Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Calangianus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Calangianus (disambigua).
Calangianus
comune
(IT) Calangianus
(SDN) Caragnani
(SC) Calanzanos
Calangianus – Stemma Calangianus – Bandiera
Calangianus – Veduta
Vista parziale del panorama di Calangianus da località Siddaiu
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Sardegna-Stemma.svg Sardegna
Provincia Provincia di Sassari-Stemma.svg Sassari
Amministrazione
Sindaco Fabio Albieri (lista civica) dall'11-6-2017
Territorio
Coordinate 40°55′20″N 9°11′41″E / 40.922222°N 9.194722°E40.922222; 9.194722 (Calangianus)Coordinate: 40°55′20″N 9°11′41″E / 40.922222°N 9.194722°E40.922222; 9.194722 (Calangianus)
Altitudine 518 m s.l.m.
Superficie 126,35 km²
Abitanti 4 100[2] (28-2-2017)
Densità 32,45 ab./km²
Frazioni San Leonardo, Cantoniera Larai, Cantoniera Catala
Comuni confinanti Berchidda, Luras, Monti, Sant'Antonio di Gallura, Telti, Tempio Pausania
Altre informazioni
Cod. postale 07023
Prefisso 079
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 090021
Cod. catastale B378
Targa SS
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona D, 1 854 GG[3]
Nome abitanti (IT) calangianesi
(SDN) caragnanesi
(SC) calanzanesos
Patrono Santa Giusta di Cagliari
Giorno festivo 14 maggio
PIL (PPA) 23.023 mln €
PIL procapite (PPA) 16300 €[1]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Calangianus
Calangianus
Calangianus – Mappa
Posizione del comune di Calangianus
nella provincia di Sassari
Sito istituzionale

Calangianus (IPA: [kalanˈʤaːnus],[4] Caragnani IPA : [karaˈɲanj] in gallurese, Calanzanos IPA : [kalanˈʣanos] in sardo[5]) è un comune italiano di 4 100 abitanti[2] della provincia di Sassari in Sardegna.

Sorge su un altopiano granitico a 518 metri s.l.m. ai piedi del monte Limbara, in un'ampia conca, circondato da vigneti e dalle tipiche sugherete della Gallura, regione storica della Sardegna.[6] Dista circa 80 km dal capoluogo di provincia. In seguito alla soppressione della provincia Olbia-Tempio, Calangianus è entrato a far parte della provincia di Sassari.[7]

La cittadina di Calangianus è identificata in età romana,[8] ma la prima notizia certa sul borgo medievale risale al 1100 e il territorio risulta abitato già dall'età del rame. Dal 1979 è entrato a far parte della lista dei cento comuni più industrializzati d'Italia, per i meriti unici conseguiti in campo economico. Il primo Rapporto del CENSIS sulla situazione sociale della Sardegna l'ha classificata tra i 128 comuni “verdi” d'Italia a crescita integrata.[9]

Calangianus è noto per la lavorazione del sughero, caricandosi la definizione di "capitale del sughero".[10][11]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Panoramica di Calangianus

Calangianus sorge su una conca elevata 518 metri s.l.m. e inclinata verso ovest, alle falde del monte Limbara, che si estende tra quattro monti: La Casteddu, Casiddu, Gaspareddu e Lu Colbu.[9]

Il vasto territorio comunale di Calangianus si estende in oltre 13000 ettari, partendo da nord, dal lago Liscia, inglobando buona parte della strada provinciale 38 sulla quale si estende il territorio di San Leonardo (area rilevante per Chirotterofauna). Degradando verso monte Muddetru e Laicheddu, si estende a est fino alla valle Valentino e al monte La Eltica e a ovest fino a Monti Biancu, Monti di Deu e Punta Bandiera (massima altura del territorio comunale, 1336 m), inglobando così il versante orientale del monte Limbara. A nordest di Monti di Deu si estende il centro abitato, che si conclude con l'area industriale, la quale ha termine nei pressi di Nuchis. Il confine con il vicino paese di Luras è segnato dalla rotatoria sulla strada provinciale 136 per Olbia. Il punto più basso corrisponde a 99 m s.l.m.[12][13]

Idrologia[modifica | modifica wikitesto]

Monti dell'agro di Calangianus, in località Monti Brusgjatu

Nel territorio comunale di Calangianus si trova parte del lago Liscia. L'idrografia principale di Calangianus è suddivisa in tre principali spartiacque (tre bacini idrogeologici divisi tra nord, sud-ovest e sud-est del territorio comunale). Il territorio comunale è attraversato da una moltitudine di canali e fiumiciattoli. I principali sono il rio Manisfalata, Piatu, Gaddalzu, Badumela, Miriacheddu, Cuncata, San Paolo (principale affluente del Liscia), Pedralza (che attraversa l'intera parte meridionale dell'urbano), Padrongiano e Taroni, nei quali affluiscono canali che passano in paese. La densità di drenaggio dei tre bacini idrografici è di 1,05.[14][13]

Geologia e morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Fa parte del parco naturale regionale e il suo territorio si estende per una superficie di oltre 13000 ettari con una morfologia prevalentemente collinare, ricco di ruscelli e con formazioni granitiche. La sua vegetazione, tipicamente mediterranea, è dominata dalla presenza di querce da sughero, lecci, cisto e corbezzolo. In autunno i boschi si arricchiscono di molte specie di funghi. I dintorni sono ricchi di testimonianze archeologiche quali nuraghi e tombe dei giganti.[14][13]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Calangianus.

Per quanto possa essere localizzato a una discreta altitudine, Calangianus è caratterizzato da un clima mediterraneo, con estati generalmente miti e inverni freschi, favorito da una distanza dal mare non grandissima. Le precipitazioni nevose sono frequenti nell'arco di tempo tra dicembre e febbraio.[15]

Nella classificazione climatica dei comuni italiani Calangianus è collocato nella «zona D», con 1854 GG.[15]

Calangianus Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 9,1 9,4 11,5 14,4 18,6 22,6 26,1 26,0 23,0 18,0 13,6 10,1 9,5 14,8 24,9 18,2 16,9
T. mediaC) 6,7 6,7 8,5 11,0 14,8 18,5 21,7 21,8 19,2 14,8 10,9 7,8 7,1 11,4 20,7 15,0 13,5
T. min. mediaC) 4,4 4,1 5,6 7,7 11,0 14,5 17,4 17,7 15,4 11,7 8,3 5,6 4,7 8,1 16,5 11,8 10,3
Giorni di gelo (Tmin ≤ 0 °C) 14 8 4 1 0 0 0 0 0 0 7 12 34 5 0 7 46
Precipitazioni (mm) 73 84 76 57 42 28 11 20 40 81 102 106 263 175 59 223 720
Giorni di pioggia 12 14 8 9 9 7 4 6 6 7 12 11 37 26 17 25 105

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Diverse sono le ipotesi sull'origine del nome di Calangianus. Le più accreditate sono le seguenti:

  • Il nome Calangiani è stato identificato in un oppidum romano associato alla cittadina. L'oppidum Calangiani è, secondo altri studi, identificato in Calonianus.[8] Il toponimo deriva dalla divinità Giano.[16]
  • Secondo altre ipotesi, la forma Calangianus deriverebbe dal nome logudorese "caragna", che contraddistingue una pianta (secondo alcuni è il nome antico della carota), da cui Caragnanus, cioè "luogo delle Caragne".[17]
  • Il nome di Calangianus, secondo gli studi dello storico F. Corona (Calangianus. Monografia storica), deriverebbe da cala ’e granis, cioè “cala del granito”.[13]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia di Calangianus.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Cultura di Arzachena, Civiltà nuragica e Calangiani.

Calangianus sorge su un'altura che dovette essere ideale per l'insediamento preistorico e protostorico: un elenco ufficiale del Ministero della Pubblica Istruzione registra 11 nuraghi e 2 tombe di giganti in agro di Calangianus. Le tombe dei giganti, di cui una perfettamente conservata, si trovano l'una presso il rio Santu Paulu, l'altra presso Pascaredda.[18] La presenza dell'uomo nuragico risale al 2000 a.C. e in epoca preistorica, in base ai numerosi ritrovamenti, risulta abitato già nell'età del rame.

Dopo la conquista della Sardegna da parte dei romani (238 a.C.), è identificato qua l'oppidum di Calangiani, nella curatoria di Geminis, nella Diocesi di Civita (Olbia), sull'itinerario sulle strade per Olbia (via Tertium, l'odierna Telti) e Tibula (l'odierna Castelsardo), da dove proseguiva per Turris Libisonis (oggi Porto Torres). Nelle vicinanze situava il centro di Gemellae (probabilmente l'odierna Tempio Pausania). Diversi sono i resti romani rinvenuti a Calangianus, che confermano l'esistenza della cittadina già in quel periodo.[8]

Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Regno di Gallura.

Sono presenti resti di antiche abitazioni intorno alla chiesa diroccata di Santa Margherita, ove situata anticamente il centro abitato risalente all'Alto Medioevo, in seguito spostato in località Santa Justa.[13] Abbiamo riferimenti a Calangianus nel Basso Medioevo, provenienti dagli archivi vaticani: risale al 1162 una bolla di papa Alessandro III che affida alle cure del clero di San Lorenzo di Genova la «Capella Sancti Jacobi del Calegnano». Nel 1300 compare per la prima volta il nome di Villa Calanjanus, facente parte della curatoria di Gemini Josso del Giudicato di Gallura, la quale non contava più di sessanta abitanti. Le carestie e le pestilenze che flagellarono tutta la Gallura non risparmiarono Calangianus che tuttavia, a differenza di altri centri, non venne abbandonato completamente e lentamente. Dal seicento in poi la cittadina ebbe un rilevante sviluppo demografico, diventando il secondo centro della Gallura per importanza nel 1400, per quanto potesse allora essere il centro più povero e più trascurato dell'intera curatoria.Un consistente flusso migratorio di genti calangianesi e tempiesi avvenne tuttavia nella seconda metà del XVII secolo, a favore della Villa di Terranova (l'attuale Olbia).[13] Infatti, siccome l'attività principale dell'entroterra era la pastorizia, il commercio per mezzo dell'attività portuale in via di sviluppo affascinava molti. Si deve proprio a questo fenomeno migratorio la diffusione della parlata gallurese nella parte orientale della Gallura e la ricrescita del centro di Olbia. Le attività della Villa di Calangianus rimasero l'agricoltura e la pastorizia, in quella che è una realtà completamente diversa da quella del resto del Giudicato di Gallura: la popolazione calangianese rappresentava il secondo centro del Giudicato, ma anche tra quelli dove regnava maggior malessere.[19][13]

Età moderna[modifica | modifica wikitesto]

Particolari del centro storico di Calangianus

I segni del futuro prospero di Calangianus si intravedono negli anni a cavallo tra l'Ottocento e il Novecento, tra l'unità d'Italia, la belle époque e la prima guerra mondiale, periodo nel quale la popolazione, stabilizzata sui 2000 abitanti, tende a incrementare un'intensa attività mercantile.[20]

La Villa di Calangianus fu protagonista di funeste vicende, che si scatenarono con l'odio tra le diverse famiglie per la contesa della città (le sanguinose "innimistai", in gallurese) e dure contese contro le ville di Luras e Tempio per il circostante agrario. A causa della prevalsa di anarchia e di disagio tra il centro e le comunità di case sparse nel territorio quali San Leonardo, Calangianus non presenta molte testimonianze edilizie di pregio riguardanti il Settecento.[20]

Calangianus otterrà l'autonomia nel 1771, assieme a Tempio, Terranova (oggi Olbia), Luras, Aggius, Bortigiadas e Nuchis. In contemporanea, Calangianus entrerà a far parte della X Divisione di Sassari durante il Regno di Sardegna e sarà centro amministrativo di mandamento nella provincia di Tempio, amministrando i comuni vicini di Luras e Nuchis.[21]

Con la riforma amministrativa (decreto Rattazzi n.3702 del 23 ottobre 1859) e l'unità d'Italia viene ridotto il numero delle province e la Sardegna viene divisa in sole 2 province (Cagliari e Sassari). Calangianus entrerà a far parte del Circondario di Tempio della provincia di Sassari, nel quale diverrà il capoluogo dell'omonimo mandamento, comprendente Luras e Nuchis.[22] La crescita demografica proseguì regolarmente fino al 1861 (2194 abitanti), salvo una flessione nel 1855 a causa del colera, che registrò a Calangianus 43 morti.[20] Nel 1881 inizia a Calangianus la costruzione del cimitero, e nel 1883 nasce la banda musicale.[23] Nel 1888 viene inaugurata la ferrovia per Monti. Il tracciato della ferrovia partiva da Tempio Pausania, per poi raggiungere NuchisLuras e Calangianus. Tutte e tre le stazioni sono oggi situate nel territorio di Calangianus.[24][25]

Età contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

Il duce Benito Mussolini è acclamato dalla folla festante a Calangianus, 12 maggio 1942

Il primo decennio del XX secolo è fortemente caratterizzato, a partire dal successo del tappo da sughero calangianese all'Esposizione Internazionale di Milano nel 1906. Oltretutto, Calangianus diventerà in questo periodo capitale di mandamento e sede di pretura.[20] Alla crescita del Novecento corrisponde l'ingrandimento dell'area urbanizzata, che si espande intorno al vecchio nucleo.[20] Nel 1942 Benito Mussolini sbarca a Sassari e, dopo una tappa a Tempio Pausania e il saluto in piazza Gallura, si recherà a La Maddalena passando per Calangianus, dove darà il suo saluto al popolo, acclamato da una gremita folla.[26]

Superata la crisi degli anni Trenta e la seconda guerra mondiale, Calangianus conosce un importante sviluppo economico e demografico: nel 1951 ha 6342 abitanti. Nel 1977 avrà luogo qui la prima Fiera Internazionale del Sughero e nel 1979 Calangianus otterrà la classificazione come uno dei cento comuni più industrializzati d'Italia (in contemporanea, la frazione di Sant'Antonio di Calangianus diventa un comune autonomo). Il primo Rapporto del CENSIS sulla situazione sociale della Sardegna ha classificato la cittadina tra i 128 comuni “verdi” d'Italia a crescita integrata. Nella seconda metà del Novecento si contano a Calangianus oltre 300 laboratori e industrie dediti alla lavorazione del sughero.[27] La cronaca registra il 29 maggio 1992 il gemellaggio con il comune di Gensac-la-Pallue, in Francia.[27] Nonostante la crisi economica abbia colpito particolarmente il reparto del sughero, Calangianus respira economicamente una serena aria di ripresa. Nel 1999 viene fondata a Calangianus l'azienda Plastwood, società che produce e commercializza particolari giocattoli magnetici per bambini di tutte le età, in seguito alla concessione sotto licenza di Claudio Vicentelli, fondatore della Geomag. La Plastwood è famosa per essere stata la prima azienda al mondo ad aver creato e sviluppato il gioco di costruzioni magnetiche, insediata nel Toy Building di New York e diventata presto una delle dieci principali aziende italiane produttrici di giocattoli.[28] Nonostante la crisi, la società ha continuato a ottenere diversi riconoscimenti, tra cui “Giocattolo dell’anno” alla fiera di Mosca nel 2010, ed a lanciare nuovi prodotti nel mercato di Norimberga, Slovenia e nel resto d’Europa, facendo rinascere la nuova Plastwood Italia s.r.l. dalle ceneri della vecchia Plastwood.[29]Nel 2005 Calangianus entrerà a far parte della provincia di Olbia-Tempio, soppressa nel 2016,[30] anno di rientro nell'amministrazione della provincia di Sassari (tuttavia nella Zona Omogenea della Gallura).[31] Nel 2012 il distretto industriale del sughero di Calangianus, associato a quello di Tempio Pausania, conterà 677 imprese registrate.[32] Rilevante è il calo di popolazione subito negli ultimi anni dalle cittadine sarde, che non ha risparmiato Calangianus, a partire dagli anni 2000 (la popolazione, in 10 anni, è calata di quasi 1500 abitanti).[33]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Calangianus-Stemma.png
Calangianus-Gonfalone.png

Stemma: Dallo statuto comunale, il comune ha, come suo segno distintivo, lo stemma riconosciuto con provvedimento n. 906 in data 4 gennaio 1988 del presidente della Repubblica Italiana e iscritto nel libro araldico degli enti morali.[34] All'interno dello scudo, una stella a 8 punte in campo bianco (presente anche nello stemma di Sant'Antonio di Gallura, prima frazione di Calangianus) nell'angolo alto a sinistra, opposto alla rappresentazione di una quercia da sughero in campo blu nell'angolo basso a destra, sotto alla quale sono rappresentati due ovini al pascolo. Scudo completato all'angolo basso a sinistra e alto a destra con un riempimento diagonale di colore giallo e rosso, i colori rappresentativi della cittadina. All'esterno dello scudo, due fronde di colore verde, una fronda di alloro con bacche d'oro e una fronda di quercia con ghiande d'oro, che si intersecano su una cravatta frangiata dai colori nazionali e ascendono lateralmente; sopra lo scudo una corona di comune.[35]

Gonfalone: Dallo statuto comunale, il comune fa uso, nelle cerimonie ufficiali, del gonfalone riconosciuto con provvedimento n. 906 in data 4 gennaio 1988 del presidente della Repubblica Italiana.[34] Il gonfalone comunale è rappresentato da un drappo quadrangolare di stoffa, di colore blu. Il drappo ornato da due cordoni laterali argentati e frangiato da motivi d'argento, è caricato nel centro dello stemma di comune, sormontato sopra la corona dall'iscrizione centrata "Comune di Calangianus". La cravatta frangiata si compone in nastri tricolorati dai colori nazionali.[36]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Piazza Santa Giusta

Le architetture religiose di Calangianus risalgono principalmente al Medioevo, riportabili all'architettura barocca. Nonostante gli edifici attuali risalgano circa al 1400, si identificano due chiese risalenti all'Alto Medioevo in località Santa Malgarita, dedicate rispettivamente a Giacomo il Maggiore e Margherita di Antiochia, tuttavia oggi quasi completamente perdute.[37]

