Monti (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monti
comune
(IT) Monti
(SC) Monte
Monti – Stemma Monti – Bandiera
Monti – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaProvincia di Sassari-Stemma.svg Sassari
Amministrazione
SindacoEmanuele Antonio Mutzu (lista civica) dal 31-5-2015
Territorio
Coordinate40°48′24.92″N 9°19′35.89″E / 40.806921°N 9.326635°E40.806921; 9.326635 (Monti)Coordinate: 40°48′24.92″N 9°19′35.89″E / 40.806921°N 9.326635°E40.806921; 9.326635 (Monti)
Altitudine300 m s.l.m.
Superficie123,82 km²
Abitanti2 414[1] (30-11-2017)
Densità19,5 ab./km²
FrazioniSu Canale, Monti Scalo, Sos Rueddos, Chirialza
Comuni confinantiAlà dei Sardi, Berchidda, Calangianus, Loiri Porto San Paolo, Olbia (isola amministrativa di Berchiddeddu), Telti
Altre informazioni
Cod. postale07020
Prefisso0789
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT090041
Cod. catastaleF667
TargaSS
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona D, 1 486 GG[2]
Nome abitanti(ITSDN) montini
(SC) montinos
Patronosan Gavino
Giorno festivo25 ottobre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Monti
Monti
Monti – Mappa
Posizione del comune di Monti
nella provincia di Sassari
Sito istituzionale

Monti (Monte in sardo[3], Mònti in gallurese) è un comune italiano di 2 414 abitanti[1] della provincia di Sassari in Sardegna. Monti sorge ai margini meridionali della Gallura. Situato alle falde della catena montuosa del Limbara, è circondato da vasti sughereti e vigneti che offrono i rinomati vini tra cui: Vermentino di Gallura DOCG, galana, aghiloia, seleme, funtanaliras, balari. Dal paese è possibile raggiungere facilmente l'altopiano di "S'Ambiddalzu", caratterizzato da un paesaggio fatto di bassi cespugli ed enormi massi granitici erosi dal vento.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Area abitata fin dall'epoca nuragica per la presenza nel territorio di alcuni nuraghi, nel Medioevo appartenne al Giudicato di Torres e fece parte della curatoria di Monte Acuto. Non lontano dall'abitato attuale si trovava il castello detto di Castra, costruito forse dai giudici di Torres o dai Doria, di cui oggi avanzano pochi ruderi.

Dopo la morte di Adelasia di Torres (1259), ultima giudicessa, il borgo passò alla famiglia genovese dei Doria. Successivamente, entrati in guerra contro i pisani, i Doria vennero sconfitti e il castello espugnato nella seconda metà del XIII secolo. Nel corso del 1300 la villa venne conquistata dai Malaspina e, successivamente, dai Giudici d'Arborea. Alla caduta del giudicato (circa 1420) passò sotto il dominio aragonese. Il Re d'Aragona Alfonso V il Magnanimo la cedette, in qualità di feudo, a Pietro Defenu. Più tardi formò una baronia, concessa in feudo ai Farina. Estinta la famiglia dei Farina, nel XVII secolo tornò alla corona diventando un feudo regio.

Il paese fu riscattato nel 1839 con la soppressione del sistema feudale.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

All'interno del territorio è presente la foresta di Monte Olia, patrimonio della regione Sardegna dai primi anni del XX secolo. È popolato da cervi, cinghiali, mufloni, capre selvatiche, astori, falchi e talvolta si avvista anche la poiana sarda ("s'untulzu"). Meta di numerosi visitatori grazie anche alla percorribilità delle stradine presenti al suo interno, è possibile ammirare le due piscine naturali di S'Elighe e Su Labioleddu.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Lingua e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

La variante del sardo parlata a Monti è quella logudorese settentrionale.

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 86 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Su Canale, (in gallurese Lu Canali), è il secondo agglomerato urbano più popoloso dell'intero territorio comunale con più di 600 abitanti, si trova all'ingresso della vallata del comune di Monti, da cui dista 9 km, lungo la nuova strada tra Sassari e Olbia (strada statale 729). L'economia del paese è basata sull'agricoltura, più precisamente sulla viticoltura e l'apicoltura. La frazione è suddivisa in varie borgate: "La Palazzina" (centro), "Frades Berritteddos", "Frades Tilignas", "La Piana" (quest'ultima in parte nei territori comunali di Telti e Loiri Porto San Paolo).
  • Sos Rueddos, piccolo borgo a pochi km dal santuario di San Paolo, lungo la strada statale 389, in direzione Alà dei Sardi.
  • Chirialza, a 2 km da Su Canale e 7 km da Monti, sorge tra i boschi di sughereti, caratteristica del territorio gallurese, che costituiscono il confine tra Gallura e Logudoro, attraversata dalla ferrovia che collega Cagliari con Golfo Aranci.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Monti è collegata al territorio circostante dalla SS 389 e dalla SP 147; quest'ultima permette inoltre il collegamento con la vicina SS 597

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ferrovia Cagliari-Golfo Aranci, Ferrovia Monti-Tempio, Stazione di Monti-Telti e Stazione di Su Canale.
La stazione ferroviaria di Monti-Telti

Il territorio comunale è servito da due scali ferroviari, entrambi costruiti lungo la ferrovia Cagliari-Golfo Aranci e serviti da Trenitalia: il principale è la stazione di Monti-Telti, attiva dal 1880, dove sorgeva inoltre il capolinea di una seconda ferrovia per Tempio Pausania, chiusa nel 1958. L'altro scalo attivo nel comune è la fermata di Su Canale, nell'omonima frazione.

Una terza stazione attiva in passato nel territorio comunale lungo la Cagliari-Golfo Aranci era quella di Chirialza, nei pressi di questa località, poi dismessa; inoltre dinanzi allo scalo di Monti-Telti fu attiva per un periodo la stazione di Monti delle Strade Ferrate Secondarie della Sardegna, poi destinata ad altre finalità di servizio dopo che venne deciso l'utilizzo condiviso dell'impianto di Monti-Telti anche per la dismessa linea verso il Limbara.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 aprile 1995 16 aprile 2000 Salvatore Murgia liste civiche di centro-destra Sindaco [5]
16 aprile 2000 8 maggio 2005 Salvatore Murgia lista civica Sindaco [6]
8 maggio 2005 30 maggio 2010 Maria Giovanna Raspitzu lista civica Sindaco [7]
30 maggio 2010 31 maggio 2015 Antonio Emanuele Mutzu lista civica "Insieme per Monti" Sindaco [8]
31 maggio 2015 - Emanuele Antonio Mutzu lista civica "Insieme per Monti" Sindaco [9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 425.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Comunali 23/04/1995, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  6. ^ Comunali 16/04/2000, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  7. ^ Comunali 08/05/2005, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  8. ^ Comunali 30/05/2010, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.
  9. ^ Comunali 31/05/2015, Ministero dell'interno. URL consultato il 16 agosto 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sardegna Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna