIO NELLA STORIA Canottaggiolombardia.it
  10. ^ 8 maggio 1898 TUTTO IN UN GIORNO Storiedicalcio.altervista.org
  11. ^ Bosio cineasta
  12. ^ F. Turco, V. Savasta,  p. 27
  13. ^ Tuttomercatoweb
  14. ^ LE ROSE DELLE SQUADRE DEL 1902 (PDF), su Magliarossonera.it. URL consultato il 1º marzo 2017.
  15. ^ Nel 1899 nasce a Genova il grande Ottavio Barbieri; la Federazione calcistica Italiana sfida la Federazione Svizzera tuttomercatoweb.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • John Foot, Calcio, Rizzoli, 2007.
  • Fabrizio Turco, Vincenzo Savasta, Il Calcio dimenticato. Toro, Genoa, Milan, Juve, il pallone dei pionieri, Roma, Editori Internazionali Riuniti, 2014, ISBN 978-88-359-9419-0.
  • Alessandro Bassi, Il Football dei pionieri, Torino, Bradipolibri Editore, 2012, ISBN 978-88-96184-60-8.
  • Carla F. Gütermann, Birrifici a Torino: dai Bosio ai Boringhieri, in «Arte&Storia», Svizzeri a Torino: nella storia nell'arte nella cultura nell'economia dal Quattrocento ad oggi, Edizioni Ticino Management, anno 11, numero 52, ottobre 2011. Lugano 2011, pp. 522–525.
  • Giulia Boringhieri, La Boringhieri & C., in «Arte&Storia», Svizzeri a Torino: nella storia nell'arte nella cultura nell'economia dal Quattrocento ad oggi, Edizioni Ticino Management, anno 11, numero 52, ottobre 2011. Lugano 2011, pp. 525–529.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Edoardo Bosio, La vita negli abissi del mare, Ambrosio Film, 1914.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]