Chiesa parrocchiale di Santa Giusta
Chiesa parrocchiale di Santa Giusta
La chiesa parrocchiale di Santa Giusta, principale luogo di culto di Calangianus, sorge nell'omonima piazza. Venne fatta costruire nel Cinquecento dal generale aragonese Mosen e citata per la prima volta in un documento storico del 1596, quando Andrea Lusso ne realizzò la pala d'altare. In seguito ad un ampliamento attuato nel 1602, la chiesa viene consacrata il 9 settembre del 1736 e dedicata alla martire santa Giusta di Cagliari. Ulteriori lavori di restauro si attuarono nel 1896, seguiti da un secondo rinnovamento nel 1965. Rinnovata completamente tra il 2011 ed il 2016, si tratta di un tipico esempio di architettura granitica gallurese, caratterizzato da un interno ricco di affreschi e rappresentazioni marmoree, contornate esternamente da facciate completamente in granito a vista.[38][37]
La chiesa di Santa Croce
Chiesa di Santa Croce
La chiesa di Santa Croce situa al di fianco della chiesa di Santa Giusta, affacciata sulla piazza omonima, nel 1646. Interamente in granito a vista e discretamente decorata negli interni, ha subito due principali restauri nel 1793 e nel 1982. Presenta la sede dell'omonima confraternita, di cui si ha notizia nel 1616. All'interno di questa si trova un'opera di Andrea Lusso di Irgoli, rappresentante l'Assunzione e destinata un tempo ad ornare l'altare maggiore della chiesa di Santa Giusta la quale presenta, oltre alla Vergine, le immagini di santa Giusta e san Giovanni di Liscia, il santo patrono dell'antico villaggio rivierasco dal quale deriva l'attuale Calangianus.[39][37]
L'oratorio di Nostra Signora del Rosario
Oratorio di Nostra Signora del Rosario
Sede dell'omonima confraternita fondata nel 1626, l'oratorio di Nostra Signora del Rosario viene citato per la prima volta nel 1741, per quanto la sua costruzione risalga al settimo decennio del Seicento. Situato a destra della chiesa parrocchiale di Santa Giusta, è l'edificio più recente del complesso monumentale. Ospita oggi il Museo Diocesano di Arte Sacra, il quale propone una ricca collezione di pezzi dei secoli tra il XVI e il XVIII secolo, con prevalenza di oggetti liturgici e dipinti.[40][37]
Chiesa di Santa Maria degli Angeli
Chiesa di Santa Maria degli Angeli
La chiesa di Santa Maria degli Angeli è stata edificata e consacrata nel 1705 come chiesa del convento retrostante. Chiesa granitica di grande interesse architettonico, presenta sopra il portone un bassorilievo a mezzaluna rappresentante il coro degli angeli, opera dell'artista locale Mario Savigni, in marmo macinato e cemento bianco. Presenta al suo interno, oltre a diversi affreschi risalenti al 1946, statue lignee, pulpito e coro ligneo risalenti circa al 1700. Presenta due cappelle, dedicate a sant'Antonio da Padova e san Felice da Cantalice.[37]
Chiesa di Sant'Anna
Chiesa di Sant'Anna
La chiesa di Sant'Anna risale al 1665, come attesta un'iscrizione sulla facciata laterale. Si tratta di una piccola chiesa in granito, situata in pieno centro storico, che conserva all'interno un rilevante dipinto ottocentesco raffigurante sant'Anna attribuito al pittore cagliaritano Giovanni Marghinotti. Venne completamente ricostruita nel 1811 e restaurata nel 1987.[41]
Santuario di Nostra Signora delle Grazie
All'interno del parco della Vergine delle Grazie si trova l'omonimo santuario, ricostruito nel 1904 e interamente in granito. Sorge ove situava un'antica chiesa rurale, dedicata a San Paolo Eremita e risalente al 1623. All'attuale, il santuario presenta un ricco altare ove situa, oltre alla statua della Vergine, quelle di San Paolo Eremita e di Santa Giusta.[42]
Chiesa di Santa Caterina
Presso la casa cantoniera di Larai, nella strada verso Berchidda, è situata la chiesa campestre dedicata a Santa Caterina, costruita nel 1998. Presenta un prospetto semplice, un campanile a vela sormontato da una croce ed un piccolo porticciolo. Si affaccia sul lato opposto su una piazzetta granitica.[43]
Chiesa di San Leonardo
La chiesa campestre di San Leonardo sorge nell'omonima piccola divisione amministrativa nel territorio comunale di Calangianus, a circa 8 km dal centro abitato. Edificata nel 1623 da parte della parrocchia di Calangianus, attualmente la chiesa appartiene alla parrocchia di Sant'Antonio di Gallura e sorge nei pressi dell'omonimo nuraghe.[44]
Chiesa di San Sebastiano
La chiesa di San Sebastiano Martire situa nel parco di sugherete omonimo. Edificata nel Settecento, venne ricostruita nel 1855 da un proprietario terriero calangianese come voto per essersi salvato da un'epidemia di colera. Riedificata completamente nel 1995 e consacrata il 26 giugno 1999, trattasi di una tipica chiesa campestre in granito a vista della Gallura.[44]
Chiesa di San Tommaso
Costruita e consacrata nel 2016, la piccola chiesa campestre di san Tommaso è una cappella intonacata, costruita da un uomo calangianese in onore di un suo fratello deceduto. Situa nella valle di Valentino, al centro di un suggestivo parco.[45]
Convento dei Frati Cappuccini
Il convento dei Frati Cappuccini venne edificato nel 1705 dai frati minori cappuccini (uno dei tre ordini mendicanti maschili che costituiscono la famiglia francescana), venne soppresso nel 1866. Fu sede della caserma dei reali carabinieri, della scuola, del carcere e dell'ufficio pretoriale, per poi essere occupato dai soldati nell'intero periodo durante la prima e seconda guerra mondiale. Attualmente è utilizzato come luogo di convegni, teatro e cinema, nonché come sito ove sorge il Museo del Sughero, inaugurato nel 2011.[46]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Corda
Il Palazzo Corda venne edificato nel 1892 da Marco Corda, il primo pioniere calangianese nel campo del sughero, e ne fece la sua dimora di famiglia nonché sede del primo settore industriale di Calangianus. Sede dei primi dibattiti sul campo del sughero, ospitò il 4 marzo 1888 le autorità per l'inaugurazione della ferrovia Monti-Tempio. Di proprietà del comune dal 2006, il palazzo è stato ristrutturato ristrutturato. Nel 2017, si trova in una fase di adattamento per ospitare musei ed una biblioteca.[47][48]
Palazzu Mannu
Il vecchio caseggiato scuole di Calangianus
Lu Palazzu Mannu (dal gallurese, il grande palazzo) è stato edificato nel 1800 alle falde del colle Santa Justa, nei pressi della chiesa parrocchiale. Da tradizione prettamente gallurese, il palazzo è interamente costruito in granito e presenta un ampio balcone sovrapposto a due portali (prima del restauro, il portale era uno solo). Costruito in tre piani, presenta il tipico stile dei palazzi galluresi di età sabauda. Divenne sede di prefettura, per poi essere recuperato e restaurato nel terzo millennio.[47][48]
Palazzo La Littranga
Edificato nel 1751 alle falde del colle San Nicola, è considerato il palazzo più antico palazzo granitico di Calangianus. Appartenne nel 1800 ad un noto notaio locale che venne assassinato nel 1850 nella strada verso Tempio. Il palazzo fu sede della giudicatura e più tardi della pretura. L'eredità di questo palazzo storico provocò una lunga lite che interesso diverse famiglie famose di Calangianus, da qui il nome Littranga (in calangianese, la persona "littrangosa" è una persona che impiega molto tempo nel concludere qualcosa). Nel 2006 è stato restaurato, ed è oggi adibito ad abitazioni.[47][48]
Palazzo Niccolò Ferracciu
Il Palazzo Niccolò Ferracciu è l'antica dimora restaurata del ministro calangianese. Edificato in 4 piani, presenta un portale sovrastato da una lunga lapide datata 1892, che attesta il palazzo come luogo di nascita e crescita del noto politico calangianese. Durante i lavori di restauro, vi fu ritrovato un busto in onore del ministro, che verrà in seguito utilizzato per costruirne un monumento in suo onore.[49][47][48]
Palazzo Civico
Palazzo del vecchio Caseggiato
Il vecchio Caseggiato di Calangianus, che oggi ospita le scuole elementari, ospitava fino agli anni '70 l'istituto professionale per l'industria sugheriera, ancora oggi il primo ed unico istituto specializzato nella lavorazione del sughero. Presenta un'architettura prettamente novecentesca, riscontrabile quasi analogalmente nei caseggiati scuole di Tempio Pausania e Luras. Il vecchio caseggiato presentava inoltre parte del vecchio stadio Rinascita.[47]

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Monumento ai caduti
Il monumento ai caduti della Prima guerra mondiale di Calangianus è situato al centro della piazza del popolo, la piazza principale del paese. Composto da un basamento granitico a tronco piramidale, è sovrastato da una statua bronzea raffigurante un guerriero stante. Ai lati del basamento due placche bronzee presentano l'una un gallo (simbolo della Gallura) con una targa sottostante su cui è incisa la dedica ai caduti, l'altra, situata sul retro, il bollettino di vittoria. Alto circa 5 metri, il monumento, che fu realizzato attraverso la fusione del bronzo di cannoni austriaci, venne inaugurato il 5 novembre 1927. L'autore, lo scultore siciliano Turillo Sindoni, lavorò soprattutto a Roma e in Italia centrale, realizzando numerosi monumenti celebrativi e commemorativi come quello di Calangianus.[50][51]
Monumento a Niccolò Ferracciu
Il monumento a Niccolò Ferracciu, alto circa 3 metri, è posto al centro dell'omonima piazza. Presenta un pilastro granitico sul quale è posto un busto bronzeo raffigurante il ministro calangianese, scoperto nella sua antica dimora solo il 12 maggio 2007. Sulla facciata principale presenta una lastra con dedica, al centro di una piazzetta riccamente decorata ed inaugurata nel 2007.[52]
La Fontana Nuova
La Fontana Nuova è un'antica fontana edificata frontalmente alla piazza della Madonnina. Completamente granitica, è stata edificata nel 1898. Le fontane pubbliche, monumenti considerati minori ma ricchi di storia, costituivano in passato importanti centri di aggregazione tra gli abitanti dei centri della regione storica di Gallura. Attorno alle stesse, pressoché analoghe nei centri storici dell'alta Gallura, si protrae un ampio piazzale che ha, come scopo natale, quello di celebrare il culto dell'acqua, portato avanti fin dalla Sardegna nuragica.[53]
Lu Pultoni di lu Frati
Lu Pultoni di lu Frati (dal gallurese, il portone del frate) è l'antico ingresso monumentale alla villa Vignaredda, dimora di Padre Bonaventura, un tempo nell'estrema periferia cittadina. Presenta, oltre ad antiche statue marmoree rappresentanti dei santi, iscrizioni recitanti dei versi della Bibbia. Venne commissionato dal frate verso la fine dell'Ottocento e, recentemente restaurato, costituisce ora una rilevante rimanenza storica delle opere del frate e missionario calangianese citato, tra i tanti, anche da Grazia Deledda.[25][54]
Piazza del Popolo, Calangianus.

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Corso Niccolò Ferracciu
Il corso Niccolò Ferracciù di Calangianus (chiamato in gallurese Carrera Longa) è la via principale del centro storico di Calangianus. Costruita interamente in lastricato granitico, attraversa il centro storico e ne collega i siti principali al rione di Lu Rizzatu (il rione centrale), per concludersi in piazza Niccolò Ferracciu. Il corso Niccolò Ferracciu, sede di una moltitudine di attività e negozi, è parte del centro principale della comunità del paese, in quanto via principale di collegamento al centro abitato storico ed al complesso religioso di Santa Giusta. Crocevia delle principali festività del paese, la Carrera Longa (dal gallurese, la grande, lunga via) costituisce una delle parti più importanti del centro storico.[25]
Viale Roma
Il viale Roma di Calangianus è il lungo viale dove sorgono il caseggiato delle scuole elementari, le scuole medie e la chiesa di Santa Maria degli Angeli. Si collega al corso attraverso un incrocio frontale a Piazza del Popolo, nel rione Lu Rizzatu. Caratterizzato dal tipico lastricato granitico, forma un suggestivo ingresso in paese assieme al viale Cimitero, con una sequenza ordinata di alberi. Trattasi del fulcro delle due principali feste non religiose organizzate a Calangianus.[25]

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Area archeologica di Monti di Deu
In prossimità del rio Badu Mela è presente l'area archeologica di Monti di Deu. Il reperto più importante è costituito dalla tomba dei giganti di Pascaredda, ascrivibile al Bronzo medio-Bronzo recente (1700-1400 a.C.) e realizzata in stile dolmenico-ortostatico, secondo il classico modello architettonico che caratterizza questo tipo di monumenti funerari. La tomba è edificata con la tipica pietra locale, il granito, e si trova in buone condizioni di conservazione, atta a rappresentare un ottimo esempio di architettura prenuragica. Un altro elemento particolarmente importante è la fonte sacra Li Paladini, ascrivibile anch'essa al Bronzo medio-Bronzo recente e realizzata in stile nuragico. Trattasi di una struttura megalitica in condizioni pressoché ottime. Situano nell'area archeologica anche il dolmen e nuraghe Agnu. Quest'ultimo è un protonuraghe, è risalente al II millennio a.c. e presenta un'ampia struttura a corridoio.[53]
La fonte sacra di Li Paladini
Complessi nuragici
Sono situati nel territorio di Calangianus alcuni importanti complessi protonuragici e nuragici risalenti all'età del bronzo: i nuraghe Agnu, Bonvicinu, Lajcheddu e Monti di Deu sono ancora in buone condizioni, mentre dei nuraghe Casteddhu, Pulgatoriu, Pastinacciu, Paolucciu e San Leonardo rimangono solo dei resti.[53]
Conca Fraicata
In gallurese, si intende per Conca Fraicata una grotta naturale creata in un monolite dall’erosione delle acque. Anticamente questo tipo di grotte venivano chiuse con pareti di blocchetti di granito in modo da ottenere una sorta di edificio che veniva utilizzato a scopo di abitazione o riparo per le famiglie o le singole persone dedite all’attività agropastorale. Due di questi particolari edifici situano nei pressi di Calangianus. L'usanza di riadattare le grotte granitiche era molto diffusa in età preistorica, dove i nuragici al fine di rendere più confortevole il vano avevano aggiunto dei muretti, e tali strutture erano utilizzate come rifugio. : Sulla SS 127 verso Telti, ad un chilometro dal centro abitato, è posta la più nota, facente parte di un suggestivo itinerario culturale ai piedi del monte Limbara. Un'altra formazione meno nota di Conca Fraicata situa lungo i binari della ferrovia Sassari-Tempio-Palau, dopo uno svincolo della SP 38 sul noto "ponte dell'Allegria". Trattasi del sito nel quale fu girata una scena del film Una questione di Onore, diretto da Luigi Zampa.[53][55][56]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Parco Regionale del Limbara
Si trova nel territorio di Calangianus il versante orientale del monte Limbara, il quale costituisce il Parco Regionale del Limbara.[57] Qui prevale una vegetazione basata da leccio, conifere e macchia mediterranea, oltre a caratteristiche emergenze granitiche. Il Parco Regionale del Limbara è, grazie alla sua posizione geografica, il clima e la diversificazione degli habitat, rilevante e particolarmente protetto a livello europeo.[58][59]

