Società per l'Educazione Fisica Mediolanum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Società per l'Educazione Fisica Mediolanum
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Bianco Con Striscia Nera.svg Bianco, nero
Dati societari
Città Milano
Nazione Italia Italia
Confederazione
Federazione Flag of Italy (1861-1946).svg FIF
Fondazione 1898
Scioglimento1904
Stadio
( posti)
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

La Società per l'Educazione Fisica Mediolanum, citata anche come SEF Ginnastica Mediolanum, era una società sportiva con sede a Milano.

La società fu fondata nel 1896, presumibilmente l'11 febbraio[1], con la denominazione Società Ginnastica Mediolanum da Alberto Alberti, che ne fu anche primo presidente. È insignita della Stella d'Oro CONI al merito sportivo.[2]

Sezione calcistica[modifica | modifica wikitesto]

La sezione calcistica nacque il 15 maggio 1898.[3] Un anno prima si era verificato il cambio di denominazione in Società per l'Educazione Fisica Mediolanum, come comunicava il quotidiano La Gazzetta dello Sport.[4] La squadra aveva una divisa bianca e nera. Sul petto fu posto lo stemma di Milano, una croce rossa su sfondo bianco.

Il luogo di allenamento era il cortile del Castello Sforzesco, un cortile in terra battuta non molto adatto agli allenamenti ed alle partite di football, ma era questo il ritrovo abituale dei giovani milanesi che lo praticavano. Tra questi emerse Umberto Meazza che fu il capitano ed il trascinatore della squadra, portando la Mediolanum a disputare tutte le gare calcistiche dei concorsi ginnastici nazionali.

Tornei FIF[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante il club fosse tra i fondatori della Federazione Italiana del Football (nome adottato all'epoca dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio, o FIGC), partecipò soltanto al quinto campionato di calcio nel 1902 dove venne battuta 2-0 al primo match dal Genoa, che in seguito vinse il torneo.

Tornei FGNI[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Torneo FGNI.

Negli stessi anni (1901 e 1902) partecipò ai tornei FGNI, organizzati dalla Federazione Ginnastica Nazionale Italiana.

Nel 1901 a Bologna vinse la finale contro la Palestra Ginnastica Ferrara. Nel 1902 a Milano partecipò con due squadre, ma venne eliminata.

Si iscrisse anche al torneo del 1904 a Firenze, ma si ritirò prima dell'inizio.

Formazione Torneo FGNI 1901[modifica | modifica wikitesto]

  1. Magnani
  2. Giovanni Massaroni
  3. Luigi Bosisio (Presidente FIGC 1909-10 e Consigliere ULIC)
  4. Lorenzo Torretta
  5. Enrico Ghinelli
  6. Carlo Magno Magni
  7. Maurizio Massaroni
  8. Umberto Meazza
  9. Bardenheirer
  10. Riccardo Luzzato
  11. Federico Ghinelli

Medaglia del Re[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1900, 1901 e 1902 partecipò alla Medaglia del Re, ma fu subito battuta in tutte e tre le edizioni.

Scioglimento[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 1904 il Consiglio Direttivo arrivò a vietare ai propri atleti di partecipare alle manifestazioni calcistiche, in quanto «distraevano i ginnasti dai loro esercizi abituali»[5]. Per questo motivo Umberto Meazza e la maggior parte dei calciatori lasciarono la Mediolanum e fondarono la sezione calcio della US Milanese. Questa mise a loro disposizione un campo di dimensioni ottimali all'estrema periferia nord, in via Comasina, vicino all'attuale piazzale Maciachini. Nessuno di questi "atleti" ritornò alla Mediolanum.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria della Società per l'Educazione Fisica Mediolanum
  • 1898 - 15 maggio: fondazione della sezione calcistica della Società per l'Educazione Fisica Mediolanum.
  • 1900 - Semifinale di Medaglia del Re.
  • 1901 - Coppa Ginn.svg Vince il Torneo FGNI.
Quarti di finale di Medaglia del Re.
Semifinale del Torneo FGNI[6].
Quarti di finale di Medaglia del Re.
  • 1903 - Nessuna attività di rilievo.
  • 1904 - Iscritta nel Torneo FGNI, si ritira dal torneo.
Nell'estate 1904 cessa l'attività calcistica chiudendo la sezione calcio.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Altre competizioni[modifica | modifica wikitesto]

1901

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Storia della Palestra Mediolanum - DAI DOCUMENTI ....... LE ORIGINI, su palestramediolanum.it. URL consultato il 1º ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2012).
  2. ^ Storia dal sito ufficiale
  3. ^ I Diavoli fanno Ginnastica - Caratteri del calcio ginnastico di Marco Impiglia.
  4. ^ La Storia della Palestra Mediolanum - LA NASCITA DEL FOOTBALL, su palestramediolanum.it. URL consultato il 1º ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2012).
  5. ^ Sergio Giuntini, p. 59 nel capitolo "Gli anni eroici: ginnasti, inglesi, svizzeri e poi azzurri", dove scrive

    «... Ad un ordine del Consiglio della Mediolanum di cessare questo giuoco che distraeva i ginnasti dai loro esercizi abituali, Umberto Meazza ed alcuni suoi discepoli preferirono abbandonare la vecchia società per fare parte di un'altra dove avrebbero potuto perfezionarsi seriamente in questo giuoco che essi riputavano migliore di ogni altro. E fu l'US Milanese che accolse i foot-ballers milanesi mettendo a loro disposizione un campo in Via Comasina ...»

    Articolo a firma Antonio Bianchi sul settimanale "Lettura Sportiva" del 15 gennaio 1911. Vedere scheda della B.N.B. del libro "Azzurri 1990" stampato a Milano, su opac.braidense.it.
  6. ^ Stagione 1901-02 (PDF), su magliarossonera.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Bollettino mensile della F.G.N.I. è conservato presso la Biblioteca comunale "Sormani" di Milano nella sezione staccata (deposito giornali) di Via Quaranta a Milano.
  • AA.VV., Azzurri 1990 - Storia bibliografica emerografica iconografica della Nazionale Italiana di Calcio e del Calcio a Milano, Roma, La Meridiana Editori S.r.l., maggio 1990, in consultazione libraria con segnatura T.90. B. 0251/02 presso la Biblioteca Nazionale Braidense.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]