L'area del "Limbara Calangianus" ha la denominazione SIC (sito di interesse comunitario), principalmente per la presenza dei tipici tafoni. Una caratteristica importante del Limbara di Calangianus è di possedere oltre il 70% della superficie più elevata dei 900 m di altitudine (i monti principali Monti Biancu, Monti Nieddu, Monti di Li Cupuneddi, Punta Bandiera). Possiede un inquadramento climatico riconducibile a due zone climatiche: il Lauretum e il Castanetum. Diverse sono le tipologie di vegetazione presenti nel cantiere forestale. La copertura vegetale presente è divisa in diverse tipologie:

  • Macchia mediterranea di tipo basso, che occupa il 40% della superficie, caratterizzata da erica arborea, cisto, leccio, corbezzolo, fillirea, mirto. Presenta gradoni rimboschiti che ne occupano il 20% circa, caratterizzati da conifere e latifoglie.
  • Macchia mediterranea di tipo alto, che occupa il 15% del totale. Caratterizzata da forme vegetali più evolute di orniello, fillirea, agrifoglio e tasso, oltre a a macchie forestali di leccio.
  • Macchia mediterranea su zone rocciose, che interessa il 25% della superficie. Questa zona è definita da grandi masse rocciose, che rappresentano le guglie principali della catena montuosa del Limbara.
  • 2º Corpo La Cagginosa, area per la maggior parte rimboscata. Si estende su 60 ettari e vi sono presenti pinete di pini domestici e marittimi, oltre a impianti di latifoglie (sugherete e leccio). I lavori di rimboscamento sono stati eseguiti tra la seconda metà degli anni '70 e il 1984.
Il parco La Vignaredda
Altipiano di Li Conchi
L'altipiano di Li Conchi situa nei pressi del Limbara di Calangianus. Si eleva fino a 1120 metri, ed è raggiungibile attraverso la strada statale 127 Settentrionale Sarda per Olbia. : Arricchito da diversi e fitti boschi di lecci e sugherete, presenta quelle che sono tra le cime più elevate del complesso del monte Limbara. Nei pressi dell'altipiano situano delle conche di origine preistorica (si tratta di cavità presenti all'interno di grandi massi di granito nella quali l'uomo ha allestito dimore e recinti in pietra) nelle quali sono stati rinvenuti importanti reperti storici, tra i quali i resti di un villaggio romano, presunti residui di Calangiani (da qui il nome dell'altipiano).[53][60]
La valle di Valentino
Valle di Valentino
Da Calangianus, sulla strada verso Telti ed Olbia, s'imbocca una strada secondaria che si stacca a sinistra della statale e che in pochi minuti conduce al centro della suggestiva valle di Valentino, ricca di fitti boschi di sughere, lecci, roverelle e macchia mediterranea. La zona, gestita dall'Azienda forestale, ha un'estensione di circa 1500 ettari ed è punteggiata da stazzi, i cui pascoli ravvivano lo scenario circostante di boschi e di rocce. Trattasi di un'area, situata alle pendici del monte Limbara, ad alto interesse naturalistico. Vi situa, tra i tanti, la chiesa di San Tommaso ed il parco ad essa associato.[53][61]
Parco La Vignaredda
Il parco La Vignaredda è un'area verde, situata nei pressi dell'antica villa di Padre Bonaventura. Piazza dedicata a Giovanni Maria Tamponi, un carabiniere di Calangianus ucciso nel 1967, è introdotta da una lunga passeggiata granitica, la quale costituiva un tempo l'ingresso all'antica villa. Trattasi di una delle principali e più suggestive aree verdi del paese, dalla quale si raggiungono altri due parchi dedicati rispettivamente a Padre Pio ed allo svago per bambini, nei pressi del rione Siddaiu.[62]
Parco della Vergine delle Grazie
Il parco della Vergine delle Grazie è una vasta e frequentata località, al centro della quale sorge l'omonimo santuario. Caratterizzato da un fitto bosco e vasti percorsi, si trova ai piedi del monte Limbara a pochi chilometri dal centro abitato. Presenta, oltre al suggestivo santuario, un contorno formato da formazioni granitiche, corsi d'acqua e cascatelle. Presentava, fino al 2010, un attrezzato poligono di tiro.[53]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[63]

Sono presenti nel 2015 a Calangianus 4180 abitanti e 1644 famiglie con una media componenti di 2,53 ciascuna.[64]

I dati fino al 1971 contano anche gli abitanti di Sant'Antonio di Gallura, in precedenza frazione di Calangianus.

Favorita dalla moltitudine di lavoro presente e dall'alto numero di operai, Calangianus contava nell'arco di tempo tra il 1991 e il 2001 più di 6000 abitanti.

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT la popolazione straniera residente al 31 dicembre 2015 era di 145 persone.[65] Le nazionalità più rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

  1. Romania, 63 - 43,44%
  2. Marocco, 56 - 38,62%

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingua gallurese.
Mappa delle lingue parlate in Gallura.

La lingua più parlata nella cittadina è l'italiano. Accanto a questo, il dialetto di Calangianus è la variante del gallurese chiamata calangianese. La variante calangianese presenta particolarità di pronuncia, con la pronuncia del "cchju" al posto del "gghju", generalmente messa la c al posto della g in alcuni termini ("friacchju" per "friagghju"/febbraio, "pucchju" per "bugghju"/buio, "spucchjià" per "sbucchjià"/sbucciare, "prisciona" per "prisgiona"/prigione), con inoltre una particolare pronuncia calcata della lettera S ("chishtu" per "chistu"/questo, "leshtru" per "lestru"/veloce) e un raddoppiamento, in alcuni casi, delle consonanti (esempi opposti alla variante tempiese "pommi" per "pomi"/patate, "tummatta" per "tumatta"/pomodoro, "ommu" per "omu"/uomo). In altri casi, variano completamente alcuni termini ("agliòla" per "trìula/luglio). Inoltre, la parlata calangianese è riconosciuta per essere più lenta, pacata e aperta rispetto a varianti come quella di Arzachena. La variante del gallurese di Calangianus è rimasta a Sant'Antonio di Gallura sotto diversi aspetti, ma condizionata dalla variante arzachenese per diversi termini e per eloquio più rapido.[66][67]

Esempio di dialetto calangianese affiancato al gallurese comune e alla traduzione in italiano. In grasseto le differenze:

Italiano Gallurese Calangianese
L'augurio che faccio a questi sposi

anzitutto è una lunga vita,

figli vegeti e premurosi

nei confronti di amici, bambini e adulti.

Questo augurio è, però, destinato al futuro;

per ora, abbiate altri pensieri:

oggi non pensate al lavoro

ma a divertirvi...in compagnia di amici e parenti

L'aguriu chi focciu a chisti sposi

primma di tuttu è di campa' alt'e cent'anni

poi d'aé fiddoli boni e primurosi

cu li cumpagni, cu li steddi e cu li manni.

Lu chi t'agghju dittu, però, è pa un dumani;

par abà àgghjiti alti pinsamenti:

ogghj no pinseti a trabaddani

ma a diviltivvi…cu l'amichi e li parenti

L'auguriu chi focciu a chishti sposi

primma di tuttu è di campa' alt'e cent'anni

poi d'aé fiddoli boni e primmurosi

cu li cumpagni, cu li steddi e cu li suprashtanti.

Lu chi t'acchju dittu, però, è pa un dumani;

par abà acchjiti alti pinsamenti:

occhj no pinseti a trabaddani

ma a diltivvi...cu l'amichi e li parenti

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Lu Traicogghju, figurante de La Mascara Gadduresa
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Diocesi di Tempio-Ampurias.

La chiesa parrocchiale di Santa Giusta è la parrocchia principale di Calangianus, fa parte della diocesi di Tempio-Ampurias e risale al Cinquecento. Consacrata nel 1738 al culto cattolico, è di rito romano ed è sede del museo Diocesano di Arte Sacra. Inoltre, il complesso religioso a Calangianus comprende le chiese, anch'esse facenti parte della diocesi sopra riportata, di Sant'Anna, Santa Croce, Santa Maria degli Angeli, Nostra Signora delle Grazie, Santa Caterina, San Sebastiano, San Tommaso.[44]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: La Mascara Gadduresa.

Il costume antico calangianese è caratterizzato dalla presenza della cappitta e della barretta, esposti dal gruppo folk Lu Rizzatu Caragnanesu, sicuramente il più rappresentativo del paese e conosciuto anche al di fuori dell'Italia.[68]

Vige a Calangianus il gruppo La Mascara Gadduresa, il quale espone in suggestive sfilate le antiche maschere della tradizione gallurese: la mascara in linzolu, la filugnana e li mascari brutti, quest'ultime composte a loro volta da lu traicogghju, la reula e la fuglietta. Esse sono figure grottesche, magiche, rituali e zoomorfe che rappresentano diverse incarnazioni degli spiriti sulla terra.[69]

Tradizioni religiose[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo folk Lu Rizzatu di Calangianus in una sfilata.

In passato, nel periodo della quaresima, era usanza non solo astenersi dal mangiare carne ma anche da ogni altra sorta di divertimento. Poiché le campane rimanevano in silenzio e non potevano suonare sino alla serata di sabato, durante tutta la settimana santa a Calangianus era usanza che i bambini percorressero le strade con strumenti di legno di fattura rustica chiamati mattutini, zirrioli e tauleddi per invitare i fedeli a partecipare ai riti religiosi.[53]

Importanti sono a Calangianus i riti della Settimana santa, con le festività pasquali che coinvolgono profondamente la popolazione, la quale partecipa peculiarmente alla Quaresima, alla domenica delle Palme, al venerdì Santo e alla Pasqua.[53]

Il 23 giugno si svolge il vespro di san Giovanni Battista con i fochi di Santu Juanni, ossia i fuochi che rappresentano la purificazione. A Calangianus questi falò sono chiamati anche fucaroni, e vengono preparati in ogni rione. Il rito consiste nel saltare attraverso questi falò con un compagno, in segno di fiducia e fratellanza.[53][70]

Festività[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di Santa Giusta è stata consacrata al culto cattolico e dedicata alla martire di Cagliari il 19 settembre 1738, la cui ricorrenza è il 14 maggio. Inoltre, a partire dalla terza domenica di settembre si festeggiano per tre giorni le ricorrenze popolari dei santi Isidoro, Lorenzo (i quali affondano le loro radici in età spagnola) e Francesco (prima ricorrenza nel 1930).[71]Il 26 luglio si festeggia la ricorrenza alla compatrona Sant'Anna, nella chiesa ad essa dedicata, edificata nel centro storico di Calangianus nel 1665.[72] In aprile si svolge la festa di Santa Caterina nell'omonima chiesa[73] ed a giugno si festeggia, sempre nel santuario ad esso intitolato, la ricorrenza a San Leonardo Confessore (prima domenica di giugno). Inoltre, vigono le festività tradizionali di San Sebastiano (terza domenica di giugno) e, nel santuario della Vergine delle Grazie, le ricorrenze alla Madonna delle Grazie (terza domenica di aprile), a Santa Lucia (festa tradizionale, seconda domenica di maggio) ed a San Paolo Eremita (santo dapprima titolare dell'antica chiesa ubicata ove situa l'attuale santuario, organizzata la prima domenica di settembre).[74]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Particolare del palazzo del vecchio Caseggiato, sede della scuola elementare di Calangianus

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Calangianus è il centro principale, oltre per la lavorazione, per lo studio e la ricerca riguardante il sughero e le sue varianti. Situano a Calangianus i laboratori di ricerca del sughero della multinazionale Molinas Group, nonché due laboratori di ricerca chimica e biologica presso l'Istituto Professionale di Industria ed Artigianato. Inoltre, aveva sede a Calangianus la stazione sperimentale del sughero.[75]

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

La biblioteca comunale di Calangianus è dedicata ad Aldo Moro.[53][76]

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

Situa a Calangianus l'Istituto professionale industria e artigianato Niccolò Ferracciù, valido istituto peculiare per essere l'unico che lavora prettamente sull'arte della lavorazione del sughero.[77]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Convento dei Cappuccini (Calangianus) e Oratorio di Nostra Signora del Rosario (Calangianus).
Ingresso al Museo del Sughero

Il Museo del sughero di Calangianus, in via San Francesco 4, si trova all'interno del convento settecentesco. Edificato in due piani, possiede una ricca esposizione che descrive le attività e i prodotti principali della capitale del sughero. Ampia è la spiegazione, attraverso filmati ed attività dal vivo, riguardante ogni passo della lavorazione del sughero. Lo staff del museo organizza, ogni anno, la "Giornata del Tappo di Sughero".[78][79]

Il Museo diocesano di arte sacra si trova all'interno dell'oratorio di Nostra Signora del Rosario, in via Roma 4. Possiede una ricca e caratteristica collezione d'arte sacra datata dal XVI al XVIII secolo, nonché un notevole patrimonio artistico donato da Padre Bonaventura.[80][81]

Media[modifica | modifica wikitesto]

Logo Canale 48 Web Tv 2011

Stampa[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1994 viene pubblicata, annualmente, la rivista Calangianus Oggi & Ieri, nella quale viene riassunto un resoconto annuale sulla situazione sociale, economica, politica e sportiva della cittadina. Inoltre, vengono pubblicate in questa rivista avvenimenti storici, antiche tradizioni e biografie di personaggi caratteristici della storia del paese.[82][83]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

A Calangianus lavora dal 1977 la televisione locale Canale 48 Sardegna, attiva nell'informazione, sport, e folclore. Si distingue inoltre per diversi quiz a premi, dibattiti e documentari. Dal 2011 è una web tv. Dal 2016 si occupa anche di giornalismo e news.[84]

Arte[modifica | modifica wikitesto]

Elemento decorativo in sughero fabbricato a Calangianus

Calangianus è il fulcro in Sardegna e in Italia della lavorazione del sughero sotto forma artistica di murales, stampe, quadri e oggettistica, nonché principale fornitore delle botteghe regionali e italiane e di noti artisti.[85][86][87]

Dal 2015 è organizzato a Calangianus il concorso di Poesia Sarda "Caragnani", che vede annualmente più di 50 partecipazioni e un ampio interesse di pubblico a livello locale.[88]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Opera a Calangianus l'Associazione Teatrale La Cunfaffa, associazione di commedia importante in Sardegna che espone i propri atti prevalentemente in lingua gallurese.[89][90]

Affiancato all'Auditorium dell'ex convento, accessibile dal portico dello stesso, vi è un suggestivo anfiteatro granitico edificato assieme alla struttura religiosa.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Situa a Calangianus l'Auditorium dell' ex convento, il cui ingresso situa all'incrocio tra via San Francesco e via Vittorio Emanuele. Accessibile dai locali retrostanti del convento settecentesco, è utilizzato per la rappresentazione giornaliera di film, opere teatrali e presentazioni di libri, nonché sede di dibattiti politici e sociali e dove viene organizzata, ogni anno, una rassegna cinematografica.

Venne girata, tra il territorio di Calangianus e Luras, una scena del film Una questione di Onore, diretto da Luigi Zampa.[55]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Raduno bandistico "Michele Columbano"
La Banda Musicale Michele Columbano organizza a Calangianus il proprio raduno bandistico, intitolato anch'esso al maestro Columbano. Ogni anno il raduno bandistico Michele Columbano ospita a Calangianus diverse bande musicali europee, ed è organizzato solitamente in concomitanza alle feste patronali.
Scuola civica di musica "Gallura"
Calangianus è il comune sede principale della Scuola civica di musica "Gallura", che trova sedi a Luras, Telti, Palau, Golfo Aranci e San Teodoro.[91]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

La Sagra del Bovino e la Festa della Paranza sono i principali eventi nonché i più rilevanti organizzati annualmente a Calangianus, i quali vedono annualmente un importante afflusso di turisti.[53]

Dal 2014 viene organizzata dal Museo del Sughero la Giornata del Tappo di Sughero.[92]

In maniera analoga al carnevale di Tempio Pausania, è rilevante la tradizione carnevalesca di Calangianus, così come di tutta la Gallura.

Persone legate a Calangianus[modifica | modifica wikitesto]

Niccolò Ferracciu
Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Persone legate a Calangianus

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Urbanistica di Calangianus.
Il rione Lu Pinu visto dal monte di Monti Alcu.

In seguito al rapido sviluppo verificatosi nei decenni, Calangianus non si poté espandere seguendo l'urbanistica del centro e venne espanso lungo le strade per Luras e Telti.[14] Dopo i primi decenni del Novecento, è una questione di anni la nascita degli attuali quartieri calangianesi. Calangianus è suddivisa storicamente in diversi rioni e quartieri storici. I quartieri attuali di Lu Rizzatu, La Rampa, Luccareddha e La Carrera Longa[94] costituiscono il centro storico del paese, caratterizzato da antichi edifici completamente granitici e palazzi storici quali il Palazzo Corda e Lu Palazzu Mannu, oltre al complesso religioso di Santa Giusta, risalente al Cinquecento. Il centro storico di Calangianus rappresenta uno dei massimi esempi di architettura gallurese, caratterizzato appunto da palazzotti granitici collegati tra loro da strette e irregolari strade, anch'esse granitiche.[14] Si riscontra una qualificata presenza di edifici e manufatti di pregevole fattura architettonica ed edilizia, costituiti da palazzetti gentilizi e signorili di tipo urbano e alcuni esempi di case a corte. Gli edifici si sviluppano attorno ad uno spazio chiuso su uno o due livelli, che affacciano su un cortile interno pavimentato. All'esterno sono preceduti da un portale d'ingresso a volte monumentale, che doveva consentire l'ingresso dei tipici carri a buoi sardi. Tuttavia, Calangianus non è caratterizzato da un'ampia architettura di età giudicale, a causa dell'arduo periodo che passò la comunità calangianese fino all'avvento dell'economia del sughero. Il centro storico di Calangianus è un'area di notevole interesse pubblico, vincolata ai sensi degli articoli 136, 137, 157 del decreto legislativo 42/2004 sui beni culturali.[14][95][25][96]

Evoluzione urbana di Calangianus
Calangianus fino alla seconda metà dell'Ottocento. In rosso chiaro, l'espansione del centro storico fino al 1900.
In arancione, l'espansione del centro abitato fino al 1950.
In giallo scuro, espansione del centro abitato dal 1951 al 2000.
In giallo chiaro, espansione di Calangianus fino al 2016.

Frazioni e località[modifica | modifica wikitesto]

San Leonardo
Situato sulla strada provinciale 38 verso Olbia e adagiato su quella che è una rinomata zona vinicola, San Leonardo è una frazione costituita da un nucleo di case sparse, ubicato nei pressi della chiesa dedita al santo in questione.

Altre località del territorio[modifica | modifica wikitesto]

Località Ignazioni
Situata sulla SS127 da Tempio Pausania, la Località Ignazioni costituisce l'area industriale del comune di Calangianus.[97]
Cantoniera Larai
La casa cantoniera Larai situa in territorio comunale di Calangianus, raggiungibile attraverso la strada statale 127 verso Telti. In data 20 ottobre 2015 venne registrata dai sismografi, nei pressi della cantoniera Larai, una lieve scossa sismica di magnitudo 2,4.[98]
Cantoniera Catala
Situata nell'omonima località, lungo via Sant'Antonio, sulla strada verso Sant'Antonio di Gallura ed Olbia.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Orologi in sughero fabbricati artigianalmente a Calangianus

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

La superficie agricola totale di Calangianus è pari a 11892 ha. Le aziende agricole operanti sono 333, delle quali 130 occupano il comparto zootecnico. Nel comparto del sughero, le fonti di approvvigionamento di sughero naturale sono pari a 119.637 quintali, dei quali 18.917 non sono estratti in territorio comunale.[99]

Importante è la produzione vinicola, che vede i vermentini di Calangianus rinomati in campo nazionale da decenni. Il produttore principale a Calangianus è la Cantina Tondini, nata nel 2004 e rilevante a carattere nazionale.[100] Rilevante è anche la produzione della Cantina Castiglia.[18][101]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

L'artigianato a Calangianus si basa sui prodotti in granito e sughero. Su quest'ultimo, grazie all'ampia industrializzazione nel campo, è particolarmente propenso. Calangianus rappresenta il comune dove si accentua il maggior numero di artigiani dediti alla lavorazione del sughero: essi rappresentano il 74,63% dell'universo artigianale sardo in materia.[99]

Rilevante è anche l'artigianato tessile e della gioielleria, per un numero totale di 9 imprese artigianali con sede nella cittadina.[18]

Particolari esposizioni al Museo del Sughero

Industria[modifica | modifica wikitesto]

Calangianus è il maggiore centro italiano e rilevante a livello internazionale per l'estrazione e la lavorazione del sughero, il cui progresso costituisce una delle principali fonti di ricchezza sostenibile della regione. L'Italia rappresenta, a livello europeo, il terzo produttore di sughero con 155.000 quintali annui di estrazione, di cui 140.000 in Sardegna, a loro volta spartiti in 100.000 quintali a Calangianus.

La lavorazione del sughero a Calangianus è un'attività che trova origine ai primi anni dell'Ottocento, quando alcuni imprenditori francesi si stabilirono in paese trasformando le fitte sugherete dell'Alta Gallura in un'enorme fonte di ricchezza sostenibile tanto da divenire una delle principali fonte di sostentamento per l'intera popolazione. Intere generazioni si sono mosse dal principio nell'estrazione e nella lavorazione del sughero. Tra queste, rilevante è l'attività della famiglia Deidda, storica dinastia di industriali, che aprì secondo gli storici la prima industria del sughero del Regno d'Italia,[102] mentre il primo sugherificio di Calangianus venne fondato dai Corda nel 1854.[103] Importante è stata ed è tuttora l'attività dei Tamponi, noti "Malgadda".[104] Questa attività non si è persa nei secoli e ha portato il paese gallurese ai massimi livelli in campo nazionale e internazionale. Nel 1987 Calangianus divenne uno dei "Cento comuni della Piccola Grande Italia", la lista dei 100 comuni più industrializzati della penisola.[105] Calangianus conta nel 1992 un numero pari a 111 imprese dedite alla lavorazione di cui, nel 2012, conta 48 sugherifici.[99][106] Calangianus ha, nel 2007, aderito a Retecork, la Rete europea dei territori sugherieri. Nella cittadina, incaricata alla vicepresidenza dell'associazione,[107] si trova la sede di Retecork Italia.[108] Grazie alla presenza a Calangianus della sede dell'associazione, altri paesi limitrofi hanno potuto aderire come comuni promontori e beneficiare della rete europea che collega i territori sugherieri principali del continente.[109] All'attuale, le ditte produttrici principali del distretto industriale Calangianus-Tempio sono quelle dei F.lli Molinas, di Martinese e di Ganau. La ditta Molinas, oltre al campo del sughero (nel quale da lavoro a oltre 1000 operai grazie alle sedi a Calangianus, Tempio Pausania, Verona, Germania, Portogallo, Francia e Argentina), si dedica anche al turismo. Quella che è nominata la triade dell'industria calangianese può vantare un primato di numeri in Europa secondo solo alle multinazionali portoghesi.[18] Calangianus è, a livello nazionale, sede del Sistema Locale del Lavoro riguardante il sughero.[110]

Una tipica sughereta

Rilevante è la produzione di granito (costituente principale dell'ossatura geologica dell'agro di Calangianus), molto diffusa in tutta la Gallura, nella quale si concentra la maggiore produzione regionale di granito. Il bacino di cave granitiche di Calangianus conta 40 unità produttive, incentrato maggiormente sulla produzione più che sul mercato.[99]

Nel 1999 viene fondata a Calangianus l'azienda Plastwood, società che produce e commercializza particolari giocattoli magnetici per bambini di tutte le età, in seguito alla concessione sotto licenza di Claudio Vicentelli, fondatore della Geomag. La Plastwood è famosa per essere stata la prima azienda al mondo ad aver creato e sviluppato il gioco di costruzioni magnetiche, insediata nel Toy Building di New York e diventata presto una delle dieci principali aziende italiane produttrici di giocattoli.[111] Nonostante la crisi, la società ha continuato a ottenere diversi riconoscimenti (tra cui “Giocattolo dell’anno” alla fiera di Mosca nel 2010) e a lanciare nuovi prodotti nel mercato di Norimberga, Slovenia e nel resto d’Europa, facendo rinascere la nuova Plastwood Italia s.r.l. dalle ceneri della vecchia Plastwood.[112]

Sviluppata anche l'industria del legno, orientata principalmente alla produzione di infissi e mobili, dei quali i principali produttori sono i fratelli Di Pellegrini.[113]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

La cittadina è posta al centro del parco regionale del Limbara, caratterizzata da un importante turismo rurale.[99]

Sono presenti a Calangianus diverse associazioni turistico-culturali che, attraverso eventi ed escursioni varie, accolgono annualmente nella cittadina migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo.[53]

Attraverso un progetto promosso dall'unione dei comuni dell'Alta Gallura, ogni punto chiave dell'architettura e della storia di Calangianus è accompagnato da un itinerario culturale nel quale è spiegato, in lingua italiana e inglese, il contesto storico e culturale del monumento o della località in questione.[53]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Casa cantoniera di Catala.

La strada statale 127 Settentrionale Sarda collega Calangianus a Tempio Pausania, Nuchis e Telti.

La strada provinciale 136 collega Calangianus a Luras. Inoltre porta sulla strada statale 427 della Gallura Centrale per Sant'Antonio di Gallura, Arzachena e Costa Smeralda.

La strada provinciale 38 collega Calangianus a Priatu e Olbia.

La strada provinciale 138 collega Calangianus a Berchidda.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Calangianus, Stazione di Luras, Stazione di Nuchis e Stazione di San Leonardo (Calangianus).
La fermata di Calangianus, impiegata dal 1997 per soli fini turistici

Il territorio comunale è attraversato dalla ferrovia Sassari-Tempio-Palau, linea utilizzata in questo tratto sino al 1997 per i servizi di trasporto pubblico e successivamente per esclusivi impieghi turistici legati al Trenino Verde. Alla periferia dell'abitato è situata la fermata di Calangianus; nel territorio comunale è inoltre presente la fermata di San Leonardo, oltre agli scali ferroviari di Luras e Nuchis.

Sino al 1958 Calangianus fu servita anche dalla linea Monti-Tempio e da una stazione ferroviaria (poi interamente smantellata) posta lungo tale tracciato, la quale costituiva la stazione principale del paese.[18]

Mobilità urbana e interurbana[modifica | modifica wikitesto]

Sul territorio di Calangianus il trasporto pubblico è effettuato da ARST.[114]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sul sito del ministero sono disponibili i dati di tutte le elezioni amministrative di Calangianus dal 1985 ad oggi.[115] I dati precedenti sono archiviati presso l'archivio storico comunale.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
17 giugno 1988 6 giugno 1993 Stefano Scano Lista civica Sindaco
17 giugno 1988 21 giugno 1993 Gesuino Luciano Lista civica Assessore anziano
21 giugno 1993 28 aprile 1997 Stefano Scano Lista civica Sindaco
28 aprile 1997 13 maggio 2001 Stefano Scano Lista civica Sindaco
28 maggio 2002 29 maggio 2007 Antonio Scano Lista civica Sindaco
29 maggio 2007 12 giugno 2012 Antonio Scano Lista civica Sindaco
10 giugno 2012 11 giugno 2017 Gio Martino Loddo Rinascita per Calangianus Sindaco
11 giugno 2017 in carica Fabio Albieri Calangianus Domani Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Calangianus è gemellato con:

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Calangianus ha un'alta percentuale di raccolta differenziata. Infatti, dal 50% del 2014, è salito nel 2015 al 70%, guadagnandosi nel 2016 il primato in Gallura.[120]

Nel 2011 è stato il primo comune in Gallura a regolamentare la raccolta dei funghi, al fine di garantire la massima tutela dell'ambiente. Progetto già aperto dall'amministrazione comunale di Calangianus negli anni 70 (al tempo respinto dalla regione), al giorno d'oggi aderiscono a questo progetto tutti i comuni della Gallura.[121][122]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio Signora Chiara durante un match

Il benessere economico di Calangianus ha permesso uno sviluppo ottimale di attività sportive. Calangianus è infatti un paese dall'ampia tradizione sportiva, luogo natale di diversi sportivi e società sportive, tra cui alcuni attivi a livello nazionale, classificandosi in maniera notevole in Sardegna. Le tre prime società sportive, di cui una ancora in attività, sono il Gruppo Limbara 1905,[18] la C.S. Frassati[123] e il Foot Ball Club Calangianus 1905.

Nel calcio il F.B.C. Calangianus 1905 milita nell'Eccellenza Sardegna[124] e La Calangianese milita nella Seconda Categoria Sarda.[125][126]

L'associazione ASD Shalom si occupa di badminton (disputa i circuiti di serie D nazionale e i circuiti di serie F e H regionale), nonché di attività sportiva per ragazzi diversamente abili, partecipando a manifestazioni regionali e organizzandone una nel mese di settembre. Si occupa anche di basket, jumping fitness e pallavolo, arrivando a vincere nel 2002 i campionati nazionali allievi del CSI e disputando annualmente i campionati principali regionali e nazionali. Lavora parallelamente a Calangianus e Luras, dopo l'annunciata fine delle attività nel 2013.[127]

Tra le numerose palestre di Calangianus prevale il Gruppo Pugilistico Aurora, che si occupa prettamente di pugilato, disputando gare a livello regionale e ottenendo ottimi risultati anche a livello nazionale e internazionale. Viene considerata come una delle società più titolate in Sardegna.[128]

Il Tennis Club Calangianus milita nel campionato di Serie C e disputa i campionati regionali anche a livello giovanile.[129]

Il CSB Luchy Club Calangianus si occupa di Biliardo e Biliardo all'italiana, disputando e vincendo diverse gare a livello provinciale e regionale.[130]

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

La struttura sportiva principale di Calangianus è lo Stadio Signora Chiara. Ospita le partite del Foot Ball Club Calangianus 1905 ed è adattabile per attività polisportive.

I campi da tennis "Firuccia" sono omologati per la serie C.[131]

La struttura della palestra comunale delle scuole medie è adattata da palazzetto dello sport, per calcio a 5, calcio a 7, basket, pallavolo, lancio del peso, salto in lungo.[132]

Situa a Calangianus un percorso ginnico attrezzato professionalmente, in località Tracchetta. Costruito lungo il tratto della ex-ferrovia Monti-Tempio, è adattato al fitness tradizionale e al ciclismo.[133]

Eventi sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 settembre 2016 Calangianus ha ospitato la partenza di due prove speciali del Rally Terra Sarda.[134][135] Inoltre, a Calangianus è stato disputato dal 2004 il Supermag Rally Italia Sardegna.[136]

Dal 2015 è organizzato a settembre dal CSB Luchy Club il Meeting Open Città di Calangianus, una manifestazione di biliardo a livello nazionale nella quale confluiscono importanti giocatori come Crocefisso Maggio e Salvatore Mannone.[137]

Dal 2013 è organizzata nel padiglione fieristico di Calangianus una manifestazione dilettantistica di boxe a livello regionale. Nel 2016 si è disputata, in occasione di questa manifestazione, la fase finale del campionato regionale.[138][139]

Personalità sportive legate a Calangianus[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Prodotto Interno Lordo di Calangianus, books.google.it.
  2. ^ a b Dato ISTAT popolazione residente al 28 febbraio 2017, demo.istat.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Dizionario di Pronuncia Italiana, su www.dipionline.it. URL consultato il 21 maggio 2017.
  5. ^ AA. Giuliano Gasca Queirazza, Dizionario di toponomastica, 1996, p. 114.
  6. ^ La regione storica della Gallura nell'Enciclopedia Treccani, su www.treccani.it. URL consultato il 21 maggio 2017.
  7. ^ Articolo nel quale viene confermato, dalla Regione Sardegna, il nuovo assetto politico delle province. Calangianus, prima nella soppressa provincia Olbia-Tempio, passerà in provincia di Sassari., su www.regione.sardegna.it. URL consultato il 21 maggio 2017.
  8. ^ a b c La Gallura in età punica e romana (PDF), eprints.uniss.it. URL consultato il 21 maggio 2017.
  9. ^ a b Brigaglia, Dizionario storico-geografico dei Comuni della Sardegna A-D, p.43
  10. ^ Calangianus, la capitale del sughero, su www.lastampa.it. URL consultato il 21 maggio 2017.
  11. ^ Distretto Industriale del sughero di Calangianus - Tempio Pausania, su www.osservatoriodistretti.org. URL consultato il 21 maggio 2017.
  12. ^ Mappa della Sardegna con accesso a tutte le informazioni geofisiche, su www.sardegnageoportale.it. URL consultato il 21 maggio 2017.
  13. ^ a b c d e f g Manlio Brigaglia, Dizionario storico-geografico dei Comuni della Sardegna A-D, p.44
  14. ^ a b c d e Piano Urbanistico Comunale di Calangianus (PDF), Comune di Calangianus, p. 11. URL consultato il 21 maggio 2017.
  15. ^ a b Grafico climatico di Calangianus, su it.climate-data.org. URL consultato il 21 maggio 2017.
  16. ^ Giano, il cui toponimo latino era Janus, è una divinità romana particolarmente venerata in Sardegna. Da qui deriverebbero i nomi di molte località e paesi sardi, tra cui Codrongianus, Fordongianus e la stessa Calangianus.
  17. ^ Regione Autonoma della Sardegna, Storia di Calangianus, su www.comunas.it. URL consultato il 21 maggio 2017.
  18. ^ a b c d e f Manlio Brigaglia, Dizionario Storico e Geografico dei comuni della Sardegna A-D, Sassari, Carlo Delfino Editore, 2009.
  19. ^ Ministero di grazia e giustizia dei culti, Dizionario dei comuni del Regno d'Italia e tavole statistiche e sinottiche della circoscrizione amministrativa elettorale ed ecclesiastica con la indicazione della popolazione giusta l'ultimo censimento, Torino, Stamperia Reale, 1863.
  20. ^ a b c d e Brigaglia, Dizionario storico-geografico dei Comuni della Sardegna A-D, p.45
  21. ^ Francesco Manconi, La Sardegna al tempo degli Asburgo. Secoli XVI-XVII, Il maestrale, Nuoro, 2010.
  22. ^ Ministero di grazia e giustizia dei culti, Dizionario dei comuni del Regno d'Italia e tavole statistiche e sinottiche della circoscrizione amministrativa elettorale ed ecclesiastica con la indicazione della popolazione giusta l'ultimo censimento, Torino, Stamperia Reale, 1863.
  23. ^ Banda Musicale "Michele Columbano", su www.bandamusicale.it. URL consultato il 14 settembre 2016.
  24. ^ Città e villaggi della Sardegna dell'Ottocento (PDF), sardegnacultura.it.
  25. ^ a b c d e Pietro Zannoni, Calangianus: storia di un Paese di Gallura, Calangianus, Pro Loco Calangianus, 1995, pp. 766.
  26. ^ Il Duce è acclamato dalla folla festante a Calangianus - Reparto Attualità - Scheda fotografica - Istituto Luce - Cinecittà - Senato della Repubblica, su senato.archivioluce.it. URL consultato il 15 giugno 2017.
  27. ^ a b Brigaglia, Dizionario storico-geografico dei Comuni della Sardegna A-D, p.46
  28. ^ Lo strano caso della Plastwood, su Sardegna in link. URL consultato il 20 giugno 2017.
  29. ^ Plastwood, il gioco è finito - Regione - la Nuova Sardegna, in la Nuova Sardegna, 16 aprile 2010. URL consultato il 20 giugno 2017.
  30. ^ Provincia di Olbia-Tempio (OT), su Tuttitalia.it. URL consultato il 14 settembre 2016.
  31. ^ Il 30 giugno 2016 la Provincia di Olbia Tempio ha cessato di esistere. La Gallura diventa “Zona Omogenea” - Olbianova, olbianova.it, 6 luglio 2016. URL consultato il 14 settembre 2016.
  32. ^ osservatoriodistretti.org, http://www.osservatoriodistretti.org/sites/default/files/rapporto-2014-distretto-industriale-del-sughero-di-calangianus-tempio-pausania.pdf .
  33. ^ SPOPOLAMENTO Via anche dal paese più ricco. Calangianus perde abitanti - La Nuova Sardegna, in Archivio - La Nuova Sardegna. URL consultato il 20 giugno 2017.
  34. ^ a b Regolamenti e statuto comunale - Calangianus, egov5.halleysardegna.com.
  35. ^ Comune di Calangianus (Ot), araldicacivica.it, 20 luglio 2010. URL consultato il 15 settembre 2016.
  36. ^ Comune di Calangianus (OT), araldicacivica.it, 23 marzo 2013. URL consultato il 15 settembre 2016.
  37. ^ a b c d e Zannoni, Calangianus: storia di un Paese di Gallura, p.324
  38. ^ Il vescovo di Ampurias e Civita fa la sua visita alla chiesa parrocchiale di Calangianus dedicata a Santa Giusta, 30 novembre 1745. (PDF), archgall.it.
  39. ^ Il vescovo di Ampurias e Civita, terminata la visita all’Oratorio del Rosario si trasferisce a quello di Santa Croce, 30 novembre 1745 (PDF), archgall.it.
  40. ^ Il vescovo di Ampurias e Civita, terminata la visita alla parrocchiale, inizia quella dell’Oratorio del Rosario, 30 novembre 1745 (PDF), archgall.it.
  41. ^ Il segretario di camera e assessore generale del vescovo Francesco Noly, viene incaricato dal presule di visitare la chiesa di Sant’Anna di Calangianus, 30 novembre 1745 (PDF), archgall.it.
  42. ^ Posa prima pietra della chiesa di Nostra Signora delle Grazie, Calangianus., in Archivio Storico-Digitale. URL consultato il 21 maggio 2017.
  43. ^ Chiesa Santa Caterina (Calangianus), su www.sardiniaportal.net. URL consultato il 9 giugno 2016.
  44. ^ a b c Nota delle rendite e chiese dipendenti dalla parrocchiale di Calangianus, 14 ottobre 1745 (PDF), archgall.it.
  45. ^ Una nuova chiesa a Valentino, in nome del fratello morto - Cronaca - la Nuova Sardegna, in la Nuova Sardegna, 5 luglio 2016. URL consultato il 20 aprile 2017.
  46. ^ Calangianus festeggia i 300 anni dalla fondazione del convento - La Nuova Sardegna, ricerca.gelocal.it. URL consultato il 13 settembre 2016.
  47. ^ a b c d e Zannoni, Calangianus: storia di un Paese di Gallura, p.411
  48. ^ a b c d Salvatore Pirisinu, Calangianus. Memorie di un'architettura, 1993, pp. 108.
  49. ^ Scoperto il busto di Nicolò Ferracciu: cerimonia in piazza - La Nuova Sardegna, in Archivio - La Nuova Sardegna. URL consultato il 03 luglio 2017.
  50. ^ Zannoni, Calangianus: storia di un Paese di Gallura, p.413
  51. ^ Monumenti e lapidi - 1418 Documenti e immagini della grande guerra, su www.14-18.it. URL consultato il 13 settembre 2016.
  52. ^ Scoperto il busto di Nicolò Ferracciu: cerimonia in piazza - La Nuova Sardegna, ricerca.gelocal.it. URL consultato il 13 settembre 2016.
  53. ^ a b c d e f g h i j k l m n Documento unico di programmazione del comune di Calangianus, comune.calangianus.ot.it.
  54. ^ Lu Pultoni di Lu Frati, Calangianus, su www.sardegnadigitallibrary.it. URL consultato il 13 settembre 2016.
  55. ^ a b Domenico Corraine, Conca Fraicata - Comune di Calangianus, su www.paradisola.it. URL consultato il 10 giugno 2016.
  56. ^ (IT) La Conca Fraicata ovvero... Ugo Tognazzi in Sardegna – Un Sardo in giro, in Un Sardo in giro, 14 marzo 2012. URL consultato il 03 luglio 2017.
  57. ^ Sardegna Foreste - Foreste e Parchi - Strutture territoriali - Complessi Forestali, su www.sardegnaambiente.it. URL consultato il 16 giugno 2017.
  58. ^ Sardegna Foreste - Foreste e Parchi - Strutture territoriali - Complessi Forestali, su www.sardegnaambiente.it. URL consultato il 31 agosto 2016.
  59. ^ Sardegna Foreste - Foreste e Parchi - Strutture territoriali - Complessi Forestali - Unità gestionali di base - Cantieri Forestali, su www.sardegnaambiente.it. URL consultato il 31 agosto 2016.
  60. ^ Il silenzio della Gallura interna, su www.isoladisardegna.com. URL consultato il 24 settembre 2016.
  61. ^ Sebastiano Posadinu, Il Parco de Limbara - Isola di Sardegna, su www.isoladisardegna.com. URL consultato il 24 settembre 2016.
  62. ^ Inaugurazione del monumento della Vignaredda, dedicato all'agente Giovanni Maria Tamponi., lanuovasardegna.gelocal.it.
  63. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  64. ^ Popolazione Calangianus (2001-2014) Grafici su dati ISTAT, su Tuttitalia.it. URL consultato il 10 giugno 2016.
  65. ^ Statistiche demografiche ISTAT, su demo.istat.it. URL consultato il 13 ottobre 2016.
  66. ^ Giuseppe Pes, Glossario Gallurese di Calangianus, Calangianus, 2003.
  67. ^ Sardo gallurese, variante di Calangianus (PDF), maxia-mail.doomby.com.
  68. ^ La Cappitta e la barretta, prima volta all'estero - Regione - la Nuova Sardegna, su la Nuova Sardegna, 4 ottobre 2011. URL consultato il 10 giugno 2016.
  69. ^ La Mascara Gadduresa (PDF), ciaosardinia.com.
  70. ^ San Giovanni di Lu Caponi a Calangianus, su la Nuova Sardegna, 23 giugno 2013. URL consultato il 10 giugno 2016.
  71. ^ Quattro giorni di grande festa per celebrare i Santi Patroni, su la Nuova Sardegna, 16 settembre 2015. URL consultato il 10 giugno 2016.
  72. ^ Ritornano le celebrazioni per Sant’Anna - Cronaca - la Nuova Sardegna, lanuovasardegna.gelocal.it, 25 luglio 2015. URL consultato il 14 settembre 2016.
  73. ^ Eventi Feste. Festa Di Santa Caterina 25/04/2014 - 25/04/2014 - Calangianus(OT), Sardegna, su www.eventiesagre.it. URL consultato il 10 giugno 2016.
  74. ^ Calangianus, weekend di feste campestri - Cronaca - la Nuova Sardegna, su la Nuova Sardegna, 22 aprile 2015. URL consultato il 10 giugno 2016.
  75. ^ Distretto Industriale del sughero di Calangianus - Tempio Pausania | Osservatorio Nazionale dei Distretti Italiani, su www.osservatoriodistretti.org. URL consultato il 18 settembre 2016.
  76. ^ Sardegna Biblioteche - Biblioteche - Calangianus - Biblioteca comunale "Aldo Moro", su www.sardegnabiblioteche.it. URL consultato il 10 giugno 2016.
  77. ^ IIS Ferracciu-Pes, su www.iisferracciu-pes.gov.it. URL consultato il 10 giugno 2016.
  78. ^ Giornata del Tappo: viaggio tra sughero, musica e tradizioni - Cronaca - la Nuova Sardegna, in la Nuova Sardegna, 22 giugno 2017. URL consultato il 03 luglio 2017.
  79. ^ Gian Carlo Deligios, Museo del Sughero - Calangianus, 3 maggio 2013. URL consultato il 31 agosto 2016.
  80. ^ Sardegna Cultura - Luoghi della cultura - Musei, su www.sardegnacultura.it. URL consultato il 31 agosto 2016.
  81. ^ Folla di visitatori al Museo Diocesano di Arte Sacra di Calangianus - La Nuova Sardegna, lanuovasardegna.gelocal.it.
  82. ^ Halley Informatica, Comune di Calangianus, su www.comune.calangianus.ot.it. URL consultato il 30 agosto 2016.
  83. ^ “Calangianus oggi & ieri”, nuove storie ricche di fascino - Cronaca - la Nuova Sardegna, lanuovasardegna.gelocal.it, 2 luglio 2013. URL consultato il 30 agosto 2016.
  84. ^ Canale 48 Web Tv, su www.canale48.it. URL consultato il 30 agosto 2016.
  85. ^ Arte del sughero (PDF), amorimcorkitalia.com.
  86. ^ Arte e sughero, ecco i contributi - La Nuova Sardegna, ricerca.gelocal.it. URL consultato il 13 settembre 2016.
  87. ^ Calangianus, "Arte e Sughero", il paese del sughero diventa cantiere anche di opere col prezioso "oro morbido". |, su www.galluranews.org. URL consultato il 13 settembre 2016.
  88. ^ Calangianus - Premio di poesia Gallurese "Caragnani", su www.luigiladu.it. URL consultato il 31 agosto 2016.
  89. ^ Calangianus, un dvd in gallurese con «Il meglio della Cunfaffa» - La Nuova Sardegna, ricerca.gelocal.it. URL consultato il 13 settembre 2016.
  90. ^ CALANGIANUS La, ricerca.gelocal.it. URL consultato il 13 settembre 2016.
  91. ^ Musica alla portata di tutti con la nuova scuola civica - Cronaca - la Nuova Sardegna, lanuovasardegna.gelocal.it, 19 settembre 2013. URL consultato il 31 agosto 2016.
  92. ^ Giornata del Tappo: viaggio tra sughero, musica e tradizioni - Cronaca - la Nuova Sardegna, in la Nuova Sardegna, 22 giugno 2017. URL consultato il 03 luglio 2017.
  93. ^ Ermanno Giua, La Caldana, Gallizzi, 1986, pp. 270.
  94. ^ Ogni suddivisione storica è a Calangianus contrassegnata, nei punti rilevanti, da una targa in bronzo, sulla quale vi è inciso il nome del rione e l'ubicazione nel centro.
  95. ^ SardegnaMappe, su www.sardegnageoportale.it. URL consultato il 20 settembre 2016.
  96. ^ Dlgs 42/04, su www.camera.it. URL consultato il 20 settembre 2016.
  97. ^ Distretto Industriale del sughero di Calangianus - Tempio Pausania | Osservatorio Nazionale dei Distretti Italiani, su www.osservatoriodistretti.org. URL consultato il 20 giugno 2017.
  98. ^ Gianfranco Pulsoni, mappa terremoti limitrofi attuali F17192, su www.portaleabruzzo.com. URL consultato il 1 gennaio 2017.
  99. ^ a b c d e Piano Urbanistico Comunale - Comune di Calangianus, comune.calangianus.ot.it.
  100. ^ Calangianus: i vini Tondini nella guida del Touring - Cronaca - la Nuova Sardegna, in la Nuova Sardegna, 17 agosto 2012. URL consultato il 3 gennaio 2017.
  101. ^ Azienda Agricola Tondini - Vini di Sardegna e Cantine - Le Strade del Vino, su Le Strade del Vino Sardegna. URL consultato il 7 giugno 2016.
  102. ^ L'azienda Salvatore Deidda, una dinastia del sughero - La Nuova Sardegna, in Archivio - La Nuova Sardegna. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  103. ^ Gavino Minutti, Calangianus: le grandi dinastie del sughero.
  104. ^ LE DINASTIE DEL SUGHERO (1), su gavinominutti.blogspot.it. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  105. ^ Sughero (PDF), sanageb.it, 4 dicembre 2016.
  106. ^ Distretto Industriale del sughero di Calangianus - Tempio Pausania | Osservatorio Nazionale dei Distretti Italiani, su www.osservatoriodistretti.org. URL consultato l'8 giugno 2016.
  107. ^ Calangianus rilancia in Portogallo il progetto della fiera del sughero - Cronaca - la Nuova Sardegna, in la Nuova Sardegna, 1° giugno 2013. URL consultato il 21 maggio 2017.
  108. ^ A Calangianus la sede di Retecork Italia - Cronaca - la Nuova Sardegna, su la Nuova Sardegna, 13 novembre 2014. URL consultato il 10 giugno 2016.
  109. ^ Retecork, patto tra 4 comuni - Cronaca - la Nuova Sardegna, su la Nuova Sardegna, 22 novembre 2014. URL consultato il 10 giugno 2016.
  110. ^ Calangianus è, a livello nazionale, il Sistema Locale dell'industria del sughero. (PDF), www3.istat.it.
  111. ^ Lo strano caso della Plastwood, su Sardegna in link. URL consultato il 20 giugno 2017.
  112. ^ Plastwood, il gioco è finito - Regione - la Nuova Sardegna, in la Nuova Sardegna, 16 aprile 2010. URL consultato il 20 giugno 2017.
  113. ^ (IT) Administrator, Fratelli Di Pellegrini, su www.dipellegrini.it. URL consultato il 20 giugno 2017.
  114. ^ Autolinee ARST, itinerari Gallura (PDF), arstspa.info.
  115. ^ ::: Ministero dell'Interno ::: Archivio Storico delle Elezioni, su elezionistorico.interno.it. URL consultato il 14 settembre 2016.
  116. ^ Pietro Zannoni, Dall'Irlanda a Calangianus, in Calangianus, Oggi & Ieri, Anno XVI, nº 25, 2009.
  117. ^ Gemellaggio Calangianus Penglai, su Google+. URL consultato il 7 giugno 2016.
  118. ^ AssociazioneIcfa, gemellaggio Penglai Calangianus, 17 giugno 2013. URL consultato il 7 giugno 2016.
  119. ^ Calangianus, un gemellaggio all'insegna della solidarietà - La Nuova Sardegna, su Archivio - La Nuova Sardegna. URL consultato il 7 giugno 2016.
  120. ^ Calangianus è virtuoso: la differenziata è al 70 - Cronaca - la Nuova Sardegna, lanuovasardegna.gelocal.it, 10 ottobre 2015. URL consultato il 1º settembre 2016.
  121. ^ Le regole per la raccolta dei funghi - Regione - la Nuova Sardegna, lanuovasardegna.gelocal.it, 25 settembre 2011. URL consultato il 1º settembre 2016.
  122. ^ Raccolta funghi, il Consiglio detta le regole - Cronaca - la Nuova Sardegna, lanuovasardegna.gelocal.it, 23 marzo 2013. URL consultato il 1º settembre 2016.
  123. ^ Pietro Zannoni, C'era una volta la Frassati, in Calangianus, Oggi & Ieri, X, nº 19.
  124. ^ Eccellenza Sardegna 2016/2017, figc-sardegna.it.
  125. ^ Seconda Categoria Sardegna, girone N, tuttocampo.it.
  126. ^ Vi è una terza squadra, il Karagnanj 013, che militò nella Terza e Seconda categoria dal 2010 al 2015.
  127. ^ VOLLEY A CALANGIANUS Gli allievi della Shalom campioni d'Italia - La Nuova Sardegna, su Archivio - La Nuova Sardegna. URL consultato il 23 giugno 2016.
  128. ^ Calangianus, quattro pugili sul ring in Svizzera - Sport - la Nuova Sardegna, su la Nuova Sardegna, 14 aprile 2016. URL consultato il 23 giugno 2016.
  129. ^ Tennis, in serie C "colpi" di Margine Rosso e Calangianus - Sport - L'Unione Sarda.it, su L'Unione Sarda.it, 13 marzo 2016. URL consultato il 23 giugno 2016.
  130. ^ Federazione italiana biliardo sportivo, Società sarde di biliardo (PDF), fibis.it.
  131. ^ Calangianus, campi da tennis inidonei per la gara d'esordio - Sport - L'Unione Sarda.it, unionesarda.it, 7 marzo 2016. URL consultato il 15 settembre 2016.
  132. ^ Calangianus, la palestra diventa palazzetto dello sport - Cronaca - L'Unione Sarda.it, unionesarda.it, 27 febbraio 2016. URL consultato il 15 settembre 2016.
  133. ^ Percorso ginnico nell’ex ferrovia di Calangianus, in la Nuova Sardegna, 24 aprile 2014. URL consultato il 13 ottobre 2016.
  134. ^ Tempio Pausania, Rally Terra Sarda 2016, dal 16 al 18 settembre. A Tempio nella seconda giornata. |, su www.galluranews.org. URL consultato il 18 settembre 2016.
  135. ^ Benvenuto alla Scuderia Porto Cervo Racing Team, su www.portocervoracing.it. URL consultato il 18 settembre 2016.
  136. ^ Editoriale Duesse S.p.A., Plast Wood: debutta il Supermag Rally Sardinia, e-duesse.it. URL consultato il 18 settembre 2016.
  137. ^ Biliardo, Salvatore Mannone vince l’Open di Calangianus - Cronaca - la Nuova Sardegna, su la Nuova Sardegna, 9 settembre 2015. URL consultato il 23 giugno 2016.
  138. ^ Calangianus, domani le sfide per i nazionali - Sport - la Nuova Sardegna, su la Nuova Sardegna, 29 aprile 2016. URL consultato il 23 giugno 2016.
  139. ^ Grande box a Calangianus, molte le sfide - La Nuova Sardegna, su Archivio - La Nuova Sardegna. URL consultato il 23 giugno 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Boscolo, Giuseppe Loi Puddu e Mario Pintor, Dizionario della Sardegna, Cagliari, 1955.
  • Egidio Trainito, Viaggio in Gallura, Carlo Delfino, 2009.
  • Ermanno Giua, Caldana, Calangianus, Gallizzi, 1986, pp. 270.
  • Ermanno Giua, L'uomo di Silvamala, Calangianus, Stampacolor, 1989, pp. 216.
  • Francesco Floris (a cura di), Enciclopedia della Sardegna, Sassari, Newton&Compton editore, 2007.
  • Gavino Minutti, Le Grandi Dinastie del Sughero, Calangianus, Gelsomino Editore, 2006-2009, pp. 400.
  • Goffredo Casalis e Vincenzo Angius, Dizionario geografico, storico, statistico, commerciale degli stati di S.M. il re di Sardegna, Torino, G. Maspero, 1833-1856.
  • Letizia Fraschini, In Calangianus, Calangianus, Documenta (Atlante Sardo), 2013.
  • Lidia Decandia e Leonardo Lutzoni, La strada che parla, Calangianus, Franco Angeli, 2016.
  • Manlio Brigaglia, Salvatore Tola (a cura di), Dizionario storico-geografico dei comuni della Sardegna, Sassari, Carlo Delfino editore, 2006, ISBN 88-7138-430-X.
  • Manlio Brigaglia e Franco Fresi, Gallura, gli stazzi, Paolo Sorba, 2016.
  • Marcello Stanzione e Giuseppe Inzaina, Assassinio a Damasco. Chi ha ucciso Padre Tommaso da Calangianus?, Sugarco, 2014, pp. 160.
  • Paolo Mancini, Gallura preistorica, Taphros, 2012.
  • Pietro Zannoni, Calangianus Oggi & Ieri (semestrale), Calangianus, 1995-2016.
  • Pietro Zannoni, Calangianus paese di Gallura: uno dei cento comuni della Piccola Grande Italia, Calangianus, Stampacolor, 1987, pp. 600.
  • Pietro Zannoni, Calangianus: storia di un Paese di Gallura, Calangianus, Pro Loco Calangianus, 1995, pp. 766.
  • Roberto Pracchi e Angela Terrosu Asole, Atlante della Sardegna, Regione autonoma della Sardegna, 1971.
  • Salvatore Pirisinu, Calangianus. Memorie di un'architettura, Calangianus, Edes, 1993, pp. 108.
  • Salvatore Pirisinu, Gallura, Edes, 1991, pp. 132.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna